La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ferrara, 8 aprile 2009 CAMERA DI COMMERCIO DI FERRARA AL SERVIZIO DELLE IMPRESE La struttura, i progetti e le attività nel 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ferrara, 8 aprile 2009 CAMERA DI COMMERCIO DI FERRARA AL SERVIZIO DELLE IMPRESE La struttura, i progetti e le attività nel 2008."— Transcript della presentazione:

1 Ferrara, 8 aprile 2009 CAMERA DI COMMERCIO DI FERRARA AL SERVIZIO DELLE IMPRESE La struttura, i progetti e le attività nel 2008

2 8 aprile 2009 La Camera di Commercio di Ferrara al servizio delle imprese 2 Lidentità della Camera di Commercio La missione: promuovere il sistema Ferrara, attraverso il raccordo e la collaborazione con tutti gli interlocutori presenti sul territorio; offrire al tessuto imprenditoriale servizi amministrativi ed economici sempre più efficaci e qualificati; favorire lo sviluppo delle imprese e del contesto in cui operano, attraverso iniziative nel campo dellinternazionalizzazione, dellinnovazione, dello sviluppo infrastrutturale, della finanza per limpresa e accesso al credito, del marketing turistico e sviluppo locale. I valori: efficacia, efficienza ed economicità della gestione; trasparenza, pubblicità e semplificazione delle procedure; definizione di obiettivi comuni con tutti gli attori del territorio (imprese, associazioni, professionisti, consumatori); qualità delle prestazioni; sussidiarietà dellazione camerale, attraverso lindividuazione di nuove aree di interesse non ancora presidiate dal mercato; capacità progettuale; investimento nelle nuove generazioni, in termini di occupazione, formazione e innovazione. 70 RISORSE UMANE presso la Camera di Commercio IMPRESE ATTIVE iscritte nel Registro delle Imprese MILIONI di EURO Valore della ricchezza prodotta e distribuita nel 2008

3 8 aprile 2009 La Camera di Commercio di Ferrara al servizio delle imprese 3 Programmi trasversali, interventi specifici. Per dare forza al mercato Gli interventi strategici Realizzare azioni intersettoriali, per rispondere trasversalmente alle esigenze generali del sistema economico; promuovere interventi mirati, per affrontare problematiche concernenti segmenti particolari delleconomia provinciale. Questo, in sintesi, il disegno strategico perseguito nel 2008 dalla Camera di Commercio, in linea con le caratteristiche e le richieste del tessuto produttivo. Innovazione e competitività territoriale Valorizzazione e certificazione delle produzioni tipiche Internazionalizza zione e nuovi mercati Credito e finanza Infrastrutturazione del territorio Marketing turistico Sostegno imprenditorialità Informazione economica, sistemi informativi ed e- government Regolazione del mercato Comunicazione strategica

4 8 aprile 2009 La Camera di Commercio di Ferrara al servizio delle imprese 4 Una organizzazione specchio delleconomia del territorio Gli organi della Camera di Commercio si Ferrara sono il Consiglio, la Giunta, il Presidente e il Collegio dei Revisori dei Conti. Le loro funzioni sono definite dalla legge 580/1993 e dallo Statuto: il Consiglio: è lorgano di direzione politica dellEnte, ne determina gli indirizzi generali e adotta gli atti fondamentali. Dura in carica 5 anni e i suoi membri sono nominati in rappresentanza delle Associazioni datoriali, delle Organizzazioni sindacali e delle Associazioni dei consumatori. Il numero dei Consiglieri è stabilito in base al numero delle imprese iscritte al Registro delle imprese e la composizione rispecchia i settori principali delleconomia della provincia. Nella Camera di Ferrara i consiglieri sono attualmente 27; la Giunta: ha funzioni esecutive e di governo dellEnte. Dura in carica 5 anni in coincidenza con il Consiglio e comprende il Presidente e 9 componenti; il Presidente: ha la rappresentanza legale e istituzionale della Camera e ne garantisce lunitarietà di indirizzo. E eletto dal Consiglio e dura in carica 5 anni; il Collegio dei Revisori dei Conti vigila sulla regolarità contabile e finanziaria della gestione camerale. E nominato dal Consiglio e dura in carica 4 anni. COMPOSIZIONE PERCENTUALE DEL CONSIGLIO CAMERALE

