La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROGETTI a.s. 2010-2011 S C U O L A P R I M A R I A D I G A N D I N O.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROGETTI a.s. 2010-2011 S C U O L A P R I M A R I A D I G A N D I N O."— Transcript della presentazione:

1 PROGETTI a.s S C U O L A P R I M A R I A D I G A N D I N O

2 PROGETTI Progetto accoglienza: Mi muovo sto bene Giornate interdisciplinari: Io non vinco tu non perdi Lo sport in classe e… a scuola Filo diretto con il Perù Frutta a scuola Raccolta ecologica e solidale In biblioteca… Piedibus… Celebrazioni 150 anni dellUnità dItalia

3 MI MUOVO STO BENE Obiettivi per tutte le classi: Rispettare le bellezze naturali. Esplorare gli elementi tipici di un ambiente naturale ed umano, inteso come sistema ecologico. Mantenere comportamenti corretti in qualità di: - pedone e/o ciclista - passeggero su veicoli privati o pubblici. Attivare comportamenti di prevenzione adeguati ai fini della salute nel suo complesso. Tempi: prima settimana di scuola. Completamento del progetto nella settimana successiva.

4 Una PASSEGGIATA particolare (preferibilmente compiuta durante lestate): ogni alunno pensa a una delle sue passeggiate, poi: racconta oralmente e/o disegna e/o scrive un testo Letture: : La lepre e la tartaruga - 4-5: letture tratte dai libri di Petrosino Camminatori deccezione: 5^ : incontro con maestra Federica: il cammino di Santiago Passeggiate in bicicletta: incontro con ciclisti: Guerini Canto: Sono un pedone felice come un re Poesie: : Il vigile urbano di Rodari Una vacanza meravigliosa Una passeggiata si può fare in montagna, sulla spiaggia, in città, ma quali differenze? Soprattutto in città è necessario prestare molta attenzione: EDUCAZIONE STRADALE. Siamo tutti pedoni: regole del pedone. Per i più grandi anche a spasso in bicicletta: regole del ciclista Relazione fra camminare e salute Giochi al pc Passeggiata sul sentiero: - 1-2: sul sentiero di Cazzano esperienza sensoriale nel bosco : San Lorenzo Madonna dErbia: preparazione zaino, segnalazione sentiero, flora, lettura paesaggio, comportamento. Intervento del vigile a scuola -Disegno delle strisce: dalla scuola alla mensa

5 Una passeggiata speciale in montagna, al mare o in città

6 20 settembre 2010: USCITA SUL TERRITORIO LUNGO IL SENTIERO GANDINERBIA PREVISTA NELLAMBITO DEL PROGETTO ACCOGLIENZA MI MUOVO…STO BENE! Classi terze, quarte, quinte Scuola Primaria Gandino In collaborazione con il CAI di Gazzaniga, Commissione di Alpinismo Giovanile, le classi 3^,4^ e 5^ hanno svolto unescursione lungo il sentiero che da Barzizza, località S. Lorenzo giunge alla Madonna dErbia di Casnigo. Il sentiero era tracciato, ma non segnalato, pertanto gli alunni hanno denominato lo stesso GandinErbia e hanno proceduto al posizionamento dei segnali CAI previsti.

7 Fasi salienti della giornata Raccolta di tutti i bambini nel cortile della scuola e prima conoscenza con gli accompagnatori, che hanno individuato brevemente le norme essenziali di sicurezza per percorrere un sentiero montano. Raggiungimento della piazza di Barzizza, con laccompagnamento di un Agente di polizia Locale,e posizionamento del primo cartello di segnalazione

8 Suddivisione degli alunni in classi, ognuna seguita da alcuni accompagnatori, per lo svolgimento di specifiche attività: Classi terze: individuazione e riconoscimento di alcune specie di alberi nella prima parte del sentiero e poi lungo tutto lo stesso ed etichettatura tramite cartellini.

9 Classi quarte: percorrenza del sentiero con alcune osservazioni relative alla geo-morfologia e sosta in punto panoramico per effettuare la lettura del paesaggio seguendo una traccia predefinita relativa a colori, forme, predominanze… Classi quinte: indicazione del sentiero con la vernice, utilizzando le mascherine dei segnali CAI, secondo i criteri funzionali richiesti dalla pratica convenzionale; posizionamento dei due cartelli indicanti linizio e la fine del sentiero

10 I bambini si sono dimostrati attivi e partecipi durante le attività proposte, dimostrando di aver acquisito alcune delle nozioni sperimentate. Il gruppo degli accompagnatori si è rivelato competente e accattivante nelle modalità di conduzione dei gruppi, oltre che molto disponibile verso tutti gli alunni.

