La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CNA Le nuove disposizioni in materia di sicurezza delle macchine Luogo e Data.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CNA Le nuove disposizioni in materia di sicurezza delle macchine Luogo e Data."— Transcript della presentazione:

1 CNA Le nuove disposizioni in materia di sicurezza delle macchine Luogo e Data

2 Gli antecedenti

3 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente3 Regolamentazione precedente Il fabbricante secondo lArt. 7 del DPR 547/55 aveva lobbligo di produrre macchine sicure => linadempienza rappresentava un reato istantaneo al momento della commercializzazione Successivamente allorché la macchina entrava nellambiente lavorativo, la responsabilità del costruttore era sempre più circoscritta e passava di fatto allutilizzatore (reato ricorrente e continuativo) Le macchine per essere sicure dovevano rispondere allarticolato del DPR 547/55 e allo stato dellarte dellepoca (L. 186/68) => Il Datore di lavoro subentrava nellassunzione integrale di responsabilità sulla sicurezza delle macchine

4 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente4 PASSAGGIO DALLA VECCHIA ALLA NUOVA NORMATIVA DI SICUREZZA Vecchio sistema (DPR 547/55 e DPR 303/56) : Macchine rivestite di Sicurezza: Le macchine sono rivestite di sicurezza con lapposizione di dispositivi di sicurezza, ripari e protezioni scarsa funzionalità su una macchina così abbondantemente protetta da potere perfino creare fastidio Nuovo sistema (Direttive Macchine): Macchine a sicurezza Integrata : La sicurezza si sposta a monte deve essere integrata nella fase stessa della Progettazione Il progettista tra le tante variabili quali la scelta dei materiali,della norma,ecc. deve anche considerare anche la sicurezza

5 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente5 Il Nuovo Approccio

6 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente6 Nuovo Regime Normativo È il sistema delle Direttive di Nuovo Approccio nate agli inizi degli anni 80 allo scopo di facilitare la realizzazione di un mercato interno e scoraggiare limportazione di merci di concorrenza Le Direttive Europee sono obbligatorie ma devono essere inserite negli ordinamenti legislativi degli stati membri per acquisire valore giuridico con atti di RECEPIMENTO NAZIONALE I contenuti delle Direttive vengono esplicitati dalle Norme Armonizzate, non obbligatorie, ma atte a garantire ai costruttori che le applicano la PRESUNZIONE DI CONFORMITA ai RES = REQUISITI ESSENZIALI DI SICUREZZA (limitatamente alle norme di prodotto, però... cosiddette norme C).

7 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente7 Le Direttive di Nuovo Approccio 1) direttive concepite in termini di OBBIETTIVI GENERALI 2) rinvio a norme facoltative quale riferimento tecnico 3) responsabilizzazione del COSTRUTTORE 4) garanzie di una terza parte indipendente per i prodotti di maggiore pericolosità 5) nessun controllo preventivo delle autorità pubbliche sulla circolazione dei prodotti

8 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente8 Le Direttive Macchine

9 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente9 La macchina sicura Una macchina secondo le Direttive Macchine è ritenuta sicura se la sicurezza è integrata sin dalla fase della progettazione il fabbricante deve seguire tre fasi : 1) eliminazione dei rischi alla fonte progettando una macchina già sicura grazie alla scelta di norme e materiali affidabili 2) neutralizzazione dei rischi non eliminabili nella fase di progettazione mediante dispositivi di sicurezza, ripari e protezioni e, in casi estremi, tramite segnaletica. 3) Qualora sulla macchina pensata e realizzata sicura, integrata dai dispositivi di sicurezza o ripari necessari, permangano dei RISCHI RESIDUI, questi devono essere segnalati allutilizzatore nel Manuale dUso