5 8 aprile 2009 La Camera di Commercio di Ferrara al servizio delle imprese 5 Il contesto socio economico La provincia di Ferrara presenta una densità abitativa inferiore al dato medio nazionale (134 abitanti per Kmq), accompagnata ad un grado di urbanizzazione limitato: con 4 comuni su un totale di 26 che contano più di abitanti. Il valore aggiunto prodotto in provincia di Ferrara è pari a circa 7,8 miliardi di euro, ascrivibili per il 68,7% al comparto dei servizi. La presenza di un numero ancora elevato di imprese agricole e una quota rilevante di occupati in agricoltura (8%) evidenziano il ruolo non certo marginale che il settore riveste nel sistema economico locale: il suo contributo alla formazione del v.a. (4,5%) è tra i più elevati in Italia. Ciò che caratterizza in particolar modo leconomia ferrarese è una equilibrata diversificazione tra tutti i settori di attività che contribuisce a determinare una crescita sostenibile, che gli indicatori statistici non possono fotografare. Le imprese registrate sono , delle quali attive. Queste ultime si concentrano, oltre che in agricoltura, principalmente nei settori del commercio (21,3%), dei trasporti, dellintermediazione e degli altri servizi (15,7%), delle attività manifatturiere e dellenergia (10,4%) e delle costruzioni (14,8 %). Nel periodo tra il 2003 e il 2008 le imprese ferraresi sono cresciute dell1,6% in termini di numerosità. In generale, si evidenzia un peso minore delle società e una maggiore incidenza delle imprese individuali rispetto ai dati nazionali (il 67,1% a fronte del 64,7%), ma stanno fortemente crescendo le società di capitale. Imprese attive per settore di attività Imprese attive per natura giuridica Dimensione delle imprese Oltre il 96,7% delle imprese ferraresi ha meno di 10 addetti (Italia 95%; Europa 90%). Il 99,6% ha meno di 50 addetti.

6 8 aprile 2009 La Camera di Commercio di Ferrara al servizio delle imprese 6 Un impegno costante verso lapertura ai mercati internazionali Import Var. % 08/07 Export Var. % 08/07 Propensione allexport Ferrara-2,4%-6,9%27,1% Emilia-Romagna+5,2%+9,2%36,1% Italia+5,6%+5,9%25,2% Leconomia della provincia nel suo complesso presenta un crescente grado di apertura agli scambi con lestero, con un sistema produttivo sempre più orientato a diversificare i propri mercati di sbocco. La propensione allesportazione (27,1%), seppur inferiore alla media regionale (36,1%), è ancora superiore a quella nazionale (25,2%) ed è complessivamente in crescita. Le esportazioni si concentrano per quasi il 40% nel settore dei mezzi di trasporto (motori e componentistica), per un po meno di un quarto nei prodotti chimici e per un sesto nel comparto della meccanica. Sono dirette, in gran parte, verso i Paesi dellUnione Europea: il 49,1% del totale se si considera la vecchia UE a 15 e il 62,9% se si considerano anche i Paesi dopo lallargamento a 27. Più in dettaglio, i mercati di sbocco principali sono gli Stati Uniti e la Germania, che insieme assorbono quasi un terzo del totale delle esportazioni. Dopo un ottimo 2007, le esportazioni hanno risentito nei primi sei mesi del 2008 del forte rallentamento della domanda mondiale. Export per attività economica - 1° semestre

7 8 aprile 2009 La Camera di Commercio di Ferrara al servizio delle imprese 7 La relazione sociale La Camera di Commercio e il suo pubblico La Camera di Commercio ha come interlocutori privilegiati: il sistema economico-produttivo del territorio, per il quale promuove e realizza servizi reali: imprese, professionisti e mondo accademico, consumatori, mondo del lavoro e sistema finanziario; la rete istituzionale, con il quale instaura collaborazioni e attua sinergie per azioni di sistema: attori locali, sistema camerale e Associazioni di categoria; gli stakeholder interni, gli organi camerali e il personale dellEnte; la Pubblica amministrazione centrale, soggetti eterogenei con cui si mantengono rapporti continui, in grado di creare valore economico e sociale. –IMPRESE – PROFESSIONISTI E MONDO ACCADEMICO –CONSUMATORI –MONDO DEL LAVORO –SISTEMA FINANZIARIO –ATTORI LOCALI –SISTEMA CAMERALE –MONDO ASSOCIATIVO –PA CENTRALE –PERSONALE CAMERALE –ORGANI CAMERALI CAMERA DI COMMERCIO DI FERRARA ALTRI STAKEHOLDER LA RETE ISTITUZIONALE IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO STAKEHOLDER INTERNI LA CAMERA DI COMMERCIO DI FERRARA

