La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 A. C. Rev febb 1999 - SECONDA PARTE. 2 1) volta del cranio: a) funzioni b) crescita: b1) meccanismi e luoghi b2) cronologia b3)meccanismi di compenso.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 A. C. Rev febb 1999 - SECONDA PARTE. 2 1) volta del cranio: a) funzioni b) crescita: b1) meccanismi e luoghi b2) cronologia b3)meccanismi di compenso."— Transcript della presentazione:

1 1 A. C. Rev febb SECONDA PARTE

2 2 1) volta del cranio: a) funzioni b) crescita: b1) meccanismi e luoghi b2) cronologia b3)meccanismi di compenso 2) base del cranio: a) funzioni b) crescita: b1) meccanismi e luoghi b2) cronologia b3) meccanismi di compenso c) aspetti clinici 3) complesso rinomascellare: a) funzioni b) crescita: b1) meccanismi e luoghi b2) entità e direzione : I ) altezza II) larghezza III) lunghezza b3) cronologia b4) meccanismi di compenso b5) effetti della crescita sulla dentizione e sullocclusione c) aspetti clinici Dia 4 Dia 8 Dia 9 Dia 10 Dia 11 Dia 16 Dia 23 Dia 24 Dia 29 Dia 38 Dia 31 Dia 48Dia 42Dia 38 Dia 52 Dia 54 Dia 55 Dia 60 Dia 3

3 3 1) VOLTA DEL CRANIO : a) funzioni la principale funzione della volta cranica è la protezione dellencefalo, la cui crescita determina laccrescimento della stessa. fig 43 a fig 43 b

4 4 b) crescita b1) meccanismi e luoghi: laccrescimento delle ossa della volta è dovuto principalmente ad un meccanismo suturale associato a un processo di riassorbimento ed apposizione relativamente ridotto. Le suture uniscono le ossa della volta tra di loro e con quelle del complesso mascellare, costituendo luoghi di crescita e di adattamento. fig 44 a fig 44 b

5 5 Fig 45a:In seguito allespansione encefalica ( matrice neurocranica funzionale), le ossa piatte del cranio vengono passivamente spostate nello spazio ( traslazione nella direzione di espansione)

6 6 fig46a 1 2 Come lencefalo si espande (fig 46a-1) le ossa della volta sono dislocate (fig 46a-2). La dislocazione causa tensione a livello della sutura che risponde con deposizione ossea (fig 46b-1). Allo stesso tempo le superfici ossee subiscono deposizione ossea su entrambe le superfici (interna ed esterna) (fig 46b-2). Questo comporta un aumento dello spessore dellosso ed un aumento dello spazio midollare. Il processo di riassorbimento ed apposizione è minimo rispetto alla crescita suturale ed in particolare lapposizione ossea sulla superficie interna non contribuisce alla crescita della volta cranica.

7 7 fig 47fig 49 fig 48 Il processo di rimodellamento non è marcato a livello delle ossa piatte tuttavia si verifica in zone vicine alle suture (fig 47) e porta ad una progressiva riduzione della curvatura ( fig 48-49)

8 8 fig 50 b2) cronologia : dato che la crescita della volta cranica è dovuta allespansione encefalica, la volta cranica è la prima parte del complesso cranio facciale a raggiungere la dimensioni definitive anche se le suture restano aperte ancora per un certo periodo dopo la crescita completata.

9 9 fig 52 fig 51 b3) meccanismi di compenso : Dato che il cervello non cresce uniformemente in tutte le direzioni sarà necessario che le ossa che lo circondano esibiscano un modello di crescita differenziato. Questo avviene con le possibilità di compenso delle suture. Fig 51 :a grandi linee il cervello cresce come se fosse un settore circolare geometrico : la porzione più vicina al centro cresce meno rispetto alle porzioni più lontane che crescono di più. In fig 52 a è schematizzato il tipo di crescita che mostrerebbero le suture se si sviluppassero alla stessa velocità e intensità. In fig 52 b la crescita differenziata dettata dal modello di crescita dellencefalo

10 10 fig 53 2) BASE DEL CRANIO a) funzioni la volta e la base del cranio rappresentano lespressione delladattamento alla postura eretta. La flessione della base del cranio ha portato il foramen magnum esattamente sopra il midollo. Oltre a sostenere lencefalo assicura larticolazione del cranio con la colonna vertebrale, la mandibola e il mascellare.

