La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le abitazioni, le condizioni economiche e rischio di povertà 6 a indagine campionaria triennale sulle Condizioni di vita a Ferrara Anno 2009 Ufficio Statistica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le abitazioni, le condizioni economiche e rischio di povertà 6 a indagine campionaria triennale sulle Condizioni di vita a Ferrara Anno 2009 Ufficio Statistica."— Transcript della presentazione:

1 Le abitazioni, le condizioni economiche e rischio di povertà 6 a indagine campionaria triennale sulle Condizioni di vita a Ferrara Anno 2009 Ufficio Statistica Comune di Ferrara 29 giugno

2 Analisi delle condizioni abitative ed economiche, stili di vita e di consumo dei residenti nel Comune di Ferrara Valutazione dellincidenza di povertà Effettuata negli anni 1994, 1997, 2000, 2003, 2006 e 2009 Obiettivi dellindagine triennale 2

3 Disegno dellindagine Universo: Famiglie residenti nel comune di Ferrara Campione: 1000 famiglie estratte casualmente dagli archivi anagrafici. Metodo: Questionario con domande a risposte per lo più chiuse ad intervista diretta con rilevatore che si reca presso la famiglia campione Periodo di rilevazione: dicembre 2009 Risposte: questionari validi: 990 (errore campionario inferiore al 3,1% ad un livello fiduciario del 95%) mancate risposte (per dati reddito) 8,1% 3

4 Non sono rilevati persone temporaneamente presenti per motivi di studio o lavoro; persone che vivono ed hanno la residenza in una convivenza (case di riposo, alberghi, caserme, convivenze ecclesiastiche, ecc.); immigrati da altri comuni che per motivi di vario genere non hanno ancora provveduto al trasferimento di residenza; immigrati stranieri, principalmente extracomunitari, in posizione irregolare; nomadi e persone senza fissa dimora. 4

5 Ambiti dellindagine Informazioni generali sui componenti della famiglia: relazioni di parentela, sesso, età, stato civile, titolo di studio, condizione lavorativa e non, mezzo di sostentamento, stato di salute (sezione A). Notizie sullabitazione: titolo di godimento, tipologia, superficie, stanze, riscaldamento, e problemi abitativi (sezione B). Redditi e consumi familiari, valutazione delladegua- tezza delle risorse economiche delle famiglie, sussidi ricevuti, confronti con la situazione economica passata e aspettative per quella futura (sezione C). 5

6 Ambiti dellindagine Stili di consumo, andamento delle propensioni alla spesa nellultimo anno, difficoltà incontrate dalle famiglie nellacquisto di alcuni beni e servizi considerati essenziali (alimentari, spese per la casa, spese mediche, spese di istruzione per i figli, pagamento dei debiti) (sezione D). Possesso dei principali beni durevoli: mezzi di trasporto, televisore, elettrodomestici, computer, telefono fisso e cellulare, hi-fi, condizionatore, ecc. (sezione E). 6

7 Le abitazioni Le condizioni economiche Gli stili di vita e di consumo Risultati 7

8 Il numero medio di componenti per famiglia è 2,1 Le famiglie 8

9 Le abitazioni Il 72% delle famiglie intervistate è proprietaria o usufruttuaria dellabitazione in cui vive. Questa percentuale, in costante crescita fino al 2006, mostra nel 2009 una battuta di arresto. In Italia la quota di famiglie proprietarie è il 75%. Quasi un quarto delle famiglie proprietarie, il 24%, dichiara di pagare un mutuo. La percentuale di famiglie in affitto segna una lieve ripresa rispetto a tre anni fa: da 18,3% a 20,9%. Il rimanente 7,1% vive in una abitazione posseduta ad uso gratuito od ad altro titolo. Il proprietario delle abitazioni date in affitto è una persona fisica (62,9% dei casi), nel 27,7% dei casi lACER (percentuale in crescita nei quindici anni in esame) e limporto pagato dagli affittuari è mediamente di 359 euro al mese. Rispetto al 1994 laumento dellimporto medio degli affitti è stato di oltre il 130%. Il 9,7% delle famiglie in affitto riceve da enti pubblici (Comune, Regione, Provincia, ecc.) contributi o agevolazioni economiche per labitazione. 9