8 8 aprile 2009 La Camera di Commercio di Ferrara al servizio delle imprese 8 Proiettare le imprese oltre i confini nazionali Internazionalizzazione Il processo di internazionalizzazione delle imprese ferraresi si rivolge principalmente verso i Paesi, vecchi e nuovi, dellUnione Europea. Lintensificarsi dei rapporti economici e commerciali con queste aree ha moltiplicato la domanda di servizi informativi, formativi e di assistenza da parte degli operatori economici. Alle azioni storiche, come le agevolazioni per la partecipazione a manifestazioni fieristiche, la Camera di Commercio ha affiancato progetti mirati a favorire la penetrazione in Paesi Obiettivo di rilevanza strategica, individuati di anno in anno, nellambito del Programma di promozione allestero, varato dalla Giunta sentite le associazioni territoriali di categoria. Contemporaneamente, la Camera ha proseguito il processo di integrazione regionale dei servizi informativi per linternazionalizzazione, che ha portato al consolidamento sul territorio degli sportelli Sprint, in collaborazione, tra gli altri, con ICE, SACE e SIMEST. CERTIFICATI RILASCIATI PER IL COMMERCIO CON LESTERO ASSISTENZA SPECIALISTICA – SEMINARI TECNICI Partecipanti

9 8 aprile 2009 La Camera di Commercio di Ferrara al servizio delle imprese 9 Fondi per chi ha saputo produrre, innovare e valorizzare il territorio e le sue vocazioni Nei primi undici mesi del 2008 la Camera di Commercio ha erogato ben euro per il sostegno, in particolare, a progetti per lo sviluppo dellimprenditoria femminile e di programmi di internazionalizzazione, la realizzazione di cataloghi, depliant e monografie aziendali, il deposito di brevetti europei ed internazionali, ladozione di sistemi di qualità, di gestione ambientale e di responsabilità sociale e, in accordo con la Provincia di Ferrara, lincentivazione alla commercializzazione dei pacchetti turistici e al soggiorno in strutture ricettive della provincia di Ferrara. Gli interventi presentano un carattere trasversale rispetto ai settori economici e assumono la forma di incentivazione, in quanto concessi prima della realizzazione dellinvestimento. Grazie ad una migliore organizzazione interna, nonché allutilizzo del sistema CERC - un innovativo programma informatico che consente di comunicare in modo più efficace al Ministero per lo sviluppo economico – lerogazione del contributo avviene in soli 20 giorni dalla presentazione della relativa documentazione.

10 8 aprile 2009 La Camera di Commercio di Ferrara al servizio delle imprese 10 Marketing turistico: più forza al territorio (1) Le iniziative per il turismo Ha rappresentato uno dei punti centrali dellattività dellEnte nel Il turismo rappresenta per lintero territorio un settore primario. Dal suo sviluppo dipende, infatti, la crescita economica del sistema economico provinciale, anche in relazione al suo elevato grado di integrazione con le altre componenti delleconomia e per gli ampi riflessi che esso genera in termini occupazionali. Ma lattrattività del patrimonio storico, artistico, naturale ed eno-gastronomico della provincia di Ferrara non è sufficiente oggi – in piena globalizzazione – ad assicurare competitività al nostro territorio. Ecco perché, con la sottoscrizione il 10 marzo 2008 di un apposito protocollo dintesa, Camera di Commercio e Provincia di Ferrara hanno inteso dotarsi di strumenti di coordinamento utili per la programmazione di interventi di promozione e sostegno più efficaci, organici ed incisivi. Tale collaborazione ha portato, ad oggi: alla realizzazione delle lezioni di territorio nelle date del 14, 21 e 28 marzo, con oltre 150 partecipanti; alla realizzazione, in collaborazione con Isnart (Istituto Nazionale Ricerche Turistiche), del progetto Marchio di Qualità alberghi, ristoranti e campeggi. Nel 2008 hanno ricevuto il marchio complessivamente 31 strutture ricettive (che si vanno ad aggiungere alle 34 dello scorso anno), di cui 8 alberghi, 21 ristoranti e 2 campeggi; BANDO COMMERCIALIZZAZIONE TURISTICA FATTURATO COMPLESSIVO GENERATO ,00 NUMERO COMPLESSIVO PACCHETTI TURISTICI VENDUTI 236 PERNOTTAMENTI GENERATI Ferrara1.159 Comacchio 522 Altri Comuni (Lagosanto, Codigoro)44 Totale1.725 Aggiornato al 9 dicembre 2008

