La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IPOFISI Ladenoipofisi deriva da una estroflessione della cavità orale detta tasca di Ratke Cresce posteriormente e si colloca nella sella turcica perdendo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IPOFISI Ladenoipofisi deriva da una estroflessione della cavità orale detta tasca di Ratke Cresce posteriormente e si colloca nella sella turcica perdendo."— Transcript della presentazione:

1

2 IPOFISI Ladenoipofisi deriva da una estroflessione della cavità orale detta tasca di Ratke Cresce posteriormente e si colloca nella sella turcica perdendo le connessioni con la cavità orale intorno alla 11ma settimana

3 IPOFISI Due porzioni funzionalmente distinte –Adenoipofisi –Neuroipofisi

4 IPOFISI La persistenza della connessione attraverso il dotto craniofaringeo dà origine ad un tumore benigno: il craniofaringioma.

5 IPOFISI La neuroipofisi deriva da un diverticolo del pavimento del terzo ventricolo; migra verso la sella e si connette con ladenoipofisi primitiva verso lottava settimana di gestazione.

6 IPOFISI Classificazione delle cellule delladenoipofisi basata sullematossilina- eosina: –acidofile (rosse) –basofile (blue) –cromofobe (non colorate)

7 Cellule delladenoipofisi Tipo cellulare: somatotropo Ormone: Ormone della crescita (GH) Colorazione: acidofila Localizzazione: soprattutto nelle porzioni laterali delladenoipofisi. Copre circa il 50% della popolazione

8

9 GHRHSRIF HGH sonnoeserciziostressiperaminoacidemia e ipoglicemia post- prandialeACTHADHclonidinapropranololo5HTdopaminergiciencefaline iperglicemia post- prandiale acidi grassi elevati somatostatina somatomedina C progesteroneglucocorticoidifentolaminaisoproterenolo Meccanismo di stimoli sul GH

10

11 Meccanismo dazione del GH effetti acuti insulinosimili –positivizzazione del bilancio azotato –riduzione della massa adiposa –riduzione dellutilizzazione dei glucidi effetti ritardati –lipolisi dei trigliceridi –aumentata sensibilità alle catecolamine –inibizione captazione ed utilizzazione del glucosio –stimolazione secrezione di insulina azioni in gran parte mediata dalle somatomedine

12 Effetti metabolici del GH azioni sul metabolismo proteico: + trasporto aminoacidi nelle cellule + sintesi proteica - catabolismo proteico azioni sul metabolismo lipidico: + mobilizzazione dal tessuto adiposo + acidi grassi liberi plasmatici + ossidazione acidi grassi Azioni sul metabolismo glucidico: - glicolisi + glicogenosintesi + glicemia

13 Somatomedine somatomedina C (IGF 1) –PM 7500 –simile alla proinsulina –recettori specifici IGF 1 e recettori insulinici –azione: crescita cellulare –stretta dipendenza dal GH IGF 2 –recettori spcifici IGF 2 –azione: crescita cellulare –dipendenza dal GH, da chiarire somatomedina A –proteina neutra, simile alla somatomedina C somatomedina B –identica allepidermal growth factor (EGF)

14 Meccanismi dazione dei fattori di crescita Il GH e le somatomedine agiscono attivando cascate di protein chinasi Il GH attiva un recettore associato a JAK-STAT, che attiva la trascrizione genica Le somatomedine attivano un recettore-tirosin chinasi, che attiva la cascata di fosforilazione MAP Tra le proteine fosforilate dalla cascata MAP ci sono anche fattori di regolazione della trascrizione nucleare come c-Jun Ifattori nucleari attivati dal GH e dalle somatomedine possono interagire con i recettori tiroidei

15 Accrescimento osseo Durante lo sviluppo, le ossa lunghe si allungano nelle regioni cartilaginee poste in prossimità delle epifisi. Terminato lo sviluppo queste zone di accrescimento scompaiono e losso si salda in un corpo unico

16 Acromegalia Lacromegalia è una condizione clinica che risulta da un prolungato eccesso di GH circolante nelladulto dopo la saldatura delle cartilagini di coniugazione 1886 Pierre Marie descrive per la prima volta lipertrofia delle estremità incluse faccia mani e piedi 1891 Minkoski nota che tale ipertrofia è associata ad allargamento dellipofisi 1909 Cushing nomina Iperpituitarismo tale condizione 1922 Evans dimostra che liniezione di estratto di ghiandola ipofisaria anteriore provoca gigantisno nel ratto non adulto e sindrome acromegaly-lyke nel cane adulto

