La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

D.Lvo 150/20091 DECRETO LEGISLATIVO 27 OTTOBRE 2009, N. 150.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "D.Lvo 150/20091 DECRETO LEGISLATIVO 27 OTTOBRE 2009, N. 150."— Transcript della presentazione:

1 D.Lvo 150/20091 DECRETO LEGISLATIVO 27 OTTOBRE 2009, N. 150

2 Struttura del decreto TITOLO I- Principi generali, art. 1 Oggetto e finalità TITOLO II – Misurazione, valutazione e trasparenza della performance. Artt Disposizioni generali – artt Il ciclo di gestione della performance Trasparenza – art Soggetti del processo di misurazione e valutazione artt TITOLO III - Merito e premi - artt.17 – Disposizioni generali – artt Premi – artt Norme finali e transitorie - artt. 29 – 31 D.Lvo 150/20092

3 Struttura del decreto TITOLO IV – Nuove norme generali sullordinamento del lavoro alle dipendenze delle Amministrazioni Pubbliche artt Principi generali – artt. 32 – Dirigenza pubblica – artt Uffici, piante organiche, mobilità, accessi artt. 48 – Contrattazione collettiva nazionale e integrativa artt. 53 – Sanzioni disciplinari e responsabilità artt. 67 – 73 TITOLO V – Norme finali e transitorie - art. 74

4 D.Lvo 150/20094 Titolo I Principi generali (art. 1) Riforma organica della disciplina del rapporto di lavoro dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni che interviene: Sulla contrattazione collettiva Sulla valutazione del personale e delle strutture Sulla valorizzazione del merito Sulla promozione delle pari opportunità Sulla dirigenza Sulla responsabilità disciplinare

5 D.Lvo 150/20095 TITOLO II Valutazione e misurazione della performance delle Pubbliche amministrazioni strutturedipendenti Il Titolo II disciplina il sistema di valutazione delle strutture e dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni e della performance individuale ed organizzativa. (art. 2) Le Amministrazioni Pubbliche adottano metodi e strumenti idonei a misurare, valutare e premiare la performance individuale ed organizzativa. (art. 3) Il rispetto delle presenti disposizioni è condizione necessaria per lerogazione dei premi legati al merito e alla performance. (art. 3)

6 D.Lvo 150/20096 FASI del Ciclo di gestione della performance (art. 4) Definizione ed assegnazione degli obiettivi da raggiungere,dei risultati attesi e dei rispettivi indicatori (art. 5). Collegamento tra obiettivi ed allocazione delle risorse. Monitoraggio in corso di esercizio ed interventi correttivi in itinere. (art. 6). Misurazione e valutazione della performance individuale ed organizzativa. Utilizzo dei sistemi premianti (valorizzazione del merito). Rendicontazione dei risultati a tutti i soggetti coinvolti ed interessati.

7 D.Lvo 150/20097 Monitoraggio della performance (art. 6) Gli organi di indirizzo politico amministrativo (nella scuola il Consiglio dIstituto?), con il supporto dei dirigenti, verificano landamento delle performance rispetto agli obiettivi, durante il periodo di riferimento e propongono, ove necessario, interventi correttivi in itinere.

8 D.Lvo 150/20098 Sistema di misurazione e valutazione (art. 7) valutano annualmente organizzativa e individuale Sistema di misurazione e valutazione della performance. Le PP.AA. (a livello di organo di governo) valutano annualmente la performance organizzativa e individuale adottando, con apposito provvedimento, il Sistema di misurazione e valutazione della performance. La funzione è svolta: Dagli organismi indipendenti di valutazione (art. 14) (no nella scuola). Dalla Commissione per la Valutazione e la trasparenza e lintegrità delle PP.AA. (art. 13). Dai Dirigenti di ciascuna Amministrazione secondo quanto previsto dagli artt. art. 16 e 17 comma 1, lettera e-bis del decreto 165/2001 novellato: i dirigenti effettuano la valutazione del personale assegnato ai propri uffici, nel rispetto del principio del merito, ai fini della progressione economica e tra le aree, nonché della corresponsione di indennità e premi incentivanti.

9 D.Lvo 150/20099 Il Sistema di misurazione e valutazione (art. 7) Individua, secondo le direttive della Commissione art. 13: Le fasi, i tempi, le modalità, i soggetti e le responsabilità del processo di misurazione e valutazione; Le procedure di conciliazione relative allapplicazione del sistema di misurazione; Le modalità di raccordo e di integrazione con i sistemi di controllo esistenti; Le modalità di raccordo ed integrazione con i DPEF e le Finanziarie (nella scuola il Programma annuale ed eventuali schede finanziarie dei progetti)?

10 D.Lvo 150/ Performance organizzativa (art. 8) Concerne: Attuazione delle politiche, piani e programmi; Grado di soddisfazione degli utenti; Modernizzazione e miglioramento qualitativo dellorganizzazione e competenze professionali.

11 D.Lvo 150/ Performance organizzativa (art. 8) ….. continua …. Lo sviluppo qualitativo e quantitativo delle relazioni con i cittadini, destinatari dei servizi. L efficienza nell impiego delle risorse = CONTENIMENTO DEI COSTI! La qualità e quantità dei servizi erogati. La promozione delle pari opportunità.

12 D.Lvo 150/ Performance individuale (Art.9) è collegata: La valutazione della performance individuale per i dirigenti ed il personale responsabile di una unità organizzativa in posizione di autonomia e responsabilità, è collegata: a) agli indicatori di performance organizzativa relativi allambito organizzativo di diretta responsabilità; b) al raggiungimento di specifici obiettivi individuali; c) alla qualità del contributo assicurato alla performance generale e alle competenze professionali e manageriali dimostrate; d) alla capacità di valutazione dei propri collaboratori, dimostrata tramite una significativa differenziazione dei giudizi.

13 D.Lvo 150/ Performance individuale (art. 9) La misurazione e la valutazione della performance del restante personale, svolte dai Dirigenti, sono collegate: a) al raggiungimento di specifici obiettivi di gruppo o individuali: b) alla qualità del contributo assicurato alla qualità della performance dellunità organizzativa di appartenenza; alle competenze dimostrate ed ai comportamenti professionali ed organizzativi.