11 8 aprile 2009 La Camera di Commercio di Ferrara al servizio delle imprese 11 Marketing turistico: più forza al territorio (2) alla pubblicazione di un bando per la concessione di contributi a favore delle agenzie di viaggio locali per la commercializzazione di pacchetti turistici nella provincia di Ferrara; alla realizzazione di un forum sul turismo, luogo dincontro virtuale per gli operatori turistici della provincia: sul portale ogni operatore può proporre idee, suggerimenti e trovare informazioni utili per lo svolgimento della propria attività (attivato nel mese di giugno); alla realizzazione di un innovativo servizio ai turisti di verifica e opzione last minute dei posti letto disponibili a Ferrara; alla valorizzazione e diffusione, anche attraverso la collaborazione con il Basket Club Ferrara, del marchio territoriale Ferrara Terra e Acqua. SERVIZIO LAST MINUTE FATTURATO COMPLESSIVO GENERATO 9.421,00 NAZIONALITA TURISTI UTILIZZATORI Italiani115 Stranieri123 PERNOTTAMENTI GENERATI Numero camere128 Numero pernottamenti 239 TIPOLOGIA STRUTTURA Affittacamere24% Alberghi67% Bed & breakfast9% Aggiornato al 9 dicembre 2008

12 8 aprile 2009 La Camera di Commercio di Ferrara al servizio delle imprese 12 Idee e tecnologie per qualificare prodotti e processi Innovazione Per sostenere programmi orientati allinnovazione e al trasferimento tecnologico, la Camera nel 2007 ha puntato su interventi di sistema in grado di accrescere la propensione allinnovazione del tessuto economico provinciale, con importanti ricadute sul territorio. Per lattuazione dei programmi, lEnte si è avvalso anche dellAssociazione per linnovazione e della Università di Ferrara, con la quale ha realizzato, tra gli altri, il progetto Bando per linnovazione ed il trasferimento tecnologico nelle imprese. Il successo delliniziativa (2 imprese hanno addirittura assunto il ricercatore individuato dallUniversità) ha suggerito alla Camera di Commercio il consolidamento del progetto, anche attraverso servizi di consulenza per lintroduzione di prodotti a minore impatto ambientale. Marchi e brevetti La Camera di Commercio riceve le domande di deposito dei brevetti e dei marchi e offre consulenza e informazioni, anche attraverso il proprio sito web, sulle procedure per la registrazione. Supporta, inoltre, gli utenti, come Centro PIP (Centro di Informazione Brevettuale) nelle ricerche, attraverso la consultazione di banche dati, che consentono di verificare se il brevetto o il marchio che si intende depositare sia già stato registrato. Pratiche depositate e Ricerche effettuate Marchi italiani434 Modelli utilità7 Marchi internazionali49 Traduzione Brevetti europei29 Invenzioni37 Disegni e modelli4 Ricerche di anteriorità svolte come centro PIP90 MARCHI E BREVETTI Trasmissione telematica pratiche allUIBM (Ufficio Italiano Brevetti e Marchi) Direttamente da parte dellutente (previo controllo dellufficio) – Trasmissione telematica 293 Tramite lo sportello assistito – Trasmissione cartacea141