11 11 b) crescita : b1) meccanismi e luoghi è il risultato di complicati equilibri tra meccanismi di: - crescita suturale - attività delle sincondrosi - cospiqui fenomeni di deriva corticale - rimodellamento In questo modo è assicurata la crescita differenziata tra la base del cranio e la volta, lespansione delle fossa craniche, il mantenimento dei forami e delle cavità che accolgono le formazioni vascolari e nervose.

12 12 fig 54a Anatomicamente la base cranica è formata da : -frontale -etmoide -sfenoide -occipitale -temporale ( non visibile in sezione) fig 55a fig 55b

13 13 fig 54b Langolo della base cranica o angolo sellare (Ba-S-Na) mostra una notevole variabilità con una ds di circa 5°: Riolo 1974 (37) : 129,7° sd 4,5° Bacon 1992 (45) : 127,5° ds 5,3° Schmuth 1988 (38) : 130,6° sd 5,9°

14 14 Nella base cranica si differenziano la fossa cranica anteriore (frontale - etmoide - piccole ali sfenoide) media ( sfenoide - temporali ) e posteriore (occipitale - temporali). (fig 55c) (fig 55c) Si distinguono in oltre la base cranica anteriore e posteriore ( fig 55d)

15 15 In particolare lallungamento della base cranica è determinato dalla crescita che avviene nelle sincondrosi. Fino alla nascita restano attive in questa zona 3 cartilagi - sincondrosi sfeno-etmoidale - sincondrosi intersfenoidale - sincondrosi sfeno-occipitale Dopo la nascita restano attive le suture sfeno-etmoidale, fronto-etmoidale e la sincondrosi sfeno-occipitale (v. fig 57) Fig 56

16 16 Secondo Ford 1958 (39), la base cranica - considerata nel suo insieme - mostra una crescita intermedia tra quella della volta cranica, assimilabile ad un modello neurale -caratterizzata da una crescita rapida e precoce- e la crescita della faccia che segue maggiormente il modello di crescita scheletrico perdurando dalla nascita fin oltre la pubertà. Tuttavia le singole parti della base cranica seguono sia il modello di crescita neurale che scheletrico piuttosto che una crescita intermedia. Così tra Sella e Forame cieco si rileva un modello di crescita neurale mentre tra Forame cieco e Na, e Sella - Basion il modello di crescita è scheletrico. Dopo la nascita la crescita avviene a livello della sincondrosi sfeno occipitale e delle suture fronto-etmoidale e sfeno-etmoidale. La crescita di tipo neurale si completa verso i 7-8 anni. (40-41). A livello delle suture si completa nella prima decade, mentre la sincondrosi sfeno-occipitale resta attiva fin verso i 16 anni (42). b2) cronologia fig 57

17 17 etmoide nasale frontale sfenoide occipitale Sincondrosi sfeno-occipitale fig 58b Base cranica anteriore Secondo L. Stamrud (41) la base cranica anteriore è unarea a crescita relativamente lenta che si completa precocemente. La lunghezza della base cranica anteriore ( rappresentata da S-N senza lo spessore dellosso frontale ovvero tra S e Forame cieco) si completa circa a 8 anni poi aumenta solo come conseguenza dellapposizione sullosso frontale S N Forame cieco fig 58

