La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA MEDICINA DEL LAVORO IN FVG DAL 2000 LE UOPSAL HANNO RAFFORZATO IL METODO DI LAVORARE PER OBIETTIVI COMUNI OMOGENEI CONDIVISI UNIFORMI Dott. Paolo Barbina.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA MEDICINA DEL LAVORO IN FVG DAL 2000 LE UOPSAL HANNO RAFFORZATO IL METODO DI LAVORARE PER OBIETTIVI COMUNI OMOGENEI CONDIVISI UNIFORMI Dott. Paolo Barbina."— Transcript della presentazione:

1 LA MEDICINA DEL LAVORO IN FVG DAL 2000 LE UOPSAL HANNO RAFFORZATO IL METODO DI LAVORARE PER OBIETTIVI COMUNI OMOGENEI CONDIVISI UNIFORMI Dott. Paolo Barbina – U.O.P.S.A.L. A.S.S. n. 6 Friuli Occidentale

2 LE UOPSAL IN FVG DAL 2002 VENGONI CREATI GRUPPI DI LAVORO SPECIFICI INFORTUNI MALATTIE PROFESSIONALI METALMECCANICA CHIMICA AMIANTO EDILIZIA …………

3 I GRUPPI DI LAVORO DELLE UOPSAL I GRUPPI RIPORTANO I RISULTATI DEL LORO LAVORO A TUTTI GLI OPERATORI DELLE UOPSAL, ALLE PARTI SOCIALI E AL COMITATO REGIONALE DI COORDINAMENTO ART. 27 D.Lgs. 626/94. I LAVORI DISCUSSI DAL COMITATO SONO RESI PUBBLICI ATTRAVERSO IL SITO INTERNET DELLA SANITA progetti-> tutela della salute dei lavoratori

4 IL SITO PROGETTI TUTELA DELLA SALUTE DEI LAVORATORI Dati infortuni sul lavoro14 lavori Comparto edilizia 9 lavori Comparto legno 3 lavori Comparto sanità10 lavori Rischio : MMC 2 lavori Rischio cadute dallalto 3 lavori con 9 allegati Amianto 2 lavori Migranti, Lavori interinali, medico competente, note generali…..

5 IL SITO PROGETTI TUTELA DELLA SALUTE DEI LAVORATORI COMPARTO EDILIZIA Notifica preliminare art. 11 D.494/96 – modalità di invio Fascicolo dellopera Piano rimozione coperture in cemento amianto – POS Questionario di autovalutazione – POS Proposta di POS Impianti elettici -. Apparecchi di sollevamento Sorveglianza sanitaria nel comparto PSC

6 IL SITO PROGETTI TUTELA DELLA SALUTE DEI LAVORATORI RISCHI CADUTE DALLALTO Montaggio e smontaggio prefabbricati Coperture edifici Montaggio e smontaggio ponteggi metallici

7 La genesi dello Studio Obiettivo 2005 dellAssessorato alla Salute del Friuli Venezia Giulia, lo studio del fenomeno infortunistico della Caduta dallalto Ha dato mandato Alle Aziende Sanitarie Regionali di predisporre delle Linee Guida ad uso degli addetti del setto- re per la prevenzione del problema ASS - Università Le Aziende per i Servizi Sanitari in collaborazione con la Facoltà di Ingegneria di TS hanno trattato i 3 diversi aspetti del problema rischi per caduta dallalto Ha collaborato allo studio lUniversità degli Studi di Trieste con la Facoltà di Ingegneria con tre Tesi di Laurea

8 Analisi statistica del problema infortunistico Fonte : Fillea-Cgil Anno Morti in edilizia Per cadute dallalto … 42% 47%40% Da prefabbricati … 19% 17%23% In costruzione 7 53 … 41% 26%17% In manutenzione … 47% 63%72% N.B. Alcuni infortuni non sono riferibili Si muore cadendo dallalto Un morto su cinque è per caduta da prefabbricati Si muore prevalentemente in fase manutentiva Non cè una diminuizione nel triennio nel n. morti

9 ALLEGATI Prefabbricati - lista di controllo per manovratori di autogru (SUVA) - lista di controllo per accessori di imbracatura (SUVA) - linee guida ISPESL – DPI arresto di caduta -3 tavole POS (Laureanda in Ingegneria)

10 MANUTENZIONE COPERTURE Documento che riguarda i lavori da eseguirsi in quota (attività lavorative che espongono i lavoratori al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile: art c-bis del d.lgs. 626/94 così come modificato dallart. 4 del d.lgs. 235/03); Rivolto a · committenti e progettisti; · datori di lavoro (che hanno il compito di redigere il POS); · coordinatori in fase di progettazione (che hanno il compito di redigere il PSC); · coordinatori in fase di esecuzione e capi cantiere (per il rispetto di POS e PSC);

11 MONTAGGIO SMONTAGGIO PONTEGGI Il documento ha lo scopo di evidenziare le problematiche e rappresentare degli esempi per individuare i metodi più idonei e convenienti per effettuare il montaggio e smontaggio in sicurezza dei ponteggi nonché di predisporre in maniera adeguata il documento previsto dagli art. 9 co.1 D.Lgs. 494/96 (P.O.S.) e 36 quater del D.Lgs. 626/94 (Pi.M.U.S.)

12 Verifiche di resistenza (da parte della laureanda M.S.) Ponteggio: - montanti esterni ed interni - diagonali in pianta e facciata - corrente di parapetto -ancoraggio -sistemi di appoggio Fune di sicurezza costituente la linea vita

13 Esempio di Pi.M.U.S. Su 2 tavole grafiche viene esposto: Planimetria e prospetto di un ponteggio relativo ad un costruendo fabbricato * Schema e fasi di montaggio del ponteggio * Modalità e punti di ancoraggio * D.P.I. da utilizzarsi * Composizione della squadra Controlli da eseguirsi Indicazioni sullo smontaggio * mediante disegni per unimmediata e facile comprensione da parte del personale che opera in cantiere

14 IL FUTURO ripetere lesperienza per i POS CALCESTRUZZO CANTIERI EDILI STRADALI

15 IL SIGNIFICATO Predisporre un documento che risponda ai ruoli moderni delle UOPSAL che non sono solo VIGILANZA ma anche ASSISTENZA Portarlo ai massi livelli di responsabilità regionale (Comitato art. 27) e nazionale (Comitato Tecnico Intereg.) Fornirlo in maniera trasparente a tutti gli operatori (sito internet Renderlo disponibile alla discussione di tutti (suggerimenti, eventuali richieste di chiarimenti, …) saranno discusse dallapposito gruppo di lavoro.

16 GRAZIE


Scaricare ppt "LA MEDICINA DEL LAVORO IN FVG DAL 2000 LE UOPSAL HANNO RAFFORZATO IL METODO DI LAVORARE PER OBIETTIVI COMUNI OMOGENEI CONDIVISI UNIFORMI Dott. Paolo Barbina."

Presentazioni simili


Annunci Google