10 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente10 I contenuti delle Direttive Macchine La circolazione, la messa in esercizio, limpiego sono liberi e non assoggettabili a nessun controllo preventivo da parte di nessuno Stato Apposite procedure (di valutazione della conformità), di carattere amministrativo stabiliscono come dimostrare che i requisiti sono stati raggiunti La Direttiva Macchine elenca nellALLEGATO IV le macchine ritenute di maggiore pericolosità e, in quanto tali,assoggettate a un controllo preventivo più stringente

11 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente11 I requisiti delle Macchine Le macchine devono essere: 1)accettabilmente sicure 2)costruite in base ad un progetto tecnico 3)riconoscibili 4)accompagnate da una assunzione di responsabilità da parte del Costruttore 5)assoggettate a regimi che offrano maggiori garanzie di sicurezza se maggiormente pericolose

12 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente12 Fascicolo Tecnico Per dimostrare la veridicità tecnica di quanto affermato, il costruttore deve conservare presso di sé il progetto della macchina e tutto ciò che è servito a dimostrare la sua sicurezza, a disposizione delle Autorità Per le macchine NON in Allegato IV FT può essere approntato al momento, dando così la possibilità al costruttore di adattarlo alle richieste delle Autorità Per le macchine in Allegato IV questa possibilità non è data in quanto FT deve essere redatto prima della messa in circolazione e depositato presso un Organismo Notificato che lo conserva

13 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente13 Fascicolo Tecnico - Finalità Prima della commercializzazione : 1) certificazione di esame CE di Tipo 2) Dichiarazione CE di Conformità e la marcatura CE Dopo la commercializzazione : 1) dimostrare la conformità della macchina ai requisiti essenziali di sicurezza 2) rispondere positivamente alle richieste delle Autorità competenti ed eventualmente impostare una linea di difesa in caso di provv. giudiziario

14 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente14 Fascicolo Tecnico - Contenuti Disegno complessivo della macchina completo degli schemi dei Circuiti di Comando Disegni dettagliati accompagnati dai Calcoli elenco dei RES, delle Norme, e delle altre specifiche tecniche applicate nella progettazione e nella fabbricazione descrizione delle soluzioni adottate per prevenire i rischi qualsiasi certificazione o relazione tecnica rilasciata da un organismo o laboratorio competente una copia del Manuale dUso e Manutenzione e Dichiarazione CE di Conformità

15 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente15 Procedura di Certificazione per macchine e Componenti di Sicurezza NON in Allegato IV Costruire il Fascicolo Tecnico Compreso Manuale dUso compilare la Dichiarazione CE di Conformità Apporre la Marcatura CE (salvo i Componenti di Sicurezza)

16 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente16 Componenti di Sicurezza Rispetto dei R.E.S. Stesura Dichiarazione di Conformità Realizzazione del Fascicolo Tecnico Marcatura CE (solo se sotto Direttiva BT)

17 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente17 Procedura di Certificazione per macchine e Componenti di Sicurezza in Allegato IV Costruire FT Conformi a N.A. ? NO SI Esame CE di Tipo Dichiaraz. Conf. CE Marcatura CE Trasmissione o verifica FT o Esame CE di Tipo Dichiaraz. Conf. CE Marcatura CE

18 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente18 I POTERI DELLE AUTORITA STATALI IN ITALIA La Direttiva Macchine è una direttiva di prodotto e riguarda lintera vita lavorativa di una macchina, tuttavia si applica nella sola fase di commercializzazione Il Ministero dello Sviluppo Economico può provvedere al RITIRO DAL MERCATO ma non può sequestrare una macchina in uso Dal momento in cui la macchina inizia il suo impiego ricade sotto la responsabilità del Ministero del Lavoro e del Ministero della Salute Tali ministeri hanno lobbligo di accertare e neutralizzare il rischio sul luogo di lavoro, quindi possono vietare limpiego della macchina ma non possono ritirarla dal mercato Il Ministero dellInterno segnalerà la potenziale pericolosità alla U.E.

