La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA"— Transcript della presentazione:

1 PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA
1° Circolo Didattico - Forlì Viale F.lli Spazzoli, 67 Tel Fax 47121 Forlì Mail: Sito web:

2 Il Piano dell’Offerta Formativa (P. O. F
Il Piano dell’Offerta Formativa (P.O.F.) è il documento, previsto dall’art. 3 del Regolamento dell’autonomia scolastica (D.P.R. n° 275/1999 ). Questo documento rappresenta l’identità e la storia del nostro Circolo, raccontando la progettazione didattica, educativa ed organizzativa delle scuole d’appartenenza. Premessa fondamentale del P.O.F. è il rispetto della Costituzione Italiana e, in particolare, degli articoli 3, 33, 34 e 117 che garantiscono: - PARI DIGNITA’ SOCIALE, ASSENZA DI DISCRIMINAZIONE, RIMOZIONE DI OSTACOLI DI ORDINE ECONOMICO E SOCIALE - LIBERTA’ DEL CONOSCERE E NEL CONOSCERE - PARI OPPORTUNITA’ - AUTONOMIA DI SCELTE NELL’OSSERVANZA DELLE LEGGI DELLO STATO Il P.O.F. 2012/13 è stato approvato dal Collegio Docenti in data 14/09/2012 e con delibera del Consiglio di Circolo del 03/12/2012. Nella progettazione delle attività educativo-didattiche ribadisce: la pari dignità tra i saperi la pari responsabilità degli insegnanti nel condurre l’azione educativo-didattica la collegialità condivisa in continuità con la “storia” del 1° Circolo.

3 LE SCUOLE DEL CIRCOLO SCUOLE PRIMARIE “Aurelio Saffi” “Rivalti”
Viale F.lli Spazzoli, 67 – Forlì Tel Mail: “Rivalti” Via Berti, 32 – Forlì Tel Mail: SCUOLE DELL’INFANZIA “Ronco” Viale Roma, 223 – Forlì Tel. - FAX “Rondine” Via Salvemini, 18 – Forlì Tel. - FAX

4 LA SCUOLA COME COMUNITÀ
Il 1°Circolo di Forlì, costituito da scuole dell’infanzia e primarie, si pone come finalità: la valorizzazione dei singoli soggetti (alunni, docenti, genitori) nel riconoscimento delle diverse specificità; la valorizzazione della comunità scolastica: la scuola è inserita nel vivere sociale delle famiglie e del territorio. IL CLIMA EDUCATIVO La scuola statale del 1° Circolo contestualizza ogni innovazione e riforma scolastica affinché l’offerta formativa possa dare voce alle potenzialità di ogni singolo soggetto e promuova valori, quali l’impegno civile, il rispetto per gli altri e l’accoglienza… in una situazione di pari opportunità. Le differenze di potenzialità, esperienze, provenienza e cultura contribuiscono ad arricchire il “luogo” educativo del 1° Circolo, proprio perché l’alunno ha il diritto di mantenere la propria identità, la religione e le tradizioni culturali, nel rispetto delle regole condivise dalla società intera.

5 Ogni anno saranno potenziati lo studio, la ricerca, il confronto, l’applicazione di metodologie e strategie per risolvere al meglio disagi e svantaggi, con la collaborazione, caso per caso, delle famiglie, di esperti, dei servizi sociali, della pediatria di comunità e degli Enti locali. La scuola riconosce la famiglia come prima responsabile della crescita affettiva ed educativa dei bambini e progetta ambiti di collaborazione e confronto a sostegno degli stessi per un positivo inserimento nella vita scolastica, valorizzandone i processi di crescita e le singole conquiste. Scuola e famiglia collaborano per il comune obiettivo della crescita degli alunni, nel rispetto dei rispettivi ruoli e ambiti di competenza.

6 Ogni classe e interclasse, sezione e intersezione sperimenta “strade” per il raggiungimento delle finalità indicate: uso di strategie diversificate per la valutazione degli alunni e del lavoro svolto; utilizzo dei laboratori disponibili; invenzione e creazione di momenti espressivi di vario tipo; sperimentazioni d’ambito disciplinare… Ogni equipe pedagogica, per consentire una più consapevole partecipazione delle famiglie alla crescita dei figli, illustra il percorso educativo-didattico intrapreso e in via di attuazione durante le assemblee di classe.

7 LIBERTÀ DEI SINGOLI DOCENTI E PROGETTI COMUNI
Il 1° Circolo valorizza la creatività e la libertà del singolo docente e delle singole équipe. Prerogativa della nostra scuola è riconoscere ai docenti l’opportunità di scegliere strumenti e strategie didattiche per raggiungere gli obiettivi programmati, nella convinzione che ciascuno è “artefice” e “responsabile” della propria opera di educazione-istruzione. I docenti sono consapevoli d’esercitare il ruolo delicatissimo di mediatore fra le esigenze psicologiche, intellettuali, affettive degli allievi e delle loro famiglie e quelle del contesto socioculturale su cui si opera. La nostra scuola si caratterizza per la consapevolezza che non esistono ricette valide per tutti, che non ci sono “tecniche pedagogiche” che durano in eterno; promuove piuttosto la costante ricerca, in situazione, di ciò che potrebbe favorire l’apprendimento e la crescita del sé di ognuno. Ogni anno, nel P.O.F. verranno inseriti “progetti di arricchimento dell’offerta formativa” e attività disciplinari facoltative da svolgersi durante l'orario scolastico.