13 8 aprile 2009 La Camera di Commercio di Ferrara al servizio delle imprese 13 Camera con vista: un patrimonio di informazioni Unità locali e addetti – Variazioni % Osservatorio delleconomia - Fonte: SMAIL Agric. e pesca Indu- stria Costru- zioni Com- mercio Terzia- rioTOTALE Alto ferrarese U.L. -7,6-1,910,7-0,22,2-0,1 Add. -7,90,24,13,39,42,1 Medio ferrarese U.L. -3,8-3,47,4-1,0-1,1-1,0 Add. -4,31,7-32,2-0,14,6-5,3 Basso ferrarese U.L. -5,1-3,14,5-0,82,5-1,2 Add. -3,44,55,21,018,05,0 Capoluogo U.L. -4,2-0,36,40,32,20,9 Add. -4,4-1,311,61,57,73,7 Copparese U.L. -7,1-3,80,7-3,03,7-3,0 Add. -7,0-0,30,0-0,34,8-0,5 Costa U.L. 5,0-2,73,10,10,01,9 Add. 5,4-3,91,00,38,22,7 TOTALE U.L. -3,0-1,85,9-0,21,60,2 Add. -2,6-0,4-0,11,37,92,1 Analisi economiche territoriali La Camera di Commercio ha consolidato negli ultimi anni il proprio ruolo di osservatorio economico privilegiato sul territorio provinciale. Effettua rilevazioni e analisi sullandamento delleconomia provinciale e ne diffonde i risultati presso il pubblico. Non solo: mette a disposizione degli utenti numerose banche dati, frutto delle informazioni raccolte nello svolgimento delle attività amministrative e implementate costantemente da indagini e ricerche periodiche (Atlante della competitività, Movimprese, Excelsior, analisi dei Bilanci, commercio estero). Osservatorio delleconomia, prezioso strumento per tenere costantemente sotto controllo landamento delleconomia ferrarese, con lapporto dei componenti di Enti locali, Università, Banca dItalia, Casse di Risparmio di Ferrara e di Cento, e Associazioni di categoria, arricchito da focus su attuali temi congiunturali di interesse. Sistema informativo SMAIL (Sistema Monitoraggio Annuale sulle Imprese e il Lavoro), accessibile on line, con il quale la Camera offre indicazioni statistiche, per ciascun comune, sulle imprese, le loro unità locali e i relativi addetti. Rapporto sui bilanci delle società di capitale: un filone di ricerca che rappresenta una originale chiave di lettura delle complesse dinamiche in atto nel sistema locale di impresa. Prende in esame le più significative dinamiche economiche, reddituali, patrimoniali e finanziarie delle società di capitali, incluse quelle cooperative, rapportandole ad altri ambiti territoriali, in unottica di benchmark.

14 8 aprile 2009 La Camera di Commercio di Ferrara al servizio delle imprese 14 Interventi per favorire laccesso al credito Accesso al credito La Camera di Commercio favorisce laccesso al credito degli operatori economici, attraverso lerogazione ai consorzi fidi di contributi finalizzati allincremento dei loro fondo rischi e allabbattimento del tasso di interesse praticato dalle banche. Al fine, inoltre, di aiutare le PMI ad affrontare la crisi che ha investito i mercati finanziari mondiali coinvolgendo il sistema del credito, la Camera di Commercio costituisce un Fondo intersettoriale provinciale ( euro) utilizzabile per la concessione di garanzie aggiuntive su finanziamenti accesi dalle PMI e garantiti da Consorzi e Cooperative di Garanzia Fidi, con lo scopo di facilitare laccesso al credito a breve e a medio termine delle imprese per esigenze di liquidità. Un fondo straordinario Un intervento straordinario per favorire la liquidità alle imprese, aumentando il livello di garanzie oggi sostenuto dai sistemi dei Confidi. E un piano da oltre 1 milione di euro quello varato nei giorni scorsi dalla Camera di Commercio e dalla Provincia di Ferrara, in collaborazione con i Comuni del territorio ferrarese, per rispondere in modo concreto alle difficoltà congiunturali delle piccole e medie imprese di tutti i settori economici. CONTRIBUTI CONSORZI FIDI PER SETTORE