19 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente19 La nuova Direttiva macchine

20 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente20 La Nuova Direttiva Macchine GUCE L157 09/06/2006 Direttiva 2006/42/CE entro il 29/06/2008 obbligo di Recepimento Dal 29/12/2009 applicazione OBBLIGATORIA

21 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente21 La Nuova Direttiva Macchine 29 giugno 2006 entra in vigore senza alcun effetto immediato e diretto per le imprese Nellintervallo di tempo compreso tra il 29/06/2006 e il 29/12/2009 ( data a partire dalla quale si applica la Nuova Direttiva Macchine ) non esiste un vuoto normativo La Direttiva 98/37/CE resta applicabile fino al momento in cui diviene applicabile la Direttiva 2006/42/CE cioè il 29/12/2009, dopo tale data la Direttiva 98/37/CE viene ABROGATA Il campo di applicazione è stato riscritto per chiarire una serie di punti che erano stati oggetto di interpretazioni controverse

22 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente22 Campo di applicazione della DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE A.macchine : un insieme di pezzi o di organi di cui almeno uno mobile B.insiemi di macchine (linee automatizzate) C.attrezzature intercambiabili che modificano la funzione della macchina D.componenti di sicurezza interblocchi per ripari, comandi a due mani, fine corsa immessi separatamente sul mercato 2006/42/CE A.macchine B.insiemi di macchine C.attrezzature Intercambiabili che, assemblate alla M, ne modificano la funzione D.accessori di sollevamento, E.catene funi e cinghie F.dispositivi amovibili di trasmissione Meccanica G.Quasi Macchine H.componenti di sicurezza espletano funzioni di sic. e sono immessi separatamente sul mercato

23 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente23 Campo di applicazione della DIRETTIVA MACCHINE La Direttiva specifica che per Macchine si intende tutto ciò che è stato indicato nei punti precedenti ad esclusione delle Quasi Macchine Il campo di applicazione è stato inoltre esteso a ASCENSORI DA CANTIERE APPARECCHI PORTATILI A CARICA ESPLOSIVA (pistole sparachiodi, pistole per macellazione o per marchiare) APPARECCHI di SOLLEVAMENTO per PERSONE con velocità di spostamento NON superiore a 0,15 metri/secondo

24 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente24 ESCLUSIONI Gli Interruttori e i sezionatori in alta tensione I prodotti elettrici ed elettronici purché siano oggetto della Direttiva 2006/95/CE (Bassa Tensione ) : Elettrodomestici, apparecchiature audio e video, macchine ordinarie da ufficio, quadri elettrici, motori elettrici

25 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente25 Quasi Macchine Insiemi che costituiscono quasi una macchina, ma che, da soli non sono in grado di garantire unapplicazione ben determinata => un sistema di azionamento è una Quasi Macchina Le quasi macchine sono unicamente destinate ad essere incorporate o assemblate ad altre macchine o ad altre Quasi Macchine per costituire una Macchina Per queste QM non complete e quindi non in grado di essere utilizzate per una applicazione specifica i RES non si applicano nel loro insieme

26 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente26 Immissione sul mercato e Messa in Servizio Immissione sul mercato : prima messa a disposizione, allinterno della UE, a titolo oneroso o gratuito, di una macchina o di una quasi macchina a fini di utilizzazione o distribuzione Messa in Servizio : primo utilizzo, conforme alla sua destinazione, allinterno della UE, di una macchina

27 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente27 Obblighi per il Fabbricante o suo Mandatario per lImmissione sul Mercato di Macchine 1.accertare che la macchina soddisfi i RES dellAllegato I 2.accertare che il Fascicolo Tecnico sia disponibile 3.fornire il Manuale dUso e Manutenzione 4.espletare le Procedure di Valutazione della Conformità ai sensi dellArticolo 12 5.redigere la Dichiarazione di Conformità ai sensi dellAllegato II 6.apporre la Marcatura CE ai sensi dellArt. 16