18 18 La crescita nella base del cranio ha conseguenze dirette sulla posizione del terzo medio della faccia e della mandibola e non si può escludere che la crescita della base cranica influenzi lo sviluppo di malformazioni sagittali. Del resto dato che le singole parti del cranio si sviluppano in direzioni diverse deve esistere uninterazione diretta tra di esse in modo da compensare le diverse attività di crescita ( Equivalenti di crescita di Hunter-Enlow) Eventuali alterazioni danno origine a malformazioni craniofacciali. Come si vedrà successivamente anche la morfologia facciale è in rapporto con il complesso sfeno-occipitale In particolare un angolo della base cranica ottuso è associato ad una tipologia facciale divergente ( ). La forma e la misura della base cranica influenzano il prognatismo mandibolare in quanto determinano la posizione antero-posteriore del condilo (46). Il mascellare è più correlato con la base cranica anteriore e la mandibola con la base cranica posteriore.(47)

19 19 III CLASSE I CLASSE II CLASSE lunghezza base cranica (Ba - Na) ampiezza angolo base cranica (Ba-S-Na) La lunghezza della base cranica e lampiezza dellangolo della base aumentano passando dalla 3° alla 1° alla 2° classe ( ). Altri (51) non hanno trovato differenze significative tra la classe 2° e 1°. Dal punto di vista clinico è opportuno ricordare che la presenza di un angolo della base cranica aumentato è favorevole nelle III classi e sfavorevole nelle II classi e viceversa

20 20 c b b d fig 60 a bc d fig 59 La base cranica anteriore (a), il complesso sfeno-occipitale (b), il complesso nasomascellare (c) e la mandibola (d) costituiscono singoli elementi strutturali del cranio Lallungamento della base cranica anteriore (X) si associa ad una crescita corrispondente del complesso nasomascellare (c) che cresce in direzione dorsale (G) e contemporaneamente è dislocato anteriormente (F) F G X

21 21 fig 62 ab b c M K G D P f Z Base cranica anteriore (a) Complesso sfeno-occipitale (b) Complesso nasomascellare (c) Mandibola (d) a bc d La crescita del complesso sfeno-occipitale ( M,K) costituisce lequivalente di crescita del nasofaringe (P) e del ramo mandibolare (D). Il ramo cresce in direzione dorsale (G) e la mandibola viene dislocata anteriormente (Z) In questo modo si ripristina il rapporto sagittale tra arco mandibolare e complesso nasomascellare dopo lavanzamento di questo (f) come visto in fig 60.

22 22 fig 64 G Y c(na) c(av) c(na) + c(av) a b+d d b b b Base cranica anteriore (a) Complesso sfeno-occipitale (b) Complesso nasomascellare (c) Mandibola (d) a bc d Lo sviluppo verticale del clivo e del ramo mandibolare (b+d) costituisce lequivalente di crescita dello sviluppo verticale del complesso nasomascellare (c) Questultimo è determinato da processi di crescita nasali ( na) e maxilloalveolari (av). Il ramo cresce in direzione posterosuperiore (G) e si sposta in direzione inferiore (Y)

23 23 b3) meccanismi di compenso è considerata una delle regioni più stabili del cranio. La meno influenzabile da fattori esterni (funzioni neuromuscolari - terapia ortodontica) Viene spesso utilizzata per questo motivo come riferimento nellanalisi cefalometrica per valutare altre regioni a crescita più rapida e prolungata. In conclusione presenta una crescita di compenso inferiore rispetto ad altre strutture.

24 24 c) aspetti clinici La crescita della base del cranio non è facilmente spiegabile con le differenti ipotesi a disposizione. In particolare non è del tutto chiarito il ruolo della sincondrosi sfeno-occipitale e la dislocazione che accompagna la crescita di un osso. Primo : è la sincondrosi a determinare la dislocazione delle altre ossa con un processo di crescita intrinseco? o invece la crescita della sincondrosi è la risposta alla dislocazione provocata da altre forze (per es. espansione del cervello)? Secondo : la cartilagine della sincondrosi è fornita di un programma genetico in grado di regolare le modalità, lentità e la direzione di crescita della base cranica? ovvero la cartilagine dipende in tutto o in parte da altri centri di controllo della crescita?