15 8 aprile 2009 La Camera di Commercio di Ferrara al servizio delle imprese 15 Servizi e interventi a tutela del cittadino Nel segno della correttezza e della trasparenza Relazioni commerciali imparziali, oneste, chiare. Sono stati gli obiettivi della Camera di Commercio nel 2008, per promuovere lo sviluppo equilibrato del sistema economico provinciale a garanzia di chi lavora e di chi consuma. Luogo di incontro e mediazione tra le esigenze dei diversi protagonisti del mercato, la Camera di Commercio controlla i processi, verifica i prodotti, agevola la risoluzione delle controversie, informa sulla attendibilità delle imprese. In tempi rapidi. Arbitrato e conciliazione: sono procedure di risoluzione delle controversie economiche, alternative alla giustizia ordinaria. Dal 2008, in collaborazione con lUniversità di Ferrara e la Camera Arbitrale di Milano. la Camera di Commercio fornisce assistenza nella fase di redazione delle convenzioni arbitrali internazionali. Relativamente alla conciliazione, oltre alla stipula con il Tribunale di Ferrara e gli Ordini e Collegi professionali della provincia di un protocollo di intesa per la sperimentazione della conciliazione delegata, ha preso il via la Commissione per il controllo delle clausole vessatorie nei contratti. Pubblicazione dei protesti: è una banca dati nazionale che raccoglie i nominativi dei soggetti che hanno subito protesti a causa del mancato pagamento di vaglia cambiari, assegni bancari o cambiali. Il rilascio delle visure consente ai cittadini di verificare la sussistenza di protesti cambiari a carico di una persona fisica o giuridica. ARBITRATI CONCILIAZIONI PROTESTI PUBBLICATI * PROTESTI CANCELLATI * Aggiornato al 9 dicembre 2008

16 8 aprile 2009 La Camera di Commercio di Ferrara al servizio delle imprese 16 La comunicazione come funzione strategica Saper fare, saper comunicare Oggi saper fare non basta: occorre anche saper comunicare quello che si fa. Non a caso la Camera di Commercio di Ferrara attribuisce alla comunicazione funzione strategica, potenziando i canali di trasmissione delle informazioni: allinterno, per veicolare notizie utili, sostenere la coesione e il senso di appartenenza; allesterno per far conoscere le sue attività e i suoi servizi, consolidando il dialogo con i suoi pubblici di riferimento. Attraverso il Piano di comunicazione - uno strumento in grado di integrare le strategie con unampia gamma di mezzi e canali – la Camera organizza i suoi interventi per diffondere allinterno e allesterno una immagine coerente con il suo nuovo ruolo. Nel 2008 la Camera ha operato su due linee di intervento: il rafforzamento del brand e il potenziamento delle attività di informazione alla stampa e allutenza. E stato riqualificato il logo e sono state definite le regole per il suo utilizzo, codificate in un manuale dimmagine coordinata. Nellambito della produzione editoriale, la Camera ha potenziato il periodico di cultura e informazione economica La Pianura, attraverso la ridefinizione dei contenuti, il rinnovamento della linea editoriale, lampliamento del target e della tiratura. E stata potenziata lattività verso la stampa con linvio di 110 comunicati stampa, che hanno prodotto oltre 876 articoli, il 23% in più rispetto allanno precedente. Rafforzare lidentità e il ruolo della Camera di Commercio di Ferrara TERRITORIO UTENTE PROCESSI INTERNI APPRENDIMENTO E CRESCITA Promuovere e diffondere progetti e attività dellente, con particolare riferimento a internazionalizzazione e innovazione Sviluppare competenze specialistiche di respiro internazionale, anche tramite rapporti con società camerali e associative estere Promuovere lidentità e il brand della Camera di Commercio Sviluppare una logica dazione di sistema Diffondere allinterno una comune cultura della comunicazione Innovare le modalità di comunicazione e scegliere i migliori canali di contatto Sviluppare la dimensione internazionale dellufficio stampa Raggiungere con efficacia imprese, cittadini e opinione pubblica

17 8 aprile 2009 La Camera di Commercio di Ferrara al servizio delle imprese 17 Il Comitato per limprenditoria femminile Informare, orientare, assistere Il Comitato, composto da un rappresentante del Consiglio camerale, nonché da rappresentanti indicati dalle associazioni territoriali di categoria e dalle organizzazioni sindacali, ha, nel corso del 2008: proposto suggerimenti nell'ambito della programmazione delle attività camerali riguardanti lo sviluppo e la qualificazione della presenza delle donne nel mondo dell'imprenditoria; promosso indagini conoscitive per determinare i problemi che ostacolano l'accesso delle donne nel mondo del lavoro; realizzato iniziative per lo sviluppo dell'imprenditoria femminile, anche tramite specifiche attività di formazione imprenditoriale e professionale a favore delle donne imprenditrici ed aspiranti tali; facilitato l'accesso al credito; favorito la qualificazione imprenditoriale femminile; attivato un sistema di collaborazioni sinergiche con gli enti pubblici e privati che sul territorio sono impegnati nella promozione delle pari opportunità. Imprese attive femminili Percentuale sul totale imprese Percentuale sul totale regionale Var. % 2008/2007 FERRARA ,3%8,6%+1,1% Emilia- Romagna ,4%100,0%+1,6% Italia ,0%-+1,5%

