La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Educare alla vita, nella fragilità della malattia Rina Monteverdi Centro Pastorale Provinciale – Fatebenefratelli Provincia Lombardo-Veneta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Educare alla vita, nella fragilità della malattia Rina Monteverdi Centro Pastorale Provinciale – Fatebenefratelli Provincia Lombardo-Veneta."— Transcript della presentazione:

1 Educare alla vita, nella fragilità della malattia Rina Monteverdi Centro Pastorale Provinciale – Fatebenefratelli Provincia Lombardo-Veneta

2 Obiettivi dellincontro Essere consapevoli che ci si educa reciprocamente alla vita La fragilità della vita può essere inciampo o risorsa Ri-scoprire atteggiamenti sananti

3 Bisogni del malato e abilità dellaiutante Bisogni del malato Avere accanto qualcuno che sappia sostare nella sofferenza Qualcuno che comprenda il suo dolore Qualcuno che laiuti a ritrovare la speranza Atteggiamenti di chi lo aiuta Saper so-stare con chi soffre Avere la capacità di com-prendere il dolore altrui Dialogare per far riemergere la speranza che è nel cuore del paziente

4 Bisogni del malato e abilità dellaiutante Bisogni del malato Atteggiamenti di chi lo aiuta Sentire qualcuno solidale con se stesso Avere qualcuno che ti libera dalla disperazione Qualcuno che faccia cogliere il senso di ciò che sta vivendo Essere qualcuno che sostiene il malato ed esplora con lui nuove prospettive Saper liberare la speranza soffocata dallangoscia Accompagnare a saper cogliere il nuovo senso che la sua vita può avere

5 1. So-stare IL MALATO VIVE un evento che chiede di ridare significato alla propria esistenza e attende dagli operatori la capacità di «so-stare» nella sofferenza. La sofferenza, rompendo gli equilibri consolidati, pone interrogativi inediti, invita a riconsiderare il rapporto con se stessi e con gli altri. Accanto alla sofferenza fisica cè sempre la sofferenza esistenziale, con rottura di consuetudini che sono difficili da accettare e da co-abitare. Questo tipo di sofferenza è chiamata dolore dellanima, ed è costitutiva della condizione umana.LAIUTANTE Deve saper stare in questo disagio, disagio che lo interroga sui propri vissuti di ferite. Saper sostare anziché fuggire con frasi fatte, domande esplorative o silenzi vuoti, è un prezioso aiuto per lavvio della pacificazione interiore che il malato può avviare con la nuova situazione che sta vivendo.

6 2. Con-prendere IL MALATO Ha la necessità di condividere con loperatore il proprio vissuto di sofferenza. Verbalizzare il proprio stato danimo, permette di alleggerire il dolore dellanima.LAIUTANTE Loperatore deve essere in grado di comprendere cognitivamente ed emotivamente il bisogno del narratore, costituendo così uno spazio dove le emozioni possono trovare dimora ed essere rielaborate prima di essere collocate in un orizzonte di senso, che permette anche alla persona in difficoltà di «con-prenderle» (farle proprie). Attraverso la creazione di questo «spazio» abitato dallaltro è possibile prendersene cura. COSÌ IL MALATO VIENE EDUCATO ALLA VITA, PUR NELLA FRAGILITÀ DELLA SOFFERENZA. Nel colloquio è fondamentale la qualità del rapporto più che la qualità della parola; è importante la capacità di «stare con», di «stare vicino a».

7 3. Ri-dare speranza IL MALATO Sente il bisogno di sperare. La speranza è come un ponte che fa uscire dalla solitudine e che mette in una relazione senza fine con gli altri, soprattutto quando si soffre e si necessita di aiuto.LAIUTANTE Infondere la speranza è il compito degli operatori, che permette alle forze costruttive di prevalere sulle forze distruttive, favorendo il desiderio di riprendere a progettare e a vivere. La speranza ci conduce a rivivere la sofferenza degli altri-da-noi come la nostra possibile sofferenza e, comunque, a partecipare alla loro angoscia e alla loro resistenza alla fatica di vivere. Lostrica e la perla.pps

8 4. Essere solidali IL MALATO Necessita di un atteggiamento solidale, una comunicazione in grado di vivificare le sue risorse e offrire una nuova prospettiva alla sua situazione di sofferenza.LAIUTANTE La solidarietà è «latteggiamento dello spirito, con cui luomo rispetta laltro, comunica con lui, ne fa suoi i bisogni» La solidarietà, prima di essere una scelta operativa e professionale, è lespressione del modo di essere delluomo, rimanda alla sua interrelazione con laltro. La solidarietà fa parte del suo essere prima che del suo dover essere. Essa è collegata alla natura profonda dellessere umano.

9 5. Liberare la speranza IL MALATO Ha bisogno di un aiuto che favorisca lo sviluppo della speranza e della fiducia. Necessita di un sostegno per superare limpotenza e ridarsi prospettive per il futuro.LAIUTANTE Entrare in relazione, sconfigge la solitudine e genera speranza. Allora la speranza può crescere anche nel deserto dellangoscia, della disperazione, del male e della fatica del vivere. Tale relazione, che è una cura educativa, consiste nel farsi carico di unesistenza ferita mantenendola in un atteggiamento di apertura al mondo e alla vita, perché non perda le dimensioni dellintenzionalità e della progettualità, ma le elabori in rapporto alla novità della situazione. Si tratta di una cura che salva dal rischio di ricadere sul piano dellesistenza inautentica, priva di intenzionalità e quindi destituita di significato e speranza.

10 6. Dare senso alla sofferenza IL MALATO Il malato può far fronte alla sofferenza solo se soffre per amore di qualcosa o di qualcuno. Il sacrificio non è la sconfitta, la resa, meno che mai il masochismo, ma lazione sacra di amare laltro, di donare se stesso per un altro; sacra perché lunica creativa che aggiunge e non sottrae, che cambia il male in bene. Il libero sacrificio di sé è un recupero del dolore e della morte. Permette di dare valore alla sofferenza, rende attiva e libera ciò che altrimenti è nostra schiavitù al destino.LAIUTANTE Può aiutare a riannodare i mille fili che legano la persona alla vita e agli altri, fili che da lacci che limitano il cammino possono trasformarsi in solide corde che ancorano al mondo e lungo le quali ci si arrampica per crescere. Metamorfosi possibile se il malato trova intorno a sé un contesto relazionale fecondo in cui lo si accompagna nel cammino della ricerca di una risposta alla domanda sul senso della sofferenza che è anche una domanda sul senso della vita.

11 Educare alla vita nella malattia IL MALATO E LAIUTANTE In questottica lincontro malato-aiutante, come ben insegna la relazione daiuto, è un incontro tra due persone che si scambiano umanità, che reciprocamente promuovono un risanamento delle ferite che ciascuno ha avuto nellesistenza umana. E uno scambio di doni che fecondano lumanità di ciascuno. E se tutto questo lo vediamo dal punto di vista pastorale, la relazione daiuto, è il luogo dove lo Spirito di Dio interviene per redimere ed arricchire dei sui doni entrambe le persone coinvolte nella relazione. In questo scambio, entrambi si educano alla vita, nellaccoglienza della rispettiva fragilità.

12 buon lavoro, e grazie per la cura che offrite a tante persone


Scaricare ppt "Educare alla vita, nella fragilità della malattia Rina Monteverdi Centro Pastorale Provinciale – Fatebenefratelli Provincia Lombardo-Veneta."

Presentazioni simili


Annunci Google