10 Le abitazioni Il 57% delle abitazioni sono appartamenti in condominio; il 16% villette mono e bifamiliari; le case indipendenti in ambito urbano, generalmente su più piani, sono il 13%; le villette a schiera il 10% (tipologia in crescita come diffusione); le case coloniche rurali il 3%. Il 70% hanno finiture civili, il 16% signorili, il 14% economico-popolari 10

11 Le abitazioni Le spese troppo elevate si sono rivelate il problema più assillante per il 56,5% delle famiglie ferraresi. Seguono linquinamento (16% aria 18% acustico) e la distanza dai servizi (pubblici e negozi di prima necessità). Il problema della criminalità e del vandalismo nella zona di residenza è sentito dal 13% delle famiglie. Le piccole dimensioni dellabi- tazione sono un problema di minor grado (9,1%), visto il sempre più ridotto numero di componenti delle famiglie, ed è contenuto il numero di abitazioni non adeguatamente riscaldate (2,8%), oppure senza adeguati servizi igienico- sanitari (2,5%), e sono il 6,6% quelle in cattive condizioni. 11

12 Mezzo di sostentamento Il principale mezzo di sostentamento delle persone intervistate è quello che deriva dallo svolgimento del proprio lavoro: il 42% degli intervistati percepisce un reddito da lavoro. Il 31% di intervistati ha una pensione per lattività svolta in passato o di reversibilità dal coniuge deceduto. Il 2,4% ha come fonte principale di reddito solo la pensione sociale, non avendo lavorato nel corso della vita, o di invalidità. Solo lo 0,2% ha redditi di tipo patrimoniale come principale mezzo di sostentamento L1,4% viene mantenuto da familiari non conviventi (assegni di mantenimento dei coniugi separati o contributi dei genitori ai figli non economicamente autonomi che vivono fuori dalla famiglia). I rimanenti componenti delle famiglie intervistati (22,4%) vengono mantenuti dai familiari conviventi non avendo una propria fonte di reddito (bambini, casalinghe, ecc.). 12

13 Mezzo di sostentamento 13

14 I redditi Nel 2009 le famiglie intervistate nel comune hanno dichiarato di percepire un reddito netto mensile pari in media a euro ca. Considerando, invece, il valore mediano, si può affermare che il 50% delle famiglie percepisce meno di euro al mese. La distribuzione del reddito familiare rilevata nel 2003, nel 2006 e nel 2009, segna uno spostamento verso lalto nei primi tre anni e poi rimanere pressoché invariata dal 2006 al Il valore medio è cresciuto del 10,5% dal 2003 al 2006, da a euro mensili. Nei successivi tre anni il valore medio è leggermente diminuito, 1914,41 euro (-0,7%). Il 42% degli intervistati ha dichiarato di percepire un reddito da lavoro: di questi l80% ha un lavoro alle dipendenze (dirigente, impiegato, operaio, apprendista, ecc.), mentre il rimanente 20% svolge un lavoro autonomo (imprenditore, libero professionista, lavoratore in proprio, coadiuvante). 14

15 I redditi 15

16 Le condizioni economiche Rispetto al 1994 i risparmiatori sono diminuiti (erano il 47% contro lattuale 43%) e sono pressoché costanti dal Si osserva un peggioramento del tenore di vita rispetto al Le famiglie con gravi difficoltà sono in aumento: ammontano nel 2009 all11% e alcune di esse devono contrarre debiti per fronteggiarle (1%). 16