18 8 aprile 2009 La Camera di Commercio di Ferrara al servizio delle imprese 18 In rete con le altre Camere di Commercio Valori e percorsi comuni La Camera di Commercio di Ferrara è un nodo della rete camerale, di cui condivide valori e orientamenti. La definizione di percorsi comuni con le altre articolazioni del Sistema arricchisce gli interventi di nuovi significati e contenuti e li proietta in contesti più ampi. LEnte ferrarese è parte integrante del sistema camerale italiano e della rete regionale delle Camere di Commercio, coordinata da Unioncamere Emilia- Romagna. In sinergia con tutti i soggetti appartenenti al sistema, la Camera di Ferrara apporta il proprio contributo al raggiungimento degli obiettivi comuni (sono tante le Camere di Commercio italiane che hanno acquistato nel 2008 il know how del Portale della Camera di Ferrara); allo stesso tempo trae vantaggio dallappartenenza alla rete, che le consente di ottenere risultati difficilmente raggiungibili singolarmente. Realizza progetti innovativi, partecipa ai percorsi di qualificazione delle risorse umane e tecnologiche, usufruisce delle economie di scala che si sviluppano allinterno del sistema: tutto ciò le permette di sostenere lo sviluppo del territorio e di valorizzare le imprese che vi operano. Visitatori del sito NOVEMBRE 2007NOVEMBRE 2008

19 8 aprile 2009 La Camera di Commercio di Ferrara al servizio delle imprese 19 Scenari di sviluppo delleconomia provinciale E-RItaliaE-RItaliaE-RItalia Prodotto interno lordo +0,1%-0,2%+0,1%-0,3%+1,1%+0,8% Consumi delle famiglie -0,1%-0,3%-0,2%-0,3%+1,1%+0,9% Esportazioni+1,2%+1,6%-0,3%+0,6%+2,6%+3,5% Investimenti fissi lordi +1,5%+0,2%+1,1%+0,1%+1,3%+0,3% Laggravarsi della crisi finanziaria internazionale ha fortemente accresciuto le incertezze circa le prospettive delleconomia mondiale. Anche escludendo una ulteriore deriva degli eventi, è tuttavia ormai certo che le conseguenze della crisi finanziaria avranno effetti consistenti sulleconomia reale. Le previsioni delleconomia italiana sono state ripetutamente riviste verso il basso per il prossimo biennio: lo slittamento del rilancio al 2010 spiega il peggioramento del PIL nel 2009 (-0,3%). Peraltro, secondo le stime formulate da Unioncamere- Prometeia, lEmilia- Romagna, nonostante un andamento poco favorevole sui mercati esteri, sarà nel 2009 lunica regione italiana in leggerissima crescita (+ 0,1%), favorita da un livello relativamente alto degli investimenti fissi lordi delle imprese. E auspicabile, anche se al momento non certo facilmente prevedibile, che Ferrara possa agganciarsi al traino – più lento ma sempre molto robusto – della locomotiva regionale, adeguandosi ai (ridotti) ritmi di crescita dei suoi fondamentali. Il rischio principale è rappresentato dalla forte presenza, nellambito della struttura produttiva ferrarese, di attività collegate allautomotive (motori, componentistica), in piena crisi sullintero scenario mondiale, con evidenti ripercussioni sul livello dellexport provinciale. Previsione crescita PIL del FMI novembreottobre novembre Mondo+3,7%+3,9%+2,2% Paesi avanzati+1,4%+1,5%-0,8% USA+1,4%+1,6%-0,7% Euro Zone+1,2%+1,3%-0,5% Italia-0,2%-0,1%-0,6% Giappone+0,5%+0,7%-0,2% Paesi emergenti+6,6%+6,9%+5,1% Cina+9,7%+9,8%+8,5%


Scaricare ppt "Ferrara, 8 aprile 2009 CAMERA DI COMMERCIO DI FERRARA AL SERVIZIO DELLE IMPRESE La struttura, i progetti e le attività nel 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google