La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Limposta municipale unica: IMU Casi particolari e criticità Silvia Bocci Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Prato Componente Commissione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Limposta municipale unica: IMU Casi particolari e criticità Silvia Bocci Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Prato Componente Commissione."— Transcript della presentazione:

1 Limposta municipale unica: IMU Casi particolari e criticità Silvia Bocci Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Prato Componente Commissione Enti Pubblici CNDCEC Venerdì 1 giugno 2012 Hotel Palace - Prato

2 Dott.ssa Silvia Bocci Considerazioni preliminari I.PANORAMICA INTRODUTTIVA Ripartire dalle Fonti II. CASI PARTICOLARI A.ABITAZIONE PRINCIPALE E PERTINENZE B.IMMOBILI E COEFFICIENTI C.IMMOBILI CATEGORIA D, ALTRI E TERRENI D.DOPPIO PRELIEVO SUGLI IMMOBILI LOCATI E.ENTI NON COMMERCIALI F.IMMOBILI ALLESTERO G.DICHIARAZIONE e VERSAMENTO H.QUOTA IMU RISERVATA ALLO STATO III. CONCLUSIONI E….…… ….ulteriori sviluppi ….ulteriori sviluppi e la sfida del Federalismo…… ?

3 Dott.ssa Silvia Bocci I. PANORAMICA INTRODUTTIVA Ripartire dalle Fonti I. PANORAMICA INTRODUTTIVA 30 maggio 2012 Approvato il documento della commissione bicamerale: il Governo sciolga le ambiguità sullIMU.….. Coordinare le nuove norme sullanticipazione sperimentale dell'imposta municipale propria e listituzione del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi della legge n.214/2011, con i meccanismi di riequilibrio e perequazione individuati dalla legge delega e solo parzialmente attuati con il decreto legislativo 14 marzo 2011, n.23, anche al fine di sciogliere l'attuale ambiguità dell'Imu, che contiene al suo interno sia la componente comunale che quella erariale, in base al principio di responsabilità fiscale di ogni livello istituzionale nei confronti dei cittadini. Art. 13 DL 201/2011 ( e succ. modifiche DL 16/2012) Primo intervento in ambito fiscale del governo Monti anticipazione dellImu al 2012 dal 2014 (originariamente prevista dal D. Lgs. 23/2011) Artt.8 e 9 DLgs 23/2011 Disposizioni che hanno istituito lImu per quanto compatibili con il decreto Monti Artt. 5, 6, 7, 10, 11, 12, 14 e 15 DLgs 504/1992 Disposizioni che hanno istituito lICI Commi da 161 a 170 art. 1 L. 296/2006 Accertamento dei tributi locali Circolare 3/DF Ministero delleconomia e delle Finanze del 18/05/2012 Imposta Municipale propria - Anticipazione sperimentale art. 13 DL 201/2011 conv. L. 214/2011

4 Dott.ssa Silvia Bocci II. CASI PARTICOLARI Abitazione principale e pertinenze II. CASI PARTICOLARI Art. 13 DL 201/2011 co 2 Per abitazione principale si intende limmobile iscrivibile al catasto come unica unità immobiliare nel quale il possessore: - dimora abitualmente e ; - risiede anagraficamente. Dal 2008 invece il contribuente che possedeva due unità immobiliari contigue separatamente accatastate poteva usufruire dei benefici su entrambe (interpretazione della cassazione) DL 16/2012 art. 4 co 5 Vincolo relativo al nucleo familiare: abitazione principale è quella in cui il contribuente ed il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Nel caso di residenza in due immobili diversi siti nello stesso comune lagevolazione si applica per un solo immobile Pertinenze Esclusivamente C/2, C/6, C/7 nella misura massima di ununità pertinenziale per ciascuna categoria Aliquota agevolata 0,40% (quasi la metà rispetto alla standard) I comuni possono modificare in aumento e/o in diminuzione tale aliquota sino a 0,2 punti percentuali (oscillazione 0,2-0,6) Detrazioni Base: 200,00 da ripartire in parti uguali tra gli aventi diritto se lunità immobiliare è adibita ad abitazione principale di più soggetti passivi Aggiuntiva: 50,00 per ciascun figlio di età non superiore a 26 anni purchè dimorante abitualmente e residente anagraficamente nellabitazione principale Assimilazioni unità immobiliari di coop edilizie indivise coniuge separato assegnatario Immobili non locati di anziani e disabili residenti in istituti di cura: SSE regolamento del comune concessione in uso gratuito ai familiari: NO sembrerebbe non possibile neppure con regolamento comunale

