La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

From: Web 2.0 : Driver for the Internet 20 Months taken to achieve 20 Million UVs 25 36 60.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "From: Web 2.0 : Driver for the Internet 20 Months taken to achieve 20 Million UVs 25 36 60."— Transcript della presentazione:

1 From:

2 Web 2.0 : Driver for the Internet 20 Months taken to achieve 20 Million UVs

3 Web 2.0 Termine coniato da Tim O'Reilly nel 2004 per definire una serie di fenomeni che denotano una trasformazione del WW, a livello tecnologico (feed RSS, Ajax, openApi, WebServices … ) e sociale (Blog, Wiki … ) Web 2.0 refers to a perceived second generation of web-based communities and hosted services such as social-networking sites, wikis, and folksonomies which aim to facilitate creativity, collaboration, and sharing between users. Fonte: / /

4 Web 2.0:levoluzione Web 1.0 ( ) Pagine HTML viste attraverso un browser Web 2.0 (2003- beyond) Pagine web e altri contenuti condivisi attraverso diverse applicazioni ReadModalitàWrite & Contribute PageUnità primaria dei contenuti Multimedia Post / record staticStatodynamic Web browserVisto attraverso… Browsers, RSS Readers, anything Client ServerArchitetturaWeb Services Web CodersContenuti creati da.. Everyone geeksDominio di…mass amatuerization

5 Web 2.0 Web sociale Modo in cui le persone socializzano ed interagiscono attraverso la rete Internet, condividendo assieme gli stessi gusti ed interessi. Service-Oriented Architecture (SOA) Architettura software atta a supportare l'uso di servizi Web per garantire l'interoperabilità tra diversi sistemi così da consentire l'utilizzo delle singole applicazioni come com ponenti del processo di business e soddisfare le richieste degli utenti in modo integrato e trasparente. Rich Internet Application (RIA) Le RIA si caratterizzano per la dimensione interattiva e per la velocità d'esecuzione. Infatti la parte dell'applicazione che elabora i dati è trasferita a livello client e fornisce una pronta risposta all'interfaccia utente, mentre la gran parte dei dati e dell'applicazione rimane sul server remoto, con notevole alleggerimento per il computer utente.

6 Web 1.0 Web 2.0 ( Web 3.0?)

7 Comunicare online: strumenti On- and Below- the Web

8 Mass vs. Personal Media Mass MediaPersonal Media I mass media si indirizzano a pubblici vasti, eterogenei e anonimi, presentando dunque messaggi standardizzati per fare presa sul minimo comune denominatore I messaggi si indirizzano a una varietà di pubblici, ciascuno desideroso di vedere soddisfatte le proprie esigenze specifiche I messaggi sono trasmessi pubblicamente, collocati nel tempo per raggiungere un grande numero di persone e non permangono I messaggi sono pubblicati in un ambiente accessibile a chi è dotato di particolari tecnologie e competenze e sono disponibili 24 ore su 24 in maniera permanente Il comunicatore (la fonte) opera allinterno di unorganizzazione complessa e costosa I ruoli di fonte e ricevente si possono facilmente rovesciare

9 Media mix

10 Online TV Stampa …. Awareness Call to action Direct mail Elevata Copertura One to One

11 Quali strumenti? Above e below the web: 1.Il sito web 2.Pubblicità (banner advertising) 3.Digital couponing 4.Programmi di affiliazione 5.Motori di ricerca 6. marketing, publishing 7.Il viral marketing 8.Database

12 Il sito web

13 Livelli di presenza su web TypeDescriptionGoalToolsFocusExample Passiv e BrochurewareWeb version of the company brochure InformationText and Images Homepage Passiv e StorefrontAdd sales capability to the website. Process the sales Shopping cart The website as a set of pages, elements, and services Active Pro-Active Web Strategy A strategy to acquire and manage customers. Acquire customers SEO, PPC, CRM Landing page

14 I bisogni informativi I contenuti e i servizi di un sito, per essere efficaci e usabili, devono rispondere ai bisogni informativi degli utenti potenziali (piuttosto che rispecchiare le esigenze di catalogazione dellemittente) Un sito organizzato male (non usabile) è un sito che perde clienti e soldi.