14 D.Lvo 150/ PIANO DELLA PERFORMANCE (art. 10) obiettivi strategici ed operativigli indicatori È un documento programmatico triennale che ogni amministrazione è tenuta a redigere, annualmente, entro il 31 gennaio, che individua gli indirizzi e gli obiettivi strategici ed operativi e definisce gli indicatori per la misurazione e la valutazione della performance dellamministrazione nonché gli obiettivi assegnati ai dirigenti con i relativi indicatori. Il documento spetta allorgano di governo (nella scuola il Consiglio dIstituto)?

15 D.Lvo 150/ RELAZIONE SULLA PERFORMANCE (art. 10) evidenzia i risultati È un documento che ogni amministrazione deve adottare entro il 30 giugno, con riferimento allanno precedente, che evidenzia i risultati organizzativi ed individuali rispetto agli obiettivi programmati ed alle risorse con rilevazione degli eventuali scostamenti e il bilancio di genere realizzato. bilancio di genere

16 D.Lvo 150/ Piano della performance: SANZIONI (art. 10) In caso di mancata adozione del piano della performance E FATTO DIVIETO di erogazione della retribuzione di risultato ai dirigenti responsabili e lamministrazione non può procedere ad assunzioni di personale o al conferimento di incarichi di consulenza o di collaborazione.

17 D.Lvo 150/ Trasparenza e rendicontazione (art. 11) Trasparenza come accessibilità totale Ogni amministrazione è tenuta a: garantire: Redigere il programma triennale per la trasparenza e lintegrità, sentite le associazioni rappresentate nel Consiglio Nazionale dei Consumatori, da aggiornare annualmente, che indica le iniziative previste per garantire: a) Un adeguato livello di trasparenza anche sulla base delle linee guida elaborate dalla Commissione di cui allart. 13. b) La legalità e lo sviluppo della cultura dellintegrità. Uso della posta elettronica certificata (PEC). Le PP.AA. garantiscono il massimo della trasparenza in ogni fase del ciclo di gestione della performance. %%

18 D.Lvo 150/ Trasparenza e rendicontazione (art. 11) Contabilizzazione dei costi imputati al personale per ogni servizio erogato nonché al loro monitoraggio nel tempo, pubblicando i relativi dati sui siti istituzionali. Presentare il piano e la relazione sulla performance alle Associazioni di consumatori o utenti, ai centri di ricerca, ecc., nellambito di APPOSITE GIORNATE DELLA TRASPARENZA !!??? Ogni Amministrazione ha lobbligo di pubblicare sul proprio sito istituzionale nell apposita sezione Trasparenza, valutazione e merito lelenco dei documenti di cui al comma 8). In caso di mancata realizzazione del Programma triennale per la trasparenza e lintegrità o mancata pubblicazione, niente retribuzione di risultato al Dirigente.

19 Trasparenza e rendicontazione (art. 11, comma 8) Documenti da pubblicare: Programma triennale per la trasparenza e lintegrità e il relativo stato di attuazione; Piano e Relazione sulla performance; Lammontare complessivo dei premi collegati alla performance stanziati e quelli effettivamente distribuiti; Lanalisi dei dati relativi al grado di differenziazione nellutilizzo della premialità sia per i dirigenti che per i dipendenti; I curricoli e le retribuzioni dei dirigenti e di coloro che rivestono incarichi di indirizzo politico amministrativo; Gli incarichi retribuiti e non retribuiti conferiti ai dipendenti pubblici e a soggetti privati.

20 20 Attori della misurazione e valutazione della performance (art. 12 ) Commissione per la valutazione, la trasparenza e lintegrità delle amministrazioni pubbliche art. 13 Organismo indipendente di Valutazione (costituito presso ciascuna Amministrazione(art.14) Organo di indirizzo politico amministrativo (Consiglio dIstituto?) -definisce il piano triennale e gli obiettivi annuali -effettua il monitoraggio -nomina lOrganismo competente Dirigenti Valutano i lavoratori e sono valutati Lavoratori sono valutati

21 21 Commissione per la valutazione, la trasparenza e lintegrità delle amministrazioni pubbliche(art. 13) È un organo collegiale centrale composto da 5 componenti nominati con D.P.R., previa delibera del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro per la P.A. e lInnovazione, di concerto con il Ministro per lAttuazione del Programma di Governo. I compiti della Commissione: Indirizzare, coordinare e sovrintendere allesercizio indipendente delle funzioni di valutazione, di garantire la trasparenza dei sistemi di valutazione, di assicurare la comparabilità e la visibilità degli indici di andamento gestionale informando annualmente il Ministro per lattuazione del programma di Governo.

22 22 Commissione per la valutazione, la trasparenza e lintegrità delle amministrazioni pubbliche(art. 13) indirizza,coordinasovrintende La Commissione indirizza, coordina e sovrintende allesercizio delle funzioni di valutazione da parte degli organismi indipendenti di cui allart. 14. Presso la Commissione è istituita la Sezione per lintegrità nelle PP.AA con la funzione di favorire, allinterno della P.A., la diffusione della legalità e della trasparenza e sviluppare interventi a favore della cultura dellintegrità. La Sezione predispone le linee guida del Programma triennale per la trasparenza e lintegrità di cui allart. 11 e vigila sugli obblighi, in materia di trasparenza, da parte di ciascuna amministrazione.

23 D.Lvo 150/ Organismo indipendente di valutazione della performance (art. 14) È istituito presso ogni amministrazione, anche in forma associata. servizi di controllo interno Sostituisce i servizi di controllo interno. È nominato dallOrgano di indirizzo politico – amministrativo, sentita la Commissione (art.13), per un periodo di 3 anni. Realizza indagini sul personale dipendente anche riferite alla valutazione dei superiori gerarchici. Non è previsto per la scuola. Non è previsto per la scuola.

24 24 Responsabilità dellorgano di indirizzo politico-amministrativo (art. 15) ciascuna amministrazione: Compiti dellorgano politico-amministrativo di ciascuna amministrazione: direttive generali a) Emana le direttive generali contenenti gli indirizzi strategici; b) Definisce il Piano e la Relazione di cui allart. 10; c) Verifica il conseguimento effettivo degli obiettivi strategici; d) Definisce il Programma triennale per la trasparenza e lintegrità di cui allart. 11.

25 25 Norme per Enti territoriali e SSN (art. 16) Si applicano immediatamente le disposizioni relative alla trasparenza. Vanno adeguati gli ordinamenti ai principi generali sulla performance e sulla responsabilità dellOrgano di indirizzo politico. Ladeguamento va attuato entro il 31/12/2010 dopo di che si applicano le disposizioni del Decreto tout court.