8 VALUTARE: dare valore FORMARE E AGGIORNARE
La valutazione è un processo formativo che osserva comportamenti in situazioni di apprendimento, raccoglie informazioni sul progressivo sviluppo delle abilità/competenze degli allievi, le analizza, le confronta e le interpreta. Si affida pertanto a criteri condivisi, che rilevano gli esiti e promuovono anche l’autovalutazione di ogni singolo alunno rispetto al proprio percorso. FORMARE E AGGIORNARE L’aggiornamento e la formazione in servizio sono permanentemente realizzati nel nostro Circolo e mirano al potenziamento delle competenze professionali dell’area disciplinare, di quella non disciplinare e dell’area trasversale educativa. Ogni anno, compatibilmente con le risorse, il Collegio Docenti organizza momenti di formazione con l’intervento di esperti, scegliendo argomenti che approfondiscano e trattino diverse tematiche. In ogni caso i docenti del Circolo partecipano a corsi di formazione organizzati da soggetti esterni alla scuola (Centro Documentazione e Apprendimento, Università degli Studi di Bologna, Forlimatica, Reti di scuole, Gruppo coordinato da Bruno D’Amore, …) All’interno delle Scuole del Circolo vengono accolti come tirocinanti i ragazzi del Liceo Classico ad indirizzo pedagogico G.B. Morgagni, dell’Istituto Ruffilli e della Facoltà di Scienze della Formazione Primaria dell’Università degli Studi di Bologna.

9 STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL CIRCOLO
Dirigente Scolastica: Dottoressa Cenci Patrizia Direttore Amministrativo dei Servizi Generali Vicario Funzioni Strumentali Collaboratori del Dirigente Scolastico Referenti dei laboratori e delle attività Commissioni e gruppi di lavoro Personale di segreteria Operatori scolastici ORGANI COLLEGIALI Collegio Docenti Consiglio di Circolo Giunta Esecutiva I dettagli della struttura organizzativa sono presenti negli Allegati.

10 Verifica e valutazione del Pof
I Progetti del POF vengono valutati in itinere e al termine dell’anno scolastico all’interno dei Consigli di interclasse e di intersezione. (Presentazione dei progetti e attività.) Al termine dell’anno scolastico, il Collegio dei Docenti acquisisce gli elementi forniti dai referenti dei Progetti e le valutazioni emerse dai Consigli di Interclasse e Intersezione al fine di procedere alla programmazione dell’anno scolastico successivo. Il Consiglio di Circolo, anche tenuto conto delle risultanze del Collegio dei Docenti, esprime gli indirizzi generali per le attività della scuola e delle scelte generali di gestione e amministrazione.

11 RETI con scuole del territorio
Accordi di Rete Per l'anno scolastico 2012/2013, il Consiglio di Circolo ha approvato l'adesione a numerosi Accordi di Rete con le scuole forlivesi, ritenendo che rappresentino uno strumento utile per il raggiungimento degli obiettivi del Piano dell'Offerta Formativa. Il nostro Circolo ha aderito ai seguenti progetti di rete: SCUOLE CAPOFILA RETI con scuole del territorio Istituto Superiore Matteucci - Forlì Forlì together Direzione Didattica 4° CIrcolo - Forlì Alunni disabili, nativi digitali

12 RETI con scuole del territorio
SCUOLE CAPOFILA RETI con scuole del territorio Direzione Didattica 1° Circolo - Forlì Classi in movimento Direzione Didattica 1° CIrcolo - Forlì Progetto qualificazione scolastica 0/6 anni Direzione Didattica 4° Circolo - Forlì Benessere Prevenzione Integrazione 6–14 anni Attrezzature per alunni portatori di h Direzione Didattica 7° Circolo - Forlì Star tutti meglio a scuola Scuola Media via Ribolle – Forlì L’ambiente che include ed integra Scuola media via Ribolle - Forlì Forlìinrete per la sostenibilità educante Forlinrete: scuole del primo ciclo Scuola Media via Orsini – Forlì Alunno straniero: una risorsa per la Scuola Istituto Comprensivo – Forlimpopoli Progetto D.E.L.F.O. scuole in rete Istituto Statale d’Arte – Forlì Progetto Albert – dislessia Istituto Superiore Ruffilli- Forlì Senti che storia Direzione Didattica VII Circolo - Forlì Autonomie dei bambini autistici Istituto Superiore Versari - Cesena LIM per apprendere

13 Protocollo di accoglienza alunni stranieri

14 PIANI DI STUDIO ITALIANO MUSICA ARTE E IMMAGINE MATEMATICA INGLESE
STORIA GEOGRAFIA SCIENZE MUSICA ARTE E IMMAGINE CORPO MOVIMENTO E SPORT TECNOLOGIA RELIGIONE


Scaricare ppt "PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA"

Presentazioni simili


Annunci Google