15 Context Sites layout and design Context Sites layout and design Commerce Sites capabilities to enable commercial transactions Commerce Sites capabilities to enable commercial transactions Connection Degree site is linked to other sites Connection Degree site is linked to other sites Customization Sites ability to self-tailor to different users or to allow users to personalize the site Customization Sites ability to self-tailor to different users or to allow users to personalize the site Community The ways sites enable user-to-user communication Community The ways sites enable user-to-user communication Content Text, pictures, sound and video that webpages contain Content Text, pictures, sound and video that webpages contain Communication The ways sites enable site-to-user communication or two-way communication Communication The ways sites enable site-to-user communication or two-way communication The 7Cs of the Customer Interface

16 Fit and Reinforcement of 7Cs Context Content Community Customization Communication Connection Commerce Business Model Consistent Reinforcement Individually Supporting Fit

17 Alcuni errori da evitare Riproposizione di contenuti realizzati per altri media Pensare che bastino i contenuti Ignorare il marketing Assumere che lutente sia attivo

18 SITO WEB IN HOME HOUSING HOSTING

19 La promozione dellurl In quanto canale pull, il web richiede una continua promozione. Le azioni possibili sono: Diffusione dellurl su tutto il materiale stampato Creazione di una newsletter per informare delle novità del sito Corretta indicizzazione sui motori di ricerca Ecc. Gli strumenti che di internet marketing che vedremo potranno essere usati per questo.

20 Quali strumenti? Above e below the web: 1.Il sito web 2.Pubblicità (banner advertising) 3.Digital couponing 4.Programmi di affiliazione 5.Motori di ricerca 6. marketing, publishing 7.Il viral marketing 8.Database

21 I motori di ricerca Comunicare online: strumenti On- and Below- the Web

22 Perché i motori di ricerca sono importanti La ricerca di informazioni è la prima attività su web Il loro uso è la prima strada per la ricerca di un sito web Laudience generata da un motore per interesse e salienza è particolarmente qualificata Offrono molteplici strumenti di mkt

23 Perché sono importanti Oltre l80% degli utenti trova i siti che sta cercando attraverso i motori di ricerca (Forrester Research and Georgia Tech's GVU Center User Surveys) Ogni giorno, il 57% degli utenti effettua ricerche su web, facendo della ricerca la seconda attività più popolare su Internet (Statistical Research, Inc.) Il 55% delle transazioni di e-commerce sono originate dai motori (Booz-Allen Hamilton

24 Search Engine e Directory Search EngineDirectory Cosa si indicizza Singole pagineHome page, siti Come si indicizza Vengono analizzati i contenuti della pagina Ogni sito è assegnato a una categoria Chi indicizza Programma automatico (spider) Surfer umani Come si ricerca Per parola chiavePer parola chiave o sfogliano le categorie Esempi Altavista, Iol/AriannaYahoo!, Virgilio

25 Major Search Engines (1/2) What Search Engines Are the Most Popular? Figures below show what percentage of US internet users accessed the corresponding sites at least once during a given month. Counts only search-specific visits. (Nielsen//NetRatings – June 2004)Nielsen//NetRatings 1.Google – 41.6% 2.Yahoo – 31.5% 3.MSN – 27.4% 4.AOL – 13.6% 5.Ask Jeeves – 7.0% Ephricon Web Marketing

26 Anatomy of a Search Engine Search box Sponsored Listings aka PPC Organic Results aka SERPs Ephricon Web Marketing

27 What a Search Engine Sees View > Source (HTML code) w.html (HTML text, no images and little formatting) w.html Ephricon Web Marketing

28 Dove registrare Considerare che molti utenti italiani usano le versioni internazionali dei motori Considerare che è importante raggiungere non solo i siti più visitati, ma quelli in cui la funzione di ricerca è più usata Considerare che è importante figurare nei db dei fornitori di tecnologie per diversi siti (come Inktomi o Fast)

29 I principali motori/database Search EngineDirectory Arianna/IolVirgilio GoogleYahoo! (.it e.com hanno db diversi) AltavistaLooksmart Inktomi (usare MSN) Odp (www.dmoz.com) Fast (usare ) (About.com, per la lingua inglese) Janas (Tiscali) Godado, Excite

30 La registrazione Per comparire nei motori di ricerca è necessario un lavoro di registrazione (detta submission) La registrazione inizia SOLO dopo che il sito è perfettamente funzionante Per registrare è necessario andare alla speciale pagina proponi sito o add url presente su tutti i motori

31 Le parole chiave Per ottimizzare la registrazione e ottenere i risultati migliori, è necessario definire con precisione le parole chiave più rilevanti per la ricerca del sito Cercare di capire quali parole potrebbero utilizzare gli utenti potenziali per trovare i servizi/informazioni che offriamo

32 Problematiche linguistiche Tenere presente che Meglio rinunciare e termini troppo generali (pubblicità, sport, ecc.); in questo caso associare alla parola almeno un attributo (Es. pubblicità sociale, sport acquatici) Includere i sinonimi (anche in altre lingue se il sito è internazionale) Includere anche le varianti grafiche (come i plurali)

33 Come usare le keyword Nel processo di registrazione (solo le 5-7 più significative) Nelle pagine web per migliorarne lindicizzazione (nel codice esistono speciali tag per contenerle) Nellacquisto di pubblicità sui motori di ricerca

34 Monitorare il posizionamento Eventualmente ricorrendo anche a servizi appositi è necessario monitorare periodicamente il posizionamento delle proprie pagine o siti sui principali motori di ricerca In molti casi è possibile comunicare delle variazioni nelle caratteristiche dei siti/pagine registrate. Per questo è necessario conservare traccia di tutte le operazioni di indicizzazione compiute.