26 Art. 74, comma 4 Tutte le norme contenute nel titolo II non si applicano, in via immediata, ai docenti per i quali è previsto uno specifico DPCM.

27 27 Titolo III Merito e premi (art. 17) – Oggetto e finalità selettività e concorsualità Nel titolo III vengono definiti gli strumenti di valorizzazione del merito, i metodi di incentivazione alla produttività e qualità della prestazione lavorativa, in base a principi di selettività e concorsualità nelle progressioni di carriera e negli incentivi. Il tutto senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.

28 28 Criteri e modalità per la valorizzazione del merito(art. 18) È vietata la distribuzione di incentivi e premi, collegati alla performance, in modo indifferenziato od in base ad automatismi in assenza delle verifiche e delle attestazioni sui sistemi di misurazione e di valutazione.

29 D.Lvo 150/ Criteri e modalità per la differenziazione delle valutazioni (art. 19) Obbligo per ogni amministrazione di compilare una graduatoria delle valutazioni individuali di tutto il personale, compresi i dirigenti. La graduatoria viene compilata dallorganismo indipendente di cui allart. 14. tre fasce di merito. A seguito della valutazione, i lavoratori saranno distribuiti in tre fasce di merito.

30 Forme di incentivazione e valorizzazione del merito Le progressioni economiche e di carriera (attualmente automatismi legati allanzianità), sono inserite tra le forme di incentivazione e valorizzazione del merito. Le altre forme di incentivazione e valorizzazione sono: 1. Il premio annuale per le eccellenze; 2. Il premio per linnovazione; 3. Il conferimento di incarichi e responsabilità; 4. Laccesso a percorsi di alta formazione e professionalità; 5. Il premio allefficienza.

31 31 Fasce di merito (Art. 19) Potrà comprendere il 25% dei lavoratori. 50% del salario accessorio legato alla performance individuale. Il 5% dei lavoratori compresi in questa fascia potrà accedere al bonus annuale di eccellenza. La collocazione nella fascia di merito alta per 3 anni consecutivi o per 5 non consecutivi costituisce titolo prioritario per le progressioni orizzontali e verticali. I lavoratori inseriti in questa fascia potranno partecipare ai corsi di alta formazione. Fascia di merito alta Art. 23 c. 3

32 32 Fasce di merito (Art. 19) Potrà comprendere il 50% dei lavoratori 50% del salario accessorio collegato alla performance individuale. Fascia di merito intermedia

33 33 Fasce di merito (art. 19) Potrà comprendere il 25% dei lavoratori. Non hanno diritto alla corresponsione del salario accessorio collegato alla performance individuale. Fascia di merito bassa

34 34 Contrattazione sulle fasce di merito (art. 19, comma 4) La contrattazione integrativa potrà: aumentare o diminuire per un massimo di 5 punti la percentuale dei lavoratori inseriti in fascia alta. variate le percentuali In questo caso dovranno essere variate le percentuali previste per la fascia intermedia o la fascia bassa. La contrattazione potrà, inoltre, derogare: la composizione percentuale delle fasce intermedia e bassa; la distribuzione delle risorse fra queste due fasce.

35 35 Esclusioni dalla differenziazione della valutazione (art. 19, comma 6) Nelle P.A. con un numero di dipendenti non superiore a 8 non si applicano le disposizioni di differenziazione del salario accessorio collegato alla performance individuale e più precisamente (25% fascia alta, 50% fascia intermedia, 25% fascia bassa). Parimenti, la norma non si applica ai dirigenti se il numero dei dirigenti in servizio non è superiore a 5.

36 36 Strumenti per premiare (art. 20) Gli strumenti per premiare il merito e le professionalità sono: il bonus annuale delleccellenza (art. 21) il premio annuale per linnovazione (art. 22) le progressioni economiche (art. 23) le progressioni di carriera (art. 24) lattribuzione di incarichi responsabilità (art. 25) laccesso ai corsi di alta formazione e crescita professionale (art. 26 )

37 37 Bonus annuale delle eccellenze (art. 21) Nellambito delle risorse destinate al rinnovo del CCNL, è istituito il Bonus annuale delle eccellenze e ne è specificamente determinato lammontare. 1 lavoratore su 100. Può essere destinato, al massimo, al 5% di coloro che si collocano nella fascia di merito alta. 5% di 25% =1,25 ; potrà goderne 1 lavoratore su 100. Lammontare del bonus è determinato dalla contrattazione collettiva nei limiti delle risorse disponibili. Va assegnato entro aprile dellanno successivo a cui si fa riferimento.

38 38 Premio annuale per linnovazione (art. 22) Ogni amministrazione istituisce un premio annuale per linnovazione il cui importo è pari al bonus annuale delle eccellenze (il cui ammontare complessivo è determinato dalla contrattazione collettiva nazionale). Viene assegnato dallOrganismo indipendente di valutazione delle performance al miglior progetto realizzato e concorre al premio nazionale per linnovazione nella P.A.

39 Progressioni economiche (art. 23) selettivoquota limitata Le progressioni economiche sono attribuite in modo selettivo ad una quota limitata di dipendenti in relazione allo sviluppo delle competenze professionali ed ai risultati individuali e collettivi rilevati dal sistema di valutazione. La collocazione nella fascia di merito alta per 3 anni consecutivi o per 5 anche non consecutivi costituisce titolo prioritario ai fini dellattribuzione delle progressioni economiche.

40 40 Progressioni di carriera (art. 24 e art ter) Dal 1 gennaio 2010 i posti in dotazione organica possono essere coperti esclusivamente attraverso concorsi pubblici, con riserva non superiore al 50% per il personale interno nel rispetto delle materie vigenti in materia di assunzioni. Per laccesso alle posizioni economiche apicali nellambito delle aree funzionali è definita una quota di accesso nel limite complessivo del 50% da riservare a concorso pubblico sulla base di un corso concorso bandito dalla scuola superiore della P.A.

41 41 Premio di efficienza (Art. 27) Questo strumento presenta caratteristiche peculiari che lo diversificano dalle altre forme di valorizzazione dei meriti. Una quota fino al 30% dei risparmi sui costi di funzionamento derivanti da processi di ristrutturazione, riorganizzazione e innovazione delle PP.AA. è destinata, in misura fino a 2/3 a premiare il personale direttamente coinvolto secondo criteri generali definiti dalla contrattazione collettiva integrativa e per la parte residua ad incrementare le somme disponibili per la contrattazione. La norma sembra non prevedere la possibilità di ampliare ai dirigenti la partecipazione a questo compenso. Per Regioni, Autonomie locali e SSN, le risorse possono essere utilizzate solo se i risparmi sono stati documentati nella relazione di performance.