25 25 Di norma si considera la base cranica come ununità di crescita autonoma che si sviluppa congiuntamente allencefalo ma indipendentemente da esso. Il controllo genetico sarebbe contenuto nelle cellule cartilaginee della sincondrosi. In altre parole la forma e la misura della base del cranio si sono evolute con lo sviluppo filogenetico del cervello ( che funge da matrice funzionale), ma la stessa base cranica possiede una propria capacità geneticamente determinata di crescita per lo meno in parte separata e indipendente dal cervello. Studi sperimentali ( 52 ) hanno dimostrato la capacità di proliferazione autonoma della sincondrosi così che la base cranica può divenire più o meno grande anche nei casi di malformazione cerebrale (assenza dellencefalo)

26 26 In conclusione è frustante constatare che la displasia della base del cranio influenza sia il terzo medio che la mandibola ma nè ortodonzia nè chirurgia possono intervenire. Sono infatti numerose le sindromi craniofacciali con gravi displasie della base del cranio e conseguenti anomalie della crescita con funzione compensatoria nel naso e nella volta del cranio.

27 27 3) complesso rinomascellare:

28 28 3) complesso rinomascellare: a) funzioni b) crescita: b1) meccanismi e luoghi b2) entità e direzione I ) altezza II) larghezza III) lunghezza b3) cronologia b4) meccanismi di compenso b5) effetti della crescita sulla dentizione e sullocclusione c) aspetti clinici

29 29 fig 65 3) COMPLESSO RINOMASCELLARE a) funzioni: - masticazione - respirazione - separazione della cavità orale dalla nasale - ospita le terminazioni del nervo olfattivo e i globi oculari I processi di accrescimento devono adattarsi a quelli propri della base del cranio, alla quale è unito e a quelli della mandibola con cui è funzionalmente collegato Sono funzioni complesse quanto la sua crescita e i suoi fenomeni adattivi. anatomicamente comprende : - mascellare superiore - ossa nasali - etmoide - vomere - ossa lacrimali - turbinati - ossa palatine - ossa zigomatiche

30 30 COMPLESSO RINOMASCELLARE = - mascellare superiore - ossa nasali - etmoide - vomere - ossa lacrimali - turbinati - ossa palatine - ossa zigomatiche FIG 67 FIG 68 FIG 66

31 31 FIG 69 b) crescita: b1) meccanismi e luoghi : - Apposizione di osso a livello delle suture che connettono la maxilla alla base cranica ( in particolare : sfeno-etmoidale, palatino-mascellare, pterigo-palatina) ( fig 69) - Rimodellamento superficiale che riveste particolare importanza a livello della maxilla a differenza che nella volta cranica Bisogna ricordare che praticamente tutte le superfici di ogni osso che costituisce questa regione sono attivamente coinvolte nei processi di crescita e di rimodellamento. I processi di accrescimento sono molto attivi, con notevole aumento di dimensione e con elevate possibilità di adattamento. Secondo alcuni AA (42) riveste particolare importanza nella crescita della maxilla la cartilagine nasale

32 32 fig 70b fig 70 a - allo spostamento passivo ( dislocazione secondaria) determinato dalla crescita della base cranica che spinge il mascellare in basso e in avanti (fig 70 b). La causa di questo spostamento è lespansione di ossa e tessuti molli adiacenti o lontani. Lazione di tale espansione si trasmette da osso a osso e si manifesta in aree distanti - crescita attiva delle strutture maxillari (dislocazione primaria) ( fig 70 a) in risposta a stimoli provenienti dallo sviluppo dei tessuti molli, tale crescita si realizza a livello sottoperiostale anche se il periostio assume nomi diversi nei diversi luoghi: infatti oltre al periostio in alcune sedi cè il mucoperiostio; si parla di sutura dove si incontrano il periostio di due ossa; diventa membrana parodontale quando incontra il cemento radicolare.(V. dia succesiva) Laumento della maxilla è dovuto :

