La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 PARTE SECONDA: Definizione delle strategie Per risolvere il problema individuato nella analisi del fabbisogno (prima parte) occorre metter in atto una.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 PARTE SECONDA: Definizione delle strategie Per risolvere il problema individuato nella analisi del fabbisogno (prima parte) occorre metter in atto una."— Transcript della presentazione:

1 1 PARTE SECONDA: Definizione delle strategie Per risolvere il problema individuato nella analisi del fabbisogno (prima parte) occorre metter in atto una pluralità di azioni afferenti le diverse politiche (formative, del lavoro e dellinclusione)

2 2 Definizione delle strategie previste nei POR nei CDP e nei Bandi (cfr allegato 1/fa riferimento allOb.3. Per lob. 1 vedere le parti equivalenti) Tali azioni possono essere non formativeformative

3 3 PARTE TERZA: la pianificazione Sulla base delle strategie individuate la pianificazione dellintervento può riguardare Unazione formativa Unazione non formativa A.1 B.1

4 4 PARTE TERZA: la pianificazione La pianificazione dellintervento può riguardare Unazione formativa Unazione non formativa A.1 B.1

5 5 A.1.- Pianificazione dellazione formativa Si compone di due sezioni: La prima sezione (normalmente trascurata o marginale in molti formulari) rappresenta un necessario passaggio per la seconda; costituisce, cioè labase su cui costruire la seconda sezione Analisi della professionalità Definizione del percorso formativo 17 giugno 2006

6 6 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Analisi della professionalità-competenze professionali 1 La F.P. è un percorso (formale, informale, non formale) di acquisizioni di COMPETENZE PROFESSIONALI. 17 giugno 2006

7 7 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa- Analisi della professionalità- competenze professionali/2 Per competenze professionali intendiamo la capacità richiesta per svolgere un compito, una parte di esso, o parti di compiti diversi. La competenza è una potenzialità la cui attivazione costituisce la performance. 17 giugno 2006

8 8 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Analisi della professionalità - competenze professionali/3 Tale capacità è resa possibile dal possesso di ABILITA OPERATIVE COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI SAPERI 17 giugno 2006

9 9 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Analisi della professionalità - competenze professionali/4 cioè conoscenze di tipo tecnico - scientifico su cui poggia la performance lavorativa da realizzare SAPERI 17 giugno 2006

10 10 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Analisi della professionalità -competenze professionali /5 cioè le capacità di eseguire compiti, attraverso limpiego di regole operative appropriate ABILITA OPERATIVE 17 giugno 2006

11 11 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Analisi della proftà - competenze professionali 6 cioè capacità di contestualizzare e rendere appropriate, rispetto al contesto socio- organizzativo, regole di comportamento e di interazione COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI 17 giugno 2006

12 12 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Analisi della professionbalità - competenze professionali /7 Nella letteratura del settore si definiscono solitamente tali capacità come linsieme di sapere saper fare saper essere. Al di là delle espressioni un po ad effetto la competenza fa riferimento ad unarea cognitiva, unarea operativa unarea comportamentale che possono essere al loro interno ulteriormente scomposta 17 giugno 2006

13 13 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Analisi della professionalità - competenze professionali /8 1.- Conoscenze. di fatti specifici (nomi di cose, di persone, eventi che sono accaduti, simboli e coni inerenti un certo campo del sapere, ecc.) di procedure (come fare la divisione, come testare un circuito elettrico, come montare una macchina, ecc. ) di concetti (che cosè giustizia, delega, modulo…)1 di principi generali sia relativi al mondo fisico (teoremi di geometria, il principio di Archimede…) sia inerenti il comportamento umano (i fattori di successo di un buon capo o di un buon venditore, le tecniche per parlare in pubblico…) giugno 2006

14 14 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Analisi della mprofessionbalità - competenze professionali /9 2 Capacità operative operative : abbracciano sia capacità manuali (luso del tornio) sia capacità procedurali (luso del computer) intellettuali e di problem solving basate su algoritmi sono quelle utilizzate nella soluzione di problemi (ad. Es. di algebra o nel calcolo di redditività di un investimento, o nel preparare un bilancio consuntivo di unazienda) la cui esecuzione lascia margini molto ridotti di discrezionalità allindividuo intellettuali basate su processi euristici sono quelle coinvolte nella soluzione di problemi aperti e non codificabili quali, ad esempio, quasi tutte le attività previsionali in ambienti complessi. In questo caso lo spazio di discrezionalità lasciato allindividuo è molto vasto giugno 2006