28 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente28 Sorveglianza del Mercato Gli Stati membri devono istituire o nominare le Autorità Competenti per il Controllo del Mercato e cioè per il controllo della Conformità delle macchine informando la Commissione e gli altri Stati membri La sorveglianza del mercato garantisce lapplicazione corretta ed uniforme della Direttiva

29 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente29 Le Istruzioni per lUso Anche nel nuovo testo della Direttiva Macchine le istruzioni per luso sono trattate al punto Devono essere redatte nella lingua comunitaria ufficiale dello stato membro in cui la macchina viene immessa sul mercato e/o messa in servizio Devono essere Istruzioni originali o una traduzione delle istruzioni originali Nel caso venga consegnata una traduzione, deve essere allegata anche una copia delle istruzioni originali

30 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente30 Il Fascicolo Tecnico delle macchine Le disposizioni relative al fascicolo tecnico sono contenute nellAllegato VII A per le macchine, nellAllegato VII B per le quasi macchine La nuova direttiva ribadisce lobbligo della disponibilità di FT per dimostrare la conformità della macchina ai requisiti della direttiva FT deve riguardare : la valutazione di Conformità, la Progettazione, la Fabbricazione, ed il Funzionamento della macchina La modifica più significativa introdotta nella nuova direttiva riguarda lobbligo di inserire in FT la documentazione relativa alla Valutazione del Rischio che deve dimostrare la procedura seguita

31 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente31 Il Fascicolo Tecnico delle macchine Devono essere inclusi anche un elenco dei RES applicabili alla macchina Le misure di protezione attuate per eliminare i pericoli identificati Il fascicolo tecnico deve contenere una copia della Dichiarazione di Conformità e del Manuale dUso Se vengono incorporate delle quasi macchine in FT deve essere inclusa la Dichiarazione di Incorporazione e le Istruzioni di Assemblaggio FT non deve necessariamente trovarsi nel territorio della Comunità, né essere sempre materialmente disponibile, deve però poter essere reso disponibile da parte della persona nominata nella Dichiarazione CE di Conformità

32 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente32 La documentazione per le Quasi Macchine La Marcatura CE non si applica alle Quasi Macchine QM possono essere immesse sul mercato con: Istruzioni per lassemblaggio Allegato VI Dichiarazione di Incorporazione Allegato II, parte 1 sezione B Tale documentazione deve accompagnare la quasi macchina fino allincorporazione e deve poi far parte del Fascicolo Tecnico della macchina finale Essa deve riguardare la Valutazione di Conformità, la progettazione, la fabbricazione, ed il funzionamento della quasi macchina

33 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente33 Procedure per la marcatura CE La procedura si applica non solo alle macchine vere e proprie ma si estende a tutti i punti del campo di applicazione equiparati a macchine. Ne consegue che i componenti di sicurezza devono essere marcati CE e accompagnati da Dichiarazione CE di Conformità => non esiste più la dichiarazione di cui allAllegato II C Le novità più importanti riguardano le procedure di marcatura delle macchine in Allegato IV

34 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente34 Macchine NON in Allegato IV, procedura di Valutazione della Conformità Controllo Interno di Fabbricazione Dichiarazione CE Di Conformità Manuale dUso E Manutenzione Marcatura CE

35 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente35 Macchine in Allegato IV Se tali macchine sono costruite seguendo norme Armonizzate il costruttore può decidere di applicare a sua scelta la procedura di valutazione della conformità prevista per le altre macchine = 1)controllo interno sulla fabbricazione, oppure assoggettare la macchina alla 2)Certificazione CE di Tipo o infine applicare la 3)Procedura di garanzia di qualità Non è più previsto il deposito del Fascicolo Tecnico presso un Organismo Notificato Se la macchina non è costruita seguendo Norme Armonizzate il costruttore deve ottenere la Certificazione di Tipo da un O.N. oppure, applicare la Procedura di Garanzia Qualità Totale

