La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Carlo Scarpa Università di Brescia. Diverse chiavi di lettura Drammatica Ambiti in conflitto Scuole di pensiero contrapposte Smith v. Colbert Chiunque.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Carlo Scarpa Università di Brescia. Diverse chiavi di lettura Drammatica Ambiti in conflitto Scuole di pensiero contrapposte Smith v. Colbert Chiunque."— Transcript della presentazione:

1 Carlo Scarpa Università di Brescia

2 Diverse chiavi di lettura Drammatica Ambiti in conflitto Scuole di pensiero contrapposte Smith v. Colbert Chiunque vinca, la collettività perde Cooperativa Si tratta di ambiti complementari Una contrapposizione finta 2

3 Comunque sia… Almeno un (s)oggetto misterioso lo abbiamo Definizioni di politica industriale? Conflitto o complementarietà? La politica della concorrenza è un di cui della politica industriale? 3

4 Se guardiamo alla natura profonda dei due termini Politica della concorrenza Tutela (antitrust): facciamo funzionare i mercati Promozione : estendiamo lambito nel quale si compete Politica industriale Aiutiamo (tutte?) le imprese Indirizziamo i settori industriali Talvolta anche in direzioni diverse da quelle indotte dal mercato 4

5 Politica industriale: aspetti non controversi Sostegno alla R&D pubblica Sostegno alla formazione pubblica di capitale umano Sviluppo delle infrastrutture Politica energetica generale 5

6 Politica industriale: aspetti controversi Interventi selettivi, sector specific Agevolazioni sullacquisto di fattori produttivi Credito Energia Lavoro … Interventi selettivi, firm specific Sostegno alla R&D Sostegno alla formazione Da valutare rispetto a quanto limpresa avrebbe fatto comunque 6

7 Aree di interazione e trade off Posizione dominante in settori high-tech (efficienza statica e dinamica) Cartelli di crisi (interessi dei consumatori) Fusioni e acquisizioni Creazione di campioni Acquisizioni da parte di azionisti esteri Aiuti di Stato 7

8 Aiuti di Stato: si fa, ma non si dice… Nel 2011 gli aiuti di Stato non legati alla crisi sono ammontati complessivamente a 64,3 mld, pari allo 0,5% del PIL dell'UE. Industria e servizi : 52,9 mld (0,42% del PIL UE) agricoltura : 8,7 mld (0,07% del PIL UE) trasporti : 2,2 mld (0,02% del PIL UE) A parte: sovvenzioni al settore ferroviario 32,3 mld, pari allo 0,25% del PIL dell'UE. 8

9 Trend di lungo periodo EU 27, escluso il ferroviario, esclusi quelli legati alla crisi La riduzione degli obblighi di comunicazione potrebbe contare… 9

10 La crisi è stata una buona scusa per deviare… Aiuti legati alla crisi concessi al settore finanziario: 31,7 mld (0,25% del PIL UE) Garanzie non ancora rimborsate: 682,9 mld (5,4% del PIL dell'UE) 10

11 Cè aiuto e aiuto (better aid) Aiuti orizzontali Regionali R&D, formazione Aiuti verticali A specifici settori Distinzione in pratica assai dubbia Anche quelli etichettati come orizzontali hanno spesso nome e cognome 11 Da Lisbona (2000) gli aiuti verticali sono definitivamente classificati come tabù

12 Settore auto: better aid – o better packaging ? A partire dal 2000, letichetta regional development rimpiazza quella sectoral development 12 Nicolini, Scarpa e Valbonesi (JICT, 2013)

13 Quasi scomparsi i salvataggi auto (fino alla crisi) Rescue and restructuring ante 2000 Grandi salvataggi Francia e GB Una decina di casi anni Novanta Rescue and restructuring Nessuno o quasi (EU 15) La privatizzazione (totale o parziale) allenta i legami 13

14 Concorrenza tra imprese o tra paesi? EuropeiAltriTotale Europa Ovest Francia Germania GB Italia Spagna Altri Europa Est R. Ceca Polonia Russia Slovacchia Altri Est TOTAL Problema di concorrenza o di sviluppo regionale? Settore auto – assembly plants – Klier and Rubinstein 14

15 US: lindustria auto emigra 1980: molti impianti fuori mappa 2010: solo 2 impianti fuori mappa Aste per incentivi a nuovi impianti (Alabama, Mississippi) 15

16 Quando ci sono le crisi si interviene «davvero»: è aiuto? Il Chrysler 1979 bailout Prestito garantito da 1.5 bn $ Ripagato nel 1983 con un rendimento per il Governo federale di 350 M $ Automobile Industry Financing Program, 2008 GM 50 bn Chrysler 20 bn In entrambi i casi: prestito + equity 16

17 Auto – UE: La irrazionalità impera Dicembre 2006, Polonia Aiuti per 82 M a FSO (Daewoo) In cambio della riduzione di capacità produttiva di 1/3, da circa veicoli/anno a / anno Non devi salvarti usando denaro pubblico per poi espandere la tua produzione… Paghiamo per aumentare i prezzi… 2007: nuovi impianti Repubblica Ceca (Hyunday, M) Slovacchia(Kia, 32.4 M). 17

18 Una importante differenza La concorrenza tra imprese (normalmente) aumenta lefficienza La concorrenza tra paesi (normalmente) no… Decisore pubblico spesso orientato a interessi elettorali di breve periodo Se la politica industriale seguisse uno schema razionale… 18

19 Una possibile convergenza? Un aiuto che concentra le risorse su un settore non favorisce una impresa rispetto ad altre Crea in realtà più concorrenza Competition friendly industrial policy Problema «vero»: chi può prevedere meglio la dinamica dei settori? Stato o mercato? 19

20 Non solo cosa ma come Riportare gli aiuti di stato nellambito delle politiche regionali è possibile, e forse desiderabile Cruciale la procedura trasparente per determinare chi riceve laiuto Cruciale anche la fiducia nei controlli sovranazionali (federali) sul rispetto di tali criteri 20


Scaricare ppt "Carlo Scarpa Università di Brescia. Diverse chiavi di lettura Drammatica Ambiti in conflitto Scuole di pensiero contrapposte Smith v. Colbert Chiunque."

Presentazioni simili


Annunci Google