11 IO NON VINCO TU NON PERDI Lincontro – lo scontro 7 e 8 aprile 2011 OBIETTIVI Affrontare e superare il conflitto. Comprendere che i conflitti e i litigi possono diventare occasione di crescita e di apprendimento attraverso la normale dialettica fra i miei bisogni e quelli degli altri. Favorire il rispetto dellaltro cercando, ad esempio, loccasione giusta per esplicitare il proprio punto di vista, sapendo esprimere le proprie opinioni, dialogando con la propria vulcanica parte emotiva. Educare al confronto. Temi: IL CONFLITTO FRA COETANEI IL CONFLITTO NELLO SPORT IL CONFLITTO FRA CULTURE DIVERSE DAL CONFLITTO ALLA GUERRA

12 ATTIVITÀ Ogni team docente ha progettato attività adatte alle proprie classi. Tutti gli alunni sono stati coinvolti nella costruzione di bandiere della pace, esposte presso la sala civica in occasione della manifestazione del 25 Aprile. INNO GIORNATE: Il bullo citrullo LETTURA DI STORIE A TEMA DELL ATTRICE

13 LE BANDIERE DELLA …

14

15 La pace è sorridere darsi la mano e in fondo vedere, nel cielo sereno, i sette colori dellarcobaleno

16 CELEBRAZIONI 150 ANNI DELLUNITÀ DITALIA Alzabandiera con le autorità Canto dellinno da parte degli alunni Piedibus tricolore Incontro con il filosofo Tiziano Colombi sul patriota Daniele Piccinini: classi quinte Gandino – Cazzano S.A e Scuola Secondaria di Primo Grado Partecipazione alle manifestazioni civili del 17 marzo: classi terze

17

18

19 FILO DIRETTO CON IL PERÙ Raccolta natalizia di viveri Raccolta di viveri nel periodo quaresimale Conoscenza del Perù attraverso testimonianze dirette

20 Da parecchi anni la scuola aderisce al progetto di solidarietà a favore delle popolazioni peruviane: iniziativa natalizia con raccolta viveri/vendita di piccoli oggetti tenuta dal signor Bonandrini Natale. A giugno 2009, i bambini hanno incontrato il missionario Capponi Abele, che opera da 20 anni in Perù. In seguito a questa esperienza, le docenti hanno deciso di potenziare il progetto di solidarietà con unulteriore raccolta. Gli alunni conoscono la situazione della popolazione peruviana grazie a diapositive e/o testimonianze dirette di volontari del Mato Grosso.

21 PIEDIBUS Il Piedibus è il più nuovo, sicuro, divertente e salutare modo per andare a scuola. I bambini vanno a scuola in gruppo seguendo un percorso stabilito e raccogliendo passeggeri alle fermate del Piedibus predisposte lungo il cammino. Volontari adulti sorvegliano e accompagnano il Piedibus. Lungo il percorso i bambini possono chiacchierare con i loro amici, apprendere utili abilità nella sicurezza stradale e guadagnare un po di indipendenza.

22 Camminiamo insieme

23 LO SPORT IN CLASSE E…A SCUOLA Lo sport in classe Nuoto Meeting di ciclismo

24 Nuoto Destinatari: 1^ - 2^ - 3^ Tempi: 10 lezioni Obiettivo fondamentale: Acquisizione di semplici abilità acquatiche, al fine di migliorare la coordinazione. Metodologia: Approccio ludico.

25 Lo sport in classe Destinatari: tutte le classi Tempi: 5 ore nelle prime tre classi 15 ore nelle quarte e quinte Obiettivo fondamentale primo ciclo: gestire e consolidare gli schemi motori e posturali fondamentali. Obiettivo fondamentale secondo ciclo: Affrontare in modo globale i principali giocasport con o senza palla (minivolley, minibasket, pallamano, calcio, ginnastica artistica, atletica). Metodologia: Imparare giocando.

26 Meeting di ciclismo Destinatari: 4^ - 5^ Tempi: 30 settembre 2010 Obiettivi: favorire una corretta educazione stradale avvicinare i bambini allo sport del ciclismo Descrizione dellesperienza Gli alunni delle classi quarte e quinte delle scuole primarie dellIstituto hanno partecipato alla manifestazione Bici e Scuola insieme organizzata dalle società ciclistiche presenti sul territorio della Comunità Montana Valle Seriana coordinate dal Comune di Gandino (capofila del progetto). Durante la mattinata, gli alunni hanno potuto sperimentare, secondo una turnazione stabilita, le seguenti attività: circuiti fettucciati, gimkane, percorso di educazione stradale.

27

28 FRUTTA A SCUOLA Da molti anni ormai, ogni martedì si chiede agli alunni di portare frutta per la merenda di metà mattina. Questanno il plesso ha aderito al progetto

29 FRUTTA NELLE SCUOLE Per ulteriori informazioni vd.

30 IN BIBLIOTECA…

31 RACCOLTA ECOLOGICA E SOLIDALE… RACCOLTA DI TAPPI DI PLASTICA A FAVORE DELL AIPD (Associazione italiana persone Down) RACCOLTA DI CARTUCCE ESAUSTE PER STAMPANTI (PROGETTO RI.CA.RI.CA): LABORATORIO TRICICLO. Il Triciclo è un laboratorio occupazionale che ha come finalità linserimento temporaneo di immigrati/e e italiani/e in situazione di difficoltà personale e/o marginalità sociale. In un anno gli inserimenti propedeutici al lavoro sono oltre un centinaio.


Scaricare ppt "PROGETTI a.s. 2010-2011 S C U O L A P R I M A R I A D I G A N D I N O."

Presentazioni simili


Annunci Google