33 33 A B fig 71 a Fig 71 b: confronto schematico tra un dente nel suo alveolo (B) e una sutura con interdigitazioni(A) La sutura è come una struttura parodontale con il vantaggio di aver la possibilità di riassorbimento e apposizione su entrambe le superfici invece che su una sola come nel legamento parodontale. La logica conseguenza è che lo spostamento sarà unidirezionale nel caso del legamento e bidirezionale nel caso di una sutura Ritorna dia 41 fig 71 b A B Fig 71 a :In una sutura (A) il riassorbimento e lapposizione possono avvenire su entrambe i lati, mentre nel legamento parodontale (B) ciò avviene solo su un lato

34 34 Lo spostamento passivo ( dislocazione secondaria) determinato dalla crescita della base cranica ( e dellencefalo) è il meccanismo più importante durante il periodo della dentizione decidua. Lo sviluppo dellencefalo si completa verso i 7 anni e la crescita a livello delle sincondrosi rallenta così che questo meccanismo diviene sempre meno importante dopo questa età (42-53) fig 72 = deposizione superficiale

35 35 = deposizione superficiale fig 73 Lapposizione e il riassorbimento sono i meccanismi principali di crescita della maxilla dopo i 7 anni. Encefalo e occhi sono pressochè completi, la base cranica anteriore misurata al forame cieco ( 41) cessa di crescere. Quindi il rimodellamento diviene il principale meccanismo che comporterà variazioni che si aggiungono o si sottraggono alla crescita in altre aree. (42-53)

36 36 fig 74 b in rosso le zone di riassorbimento La maxilla cresce in basso e in avanti man mano che si appone osso posteriormente a livello delle tuberosità e delle suture mentre la parte anteriore subisce un riassorbimento ( fig 74 ab) In proposito è stato calcolato che la distanza che la maxilla percorre in basso e in avanti durante la crescita è di circa il 25%maggiore della sua dimensione finale (37) Le strutture nasali subiscono lo stesso spostamento della maxilla, tuttavia la crescita del naso si verifica ad una velocità maggiore rispetto al resto della faccia. Questo può dipendere dallattività della cartilagine nasale. fig 74 a Ritorna dia 49

37 37 fig 75 Il rimodellamento della superficie anteriore varia da zona a zona. La regione nasale superiore, la fronte e il margine superiore dellorbita si rimodellano e crescono in direzione anteriore mentre il bordo inferiore dellorbita e losso zigomatico si rimodellano posteriormente. In fig 75 è riportata una linea verticale passante per i margini superiore e inferiore dellorbita e si può notare come tale linea ruoti in avanti e in basso. In questo modo si ha un aumento della profondità della faccia. Quindi alcune porzioni si rimodellano posteriormente altre anteriormente ma la maxilla nel suo insieme è dislocata anteriormente.

38 38 b2) entità e direzione (della crescita) I) ALTEZZA Le ricerche di Bjork (54) hanno confermato che laumento in altezza del mascellare è dovuto a: - crescita suturale a livello osso frontale e zigomatico (fig.76 abc ) - apposizione e riassorbimento del pavimento della cavità orbitaria e riassorbimento sulla base delle cavità nasali e apposizione sul palato. Tuttavia bisogna considerare anche la diversa entità di crescita: le cavità orbitali non aumentano in altezza come le cavità nasali. Dai 4 anni in poi labbassamento del pavimento orbitale è meno della metà di quello che si verifica a carico del mascellare. ( fig.77abcd ) - crescita dei processi alveolari è uno dei meccanismi più importanti: interviene nellaumentare laltezza ma anche la larghezza. Quando la crescita a livello dei condili mandibolari è cessata continua la crescita in senso verticale ad opera dei processi alveolari.( fig.78-79ab) Vedi fig 76Vedi fig 77Vedi fig 78-79