42 42 Inderogabilità (art. 29) A partire dai prossimi rinnovi contrattuali, per le Regioni, e anche per Autonomie locali e SSN, le norme del Titolo III e, più precisamente, merito e premi avranno carattere imperativo, non potranno essere derogati dalla contrattazione collettiva e saranno inserite di diritto nei CCNL, ai sensi degli articoli 1339 e 1419, secondo comma, del Codice Civile.

43 43 Norme per Enti territoriali e SSN (art. 31, comma 1) Entro il 31/12/2010, Regioni, Autonomie locali e SSN adeguano i propri ordinamenti a: Principi generali di valorizzazione del merito e della produttività senza nuovi o maggiori oneri (art. 17, comma 2). Progressioni economiche, per aree funzionali e in misura limitata (art. 23, commi 1 e 2). Progressioni di carriera attraverso copertura posti con concorso pubblico e riserva 50% e accesso posizioni economiche apicali di ogni area (art. 24, commi 1 e 2). Attribuzione di incarichi di responsabilità (art. 25). Accesso percorsi di alta formazione (art. 26). Premio di efficienza (art. 27).

44 44 Norme per Enti territoriali e SSN (art. 31, comma 3) Nei limiti delle risorse disponibili per la contrattazione integrativa, Regioni, Enti locali e SSN utilizzano gli strumenti indicati nellart. 20 e cioè: Progressioni economiche Progressioni di carriera Incarichi di responsabilità Accesso a percorsi di alta formazione Il bonus annuale delleccellenza e il premio annuale per linnovazione verranno utilizzati adattandoli alle specificità dei propri ordinamenti.

45 Art. 74, comma 4 Tutte le norme contenute nel titolo III non si applicano in via immediata ai docenti per i quali è previsto uno specifico DPCM.

46 D.Lvo 150/ TITOLO IV TITOLO IV (artt ) PRINCIPI GENERALI (ART. 32) Si definiscono qui le materie sottoposte alla legge e, sulla base di questa, al potere organizzativo del dirigente nella gestione delle risorse umane e quelle oggetto di contrattazione collettiva.

47 D.Lvo 150/ Titolo IV - Nuove norme generali sul lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni (Art. 33) Principio di inderogabilità Principio di inderogabilità Le norme sui rapporti di lavoro dei dipendenti delle PP.AA. costituiscono disposizioni a carattere IMPERATIVO e, in caso di nullità di disposizioni contrattuali per violazione di norme imperative, vengono inserite automaticamente le clausole imposte dal Decreto legislativo (art c.c.) e sostituite le singole clausole nulle (art c.c.) IMPERATIVO

48 D.Lvo 150/ Nuove norme generali sul lavoro nelle PP.AA. (art. 34) Modifiche allart. 5 del D.Lvo 165/01 Potere di organizzazione in via esclusiva dai dirigenti fatta salva linformazione Le determinazioni per lorganizzazione degli uffici e le misure inerenti alla gestione dei rapporti di lavoro sono assunte in via esclusiva dai dirigenti con la capacità ed i poteri del privato datore di lavoro, fatta salva linformazione ai sindacati, ove prevista dai contratti di cui allart. 9.allart. 9. Si affida ai dirigenti la gestione delle risorse umane e dellorganizzazione del lavoro, sottraendole alla contrattazione.

49 49 Nuove norme generali sul lavoro nelle PP.AA. (art.35) Modifiche allart. 6 del D.Lvo 165/01 I documenti di programmazione triennale del fabbisogno di personale sono elaborati su proposta dei competenti dirigenti che individuano i profili professionali necessari alle strutture cui sono preposti.

50 50 Titolo IV, Capo II – Dirigenza I Dirigenti Generali (art. 38) Modifiche allart. 16 del D.lvo 165/01 Propongono le risorse e i profili professionali necessari allo svolgimento dei compiti del proprio ufficio anche al fine della programmazione triennale del fabbisogno. Concorrono alla definizione di misure idonee a prevenire e contrastare i fenomeni di corruzione dei dipendenti e a controllarne il rispetto. Prima era oggetto di informazione preventiva e/o concertazione

51 D.Lvo 150/ I Dirigenti (art. 39) Modifica allart. 17 del decreto 169/01 Oltre ad applicare quanto già previsto per i Dirigenti Generali, hanno il compito di effettuare la valutazione del personale assegnato ai propri uffici ( senza contraddittorio alcuno ), nel rispetto del principio del merito, ai fini della progressione economica e tra le aree, nonché della corresponsione di indennità e premi incentivanti. (comma e-bis).

52 D.Lvo 150/ Responsabilità dirigenziale (art. 41, lett. a)) Modifica allart. 21 del decreto 165/2001 Viene riscritto lart. 21 del decreto 165/2001: Il mancato raggiungimento degli obiettivi ovvero linosservanza delle direttive imputabili al dirigente, previa contestazione e sanzioni disciplinari previste dal CCNL, COMPORTANO il non rinnovo dellincarico dirigenziale e, nei casi più gravi, la rescissione del rapporto di lavoro.

53 D.Lvo 150/ Responsabilità dirigenziale (art. 41, lett. b)) Modifica allart. 21 del decreto 165/2001 Viene decurtata,di una quota fino all80%, la retribuzione di risultato al dirigente che omette, colpevolmente, di vigilare sul rispetto, da parte del personale dipendente, degli standard quantitativi e qualitativi fissati dallamministrazione conformemente agli indirizzi deliberati dalla Commissione di cui allart. 13 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e dellefficienza e trasparenza delle PP.AA.

54 D.Lvo 150/ Titolo IV, Capo III (art. 48) Mobilità intercompartimentale Con D.P.C.M., su proposta del Ministro per la P.A. e lInnovazione, di concerto con il Ministro dellEconomia, previo parere della Conferenza unificata delle Regioni, SENTITE le Organizzazioni Sindacali, è definita una tabella di equiparazione fra i livelli di inquadramento previsti dai diversi CCNL.