15 15 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Analisi della professionalità - competenze professionali /9 2 Comportamenti organizzativi E unarea particolarmente complessa allinterno della quale risulta utile distinguere due categorie di competenze comportamenti almeno in parte prescrivibili : sono quelli in cui è più efficace impiegare un certo prefissato comportamento(es.adottare la procedura prevista per una telefonata di vendita) comportamenti euristici : sono quelli che prevedono adattamenti personali alle varie situazioni (Es. tecniche di conduzione di riunione, gestione del colloquio di selezione...) giugno 2006

16 16 17 giugno 2006 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Analisi della professionalità - compiti professionali /1 ll compito si definisce come sistema strutturato e integrato di operazioni,realizzate allinterno di un processo, con le quali si realizzano risultati significativi in termini di prodotto e riconoscibili in termini di lavoro. Nella letteratura e nella prassi aziendale italiana il termine viene spesso usato senza un preciso significato organizzativo, come sinonimo di funzione, attività, competenza, incombenza, mansione, incarico, lavoro.

17 17 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Analisi della professionalità - compiti professionali /2 La descrizione dei compiti avviene esplicitando : lattività : insieme di una o più operazioni con le quali si trasforma linput iniziale in output finale, le metodologie utilizzate e lapparato strumentale di natura informativa o tecnica le transazioni : interazioni e scambi di messaggi e segnali di tipo cooperativo o competitivo, in orizzontale e in verticale loutput : i risultati attesi e prodotti. 17 giugno 2006

18 18 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Analisi della professionalità - figura professionale /1 Compiti diversi danno luogo, generalmente, alla figura o qualifica professionale, identificate e definite nella organizzazione del lavoro e nella contrattualistica

19 19 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Analisi della professionalità - procedure /1 LANALISI DELLA PROFESSIONALITA SI EFFETTUA CON QUESTI PASSAGGI SUCCESSIVI: A)Individuazione del luogo professionale dove svolge lattività la figura professionale B)Elenco dei processi professionali C)Elenco dei compiti di ciascun processo D)Analisi dei compiti E)Individuazione delle competenze di ciascun compito

20 20 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Analisi della professionalità - procedure /2 Successivamente si tabulano le competenze individuate in ciascun compito allinterno di ciascuna tipologia. Operativamente allinterno della competenza saperi allinterno della competenza abilità operative allinterno della competenza comportamenti organizzativi si inseriscono tutte le competenze dei compiti analizzati. A questo unto si ha una tabella così strutturata: 17 giugno 2006

21 21 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Analisi della professionalità – procedure /3 saperi: conoscenza di… abilità operative uso del…… uso del… comportamenti organizzativi adottare…. adottare…..

22 22 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Dall'analisi dei compiti abbiamo desunto le competenze professionali. Nell'itinerario logico della progettazione le competenze rappresentano un momento nevralgico, di cerniera. Con le competenze, infatti, si conclude l'analisi della professionalità e dalle competenze ha origine la programmazione didattica. Se le competenze rappresentano l'insieme di capacità con le quali si realizzano compiti di un determinato ruolo (versante della professionalità) esse costituiscono (versante della formazione) il riferimento necessario per definire gli obiettivi finali dell'intervento formativo. 17 giugno 2006

23 23 La definizione degli obiettivi ha rispetto a quelle di competenze delle parti in comune e delle parti autonome: COMPETENZEOBIETTIVI 1.- Conoscenze, abilità operative, comportamenti necessari per la realizzazione di un compito o parte di esso o parti comuni a più compiti 2.- Acquisibile al termine e/o nel corso di un intervento formativo 3.- Ad un livello tale da rendere la sua performance lavorativa accettabile A.1.- Pianificazione dellazione formativa/ Definizione del percorso – obiettivi finali /1

24 24 A.1.- Pianificazione dellazione formativa/ Definizione del percorso – obiettivi finali /2 il risultato atteso da un certo periodo di formazione espresso in termini di comportamenti professionali, che lallievo saprà esercitare secondo un livello definito accettabile. Lobiettivo formativo, quindi, può essere definito anche come

25 25 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Definizione del percorso – obiettivi finali /3 Quindi per la loro natura e complessità non tutte le competenze possono essere assunte in blocco e tout court come obiettivi dei processi formativi, ma solo quelle ragionevolmente "acquisibili". L'acquisibilità è legata: 1.- alla natura della competenza da apprendere 2.- al tempo di acquisizione (cioè alla durata della formazione). 17 giugno 2006

26 26 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Definizione del percorso – obiettivi finali /4 Qualità di un obiettivo: pertinente, conforme allo scopo prefissato logico, senza contraddizioni interne preciso, senza termini con molte interpretazioni o difficilmente comprensibili realizzabile. che possa essere effettivamente raggiunto dal "tipo" di allievo di riferimento osservabile e misurabile.