39 39 fig 76 AB C La regione medio-facciale (fig 76 a) subisce la dislocazione primaria in direzione antero-inferiore per opera dei tessuti molli circostanti che esercitano una trazione sulle suture (fig 76 b) con conseguente apposizione ossea secondaria ( fig 76 c). Contemporaneamente al movimento di dislocazione si ha un ingrandimento delle strutture ossee di tutto il complesso medio-facciale per apposizione e riassorbimento ( 55 ) - crescita suturale a livello osso frontale e zigomantico

40 40 - apposizione e riassorbimento (sul piano frontale ) I processi palatini del mascellare si accrescono inferiormente per deposizione ossea sulla superficie orale e riassorbimento su quella nasale (fig 77b). Contemporaneamente il complesso rinomascellare si accresce anche nelle altre direzioni dello spazio ( dislocazione primaria)(fig 77c). Subisce infine una dislocazione secondaria dovuta alla crescita di altre strutture vicine ( base cranica)( fig 77 d) fig 77b fig 77c fig 77d

41 41 fig 78 fig 79a fig 79b - crescita dei processi alveolari In seguito alla dislocazione del complesso nasomascellare i denti dellarcata superiore vengono spostati passivamente dalla posizione 1 alla 2. Contemporaneamente migrano attivamente per la crescita a livello dei processi alveolari cosicchè si avrà un ulteriore spostamento fino alla posizione 3.(fig 78) Vedi fig 71 Questo processo si realizza contemporaneamente al rimodellamento del mascellare.

42 42 II) aumento in LARGHEZZA del mascellare superiore

43 43 Confrontando il cranio del neonato con quello di un adulto, si nota una notevole espansione trasversale ( fig 80ab). Dal grafico di si ricava che la larghezza del cranio cresce rapidamente, la crescita del diametro bizigomatico è rallentata nei primi anni di vita, ma continua anche dopo che la crescita del cranio si è stabilizzata, così gli zigomi tendono a divenire più prominenti con letà. Alla nascita il cranio mostra la presenza di una completa sutura sagittale (80a) tra la sutura frontale e la sinfisi mentoniera che può far fronte alla rapida crescita trasversale Con il progressivo fondersi di questo sistema mediano diminuisce la componente dovuta alla dislocazione e predomina il meccanismo di apposizione e riassorbimento. Fig 81 fig 80 a b

44 44 fig 81

45 45 FIG 82 ABCDABCD Nellampliamento delle dimensioni trasversali del mascellare la crescita suturale mediana è più importante del rimodellamento (10). In fig 82 laumento del mascellare dalla nascita (A), 12 mesi (B), 10 anni (C), età adulta (D).

46 46 fig 83 Il rimodellamento dei processi alveolari,che contribuisce notevolmente alla crescita verticale,determina anche aumento trasversale a causa della divergenza dei processi alveolari stessi.

47 47 Lo sviluppo verticale del clivo (b) costituisce lequivalente di crescita dello sviluppo verticale del complesso nasomascellare (c) che è determinato dai processi di crescita nasali ( na) e maxilloalveolari (av). fig 84 Come già visto esistono stretti rapporti tra la crescita della base del cranio e la crescita in altezza dei mascellari:

48 48 II) aumento in LUNGHEZZA del mascellare superiore

49 49 fig 85a a Il mascellare si allunga in direzione posteriore per apposizione ossea sulla tuberosità mascellare e crescita a livello della sutura maxillo-palatina con conseguente spostamento in direzione dorsale ( fig 85 a). fig 85b b Contemporaneamente il mascellare si disloca anteriormente (dislocazione primaria). Queste modifiche sono di uguale entità (fig 85 b). fig 85c c Infine subirà la dislocazione secondaria come conseguenza dellespansione delle fosse craniche (fig 85 c ). Dato che la superficie anteriore del mascellare subisce la variazione anteriore sarà inferiore. riassorbimento