17 Epidemiologia Prevalenza circa 50 casi per milione Incidenza annua 3-4 casi per milione Uguale frequenza nei due sessi Colpisce maggiormente intorno alla 3°-4° decade di vita

18 Eziopatogenesi 99% dei casi leccesso di GH è dovuto ad un Adenoma ipofisario che nel 70% è un Macroadenoma e nel 30% è un Microadenoma Casi rari <1% dovuti a ipertrofia delle cellule somatotrope mediata dal GHRH prodotto in eccesso dallipotalamo (gangliocitomi o amartomi) Secrezione extraipofisaria di GH è stata documentata in un solo caso

19 Manifestazioni cliniche Lacromegalia è una patologia a lenta progressione quindi spesso la diagnosi è tardiva quando le complicanze sono già presenti Lipersecrezione di GH esercita i suoi effetti con azione diretta sul metabolismo ma soprattutto attraverso laumentata sintesi epatica di IGF-1 che è responsabile delle alterazioni ossee cartilaginee e viscerali

20 Manifestazioni cliniche Le manifestazioni più precoci sono: Ipertrofia dei tessuti molli Accrescimento delle parti acrali (mani, piedi naso e mandibola) Cambiamento dei caratteri fisiognomici: Facies Acromegalia caratterizzata da 1.Prognatismo 2.Diastasi dentaria e malocclusione 3.Sporgenza delle bozze frontali 4.Deformazione piramide nasale

21 Manifestazioni cliniche La cute è spessa seborroica e sudata con accentazione delle pieghe cutanee Lipertrofia della laringe e lampliamento dei seni nasali porta allabbassamento del timbro della voce Astenia e debolezza Iperidrosi Lipertrofia osteocartilaginea può condurre ad artrite degenerativa cifoscoliosi a volte stenosi spinale Sindrome del tunnel carpale

22 Manifestazioni cliniche Visceromegalia: Ghiandole salivari Fegato (epatomegalia) Milza (splenomegalia) Reni Tiroide (gozzo) Lingua (macroglossia) Oligo-amenorrea (72%) Mal di testa (55%) Impotenza (36%)

23 Manifestazioni cliniche Compressivi locali: Cefalea Emianopsia temporale Idrocefalo (raro) Rinorrea del liquor Epilessia temporale

24 Complicanze e prognosi Lacromegalia si associa ad aumentata mortalità e morbilità con una diminuzione dellaspettativa di vita (in media <10 anni) Complicanze respiratorie 50% dei pazienti presentano ostruzione delle vie aeree superiori Sleep-apnea è una delle complicanze più serie, si presenta in circa il 70% dei pz.

25 Complicanze neoplastiche È noto che GH ed IGF-1 sono potenti stimoli alla proliferazione di cellule sia sane che neoplastiche e possono agire come fattori permissivi per lazione di altri fattori di crescita Studi sono condotti per valutare il ruolo del GH e dellIGF-1 nella patogenesi di neoplasie soprattutto di mammella colon apparato linfoematopoietico Il 50% degli acromegalici sviluppa poliposi del colon Complicanze e prognosi

26 Complicanze metaboliche Insulino resistenza 80% dei pz Alterato metabolismo glucidco 20-40% dei pz Diabete mellito tipo %dei pz Diabete ipofisario Un eccesso di GH provoca chetosi e iperglicemia, (diabete ipofisario) similmente al diabete pancreatico. nel diabete ipofisario, il glucosio entra nelle cellule ma non viene utilizzato. Un prolungato stato di iperglicemia può esaurire le cellule produttrici di insulina del pancreas, e provocare diabete pancreatico secondario.

27 Complicanze cardiovascolari e ipertensione arteriosa Più importante causa di morte in questi pz Ipertrofia concentrica con fibrosi interstiziale Alterazioni elettrocardiografiche di ipertrofia ventricolare sinistra Aritmie Ispessimento parete arteriosa Prevalenza di ipertensione 13-60% dei pz Complicanze e prognosi

28 Diagnosi La diagnosi di acromegalia si basa su: Segni e sintomi clinici Elevati livelli plasmatici di GH ed IGF-1 Alterata risposta del GH e dellIGF-1 ai test dinamici Alterazione del ritmo circadiano del GH Radiologica (TAC/RMN)

29 Diagnosi Alterazione del normale ritmo circadiano del GH: Ritmo del GH Nellacromegalia si ha una maggior frequenza di picchi secretori e assenza del picco secretorio notturno

