La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Figure degli appunti del corso Fisica Terrestre per Scienze Ambientali a.a. 2004/2005 docente: Carla Braitenberg Capitoli 5-9.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Figure degli appunti del corso Fisica Terrestre per Scienze Ambientali a.a. 2004/2005 docente: Carla Braitenberg Capitoli 5-9."— Transcript della presentazione:

1 Figure degli appunti del corso Fisica Terrestre per Scienze Ambientali a.a. 2004/2005 docente: Carla Braitenberg Capitoli 5-9

2 Fig. 5.1 – Onda che si propaga nella direzione delle x positive

3 Fig Schema del fronte donda a)cilindrico e b)sferico

4 Fig. 6.1 Riflessione di unonda

5 Fig. 6.2 Rifrazione di unonda

6 Fig. 6.3 – Coefficienti di trasmissione dellenergia (energia/energia incidente) per londa P incidente su una interfaccia fra due solidi. Rapporto velocita P: vP1/vP2=0.5, rapporto densità: rho1/rho2=2, rapporto velocita vP su vS: vP1/vS1=1.87 (strato superiore) e vP2/vS2=1.73 (strato inferiore). Linea continua: onda P riflessa e trasmessa. Linea tratteggiata: S riflessa; Linea punto-tratteggio: S trasmessa; Tratteggio corto: P riflessa e trasmessa nel caso che le densità siano uguali (rho1=rho2) (da Fowler)

7 Fig. 6.4a – Conversione delle onde S e P in corrispondenza di una discontinuità

8 Fig. 6.4b – Conversione delle onde P in corrispondenza di una discontinuità. a) teoria b) esempio (da Musset Khan)

9 Fig. 7.1 rappresentazione schematica della riflessione dellonda sismica

10 Fig. 7.2 schema della riflessione in corrispondenza di un piano inclinato

11 Fig. 7.3 – schema della propagazione delle onde rifratte ad angolo critico

12 Fig. 7.4 – Tempi di arrivo dellonda diretta, riflessa e rifratta

13

14

15

16 Fig. 7.5 Nomenclatura delle onde sismiche riflesse e rifratte nella crosta terrestre. a) crosta omogenea b) crosta stratificata (da Kulhanen)

17 Fig Sismogramma di un evento sismico di M=5.9 registrato ad una distanza di 220 km con un sismometro Broad Band alla stazione GRF, Bavaria. Componenti orizzontali: E, N. Verticale: Z (da Kulhanen) velocità spostamento

18 Fig.8.1- costruzione del parametro del raggio nel modello modello terrestre composto da una serie di gusci concentrici sferici (da Fowler)

19 Fig. 8.2 – Rappresentazione di due raggi sismici attigui (da Fowler)

20 Fig Tabella dei tempi darrivo di Jeffreys-Bullen per distanze epicentrali da 30° a 49°. Prima colonna: distanza epicentrale, successive: Tempi darrivo per fuoco superficiale e successivamente per fuochi a 33, 96, 160, 223 e 350 km di profondità. Tempi dati per profondità ( )a-33 con a la frazione indicata in testa della colonna. A destra della colonna differenze dei tempi in 0.1s/deg (da Jeffreys e Bullen, 1967)

21 Fig Alcuni importanti raggi sismici allinterno della terra generati da un evento (Focus) superficiale (da Musset e Khan).

22 Fig Illustrazione del generarsi della zona dombra (da Musset, Khan). Linea tratteggiata: fronti donda distanziati del percorso corrispondente ad 1 min per le onde P. Zona dombra: da 98° a 144° per le onde P.

23 Fig Illustrazione delle onde superficiali. Onde di Raileigh: moto ellissoidale retrogrado delle particelle nel piano verticale. Onde di Love: Moto nel piano orizzontale ortogonale alla direzione di propagazione dellonda (da Musset and Khan).

24 Fig. 9.2 –Sismogramma nel quale è visibile la dispersione delle onde di superficie. Ipocentro: offshore Nicaragua, profondità=70 km, M=5.7, osservato a New York (da Fowler)

25 Fig. 9.3 –Tempi di arrivo dei principali raggi sismici in funzione della distanza epicentrale (da Fowler).

26 Fig. 9.4 –Scossa del 15 settembre, 1976 (m=5.4) in Friuli. Registrato con sismometro broad band a GRF, Bavaria, distanza epicentrale= 400 km. a) semento del sismogramma di velocità b) sismogramma di spostamento completo (da Kulhanen). a) velocità b) spostamento

27 Fig. 9.5 –Sismogramma (spostamento) di un evento della Grecia settentrionale del 23 maggio, 1978 (M=5.7, prof. Focale d= 9km) registrato as Uppsala, Svezia alla distanza epicentrale di 2160 km. Sismografo: Press-Ewing, componente verticale (da Kulhanen).

28 Fig. 9.6 – Sismogramma (spostamento) a tre componenti di un evento di media magnitudo. Registrazione di un sismografo broad-band a Uppsala, Svezia a 490 km di distanza epicentrale. Evento: Svezia sudoccidentale, M=4.6, del 15 giugno 1985, profondità ipocentrale d= 15 km (da Kulhanen).


Scaricare ppt "Figure degli appunti del corso Fisica Terrestre per Scienze Ambientali a.a. 2004/2005 docente: Carla Braitenberg Capitoli 5-9."

Presentazioni simili


Annunci Google