35 Pubblicità e banner advertising

36 La pubblicità on-line La pubblicità on-line si effettua acquistando appositi spazi su siti altrui Questi spazi prendono tipicamente la forma del banner (468x60 pixel), un elemento grafico associato a un link a un altro sito Possono essere pagati sia per tempo di permanenza (sponsorizzazioni) che per visualizzazioni (impression) o per il raggiungimento di determinati risultati

37 Obiettivi del banner Un banner può avere tre obiettivi 1.Branding: diffondere la conoscenza/consapevolezza di un marchio 2.Click-Through: generare traffico a un sito 3.Creazione di lead: generazione di informazioni (come indirizzi ) come conseguenza di operazioni che gli utenti possono compiere sul banner (es. inserire il proprio indirizzo)

38 Varianti del banner Banner multimediali (con suoni e video incorporati) e interattivi (che consentono speciali operazioni) Pop-up: messaggi collocati in finestre che si aprono insieme alla pagina web principale Interstitial: un messaggio che si visualizza per alcuni secondi prima di lasciare accedere lutente alla pagina che ha richiesto Superstitial: un banner o bottone che si sovrappone alla pagina che si sta visitando

39 Il marketing virale

40 Di cosa si tratta Pare che il termine sia stato usato nel 1997 su una newsletter di Netscape per spiegare il successo di Hotmail. Lanno precedente Hotmail aveva aggiunto il PS: Get your free account at Fu definito come network-enhanced word of mouth.

41 Perché un messaggio diventa virale 1.Elevato valore del servizio/prodotto da spingere a farne condividere lesperienza 2.Il valore del prodotto/servizio aumenta tanto più altre persone lo usano 3.La diffusione del messaggio porta un riconoscimento sociale da parte di chi lo trasmette 4.La diffusione del messaggio porta un vantaggio economico al mittente o destinatario

42 Tre tipi di viral marketing I messaggi vengono diffusi semplicemente perché lutente fa uso del servizio o il servizio coincide con il messaggio (es. Hotmail o cartoline dauguri on line) Lutente si fa promotore attivo del messaggio perché vuole condividere un servizio/esperienza con altri (es. ICQ) Lutente comunica i messaggi dietro a un incentivo economico (per se o per gli altri)

43 Esempi illuminanti di viral marketing french military victories

44 Web 2.0: le tecnologie

45 Parola chiave: interoperabilità XML È un linguaggio di marcatura estensibile e flessibile Permette di definire la sintassi di linguaggi derivati Tra i figli di XML faremo (rapida) conoscenza di RSS, OPML Luca Ruggero Milano Max Rossi Roma

46 Ajax AJAX: acronimo di Asynchronous JavaScript and XML, un uso combinato di diverse tecnologie per rendere le pagine web più interattive.

47 ... e i suoi fratelli AJAX è un tassello importante per far dialogare le diverse applicazioni tra di loro e ridurre labisso tra le pagine web e i programmi stand-alone [Google Search Demo]Google Search Demo [Google Docs]Google Docs Ma non è certo lunico. Altre tecnologie importanti sono JSON e FLEX, basato su Adobe Flash [ViaggiaTreno]ViaggiaTreno

48 Open API Un API è un modo per interagire con unapplicazione. Quando è liberamente disponibile, magari tramite un protocollo Web si dice Open. Spesso le OpenApi sono disponibili come WebServices, con architetture REST o SOAP [ LibraryThings ]LibraryThings [ SBN ]SBN

49 RSS: le nuove newsletter

50 RSS RSS definisce una struttura adatta a contenere un insieme di notizie Ciascuna notizia sarà composta da vari campi (nome autore, titolo, testo, riassunto,...). Quando si pubblicano delle notizie in formato RSS, la struttura viene aggiornata con i nuovi dati Qualunque lettore RSS potrà presentare in una maniera omogenea notizie provenienti dalle fonti più diverse.