55 D.Lvo 150/ Mobilità (art. 49) Modifica art. 30 del D.Lvo 165/2001 E prevista la copertura di posti vacanti mediante cessione di contratti di lavoro di dipendenti di altre P.A. che ne facciano domanda. Le P.A. devono, in ogni caso, rendere pubblici i posti da ricoprire e il trasferimento è disposto PREVIO PARERE FAVOREVOLE DEI DIRIGENTI DEGLI UFFICI cui il personale E O SARA ASSEGNATO.

56 D.Lvo 150/ Eccedenze di personale (art. 50) Modifica allart. 33 del decreto 165/01 Comma 1 bis La mancata individuazione da parte del Dirigente Responsabile delleccedenza delle unità di personale, ai sensi del comma 1, è valutabile ai fini della responsabilità per DANNO ERARIALE.

57 D.Lvo 150/ Incompatibilità (art. 52, lett. a)) MODIFICA ALLART. 53 DEL DECRETO 165/01 Comma 1 bis: Non possono essere conferiti incarichi di direzione di strutture deputate alla gestione del personale a soggetti che rivestano o abbiano rivestito negli ultimi 2 anni cariche in Partiti politici o in Organizzazioni Sindacali o che abbiano avuto negli ultimi 2 anni rapporti continuativi di collaborazione o consulenza con le predette Organizzazioni.

58 D.Lvo 150/ Titolo IV, Capo IV (art. 53) Contrattazione Collettiva Oggetto e finalità Le disposizioni in materia di contrattazione collettiva e integrativa, in coerenza con il MODELLO CONTRATTUALE SOTTOSCRITTO DALLE PARTI SOCIALI, sono finalizzate a conseguire una migliore organizzazione del lavoro e ad assicurare il rispetto della ripartizione tra le materie sottoposte alla legge e quelle sottoposte alla contrattazione collettiva. VIENE RIBADITO IL DIVIETO DI INTERVENIRE CON LA CONTRATTAZIONE SULLE MATERIE RISERVATE ALLA LEGGE E AD ATTI ORGANIZZATIVI DEI DIRIGENTI.

59 D.Lvo 150/ Contrattazione Collettiva (art. 54, c. 1 ) Modifica dellart. 40 del decreto 165/01 Materie escluse dalla contrattazione collettiva: Organizzazione degli uffici; Le materie oggetto di partecipazione sindacale ai sensi dellart. 9; Le materie afferenti le prerogative dirigenziali; Il conferimento e la revoca degli incarichi dirigenziali; Materie in cui la contrattazione è consentita nei limiti previsti dalla legge: Sanzioni disciplinari, valutazione, mobilità,progressioni economiche.

60 Contrattazione Collettiva (art. 54, c. 2) Modifica dellart. 40 del decreto 165/01 Vengono definiti 4 comparti di contrattazione collettiva nazionale e non più di 4 aree separate per la dirigenza. Le PP.AA. attivano autonomi livelli di contrattazione collettiva integrativa con lo scopo di incentivare limpegno e la qualità della performance. A tal fine destinano al trattamento economico accessorio collegato alla performance individuale, una quota prevalente del trattamento accessorio complessivo comunque denominato. Essa si svolge sulle materie, con i vincoli e nei limiti stabiliti dai contratti collettivi nazionali.

61 D.Lvo 150/ Contrattazione Collettiva (art. 54, c. 3-ter) Modifica dellart. 40 del decreto 165/01 Qualora non si raggiunga laccordo per la stipulazione di un Contratto Collettivo Integrativo, lamministrazione interessata può provvedere, in via provvisoria, sulle materie oggetto del mancato accordo, sino alla successiva sottoscrizione.

62 D.Lvo 150/ Contrattazione Collettiva (art. 54, c. 3-quater) Modifica dellart. 40 del decreto 165/01 La Commissione per la valutazione, la trasparenza e lintegrità delle amministrazioni pubbliche di cui allart. 13, entro il 31 maggio di ogni anno, fornisce allARAN una graduatoria di performance delle amministrazioni statali e degli enti pubblici nazionali che vengono raggruppati, per settori, su almeno tre livelli di merito. La contrattazione nazionale definisce le modalità di ripartizione delle risorse per la contrattazione decentrata tra i diversi livelli di merito.

63 D.Lvo 150/ Contrattazione Collettiva (art. 54,c. 3-quinquies) Modifica dellart. 40 del decreto 165/01 integrativa. La contrattazione collettiva nazionale dispone le modalità di utilizzo delle risorse per la contrattazione integrativa. Le regioni e gli enti locali, possono destinare risorse aggiuntive alla contrattazione integrativa nei limiti stabiliti dalla contrattazione nazionale nel rispetto dei vincoli di bilancio e del patto di stabilità. Le PP.AA. non possono sottoscrivere contratti integrativi in contrasto con i vincoli posti dai contratti nazionali o che prevedono oneri non previsti negli strumenti di programmazione di ciascuna amministrazione.

64 Contrattazione Collettiva (art. 54,c. 3-quinquies) Modifica dellart. 40 del decreto 165/01 nulle, Nei casi di violazione dei vincoli posti dalla contrattazione nazionale o dalle norme di legge, le clausole sono nulle, non possono essere applicate e sono sostituite ai sensi degli artt e 1419 del codice civile. In caso di accertamento da parte della Corte dei Conti di superamento di vincoli finanziari, è fatto obbligo del recupero nellambito della sessione negoziale successiva.

65 D. Lvo 150/ Controlli sulla Contrattazione integrativa (art. 55) Modifica dellart. 40 bis del decreto 165/01 Le amministrazioni pubbliche hanno lobbligo di pubblicare in modo permanente sul proprio sito i contratti integrativi stipulati e le relative relazioni, in modo tale da garantirne piena visibilità ed accessibilità da parte dei cittadini.

66 D.Lvo 150/ Poteri dindirizzo nei confronti dellAran (art. 56) Modifica allart. 41 del decreto 165/01 I poteri dindirizzo dei confronti dellAran si esercitano mediante comitati di settore. Un Comitato di Settore raggruppa Regioni, Enti dipendenti dalle stesse e SSN. Un Comitato di Settore raggruppa Comuni, Province, Camere di Commercio e Segretari Comunali e Provinciali.