17 Le condizioni economiche Il 36% delle famiglie intervistate dichiara di non essere in grado di affrontare con risorse proprie delle spese impreviste, di ammontare approssimativo di 750 euro. Cresce il numero di famiglie intervistate che dichiara di ricevere sussidi economici dalle istituzioni (5,1% in assegni di maternità, per la nascita dei figli, assegni di cura, pensioni di invalidità o accompagnamento, 2,5% per labitazione). Il 9,4% dichiara di ricevere aiuti economici da parte di parenti ed amici non appartenenti alla famiglia. Meno dell1% delle famiglie ha dichiarato di avere già o di essere in attesa di ricevere la Social Card. 17

18 Le condizioni economiche Valutazione della famiglia e aspettative 18

19 Gli stili di vita e di consumo Lindagine Istat sui Consumi delle Famiglie mostra fino al 2008 un andamento stazionario delle spese delle famiglie italiane. Le famiglie ferraresi dichiarano nel 50,7% dei casi che nel 2009 hanno quantitativamente ridotto i propri acquisti e consumi rispetto allanno precedente. 19

20 Gli stili di vita e di consumo 20

21 Possesso di beni durevoli 21

22 Possesso di beni durevoli 22

23 Povertà relativa Povertà soggettiva Condizioni di salute e povertà Alcune stime di povertà 23

24 La povertà relativa Lapproccio è di tipo relativo, in quanto la condizione di disagio economico viene definita rispetto allo standard medio della popolazione al momento dellindagine. Si utilizza il criterio del international standard of poverty line che definisce povera la famiglia di due persone che abbia un reddito/consumo non superiore al reddito medio pro-capite. Il metodo si estende alle famiglie di numerosità diversa mediante una scala di equivalenza. Il reddito medio pro-capite ferrarese rilevato ammonta a euro Sulla base dei redditi familiari dichiarati nelle interviste, la % di famiglie del comune che si colloca al di sotto dei valori soglia è risultata nel 2009 pari al 9,3%, che corrisponde in valore assoluto a famiglie nell'intero comune. Per la prima volta dal 1994 lincidenza di povertà relativa aumenta, da un valore che si era mantenuto stabile fino al 2003, attorno al 5%. 24

25 La povertà relativa 25

26 La povertà relativa Il contingente di famiglie sicuramente povere è cresciuto nel comune di Ferrara, indicando che a Ferrara vi è un maggior numero, rispetto alle precedenti rilevazioni, di famiglie che si trovano certamente in situazioni disagiate (nel 2003 erano il 2,4% e nel 2006 il 3,1%). 26

27 La povertà relativa 27

28 La povertà relativa La povertà relativa a Ferrara risulta del 9,3%, in crescita dopo la stabilità dellultimo decennio, con una crescita dellintensità di povertà, da 17,8% nel 1994 a 27,8% nel Cresce il contingente di famiglie sicuramente povere, collocati ben al di sotto della linea di povertà (sotto all80% della linea standard). Le famiglie disagiate, con unincidenza di povertà superiore al valore medio, sono più frequentemente: –Famiglie unipersonali (incidenza dell11,1%, in crescita rispetto al 2006) –Capofamiglia giovane (di età inferiore ai 35 anni) o anziano (superiore ai 65 anni) –Famiglie monogenitoriali con figli (incidenza del 19,4%, era 7,3% nel 1994) –Capofamiglia di sesso femminile (incidenza del 12,1%) –Capofamiglia senza occupazione (casalinga,disoccupato,inabile) –Capofamiglia con basso titolo di studio (incidenza del 13,6% per i senza titolo, del 9,1% tra chi ha la sola licenza elementare) –Capofamiglia separato (11,4%) o divorziato (12,5%), ma anche celibe/nubile (11,4%); –Famiglie con almeno un figlio minore (9,1% in crescita rispetto al 1994 che era il 5,3%) e famiglie con 3 o più figli; 28