5 Dott.ssa Silvia Bocci II. CASI PARTICOLARI Immobili e coefficienti: iscritti al NCEU II. CASI PARTICOLARI RC Riv. 5%Coeff. ICICoeff. IMUINCR. % Negozio C/ ,76 A/10 e D (escl. D/5) Uffici ed opifici D/5 Banche e assicurazioni A (escl. A/10) abitazioni C/3, C/4, C/5 Laboratori, palestre

6 Dott.ssa Silvia Bocci II. CASI PARTICOLARI Immobili e coefficienti II. CASI PARTICOLARI Gruppo D senza rendita Soggetti a Imu: trattasi di fabbricati interamente posseduti da imprese e distintamente contabilizzati: costo di acquisto o di costruzione rivalutato in base ai coefficienti annuali (decreto direttoriale 5 aprile 2012: 1982 e prec. 3,11; … ,03) valore aggiornato su cui calcolare lImu Si può chiedere allufficio il classamento anche con DOCFA Attenzione alle iscrizioni e rettifiche! SITUAZIONEDATA EFFETTO VARIAZIONE Accatastamento con procedure DOC.FADalla data di presentazione della richiesta di variazione Rettifica da parte Agenzia del Territorio della rendita proposta con DOC.FA Dalla data di notifica della nuova rendita Rettifica della rendita da parte dellAgenzia del TerritorioRetroattiva sin dalloriginaria variazione rettificata Rettifica della rendita da parte della Commissione TributariaRetroattiva sin dalloriginaria variazione rettificata Variazione ex art. 1 co 336 L. 311/2004 con data indicata nella richiesta da parte del comune: retroattiva sin dalla data a cui far risalire lomessa variazione senza data indicata nella richiesta da parte del comune: dal 1 gennaio dellanno in cui viene rettificata la richiesta

7 Dott.ssa Silvia Bocci II. CASI PARTICOLARI Immobili e coefficienti II. CASI PARTICOLARI Rurali residenzialiSoggetti a Imu: indipendentemente dal fatto che il proprietario sia coltivatore diretto o imprenditore agricolo: RD rivalutato del 25%, moltiplicato per il coefficiente Può spettare lagevolazione per labitazione principale Rurali strumentali e terreni agricoli anche incolti Soggetti a Imu: il coefficiente si riduce da 135 a 110 per coltivatori diretti e imprenditori agricoli con aliquota mite 0,2% che i comuni possono dimezzare (0,1%) Esenti: i rurali strumentali ubicati in comuni montani o parzialmente montani (elenco ISTAT) E sufficiente la destinazione agricola indipendentemente dalla categoria catastale di appartenenza Rurali non allacciati residenziali o strumentali Non soggetti ad Imu a condizione che risultino da apposita autocertificazione con firma autenticata attestante lassenza di allacciamento delle reti dei servizi pubblici dellenergia elettrica dellacqua e del gas Inagibili o inabitabiliSoggetti a Imu al 50%: non devono essere utilizzati di fatto; limitatamente al periodo dellanno durante il quale sussiste linagibilità; accertamento dellUTE con perizia a carico del proprietario oppure dichiarazione sostitutiva Vincolo storico, artisticoSoggetti a Imu al 50%: con lIci il regime era particolarmente agevolato Aree edificabiliSoggetti a Imu: slalom tra valore venale e tabelle comunali