67 D.Lvo 150/ Poteri dindirizzo nei confronti dellAran (art. 56) Modifica allart. 41 del decreto 165/01 sentiti Per tutte le altre amministrazioni, opera come Comitato di Settore il Presidente del Consiglio dei Ministri, tramite il Ministro per la P.A. e lInnovazione, sentiti, a salvaguardia delle specificità e delle categorie di personale ivi comprese: il Ministro dellIstruzione i direttori delle Agenzie Fiscali la Conferenza dei Rettori i rappresentanti dei Presidenti degli Enti di Ricerca e degli Enti Pubblici non Economici il Presidente del CNEL

68 D.Lvo 150/ Trattamento economico (art. 57) Modifica allart. 45 del decreto 165/01 Il trattamento economico fondamentale ed accessorio sono definiti dai contratti collettivi nazionali. I trattamenti economici sono collegati alla performance individuale ed organizzativa, alleffettivo svolgimento di attività pericolose e nocive per la salute. Per premiare il merito e il miglioramento della performance dei dipendenti, sono destinate, compatibilmente con i vincoli di finanza pubblica, apposite risorse nellambito di quelle previste per il rinnovo del CCNL. I dirigenti sono responsabili dellattribuzione dei trattamenti economici accessori.

69 D.Lvo 150/ Procedimento di contrattazione collettiva (art. 59) Modifica allart. 47 del decreto 165/01 Gli indirizzi per la contrattazione collettiva allAran sono emanati dai comitati di settore che li sottopongono allesame del Governo che nei successivi 20 giorni può esprimere le sue valutazioni. Lipotesi daccordo è trasmessa dallAran ai comitati di settore e al Governo entro 10 gg. dalla sottoscrizione. Acquisito il parere favorevole del Governo, lAran trasmette laccordo alla Corte dei Conti ai fini della certificazione di compatibilità, che delibera entro 15 gg. trascorsi i quali la certificazione sintende effettuata positivamente. In caso di certificazione non positiva, le parti non possono procedere alla sottoscrizione del contratto ma devono riaprire le trattative su tutto il contratto o firmarlo escludendo le clausole contrattuali non positivamente certificate.

70 D.Lvo 150/ Tutela retributiva per i dipendenti pubblici (art. 59) Modifica allart. 47 bis del decreto 165/01 Decorsi 60 gg. dalla data di entrata in vigore della legge finanziaria che dispone in materia di rinnovi dei contratti collettivi per il periodo di riferimento, gli incrementi previsti per il trattamento stipendiale, possono essere erogati in via provvisoria, previa deliberazione dei rispettivi comitati di settore, sentite le OO.SS. Rappresentative, salvo conguaglio allatto della stipulazione dei CCNL. A decorrere dal mese di aprile dellanno successivo alla scadenza del contratto, se non si è provveduto ad erogare alcuna somma, è prevista unanticipazione dei benefici complessivi che saranno attribuiti col nuovo CCNL. (indennità di vacanza contrattuale).

71 D.Lvo 150/ Mansioni (art. 62) Modifica allart. 52 del decreto 160/01 Il prestatore di lavoro deve essere adibito alle mansioni per le quali è stato assunto o a quelle corrispondenti alla qualifica superiore successivamente acquisita esclusivamente per effetto di procedure selettive per come previsto dallart. 35, comma 1, lettera a) del decreto 165/2001.

72 D.Lvo 150/ Progressioni di carriera (art. 62, c. 1 bis) I dipendenti (con esclusione dei dirigenti e dei docenti della scuola) sono inquadrati in almeno tre distinte aree funzionali. Le progressioni fra aree avvengono con concorso pubblico con possibilità di riserva sino a 50% dei posti, se in possesso dei titoli di studio necessari allaccesso dallesterno. Per laccesso alle posizioni economiche apicali nellambito delle aree funzionali è definita una quota di accesso nel limite complessivo del 50% da riservare a concorso pubblico sulla base di un corso concorso bandito dalla scuola superiore della P.A.

73 D.Lvo 150/ Adeguamento Contratti vigenti (art. 65) Entro il 31/12/2010, le parti adeguano i Contratti collettivi integrativi vigenti alle disposizioni riguardanti la definizione degli ambiti riservati alla Legge e alla contrattazione. In caso contrario, questi contratti cessano la loro efficacia dal 01/01/2011. Per le Regioni e le Autonomie Locali, i termini per ladeguamento sono fissati, rispettivamente, al 31/12/2011 e al 31/12/2012.

74 D.Lvo 150/ Rappresentanza e RSU (art. 65) In via transitoria, lARAN avvia le trattative contrattuali con le OO.SS. rappresentative sulla base dei dati associativi ed elettorali rilevati per il biennio contrattuale 2008/2009. Conseguentemente, sono prorogati gli organismi di rappresentanza del personale (RSU) anche se le relative elezioni sono state già indette (Scuola). Le elezioni relative al rinnovo dei predetti organismi di rappresentanza si svolgeranno, con riferimento ai nuovi comparti di contrattazione, entro il 30 novembre 2010.

75 D.Lvo 150/ Titolo IV, Capo V (art. 68) Sanzioni disciplinari e responsabilità Le nuove disposizioni costituiscono norme imperative ai sensi e per gli effetti dei già citati artt e 1419 del Codice Civile.artt e 1419 Resta ferma la devoluzione al giudice ordinario delle controversie relative. Le norme del codice disciplinare debbono essere pubblicate sul sito istituzionale dellamministrazione e ciò equivale, a tutti gli effetti, allaffissione allingresso della sede di lavoro.

76 Sanzioni disciplinari La tipologia delle infrazioni e le sanzioni sono definite dai contratti collettivi. contratti collettivi. Si applica lart del codice civile.lart. 2106

77 D.Lvo 150/ Procedure di conciliazione (art. 68) Art. 55 decreto 165/2001 La contrattazione collettiva non può istituire procedure di impugnazione dei provvedimenti disciplinari e, dalla data di entrata in vigore del Decreto Legislativo, non è ammessa limpugnazione davanti ai collegi arbitrali di disciplina. La contrattazione collettiva può, invece, disciplinare procedura di conciliazione non obbligatoria che deve concludersi entro 30 gg. non è soggetta ad impugnazione. La sanzione, concordemente determinata allesito di tali procedure, non può essere di specie diversa da quella prevista dalla Legge o dal Contratto e non è soggetta ad impugnazione. Il contratto collettivo determina gli atti che determinano linizio e la conclusione della procedura conciliativa.

