La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lanosognosia: non è semplicemente dovuta alla presenza di neglect personale o extrapersonale non può essere spiegata riconducendola alla presenza di altri.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lanosognosia: non è semplicemente dovuta alla presenza di neglect personale o extrapersonale non può essere spiegata riconducendola alla presenza di altri."— Transcript della presentazione:

1 Lanosognosia: non è semplicemente dovuta alla presenza di neglect personale o extrapersonale non può essere spiegata riconducendola alla presenza di altri disordini neurologici e neuropsicologici concomitanti non può essere vista come la conseguenza di un danno a un sistema generale di monitoraggio Piuttosto come conseguenza di un danno a un sistema di monitoraggio dominio specifico

2 Feed-forward hypothesis (Gold et al., 1994) According to the feedforward hypothesis, for patients to diagnose themselves as hemiplegic, they have to attempt to move. The patients have lost the intention to move Motor Intentional System Sensory Perceptual System comparator MovementNo Movement

3 Motor Intentional System Sensory Perceptual System comparator MovementNo Movement Because they have no intention to move they do not attempt to move. the loss of motor intention remove the anticipation of movement. as a consequence the comparator cannot detect the mismatch between the prediction of the movements and the feedback. In this view patients do not discover the hemiplegia not because of a damage to the comparator, but because the comparator is ill-feeded

4 They tested the feedforward hypothesis evaluating the activity of proximal/axial muscles using a surface EMG Proximal limb and axial muscles receive bilateral corticospinal innervation. Therefore, when normal subjects move either the right or the left arm, axial muscles receive commands form both the right and the left motor cortex. As a consequence, even when there is a brain damage proximal muscles can be activated by the intact cortex. however, patients who have lost intention to move should not activate proximal muscles

5 Results: Normal controls and the patients with hemiparesis without AHP contracted both pectoralis muscles when asked to squeeze a dinamometer. The hemiplegic/AHP patient did not contract of his contralesional pectoralis when asked to move the left hand whereas he normally contracted the right pectoralis when moving with the right hand Conclusions: The pattern of activation they found was coherent with the hypothesis that AHP is due to a loss of motor intention.

6 Problems: 1.The patient was not completely hemiplegic and the diagnosis of anosognosia might have been misleading 2.The patient might have had (behaviourally) a motor neglect Interesting : In this theoretical framework anosognosia is seen as a disturbance related to motor control and motor awareness and not as a neuropsychological disorder due to presence of other neurological symptoms On the basis of anatomoclinical consideration we proposed exactly the opposite.

7 1.Quale emisfero? Probabilmente il ds vedi test di Amytal: Gilmore et al., 1992, Carpenter et al., 1995, Adair et al., Localizzazione intraemisferica delle lesioni - Anosognosia tradizionalmente considerata come danno da lobo parietale Correlazioni anatomocliniche

8 Metanalisi sui lavori disponibili in letteratura dal 1938 al 2001 (Pia et al., 2004) - Sono stati considerati tutti i lavori dove era possibile rintracciare il dato anatomico autoptico o da TAC/RMN - Pochi hanno mappe -Quindi non è possibile una fine localizzazione intralobo -Inoltre mancano i casi negativi -80 pazienti con anosognosia per lesione unilaterale -In 3 la lesione è bilaterale -In 45 casi la lesione interessa più di un lobo -In 23 interessa un solo lobo -In 15 casi lesione solamente sottocorticale

9

10 Pazienti con solo anosognosia Lesioni solo sottocorticali

11 Conclusioni -Lesione fronto-parietale la più frequente -Anche lesioni sottocorticali dei gangli della base e del talamo La lesione frontale potrebbe impedire il monitoraggio motorio

12 Studio su 30 pazienti emiplegici (Berti et al., Science, 2005): 17 A+N+ 12 A-N+ 1A+N-

13 Regional lesion distribution in patients with hemiplegia, spatial neglect and no anosognosia (12 patients) Regional lesion distribution in patients with hemiplegia, spatial neglect and anosognosia (17 patients) Berti, et al., Science 2005

14 La massima sovrapposizione delle lesioni era localizzata: Nella corteccia premotoria dorsale (area 6; danneggiata nel 94% dei pazienti A+N+) Seguita dallarea 44 e dallarea somatosensoriale (88% of the patients), E dallarea motoria primaria (82% of the patients). Altre strutture adiacenti colpite erano larea 46 linsula (vedi anche Karnath et al., 2005).

