La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Apprendimento cooperativo e abilità di studio Dott.ssa Federica Brembati Dott.ssa Roberta Donini Studio Abilmente – Cassano dAdda www.studioabilmente.com.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Apprendimento cooperativo e abilità di studio Dott.ssa Federica Brembati Dott.ssa Roberta Donini Studio Abilmente – Cassano dAdda www.studioabilmente.com."— Transcript della presentazione:

1 Apprendimento cooperativo e abilità di studio Dott.ssa Federica Brembati Dott.ssa Roberta Donini Studio Abilmente – Cassano dAdda

2 Cè uno spettro che si aggira per la scuola però è uno spettro buono: si chiama metodo di studio. E buono con il genitore, così si tranquillizza: suo figlio non è poco intelligente, semplicemente gli manca il metodo; cè sempre la speranza che prima o poi lo impari. E buono con gli insegnanti perché scarica sullo studente tutta la responsabilità dellinsuccesso scolastico. E buono con lo studente: lui studia e si impegna, ma non ha metodo.

3 Però si dovrebbe fare un passo ulteriore e chiedersi: perché non ha metodo? Non è lecito rispondere che non ce lha perchè non riesce a impararlo, si cadrebbe in una tautologia evidente. Non ce lha perché nessuno glielo ha insegnato. E come si fa a insegnare un metodo di studio?

4

5 Metodo o abilità di studio??? Questo è il problema

6 Linsegnamento di un metodo di studio presenta 3 problemi: 1. Scarsa propensione dei ragazzi ad utilizzare un metodo di studio che pure hanno appreso 2. Il peso aggiuntivo che talvolta comporta il far riferimento ad un metodo di studio 3. Il pericolo delleccessiva rigidità che un metodo organizzato necessariamente comporta

7 Lapprendimento cooperativo permette di raggiungere i seguenti risultati Gli studenti ottengono migliori risultati Si instaurano relazioni più positive tra gli alunni Si crea un miggior benessere psicologico.

8 Cosè lapprendimento cooperativo? Lapprendimento cooperativo è un metodo didattico che utilizza piccoli gruppi in cui gli studenti lavorano insieme per migliorare reciprocamente il loro apprendimento. una volta conseguito uno scopo non è più possibile attribuire a una persona soltanto quanto è stato realizzatoLa caratteristica principale è linterdipendenza positiva che si crea tra i membri del gruppo: una volta conseguito uno scopo non è più possibile attribuire a una persona soltanto quanto è stato realizzato

9 Interdipendenza: di obiettivo di materiali di valutazione di ricompensa di compito di ruolo Promuovere lo sviluppo delle abilità sociali Valutazione individuale e di gruppo

10 IL RUOLO DELLINSEGNANTE NELLAPPRENDIMENTO COOPERATIVO 1) PRENDERE DECISIONI PRELIMINARI definire gli obiettivi in termini didattici e di abilità sociali decidere dimensioni e composizioni dei gruppi assegnare i ruoli sistemare laula organizzare i materiali 2) SPIEGARE IL COMPITO E LAPPROCCIO COOPERATIVO Spiegare il compito, gli obiettivi della lezione e le procedure che devono seguire Spiegare i criteri e le modalità di valutazione Strutturare la cooperazione di intergruppo Promuovere linterdipendenza positiva e la responsabilità individuale

11 3) MONITORARE E INTERVENIRE Monitorare il comportamento degli studenti Intervenire per migliorare il lavoro del gruppo e sul compito 4) VERIFICARE E VALUTARE Valutare lapprendimento degli studenti Valutare il funzionamento del gruppo

12 Apprendimento cooperativo: scheda di progettazione Attività___________________________________________________ Classe/gruppo_____________________________________________ Composizione gruppi N° componenti_____________________________________________ Criteri e modalità di formazione dei gruppi_______________________ ______________________________________________________ ______________________________________________________ Ruoli Tipi di ruoli assegnati_______________________________________ ______________________________________________________ Si creano responsabilità individuali e interdipendenza positiva?______ ________________________________________________________

13 Descrizione materiali forniti_________________________________________ _______________________________________________________________ Descrizione attività Tempi__________________________________________________________ Consegna_______________________________________________________ _______________________________________________________________ Confronto intergruppi______________________________________________ _______________________________________________________________ Valutazione di gruppo____________________________________________ _______________________________________________________________ Valutazione individuale____________________________________________ _______________________________________________________________

14 Cosa non è lapprendimento cooperativo…..

15

16

17

18 Attività: analisi del diario e anticipazione dei tempi e delle difficoltà Numero dei componenti: 2 Compito: analisi del diario e dei compiti per il giorno successivo, compilare una tabella con ipotesi di tempi per lo svolgimento di ogni esercizio e di livello di difficoltà La mattina successiva revisione e correzione ipotesi

19 MateriaTempo ipotizzato Difficoltà ipotizzata 1-5 Tempo reale Difficoltà reale

20 Attività: prima analisi dei contenuti da studiare Numero di componenti: 2 Ruoli: A- legge una parte della lezione B- ripete Intergruppo: i gruppi hanno lavorato su parti diverse della lezione se la ripetono reciprocamente Valutazione di gruppo: tutti devono saper rispondere su entrambe le parti

21 Attività: preparazione delle verifiche Numero componenti: 3 Compito: formulare 5 domande relative allargomento studiato Intergruppo: scambio delle domande e formulazione delle risposte

22 Attività: ripassone Numero dei componenti: 3 Compito: ognuno individua almeno un concetto importante dellunità didattica Confronto di intergruppo: confronto e stesura di 10 punti essenziali

23 Attività: ripasso veloce prima della verifica Numero componenti: 3 Ruoli (a turnazione): A- legge la domanda B- risponde C- controlla e integra Materiali: u foglio con le domande

24 Attività: imparare a rispondere a domande aperte Numero di componenti: 3 Compito: - fase ideativa: caratteristiche delle risposte da 3 punti - analisi di una verifica con attribuzione dei punteggi e correzione delle risposte che non prendono 3 punti Interguppo: confronto e integrazione

25 Attività: controllo e integrazione degli appunti

26 Attività: recupero delle verifiche Compito: analisi delle verifiche andate male con proposta di unattività di tutoring per il recupero

27 TUTORING Gestione della didattica attraverso linsegnamento reciproco fra gli alunni Gli alunni come insegnanti per gli altri alunni

28 VANTAGGI DEL TUTORING PER LALUNNO ASSISTITO Maggiore opportunità di ripetere gli argomenti Maggiori opportunità di esercizio, sperimentazione, verifica e applicazione pratica Maggiore opportunità di agire autonomamente Migliore investimento del tempo.

29 I VANTAGGI DEL TUTORING PER LALUNNO TUTOR Acquisizione di sicurezza e autostima Atteggiamento positivo verso la scuola Relazioni positive e appropriate fra i membri della classe Presa di coscienza delle proprie conoscenze Generalizzazione dellapprendimento.

30


Scaricare ppt "Apprendimento cooperativo e abilità di studio Dott.ssa Federica Brembati Dott.ssa Roberta Donini Studio Abilmente – Cassano dAdda www.studioabilmente.com."

Presentazioni simili


Annunci Google