50 50 crescita in lunghezza in rapporto alla base cranica anteriore fig 86 Lallungamento della base cranica anteriore (X) si associa ad una crescita corrispondente del complesso nasomascellare (c) che cresce in direzione dorsale (G) e contemporaneamente è dislocato anteriormente (F)

51 51 fig 87 La crescita (K) del complesso sfeno-occipitale ( b) costituisce lequivalente di crescita del nasofaringe (P) che determina lavanzamento (F) del complesso nasomascellare (c). crescita in lunghezza in rapporto alla base cranica posteriore

52 52 b3) cronologia: (della crescita)

53 53 nascita 10 anni 20 anni linfoide neurale mascellare mandibolare generale genitale percentuale della dimensione adulta fig 88 La curva di crescita del mascellare è intermedia tra la c. di crescita neurale che precede e la c. di crescita mandibolare che segue. Si è visto che esiste una sequenza definita nel completamento della crescita. Prima si completa la crescita in ampiezza, poi in lunghezza e infine in altezza. La crescita in ampiezza si completa prima del picco puberale, poi è scarsamente influenzata dalle variazioni di crescita. La crescita in lunghezza continua nella pubertà ( ricordare che la crescita in lunghezza avviene soprattutto posteriormente ) e si completa prima nelle femmine che nei maschi La crescita in altezza ( associata in particolare ai processi alveolari) continua più a lungo : fino a a. nelle femmine e non prima dei 20 a. nei maschi. ( 37)

54 54 fig 89a fig 89b b4) meccanismi di compenso:(della crescita) Nel soggetto iperdivergente cè notevole diversità di altezza nei processi alveolari dei molari e degli incisivi ( fig 89a). Sono questi meccanismi alveolari di compenso che fan si che la classe scheletrica non sempre coincida con quella dentale. La terapia ortodontica dipende in larga misura dalle capacità di adattamento e rimodellamento dei processi alveolari. Data la complessità anatomica del terzo medio, i meccanismi di compenso possono verificarsi in tutte le direzioni ma sono ben evidenti nei processi alveolari. Basta pensare al piano occlusale che si adegua al modello facciale: nel morso profondo scheletrico ( fig 89b) con angolo goniaco molto chiuso il piano occlusale è quasi parallelo al piano mandibolare e bispinale e i processi alveolari sono alti uguali sia nella zona dei molari che degli incisivi.

55 55 b5) effetti della crescita sulla dentizione Il mascellare non cresce gradualmente in misura. Laumento varia sia nel tempo che nella quantità.

56 56 Si assiste ad una prima cospiqua crescita dalla nascita fino verso lottavo mese: infatti prima della nascita i germi dei denti decidui sono affollati nello spazio apicale fino a risultare al completamento della dentatura decidua normalmente allineati o spesso spaziati ( solo raramente affollati). In questa fase si ha la massima crescita in larghezza fig 90 Fig 90 : in grigio alla nascita, in rosso al completamento della dentizione decidua ( circa 2 anni ).

57 57 Nella successiva prima fase di permuta (incisivi) laumento in larghezza è limitato. In profondità si ha un aumento nella zona frontale ( per eruzione più vestibolare degli incisivi permanenti) e minimo spostamento distale del molare deciduo fIG 91: in grigio dentatura decidua completa ( 2 anni), in rosso dentatura mista ( circa 8 anni) fig 91

58 58 Nella seconda fase di permuta ( canini,premolari) si assiste ad un leggero aumento della distanza intercanina e un progressivo aumento della dimensione trasversale procedendo verso i molari Fig 92: in grigio dentatura mista in rosso dentatura completa Fig 92: Ritorna dia 59

59 59 Nella sovrapposizione dei tracciati tra i 7 e i 18 a. (fig 93a), effettuata sulla base cranica, si osserva un movimento in basso e in avanti sia dei molari che degli incisivi. In una sovrapposizione che valuti in particolare le variazioni a carico del mascellare ( fig 93 b) si osserva una maggiore mesializzazione del molare rispetto algli incisivi: circa 5 mm per i molari e 2,5 mm per gli incisivi. Quindi il massimo della lunghezza darcata si avrà in dentatura mista e non nella dentatura completa ( vedi fig 92) Fig 93a 7 anni 18 anni Fig 93 b Vedi fig 92