36 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente36 Macchine in Allegato IV Il Costruttore ha Seguito una Norma ARMONIZZATA Controllo interno di Fabbricazione Certificazione CE di Tipo Sistema Garanzia Qualità Totale

37 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente37 Macchine in Allegato IV Macchina non costruita secondo Norma armonizzata Certificazione Ce di Tipo Sistema Garanzia Qualità Totale

38 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente38 Esame CE del Tipo NellAllegato IX si descrive la procedura con cui lON verifica e attesta che un modello rappresentativo di una macchina soddisfa i RES della Direttiva La novità più importante è costituita dallintroduzione di un periodo di 5 anni per la validità dellesame CE di Tipo, trascorso tale periodo il fabbricante deve chiedere allON di riesaminare la validità dellattestato

39 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente39 Garanzia Qualità Totale Una delle maggiori novità della Nuova Direttiva Macchine è lintroduzione per le macchine in Allegato IV in alternativa allEsame CE di Tipo, del Sistema Garanzia Qualità Totale LAllegato X descrive la procedura in base alla quale un ON valuta e approva il Sistema Qualità e ne controlla lapplicazione Il fabbricante deve applicare un Sistema Qualità per la Progettazione, la Fabbricazione, lIspezione Finale e il Collaudo

40 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente40 Dichiarazione ai sensi della Nuova Direttiva Macchine ( Allegato II ) 1) Dichiarazione CE di Conformità ( dichiarazione di tipo A ) attesta la conformità delle macchine comprese le attrezzature intercambiabili, i componenti di sicurezza, gli accessori di sollevamento, le catene funi e cinghie, i dispositivi amovibili di trasmissione meccanica 2) Dichiarazione di Incorporazione di Quasi Macchine ( dichiarazione di tipo B ) È obbligatorio fornire nome e cognome e indirizzo della persona autorizzata a costituire la Documentazione Tecnica pertinente, che deve essere stabilita nella comunità europea

41 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente41 Il decreto attuativo

42 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente42 Ambiti nazionali Il recepimento delle Direttive comunitarie consente agli Stati Membri di decidere: le modalità di sorveglianza del mercato; le modalità di regolazione degli organismi Notificati; lentità delle sanzioni per gli inadempienti; le disposizioni di coordinamento con lordinamento normativo nazionale e con la normativa previgente. In tal senso, rispetto a quanto già stabilito dalla Direttiva recepita, le disposizioni più importanti del Decreto in commento sono quelle contenute negli articoli 6, 11, e 19.

43 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente43 Sorveglianza del mercato Autorità competente il Ministero dello sviluppo economico in coordinamento permanente col Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Per gli accertamenti di carattere tecnico, le Autorità competenti potranno continuare ad avvalersi dellIstituto superiore di prevenzione e sicurezza del lavoro (ISPESL). Sono espressamente previste opportune interazioni tra gli organi di vigilanza sui luoghi di lavoro e le Autorità competenti. Anche le quasi macchine saranno assoggettate a vigilanza e, se non conformi alla nuova regolamentazione, potranno essere escluse dallimmissione sul mercato con provvedimento motivato e notificato allinteressato, adottato dal Ministero dello sviluppo economico, con lindicazione dei mezzi di impugnativa avverso il provvedimento stesso e del termine entro cui è possibile ricorrere.

44 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente44 Sorveglianza del mercato (seguito) Nel caso in cui una macchina sottoposta a controllo, pur se formalmente conforme alla nuova disciplina, dovesse risultare, per le sue caratteristiche suscettibile di arrecare pregiudizio alla sicurezza ed alla salute di persone e animali, sarà facoltà del Ministero dello sviluppo economico adottare provvedimenti atti a limitarne la circolazione, fino al ritiro dal mercato, con oneri a carico esclusivo del soggetto obbligato responsabile dellimmissione sul mercato. Il Ministero dello sviluppo economico comunicherà i provvedimenti adottati al Ministero del lavoro e delle politiche sociali ed agli organi segnalanti la presunta non conformità. Nel caso in cui la segnalazione pervenga da Organismi di vigilanza locali, quali ASL o ARPA, gli eventuali provvedimenti emessi nellambito delle attività di vigilanza saranno comunicati anche al Coordinamento Regionale di settore istituito presso la Conferenza Stato Regioni. Il Ministero dello sviluppo economico coopererà, secondo gli indirizzi dati dalla Commissione europea, con le autorità di sorveglianza del mercato degli altri Stati membri.