27 27 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Definizione del percorso finale - obiettivi finali /5 Normalmente quando un progettista declina un obiettivo si limita all' "enunciato". Ad esempio per indicare un obiettivo che preveda la scrittura al computer non è sufficiente declinare : "utilizzare un sistema di videoscrittura". Tale formulazione (senz'altro "pertinente" e "logica") non offre, infatti, nessuna possibilità di discriminare la prestazione di chi scrive correttamente e chi non, di chi scrive secondo criteri estetici gradevoli e chi non, di chi ci impiega un tempo ridotto e chi, invece, tempi più diluiti… E' cioè un obiettivo "pertinente" e "logico" e "preciso", ma non "osservabile e misurabile" e quindi non si sa quanto "realizzabile"

28 28 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Definizione del percorso finale - obiettivi finali /5 Di qui la necessità di far seguire all'enunciato dell'obiettivo la individuazione dei criteri per valutare il raggiungimento dell'obiettivo la definizione dei livelli di accettabilità. Nell'esempio riportato occorre specificare: criteri: estetica, correttezza grammaticale-sintattica del testo, tempo di esecuzione… livelli di accettabilità: realizzare un copiato di n. lettere, in x tempo, senza errori di testo, utilizzando correttamente le funzioni "giustificato" "elenco puntato e numerato"…

29 29 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Definizione del percorso formativo - ingegneria modulare /1 In relazione agli obiettivi finali, il percorso formativo va articolato in moduli 17 giugno 2006 moduloUnità didattica

30 30 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Definizione del percorso finale - ingegneria modulare /2 Il modulo è la fase di un intervento finalizzata alla acquisizione di competenze per realizzare uno o più compiti di un ruolo professionale.

31 31 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Definizione del percorso finale - ingegneria modulare /3 Gli elementi costitutivi del modulo sono gli obiettivi e la durata. Il modulo si pone, infatti, come un sistema di sotto obiettivi (rispetto a quelli finali rappresentati dall'intervento) interconnessi graduali e verificabili nei risultati da raggiungersi in un determinato tempo. Il modulo è completo in sè stesso ed è potenzialmente trasferibile all'interno di un altro intervento. All'interno di ciascun modulo vengono integrati

32 32 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Definizione del percorso finale - ingegneria modulare /4 Lunita' didattica è un segmento di un modulo costituito o da una microunità di insegnamento/apprendimento definita da conoscenze ed abilità appartenenti alla stessa area disciplinare o da una attività didattica di verifica e valutazione.

33 33 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Definizione del percorso finale - ingegneria modulare /5 L'unità didattica viene definita da cinque variabili: 1.obiettivo, 2.durata, 3.contenuti. 4.metodologie, (VEDI ALLEGATO 2) 5.tecnologie, (VEDI ALLEGATO 3)

34 34 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.1.- Pianificazione dellazione formativa Definizione del percorso finale - ingegneria modulare /6 Gli obiettivi si pongono sempre dal punto di vista degli allievi, mentre il contenuto viene stabilito in base al punto di vista del docente. I primi, infatti, rappresentano il traguardo che gli allievi devono raggiungere, i secondi costituiscono il percorso con cui il docente fa perseguire il traguardo agli allievi.

35 35 Pianificazione Realizzazione Valutazione A.2.- Pianificazione dellazione non- formativa Occorre specificare: 1.Tipologia di azione 2.Gli esiti attesi dallazione: 3.Le fasi dellazione 4.Le eventuali interazioni e collaborazioni (con soggetti del mondo istituzionale, sociale ed economico)

36 36 Pianificazione Realizzazione Valutazione PARTE QUARTA - definizione delle condizioni di fattibilita Definito il percorso (formativo e non formativo) occorre individuare le condizioni che rendono "realizzabili" gli interventi (formativi e non formativi)

37 37 Pianificazione Realizzazione Valutazione PARTE QUARTA - definizione delle condizioni di fattibilita Azione formativa Tali condizioni riguardano Sia i potenziali allievi, che devono essere in possesso di specifici prerequisiti. Sia l'azione formativa che deve poter contare su adeguate Strutture logistiche Attrezzature e dotazioni didattiche Risorse umane (coordinatore, docenti tutor, personale d'amministrazione…) Risorse finanziarie (Vedi allegato 4):

38 38 Pianificazione Realizzazione Valutazione PARTE QUARTA - definizione delle condizioni di fattibilita Azione non formativa Tali condizioni riguardano Eventuali attrezzature e tecnologie Risorse umane (coordinatore, docenti tutor, personale d'amministrazione…) Risorse finanziarie (Vedi allegato 4):

39 39


Scaricare ppt "1 PARTE SECONDA: Definizione delle strategie Per risolvere il problema individuato nella analisi del fabbisogno (prima parte) occorre metter in atto una."

Presentazioni simili


Annunci Google