30 Diagnosi Alterazione dei Test dinamici: Test OGTT: Nei soggetti normali liperglicemia determina una riduzione dei livelli di GH mentre negli acromegalici non si registra questo effetto inibitorio I tumori GH-secernenti rispondono a stimoli che non hanno nessun effetto nei soggetti normali RISPOSTA PARADOSSA: Test al TRH al GnRH-test Allo stimolo con GHRH il GH può rimanere invariato o mostrare una risposta eccessiva rispetto al normale

31 Diagnosi Dopo che i test di laboratorio hanno confermato il sospetto clinico di acromegalia è necessaria una valutazione radiologica del cranio: RMN Ipofisi: 1) per valutare se si tratta di un Macroadenoma o un microadenoma o uniperplasia 2) per valutare leventuale presenza di complicanze delle strutture adiacenti per una scelta terapeutica RX cranio:

32 Terapia Ci sono tre possibili approcci terapeutici: 1.Terapia chirurgia 2.Terapia medica 3.Terapia radiante

33 1.Terapia chirurgica Ladenectomia per via transfenoidale rappresenta lintervento di prima scelta La percentuale di successo varia in base allesperienza del chirurgo con indici di guarigione dell80% per i microadenomi e del 50% per i macroadenomi Vantaggi: Decompressione delle strutture adiacenti Complicanze Ipopituitarismo post-chirurgico

34 2.Terapia medica Dopamino-Agonisti: Cabergolina e Bromocriptina Usati soprattutto nei pz con tumori a secrezione mista GH/PRL Abbassano i livelli di GH nel 20% e dellIGF-1 nell8% Analoghi della somatostatina: Octreotide Lanreotide Si somministrano sottocute. Oggi esistono dei preparati LAR che possono essere somministrati 1 volta/28 giorni Antagonisti del recettore del GH: Pegvisomant

35 3.Terapia radiante Si può ricorrere alla terapia radiante nei pz che hanno una persistente ipersecrezione postoperatoria o presentino controindicazioni allintervento chirurgico Il tempo che intercorre tra lirradiazione e la risposta clinica è lungo (anni) quindi va associata una terapia medica Effetti collaterali e complicanze: Locali (1-2%) Lesione dei nervi ottici Paralisi dei nervi cranici Necrosi tissutale Disturbi della memoria Letargia Ipopituitarismo (50%) dopo 10 anni dal trattamento Nuove metodiche: Radiochirurgia (gamma knife)

36 Cellule delladenoipofisi Tipo cellulare: Lattotropo Ormone: Prolattina Colorazione: Acidofila o cromofoba Localizzazione: Sparse, specie regione posterolaterale; circa il 15%

37

38 IPOTALAMO IPOFISI DOPAMINA (-)PRF (+) ? TRH ? VIP ? Prolattina Mammella Cellule galattotrope

39 Eziopatogenesi Cause di iperprolattinemia: 1.Deficit di controllo inibitorio dellipotalamo mediante secrezione di Dopamina (adenoma non-secernente) 2.Difetto dei meccanismi di trasporto della Dopamina 3.Resistenza recettoriale alla Dopamina 4.Adenoma Prolattino-secernente (causa più frequente) 5.Da farmaci (es. antidepressivi)

40 Manifestazioni cliniche Femmine: –Galattorrea (30- 80%) –Amenorrea –Infertilità –Diminuzione libido Maschi: –Impotenza –Diminuzione libido –Galattorrea (<30%)

41 Manifestazioni cliniche Compressivi locali: Cefalea Emianopsia temporale Idrocefalo (raro) Rinorrea del liquor Epilessia temporale

42 Diagnosi La diagnosi di iperprolattinemia si basa su: Segni e manifestazioni cliniche Test dinamici Dosaggio sierico della PRL basale Dosaggio della curva della PRL RMN encefalo/ipofisi Campo visivo

43 Terapia Terapia chirurgica: Adenectomia transfenoidale Terapia medica: Dopamino-Agonisti: Bromocriptina Cabergolina: hanno un effetto positivo sia sui livelli ematici di PRL sia sulle dimensioni del tumore essendo per questo talvota utilizzati come trattamento pre-chirurgico


Scaricare ppt "IPOFISI Ladenoipofisi deriva da una estroflessione della cavità orale detta tasca di Ratke Cresce posteriormente e si colloca nella sella turcica perdendo."

Presentazioni simili


Annunci Google