29 La povertà relativa –Considerano le proprie risorse economiche scarse (65%) o assolutamente insufficienti (33%); –Per il 68% la situazione economica è peggiorata rispetto al passato; il 30% crede che nel futuro la propria condizione non si modificherà e il 24% si aspetta un miglioramento; –Il 74% non può affrontare spese impreviste di 750 euro; –Abitano in prevalenza nellarea cittadina (72%); –Vivono più frequentemente rispetto alla media comunale in abitazioni in affitto (47%), pagando un affitto medio di 260 euro; –Vivono in appartamento (74%) con finiture civili od economico popolari e più frequentemente rispetto alla media comunale evidenziano carenze qualitative dellabitazione; –Non possiedono lautomobile (41%), ma quasi tutti la bicicletta (86%); –Tutte possiedono il frigorifero, la televisione, la lavatrice e il telefono (58% fisso e 84% cellulare); –Non si concedono vacanze né mobili nuovi; –Hanno difficoltà a pagare le bollette, laffitto, le spese mediche e a rinnovare labbigliamento; il 21% anche le spese per gli alimenti. –L11% ha ottenuto sussidi economici dalle istituzioni, il 12% contributi per labitazione e il 7% ha la Social Card; il 27% è aiutato da amici e parenti non conviventi. 29

30 La povertà soggettiva La povertà soggettiva è un concetto che considera la percezione dello stato di disagio. E anchesso un indicatore monetario, perché è considerata povera una persona o un a famiglia al di sotto una certa soglia. Tuttavia tale soglia è stabilita non in base a criteri oggettivi (reddito o consumi), ma in base a indicazioni soggettive. quale è secondo Lei il reddito mensile minimo di cui dovrebbe disporre la sua famiglia per vivere senza lussi ma senza privarsi del necessario? Non individua una vera e propria fascia di indigenza, ma è correlato alle aspettative personali sullo standard di vita, al clima di fiducia dei consumatori ed alle valutazioni della situazione economica, presente e futura. 30

31 La povertà soggettiva In Italia secondo lIsae (avendo convenzionalmente posto il valore del reddito effettivo nel primo periodo di rilevazione pari a 100) a partire dalla metà del 2003 la linea del reddito necessario inizia una crescita molto marcata, che lo porta a differenziarsi radicalmente dal reddito effettivo, che aumenta in ritardo ed in misura molto minore. Fonte: Isae 31

32 Salute e povertà Tra le condizioni di deprivazione, lo stato di salute detiene un ruolo determinante. Quando le condizioni di salute di uno o più dei componenti di una famiglia non sono buone, ad una qualità di vita qualitativamente inferiore si aggiungono difficoltà di gestione familiare, la necessità di assistenza e certamente oneri economici aggiuntivi. Ad ogni intervistato del campione è stato chiesto di valutare la propria condizione di salute. Le persone che dichiarano di stare male sono l8,3% degli intervistati e l1,6% dice di stare molto male (forte prevalenza delle persone sopra i 65 anni (70%). Nel campione nel 17,1% delle famiglie è presente almeno una persone che dichiara che la sua salute va male o molto male. In particolare nel 3,1% delle famiglie vi è almeno una persona che sta molto male. Riconducendoci alla precedente analisi della povertà relativa, lincidenza di povertà per queste famiglie è superiore alla media comunale, 15,7% contro 9,3%. 32

33 Salute e povertà 33

34 Salute e povertà 34

35 Nuova sede della STATISTICA Dal 28 giugno 2010 lUfficio Statistica si è trasferito in via Monsignor Luigi Maverna, 4 (palazzo ex Eridania, zona Stazione – via del Lavoro). Tel Le pubblicazioni sono scaricabili dal sito 35


Scaricare ppt "Le abitazioni, le condizioni economiche e rischio di povertà 6 a indagine campionaria triennale sulle Condizioni di vita a Ferrara Anno 2009 Ufficio Statistica."

Presentazioni simili


Annunci Google