15 Previsione un paziente che avesse solo anosognosia dovrebbe avere una lesione che corrisponde alla sottrazione delle mappature dei due gruppi

16 Anosognosia lesionsPatient RMA Fig. 3. Brain lesion in patient RMA, who has pure anosognosia for hemiplegia without spatial neglect. Areas in red are in common with the brain areas identified by the pixelwise chi-square comparison of patients with anosognosia, as opposed to those without anosognosia. Areas in green are brain areas damaged in patient RMA that are not identified by the chi-square analysis. Areas in purple are those identified by the chi-square analysis and not damaged in patient RMA.

17 Some parts of the motor system appear to be systematically spared in anosognosic patients, notably the supplementary motor cortex (SMA) and the pre-supplementary motor area (pre-SMA) Maximum overlap of brain lesions was centred: on the dorsal premotor cortex (area 6; damaged in 94% of A+N+ patients) followed by area 44 and the somatosensory area (88% of the patients), and by the primary motor cortex (82% of the patients). Other neighbouring structures, differentially involved, were area 46 and the insula (see also Karnath et al., 2005). Berti et al., 2005 Neural bases of the comparator system that are known to be related to intention to move

18 La lesione danneggia le basi neurali del comparatore Motor Intentional System Sensory Perceptual System comparator MovementNo Movement Ma parti importanti del sistema sono risparmiate

19 I pazienti anosognosici possono avere esperienza dei movimenti che intendono produrre grazie allattività delle aree, risparmiate dalla lesione, coinvolte negli aspetti intenzionali del movimento, ma non sarebbero in grado di distinguere tra atto intenzionale e atto effettivamente compiuto a causa del danno al comparatore che non è più in grado di cogliere il mismatch tra previsioni e feedbacks Previsione opposta rispetto a quella di Gold e coll.

20 Valutare lattività EMG dei muscoli prossimali I muscoli prossimali ricevono uninnervazione bilaterale Quindi, quando i soggetti normali muovono un arto vengono attivati i muscoli prossimali per attivazione bilaterale degli emisferi I pazienti che avessero perso lintenzione a muoversi non dovrebbero avere attivazione, mentre se I pazienti mantengono lintenzione, allora si dovrebbe comunque osservare attivazione del lato affetto per attivazione dellemisfero sano ispilesionale

21 Metodi EMG di superficie per misurare lattività elettrica dei muscoli prossimali (Spinazzola et al., Attention and Performance, in press) Registrazione continua bilaterale del Trapezio superiore: Left Upper Trapetius Right Upper Trapetius 3 condizioni: reaching con la mano plegica, reaching con la mano sana, resting. Dopo ogni reaching cera un periodo di resting Istruzioni: Deve raggiungere la mia mano con la sua mano e tenere la posizione fino a che io le dico: si rilassi Berti, Spinazzola, Pia, Rabbuffetti, 2007

22 Soggetti Controllo: neurologicamente intatto Paziente con emiplegia controlaterale, non anosognosico (NonAHP) Paziente con emiplegia controlaterale e anosognosia (AHP)

23 Previsioni Quando I soggetti di controllo normali e I pazienti plegici senza anoso tentano di muovere un arto si dovrebbe osservare attivazione dei muscoli prossimali

24 Previsioni Quando I pazienti con AHP tentano di muovere il braccio plegico Non dovrebbero contrarre larto plegico Nessuna attivazione dei muscoli prossimali No intenzione Intenzione Intenzione Dovrebbero contrarre larto plegico Attivazione dei muscoli prossimali

25 Case report: Patient CR 74-year-old right-handed woman damage in the right hemisphere caused left hemiplegia, left hemianaesthesia and severe personal and extrapersonal left-sided neglect. We tested her 32 days after the stroke Well oriented in time and space had no global reasoning or language problems. She could readily understand and follow test instructions and was very cooperative. She had no oral or written comprehension deficits, her spontaneous speech was well organised with good intonational contour, grammatical and logical structure and rich in information content. Her short and long term memory were intact.

26 At the time of testing she still showed left hemiplegia, left anaesthesia, and left neglect in many clinical tests She also showed a severe ansognosia for her hemiplegia CR believed that she was able to use her left arm and hand and to walk and carry out without any problem several daily activities

27


Scaricare ppt "Lanosognosia: non è semplicemente dovuta alla presenza di neglect personale o extrapersonale non può essere spiegata riconducendola alla presenza di altri."

Presentazioni simili


Annunci Google