51 Mash-up Creare nuovi dati o applicazioni attraverso la combinazione di dati e/o applicazioni preesistenti

52 La tecnologia non è tutto, anzi Web 2.0 = aspetto tecnologico + social network e cooperazione. Blog | RSS [http://bonariabiancu.wordpress.com/]http://bonariabiancu.wordpress.com/ Wiki [en.wikipedia.org]en.wikipedia.org Folksonomy & Social Tagging [http://del.icio.us/ | | ]http://del.icio.us/ Photos, Video and Video sharing [ | | ]http://www.flickr.com Social Network [http://www.myspace.com | ]http://www.myspace.com Social Cataloguing [http://www.anobii.com | ]http://www.anobii.com

53 Social networking Flickr shows me photos from my network My contacts tags are available to me

54

55 Social network Una rete sociale (o social network) è un qualsiasi gruppo di persone connesse tra loro da diversi legami sociali, che vanno dalla conoscenza casuale, ai rapporti di lavoro, ai vincoli familiari. In Rete esistono molte applicazioni che catalizzano questo tipo di aggregazioni, definite anchesse social network

56 Social network 1% degli utenti sono autori attivi, 9% degli utenti sono autori occasionali, 90% degli utenti sono lettori. Il numero di Dunbar è un valore, approssimato intorno a 150, che definisce il numero massimo di persone con cui un singolo è in grado di mantenere una attiva relazione sociale.

57 Social network Autorevolezza Autorevolezza per esempio il consenso su di un proprio contenuto prodotto e immesso nel network che la comunità ha apprezzato. Visibilità Visibilità la partecipazione ad un network aumenta notevolmente la possibilità che persone con interessi e competenze comuni finiscano sulla tua pagina o su un tuo contenuto. Incontri Incontri la possibilità di fare nuove conoscenze. Condivisione Condivisione di conoscenza rendere pubbliche le proprie conoscenze (open culture). Produzione Produzione di conoscenza il seguire la rete di legami tra persone e informazioni facilita la possibilità di trovare nuove conoscenze e idee utili. Raggiungibilità Raggiungibilità facilità di essere individuati con l'incrocio dei dati, delle informazioni e attraverso l'esplicitazione dei sei gradi di separazione. [ Elementi Teorici per la Progettazione dei Social Network ]Elementi Teorici per la Progettazione dei Social Network

58 Effetti network Tante più persone utilizzano una certa applicazione, tanto migliore questa applicazione diventa Più consigli (recommendation) = migliori consigli Più collaboratori di Wikipedia = meno errori Più persone chetaggano siti web = miglior uso delle folksonomies

59 Del.icio.us is e le Folksonomie Tags: Descriptive words applied by users to links. Tags are searchable My Tags: Words Ive used to describe links in a way that makes sense to me

60 Folksonomies Categorizzazione collaborativa di informazioni mediante l'utilizzo di parole chiave (o tag) scelte liberamente. Il termine è formato dallunione di due parole, folk e tassonomia; una folksonomia è, pertanto, una tassonomia creata da chi la usa.

61 Folksonomies Schemi piatti, non gerarchici Mancanza di precisione Basso livello di trovabilità Libertarie e non restrittive Bottom-up, non imposte Sistema altamente inclusivo Serendipity Sistema economico

62 Geo-applicazioni

63 La lunga coda The long tail, ovvero presi complessivamente i (tanti) mercati nicchia possono essere più remunerativi di (pochi) grandi business. [The Long Tail by Chris Anderson]The Long Tail by Chris Anderson

64 Blogging

65 Blogosfera Calco dell'inglese blogosphere o che indica l'insieme dei blog. I blog sono fortemente interconnessi: i bloggers leggono blog altrui, li linkano e li citano nei propri post (messaggi). I blog hanno sviluppato una propria cultura. (notare una certa assonanza con il termine biosfera) Il termine inglese blogosphere è stato coniato il 10 settembre 1999 da Brad L. Graham, in quello che era uno scherzo. È stato poi "riscoperto" nel 2001 da William Quick William Quick

66 Wikipedia

67 Wiki Un wiki è un sito web (o comunque una collezione di documenti ipertestuali) che può essere modificato dai suoi utilizzatori e i cui contenuti sono sviluppati in collaborazione da tutti coloro che ne hanno accesso [ Wikipedia ]Wikipedia Wiki deriva da un termine in lingua hawaiiana che significa "rapido" oppure "molto veloce". La modifica dei contenuti è aperta e libera lo scopo è quello di condividere,scambiare, immagazzinare e ottimizzare la conoscenza in modo collaborativo

68 Wiki Nei wiki tradizionali, ci sono tre rappresentazioni per ogni pagina: il codice HTML, la pagina che risulta dalla visione di quel codice con un browser web e il codice sorgente modificabile dagli utenti, dal quale il server produce l'HTML. Quest'ultimo formato, noto come "wikitext", è scritto in un linguaggio di markup semplificato il cui stile e la cui sintassi variano tra le implementazioni.


Scaricare ppt "From: Web 2.0 : Driver for the Internet 20 Months taken to achieve 20 Million UVs 25 36 60."

Presentazioni simili


Annunci Google