45 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente45 Organismi notificati Larticolo 11 disciplina gli Organismi notificati, la cui operatività è subordinata al possesso dei requisiti minimi stabiliti all'allegato XI, e dei requisiti integrativi che saranno stabiliti con successivo decreto del Ministero dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, da emanarsi entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore del decreto.

46 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente46 Le sanzioni Larticolo 15 stabilisce le sanzioni a carico degli inadempienti. Salvo che il fatto non costituisca reato, il fabbricante o il suo mandatario che immetta sul mercato ovvero metta in servizio macchine non conformi ai requisiti essenziali di sicurezza è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro a euro. Alla stessa sanzione è assoggettato chiunque apporti modifiche ad apparecchiature dotate della prescritta marcatura CE, che comportino la non conformità ai medesimi requisiti. il fabbricante di una quasi - macchina o il suo mandatario che contravviene alle prescrizioni specifiche a suo carico, di cui all'articolo 10 del decreto, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro a euro.

47 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente47 Sanzioni aggiuntive il fabbricante o il suo mandatario che a richiesta dellautorità di sorveglianza di cui allarticolo 6, ometta di esibire la documentazione tecnica di cui allallegato VII del decreto è punibile con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro a euro. il fabbricante o il suo mandatario che immetta sul mercato ovvero metta in servizio macchine che, seppure conformi ai requisiti essenziali di sicurezza, siano sprovviste della prevista dichiarazione di conformità è punibile con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro a euro. chiunque apponga o faccia apporre marcature, segni ed iscrizioni che possono indurre in errore i terzi circa il significato o il simbolo grafico, o entrambi, della marcatura CE ovvero ne limitano la visibilità e la leggibilità è punibile con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro a euro. chiunque promuova pubblicità per macchine che non rispettino le prescrizioni del decreto legislativo in commento è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro a euro.

48 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente48 Note sulle sanzioni Per rendere le sanzioni effettive e proporzionate allinteresse economico sotteso alla violazione, è previsto che i predetti importi minimi e massimi siano rideterminabili in relazione al fatturato connesso alla macchina per cui è rilevata la violazione. In ogni caso la sanzione applicata non può superare limporto massimo di euro. Al fine di incrementare e potenziare le attività di vigilanza, è previsto un onere economico aggiuntivo per il sanzionato, costituito dallobbligo di rifusione delle spese amministrative sostenute dalle Autorità vigilanti che saranno definite con successivo decreto del Ministro dello sviluppo economico, adottato di concerto con il Ministro delleconomia e delle finanze, da emanarsi entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore del decreto in commento.

49 Luogo – gg/mm/aaaa – Nome Cliente49 Norme di collegamento Le disposizioni di coordinamento sono contenute negli articoli 18 e 19 e stabiliscono labrogazione contestuale del DPR 459 del 1996, facendo salve le norme che disciplinavano le macchine immesse sul mercato precedentemente allentrata in vigore della normativa comunitaria, e prevedono una delega al Ministero dello sviluppo economico per apportare eventuali variazioni da apportare allelenco dei componenti di sicurezza particolarmente pericolosi e per definire le procedure di riconferma degli Organismi precedentemente notificati.

50


Scaricare ppt "CNA Le nuove disposizioni in materia di sicurezza delle macchine Luogo e Data."

Presentazioni simili


Annunci Google