60 60 Esistono valide prove a sostegno della possibilità clinica di variare la morfologia e la crescita del complesso mascellare. Non solo i meccanismi di compenso dento-alveolari ma anche il sistema delle suture è capace di adattarsi alle forze con direzione posteriore (trazioni extra-orali), anteriori (maschera di Delaire) e trasversali (espansore). c) aspetti clinici:

61 61 BIBLIOGRAFIA 10) SCOTT JH.: Studies in the growth of the upper jaw. Dent Rec 1948; 68: ) RIOLO ML, MOYERS RE, MCNAMARA JA, HUNTER WS : An atlas of craniofacial growth: cephalometric standards from the university school growth study, the University of Michigan. Monograph 2. Craniofacial growth series. Ann Arbor ) SCHMUTH GPF, CHOW KW, DRESCHER D : Comparison of cephalometric mean values. European J Orthod 10: 68-71, ) FORD EHR : Growth of the human cranial base. Am J Orthod 44 : , 1958

62 62 40) DE COSTER L : Anew line of reference for the study of lateral facial teleradiographs. Am J Orthod 39 : , ) STAMRUD L : External and internal cranial base : a cross-section study of growth and association in form Acta Odontol Scand 17 : , ) SCOTTJH : Dento-facial development and growth. Pergamon Press, Oxford ) SOLOW B, TALLGREN A : Head posture and craniofacial morphology. Am J Physical Anthropology 44: , ) SMAHEL Z, SKVARILOVA B : Multiple correlations between craniofacial characteristics : an X-ray study Am J Physical Anthropology 77: , 1988

63 63 45) BACON W, EILLER V, HILDWEIN M, DUBOIS G : The cranial base in subjects with dental and skeletal class II Europ J Orthod 14: , ) KERR WJS, ADAMS CP : Cranial base and jaw relationship. Am J Physical Anthropology 77: , ) KASAI K, RICHARDS LC, BROWN T : Comparative study of craniofacial morphology in Japanese and Australian Aboriginal populations. Human Biology 65 : , ) HOPKIN GB, HOUSTON WJB, JAMES GA :The cranial base as an aetiological factor in malocclusion. Angle Orthod 38 : , 1968

64 64 49) JARVINEN S :Saddle angle and maxillary prognathism : a radiological analysis of association between the NSAr and SNA angles. British J Orthod 11: , ) KERR WJS, HIRST D : Craniofacial characteristics of subjects with normal and postnormal occlusion. A longitudinal study. Am J Orthod Dentofacial Orthop 92: , ) HILDWEIN M, BACON W, TURLOT JC, KUNTZ M : Specificites et discriminants majeurs dans une population de class II division I dAngle Revue Orthop Dento-Faciale 20: , 1986

65 65 52) KOSKI K, RONNING O : Growth potential of subcutaneously transplanted cranial base synchondroses of the rat Acta Odont Scand,27: , ) COBEN SE : Growth and class II treatment. Am J Orthod 52: 5-15, ) BJORK A, SKIELLER V : Postnatal growth and development of the maxillary complex,in McNamara JA Jr /ed): Determinats of Mandibular Form and Growth, monograph 4. Craniofacial Growth Series. Ann Arbor, Mich, Center for Human Growth and Development, University of Michigan, ) ENLOW DH, BANG S : Growth and remodelling of the human maxilla Am J Orthod 51: , 1965


Scaricare ppt "1 A. C. Rev febb 1999 - SECONDA PARTE. 2 1) volta del cranio: a) funzioni b) crescita: b1) meccanismi e luoghi b2) cronologia b3)meccanismi di compenso."

Presentazioni simili


Annunci Google