78 D.Lvo 150/ Procedimento disciplinare (art. 69) Art. 55 bis decreto 165/01 Per le sanzioni, superiori al rimprovero verbale ed inferiori alla sospensione dal servizio con privazione della retribuzione per non più di 10 giorni, il Dirigente della struttura contesta, per iscritto, entro 20 giorni da quando ne ha avuto notizia, laddebito al dipendente e lo convoca per il contraddittorio a sua difesa con leventuale assistenza di un procuratore ovvero di un rappresentante sindacale con un preavviso di almeno 10 giorni.

79 D.Lvo 150/ Procedimento disciplinare (art. 69) Art. 55 bis decreto 165/01 Il dipendente convocato, se non intende presentarsi, può inviare memoria scritta o, in caso di grave impedimento, formulare motivata istanza di rinvio. entro 60 giorni Il procedimento, di norma, si conclude entro 60 giorni dalla contestazione o, in caso di differimento superiore a 10 giorni, per impedimento del dipendente, entro un termine prorogato in misura corrispondente. Il differimento può essere disposto una sola volta nel corso del procedimento e la violazione dei termini comporta, per lamministrazione, la decadenza dellazione disciplinare e per il dipendente la decadenza dallesercizio del diritto di difesa.

80 D.Lvo 150/ Procedimento disciplinare (art. 69) Art. 55 bis decreto 165/01 (?) Se il responsabile della struttura non ha qualifica dirigenziale, ovvero, se la sanzione da applicare è superiore alla sospensione dal servizio per più di 10 giorni, trasmette gli atti, entro 5 giorni dalla notizia del fatto, allufficio competente (?) per i procedimenti disciplinari appositamente istituito presso ciascuna amministrazione, dandone comunicazione allinteressato.

81 D.Lvo 150/ Procedimento disciplinare (art. 69) Art. 55 bis decreto 165/01 Le comunicazioni, relative al procedimento disciplinare, sono effettuate tramite posta elettronica certificata (PEC), nel caso in cui il dipendente disponga di idonea casella di posta, ovvero, tramite consegna a mano. Successivamente alla contestazione, il dipendente può indicare un numero di fax e, infine, in alternativa, le comunicazioni sono effettuate tramite raccomandata A.R. ha diritto di accesso Il dipendente ha diritto di accesso agli atti del procedimento.

82 D.Lvo 150/ Procedimento disciplinare (art. 69) Art. 55 bis decreto 165/01 Se un lavoratore dipendente o un dirigente della stessa amministrazione dellincolpato o anche di una diversa, a conoscenza di informazioni rilevanti, rifiutano, nellambito di un procedimento disciplinare, la collaborazione richiesta dallautorità disciplinare, ovvero rendono dichiarazioni false o reticenti, sono soggetti allapplicazione della sanzione disciplinare della sospensione dal servizio, con privazione della retribuzione, sino a 15 giorni.

83 D.Lvo 150/ Rapporto tra procedimento disciplinare e procedimento penale (art. 69) Art. 55 ter del decreto 165/01 è proseguito Il procedimento disciplinare, quando abbia ad oggetto fatti in relazione ai quali procede lautorità giudiziaria, è proseguito e concluso anche in pendenza del procedimento penale. In casi particolarmente complessi o gravi, lUfficio competente può sospendere il procedimento disciplinare fino al termine di quello penale.

84 D.Lvo 150/ Rapporto tra procedimento disciplinare e procedimento penale (art. 69) Art. 55 ter del decreto 165/01 Se il procedimento disciplinare, non sospeso, si conclude con lirrogazione di una sanzione e quello penale viene definito con una sentenza irrevocabile di assoluzione, lautorità competente ad istanza di parte, da proporsi entro 6 mesi, riapre il procedimento disciplinare per confermarlo o modificarlo. In caso esattamente contrario, lautorità competente riapre il procedimento disciplinare per adeguare le determinazioni conclusive al giudizio penale. Il procedimento disciplinare è riaperto, altresì, se, dalla sentenza di condanna, risulta che il fatto comporta la sanzione del licenziamento mentre ne è stata applicata una diversa.

85 D.Lvo 150/ Licenziamento disciplinare (art. 69) art. 55 quater del decreto 165/01 Si applica comunque nei seguenti casi: Falsa attestazione di presenza in servizio, ovvero, giustificazione dellassenza mediante certificazione medica falsa o che attesta falsamente uno stato di malattia (licenziamento senza preavviso). Assenza ingiustificata per più di 3 giorni, anche non continuativi, nellarco di un biennio o comunque per più di 7 giorni negli ultimi 10 anni ovvero mancata ripresa del servizio, in caso di assenza ingiustificata, entro il termine fissato dallamministrazione. Ingiustificato rifiuto del trasferimento disposto dallamministrazione per motivate esigenze del servizio.

86 D.Lvo 150/ Licenziamento disciplinare (art. 69) art. 55 quater del decreto 165/01 Documenti o dichiarazioni false, finalizzate allinstaurazione del rapporto di lavoro o alle progressioni di carriera (licenziamento senza preavviso). Reiterazione, sul lavoro, di gravi condotte aggressive o moleste o minacciose o ingiuriose o comunque lesive dellonore e della dignità personale altrui (licenziamento senza preavviso). Condanna penale definitiva in relazione alla quale è prevista linterdizione perpetua dai pubblici uffici (licenziamento senza preavviso). Valutazione di insufficiente rendimento, riferibile ad un arco temporale non inferiore ad un biennio, derivante dalla reiterata violazione degli obblighi concernenti la prestazione lavorativa.

87 D.Lvo 150/ False attestazioni o dichiarazioni (art. 69) art. 55 quinquies del decreto 165/01 Per queste infrazioni, il dipendente è punito con la reclusione da 1 a 5 anni e con la multa da. 400 ad ed è tenuto al risarcimento del danno patrimoniale e dimmagine. La medesima pena si applica al medico ed a chiunque altro concorre nella commissione del delitto. Per il medico, inoltre, è prevista la radiazione dallAlbo e, se dipendente o convenzionato con struttura pubblica, il licenziamento per giusta causa o la decadenza della convenzione.

88 D.Lvo 150/ Responsabilità disciplinare (art. 69) art. 55 sexies decreto 165/2001 Chi non sanziona è sanzionato Chi non sanziona è sanzionato Il mancato esercizio o la decadenza dellazione disciplinare, dovuti allomissione o al ritardo, senza giustificato motivo, degli atti del procedimento disciplinare, comporta, per i dirigenti responsabili, lapplicazione della sanzione della sospensione dal servizio con privazione della retribuzione in proporzione della gravità dellinfrazione non perseguita, fino ad un massimo di 3 mesi e la mancata attribuzione della retribuzione di risultato per un importo pari a quello spettante per il doppio del periodo della durata della sospensione.