8 Dott.ssa Silvia Bocci II. CASI PARTICOLARI Doppio prelievo sui locati II. CASI PARTICOLARI Immobili locati DOPPIA IMPOSIZIONE Soggetti a Imu: I comuni possono ridurre laliquota di base dallo 0,76% allo 0,40% per mitigare leffetto del doppio prelievo Soggetti ad Irpef e addizionali: importo netto canone – 15% spese forfettarie (25% Venezia, Giudecca, Murano; 35% per immobili storici o artistici) a.Locazioni convenzionali in comuni ad alta densità abitativa: il canone netto è ulteriormente ridotto del 30%; b.Spese analitiche: se canone omnicomprensivo se spese devono essere decurtate; c.Cedolare secca: se si opta laggravio è contenuto. Imposta sostitutiva del 21% o 19% se alta densità abitativa d.Abitazioni a disposizione dei familiari: soggette a Imu ordinaria; non soggette a Irpef. Immobili non locati Soggetti a Imu: aliquota 0,76% Non soggetti a Irpef e addizionali Ma attenzione: continuano ad essere assoggettati a Ires se il possessore è soggetto diverso da persona fisica (società enti pubblici e privati commerciali e non) Immobili pignorati o sequestrati Soggetti a Imu: Per il sequestro è necessario distinguere se civile o penale si rinvia alla risoluzione n. 195/E del 2003 LImu sostituisce per la componente immobiliare lIci, lIrpef e le relative addizionali dovute per redditi fondiari relativi a immobili non locati

9 Dott.ssa Silvia Bocci II. CASI PARTICOLARI ENTI NON COMMERCIALI II. CASI PARTICOLARI E necessario verificare concretamente lattività svolta 1.Assistenziali; 2.Previdenziali; 3.Sanitarie; 4.Didattiche; 5.Ricettive 6.Culturali; 7.Ricreative; 8.Sportive; 9.Religiose e di culto. Separato accatastamentoSe allinterno di un fabbricato solo una porzione è destinata allesercizio delle attività sociali meritorie, la restante frazione se dotata di autonomia funzionale e reddituale permanente deve essere separatamente accatastata Utilizzo promiscuoProcedura alternativa e residuale da utilizzarsi quando non ci sono porzioni specifiche destinate alle diverse attività: è necessario che il possessore dellimmobile certifichi quale sia la frazioni di questultimo destinato ad attività non commerciale APPOSITA DICHIARAZIONE Non ci sono particolari innovazioni rispetto allIci ma conferme delle rigide posizioni espresse dal Ministero dellEconomia in merito al requisito oggettivo della agevolazione

10 Dott.ssa Silvia Bocci II. CASI PARTICOLARI IMMOBILI ALLESTERO : IVIE e non IMU II. CASI PARTICOLARI Soggetto passivo Persone fisiche residenti in Italia (anche se non cittadini italiani): lo straniero che risiede in Italia deve pagare lIVIE sugli immobili detenuti allestero Presupposto dellimposta Proprietà o diritti reali su immobili situati allestero: - limposta va assolta unitamente ai pagamenti dovuti in base alla dichiarazione dei redditi a partire dal periodo di imposta 2011; - limposta va dichiarata in Unico/2012 Sez. XVI quadro RM: attenzione ai quadri RW compilati in passato!!! - limposta è dovuta proporzionalmente ai mesi di possesso Base imponibile CRITERIO GENERALE Costo risultante dallatto di acquisto o dai contratti e in mancanza secondo il valore di mercato rilevabile nel luogo in cui è situato limmobile IMMOBILI UBICATI IN PAESI CEE E quella utilizzata per il calcolo dellimposta sul patrimonio o sui trasferimenti; in mancanza si applica il criterio generale Aliquota CRITERIO GENERALE Misura dello 0,76% del valore degli immobili SOGGETTI CHE PRESTANO LAVORO ALLESTERO PER LO STATO ITALIANO Aliquota ridotta dello 0,40% per limmobile adibito ad abitazione principale oltre alle regole previste per lImu 1° casa (detrazione figli conviventi) FRANCHIGIA Limposta non è dovuta se lammontare della stessa non supera 200,00

