La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Economia Politica I Gruppo F-O Pagina Docente: UNIVPM ALESSANDRO STERLACCHINI

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Economia Politica I Gruppo F-O Pagina Docente: UNIVPM ALESSANDRO STERLACCHINI"— Transcript della presentazione:

1 Economia Politica I Gruppo F-O Pagina Docente: UNIVPM ALESSANDRO STERLACCHINI

2 Crediti, lezioni, esami 10 crediti (su 60 del primo anno) 72 ore di lezioni frontali (6 a settimana, lun.-mar.-mer.) 20 ore di esercitazioni (2 il giovedì) Prerequisiti: conoscenze di Matematica generale (studio di funzioni e derivate) Esame: Prova scritta (esercizi e domande) più prova orale

3 Microeconomia (Economia Politica I): studio di come i consumatori e le imprese prendono le loro decisioni e interagiscono tra loro, tramite scambi o transazioni Macroeconomica (Economia Politica II): studio del comportamento aggregato di una economia (inflazione, crescita economica, disoccupazione, debito pubblico)

4 DI CHE COSA SI OCCUPA LA MICROECONOMIA Chi produce cosa, come e quanto? Chi consuma cosa e quanto? Interazioni (scambi) tra produttori e consumatori: il mercato come meccanismo di coordinamento Quali beni e servizi vengono prodotti e consumati, in che quantità, a quale prezzo? Per produrre tali beni quali fattori produttivi (lavoro, capitale) vengono impiegati? In che quantità? Come vengono remunerati?

5 Diagramma di flusso tra individui e imprese (Figura 1.1- Staffolani – Microeconomia)

6 Come è possibile che il sistema economico- sociale funzioni in modo regolato e non caotico nonostante sia composto da soggetti (imprese, famiglie) che perseguono al meglio i propri interessi? Adam Smith: nella ricerca del proprio benessere, ogni individuo agisce come se fosse guidato da una mano invisibile che lo indirizza verso il raggiungimento del benessere di tutti Metafora per illustrare il funzionamento e gli esiti del mercato e della concorrenza

7 Il laissez faire: ridurre al minimo le interferenze dello stato nelleconomia Tuttavia, lo stesso Smith era anche consapevole che alcuni soggetti, nel perseguire il proprio interesse possono ostacolare la concorrenza Gli uomini dello stesso mestiere, di rado si riuniscono […] senza che la conversazione finisca in una cospirazione contro il pubblico, o in qualche invenzione per innalzare i loro prezzi

8 Lanalisi economica successiva ha individuato una pluralità di situazioni in cui il mercato, lasciato a sé stesso, fallisce Monopoli (potere di mercato), fornitura di beni pubblici, esternalità: necessità dellintervento pubblico per ovviare ai fallimenti del mercato Vi è poi il problema della fallacia di composizione: talvolta, ciò che è vantaggioso per i singoli non è detto che lo sia anche per la collettività

9 Paul Krugman, The Big Fail, New York Times, January 6, 2013 "The financial crisis led, through several channels, to a sharp fall in private spending: residential investment plunged […]; consumers began saving more [….]. And this fall in private spending led, inevitably, to a global recession. For an economy is not like a household. A family can decide to spend less and try to earn more. But in the economy as a whole, spending and earning go together: my spending is your income; your spending is my income. If everyone tries to slash spending at the same time, income will fall - and unemployment will soar."

10 Adam Smith ( ) Nacque a Kirkaldy in Scozia, da famiglia modesta; il padre morì prima che lui nascesse A 14 anni entrò nelluniversità di Glasgow (!) Nel 1740 (17 anni) vinse una borsa di studio per frequentare luniversità di Oxford, in cui trascorse 6 anni Non fu un periodo di grandi soddisfazioni Come scrisse successivamente: NellUniversità di Oxford la maggior parte dei pubblici professori hanno per molti anni abbandonato totalmente anche lapparenza di insegnare

11 Nel 1751 venne chiamato dallUniversità di Glasgow dove insegnò prima logica e poi filosofia morale Nel 1762 smise di insegnare alluniversità e svolse lattività di precettore di un giovane nobile Dalla Francia il 5 luglio 1764 scrive allamico David Hume: Ho iniziato a scrivere un libro, tanto per fa trascorrere il tempo. Puoi credermi, ho molto poco da fare Dopo vari rimproveri di Hume, alla fine La Ricchezza delle Nazioni fu pubblicata nel 1776 (Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti) Trascorse gli ultimi 13 anni della sua vita come Commissario di Sua Maestà alle Dogane di Scozia

12 Ricerche sopra la natura e le cause della RICCHEZZA DELLE NAZIONI (1776) La divisione del lavoro Gli scambi e il mercato Valore duso e Valore di scambio Prezzo naturale e Prezzo di mercato Virtù e limiti della concorrenza


Scaricare ppt "Economia Politica I Gruppo F-O Pagina Docente: UNIVPM ALESSANDRO STERLACCHINI"

Presentazioni simili


Annunci Google