89 D.Lvo 150/ Controlli sulle assenze (art. 69) art. 55 septies del decreto 165/2001 In tutti i casi, la certificazione medica è inviata, per via telematica, direttamente dal medico o dalla struttura sanitaria, allINPS che, con le medesime modalità, la inoltra immediatamente alla amministrazione interessata. Linosservanza degli obblighi di trasmissione per via telematica costituisce illecito disciplinare e, in caso di reiterazione, comporta la sanzione del licenziamento o decadenza dalla convenzione.

90 D.Lvo 150/ Controlli sulle assenze (art. 69) art. 55 septies del decreto 165/2001 Lamministrazione dispone il controllo in ordine alla sussistenza della malattia del dipendente anche nel caso di assenza di un solo giorno, tenuto conto delle esigenze funzionali e organizzative. Le fasce orarie di reperibilità del lavoratore sono stabilite con Decreto del Ministro per la P.A. e lInnovazione (dal 4 febbraio 2009: 9-13 e 15-18).

91 D.Lvo 150/ Inidoneità psicofisica (art. 69) art. 55 octies del decreto 165/01 Nel caso di accertata e permanente inidoneità psicofisica, lamministrazione può risolvere il rapporto di lavoro.

92 D.Lvo 150/ Inidoneità psicofisica (art. 69) art. 55 octies del decreto 165/01 Per il personale delle amministrazioni statali e degli enti pubblici non economici, saranno disciplinate, con regolamento adottato con D.P.R.: 1. la procedura da adottare per la verifica dellidoneità; 2. la possibilità, per lAmministrazione, di adottare provvedimenti di sospensione cautelare dal servizio in attesa della visita di idoneità; 3. gli effetti, sul trattamento giuridico ed economico, della sospensione; 4. la possibilità di risolvere il rapporto di lavoro in caso di reiterato rifiuto, da parte del dipendente, di sottoporsi a visita di idoneità.

93 D.Lvo 150/ Identificazione (art. 69) Art. 55 novies del decreto 165/01 I dipendenti pubblici che svolgono attività di front line, sono tenuti a rendere riconoscibile il proprio nominativo mediante luso di cartellini identificativi personali o targhe da apporre presso la postazione di lavoro. Possono essere esclusi da questi obblighi, determinate categorie individuate UNILATERALMENTE dalle amministrazioni. Lobbligo decorre dal 90° giorno dallentrata in vigore del Decreto Legislativo 150.

94 TITOLO V – NORME FINALI E TRANSITORIE (art. 74) Con decreto del Presidente del Consiglio di concerto col Ministro dellIstruzione e con il Ministro delleconomia e finanze sono determinati i limiti e le modalità di applicazione dei titoli II (Misurazione, valutazione e trasparenza della performance ) e III (Merito e premi) del decreto 150 al personale docente della scuola ……. Resta comunque esclusa la costituzione degli organismi di cui allart. 14 nellambito del sistema scolastico ecc.

95 Le slides presentate sono scaricabili da:

96 96 Cosè lanalisi di genere del bilancio?bilancio? è lanalisi del bilancio di un ente pubblico in una prospettiva di genere per evidenziare i diversi effetti delle scelte di bilancio (entrate e spese) per uomini e donne (GA) e integrare la prospettiva di genere nel processo di definizione del bilancio (GB) è quindi un potente strumento di mainstreaming di genere che consente di analizzare e contribuire a ridurre le diseguaglianze di genere attraverso un esercizio di trasparenza, democrazia e rendicontazione della gestione e distribuzione delle risorse pubbliche, a vantaggio dellintera collettività - le scelte di bilancio non sono neutre rispetto al genere: sono il prodotto di scelte politiche che definiscono priorità e obiettivi che possono avere un impatto diseguale su uomini e donne comportando perdite di equità (di genere), di efficienza (maggiori costi sociali) e di efficacia (rispetto agli obiettivi).

97 97 Attenzione allart. 1 della Legge15/09 La stesura originale dellart. 2, comma 2, del D.Lgs. 165/2001 prevedeva la possibilità di derogare, con i CCNL e/o accordi collettivi, alle disposizioni di Legge, regolamento o statuto salvo che la Legge disponga espressamente in senso contrario. La modifica introdotta dallart. 1 della Legge 15/09, prevede la possibilità di derogare solo qualora ciò sia espressamente previsto dalla Legge. Supremazia della Legge rispetto alla contrattazione rispetto

98 98 art. 9 del D.L.vo 165/2001 per come novellato dal decreto 150/2009. Partecipazione sindacale Fermo restando quanto previsto dallart. 5, comma 2, i contratti collettivi nazionali disciplinano le modalità e gli istituti della partecipazione.

99 Art codice civile Art codice civile Linosservanza delle disposizioni contenute dei due articoli precedenti può dar luogo allapplicazione di sanzioni disciplinari, secondo la gravità dellinfrazione. Art : Diligenza del prestatore dopera Art : obbligo di fedeltà

100 Capo IX CCNL – Norme disciplinariNorme disciplinari Art. 91 – Per il personale docente delle scuole di ogni ordine e grado, continuano ad applicarsi le norme di cui al Titolo I, Capo IV della Parte III del D.Lvo n. 297/1994 (avvertimento, censura, sospensione fino a 1 mese, sospensione da 2 a 6 mesi, sospensione di 6 mesi, destituzione). Art, 93 - Personale Ata : (rimprovero verbale, rimprovero scritto, multa, sospensione fino a 10 gg., licenziamento con preavviso, licenziamento senza preavviso)

101 Più legge, meno contratto Più legge, meno contratto Il decreto 150 è un gigantesco puzzle che mette ordine in una materia sulla quale il Governo era già più volte intervenuto (legge 112/2008, finanziarie 2003, 2009) ecc. Cosa manca nel 150? Manca il sindacato legislatore, Manca la concertazione; Manca un vero dialogo sociale; Si è passati dallefficienza del contratto allautorità della legge; Quindi: un più alto tasso di legificazione


Scaricare ppt "D.Lvo 150/20091 DECRETO LEGISLATIVO 27 OTTOBRE 2009, N. 150."

Presentazioni simili


Annunci Google