11 Dott.ssa Silvia Bocci II.CASI PARTICOLARI DICHIARAZIONE, VERSAMENTO II.CASI PARTICOLARI DICHIARAZIONENUOVO TERMINE Entro 90 giorni dalla data in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini dellimposta: eventi verificatesi dopo il 1 gennaio La prima dichiarazione deve essere presentata entro il 30 settembre 2012 REDAZIONE Modello previsto dal DLgs 14/03/2011 n. 23 art. 9 (che deve ancora essere approvato) TACITA CONFERMA La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi se non intervengono variazioni VALGONO LE VECCHIE DICHIARAZIONI ICI Vi è continuità VERSAMENTO RATEAZIONE ORDINARIA RATEAZIONE abitazione principale e pertinenze E obbligatorio il Mod. 24 a dicembre dovrebbe essere reintrodotto il bollettino postale ACCONTO 50% dellimposta calcolata con le aliquote base : 18 giugno 2012 SALDO con aliquote definitive: 17 dicembre ° ACCONTO 1/3 dellimposta calcolata con le aliquote base : 18 giugno ° ACCONTO 1/3 dellimposta calcolata con le aliquote base : 17 settembre 2012 SALDO con aliquote definitive: 17 dicembre 2012

12 Dott.ssa Silvia Bocci II. CASI PARTICOLARI QUOTA ERARIALE II. CASI PARTICOLARI Lart. 13 co 11 DL 201/2011 E riservata allo stato la quota del 50% dellimporto calcolato applicando alla base imponibile laliquota base dello 0,76% ad eccezione - dellabitazione principale e relative pertinenze; - dei fabbricati rurali strumentali; - immobili coop edilizie indivise; - immobili non locati di anziani o disabili residenti in istituti di cura; - immobili non locati di cittadini italiani residenti allestero; - immobili dei comuni nei territori di appartenenza; - casa coniugale assegnata allex coniuge. Detrazioni e riduzioni di aliquotaNon si applicano alla quota di imposta riservata allo stato Riduzioni per terreni agricoli posseduti e condotti da coltivatori diretti e dagli IAP iscritti alla previdenza agricola Si applicano alla quota di imposta riservata allo stato

13 Dott.ssa Silvia Bocci III. CONCLUSIONI E….……ulteriori sviluppi Conclusioni III. CONCLUSIONI E….……ulteriori sviluppi Forte esigenza di fiducia che deve caratterizzare i rapporti tra le persone e le istituzioni Il commercialista è espressione di una categoria professionale che fonda il rapporto di fiducia nelle qualità etiche, nelle competenze tecniche, nella misurazione degli obiettivo e dei risultati Loperatività dei Dottori Commercialisti, sia a livello istituzionale che a livello individuale, è finalizzata alla costruzione e attuazione di un modello operativo che nel perseguimento dellinteresse pubblico garantisca la coerenza, lefficacia, efficienza ed economicità nonché la regolarità amministrativo-contabile dellazione pubblica. Necessariamente deve, altresì, essere realizzata unattività di confronto e collaborazione con le altre Istituzioni pubbliche chiamate alle scelte di governo e di controllo in tali ambiti tematici: rete del valore della conoscenza. E la sfida del federalismo ? La necessità di inserire le competenze del dottore commercialista quali necessarie per lequilibrio gestionale assume importanza strategica per la definizione di politiche atte a misurare le risorse che il sistema sanitario assorbe e genera per gli equilibri di finanza regionale. ARMONIZZAZIONE: D.Lgs. 118/2011 artt ……..ulteriori sviluppi dei lavori della Commissione Bicamerale sul Federalismo


Scaricare ppt "Limposta municipale unica: IMU Casi particolari e criticità Silvia Bocci Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Prato Componente Commissione."

Presentazioni simili


Annunci Google