La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Contratto di inserimento Dalla formazione e lavoro all'inserimento: continuità e discontinuità Aprile 2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Contratto di inserimento Dalla formazione e lavoro all'inserimento: continuità e discontinuità Aprile 2007."— Transcript della presentazione:

1 1 Contratto di inserimento Dalla formazione e lavoro all'inserimento: continuità e discontinuità Aprile 2007

2 2 La normativa Decreto legislativo 276/2003 e poi: 1. Accordo interconfederale (avrà efficacia fino a quando non sarà sostituito dalla disciplina specifica della contrattazione collettiva) 2. Circolare Inps n. 51/ Circolare Ministero del lavoro n. 31/ DM Circolare Inps 74/ Ministero lavoro interpello Ministero lavoro interpello Ministero lavoro interpello

3 3 Definizione Il contratto di inserimento é un contratto di lavoro a tempo determinato (possibile anche a tempo parziale) per realizzare, mediante un progetto individuale di adattamento delle competenze professionali del lavoratore a un determinato contesto lavorativo, l'inserimento ovvero il reinserimento nel mercato del lavoro di alcune categorie (no finalità formative)

4 4 Datori di lavoro interessati a) enti pubblici economici, imprese e loro consorzi b) gruppi di imprese c) associazioni professionali, socio- culturali, sportive d) fondazioni e) enti di ricerca, pubblici e privati f) organizzazioni e associazioni di categoria

5 5 Datori di lavoro interessati /2 Il progetto di inserimento può prevedere l'impiego in diverse società del gruppo o consorziate. In tal caso si potrà dare l'ipotesi di un unico contratto di lavoro di inserimento con una singola società del consorzio o del gruppo che, però, potrà "inviare" il lavoratore, ai fini del progetto di inserimento, presso più società del consorzio o del gruppo.

6 6 Destinatari: i giovani a) Soggetti di età compresa tra i diciotto e i ventinove anni Il Ministero del lavoro ha chiarito che il limite massimo è di 29 anni e 364 giorni.

7 7 Destinatari: i disoccupati b) disoccupati di lunga durata da 29 a 32 anni; (coloro i quali, dopo aver perso un posto di lavoro o aver cessato un'attività di lavoro autonomo, siano alla ricerca di una nuova occupazione da almeno 12 mesi – compresi disoccupati a seguito di dimissioni) Documentazione: dichiarazione di responsabilità del lavoratore al centro per limpiego (articolo 3 Dlgs 297/2002); attestazione del centro della permanenza del soggetto nello stato di disoccupazione Arco temporale che va dal giorno del compimento del 29° anno al giorno antecedente il compimento del 32° anno.

8 8 Destinatari: ultracinquantenni c) lavoratori con più di cinquanta anni di età che siano privi di un posto di lavoro Dichiarazione di responsabilità da parte del lavoratore, attestante il possesso dei requisiti di legge.

9 9 Destinatari: inattivi da 2 anni d) lavoratori che desiderino riprendere una attività lavorativa e che non abbiano lavorato per almeno due anni (Compresi coloro che in tale periodo hanno svolto prestazioni occasionali di tipo accessorio). Il lavoratore deve presentare al datore di lavoro: dichiarazione di responsabilità attestante di non aver lavorato nel biennio antecedente; attestazione da parte del competente Centro per l'impiego dalla quale risulti che il lavoratore medesimo non è presente negli elenchi anagrafici con riferimento al predetto citato periodo.

10 10 Destinatari: le donne e) donne di qualsiasi età residenti in una area geografica in cui il tasso di occupazione femminile determinato con apposito DM, sia inferiore almeno del 20% di quello maschile o in cui il tasso di disoccupazione femminile superi del 10% quello maschile Condizioni presenti in tutte le regioni. Sono aree svantaggiate le regioni Lazio, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna (articoli 1 e 2 DM). I contratti di inserimento possono essere stipulati con donne residenti in tutto il territorio nazionale, ma gli sgravi contributivi spettano soltanto in relazione alla residenza.

11 11 Destinatari: le donne /2 Il DM ha individuato le condizioni per gli anni 2004, 2005, 2006 (anche per i periodi antecedenti a quello di pubblicazione). Per il 2007 non è stato pubblicato alcun decreto

12 12 Destinatari: disabili f) persone riconosciute affette, ai sensi della normativa vigente, da un grave handicap fisico, mentale o psichico La nozione "persona affetta da grave handicap fisico, mentale o psichico" trova riferimento normativo nelle disposizioni di cui alla legge 5 febbraio 1992, n. 104, al DPCM 13 gennaio 2000 nonché alla legge 12 marzo 1999, n. 68.

13 13 Una precondizione Avere mantenuto in servizio almeno il 60% dei lavoratori il cui contratto di inserimento sia venuto a scadere nei 18 mesi precedenti. Non si computano i lavoratori che: – si sono dimessi – sono stati licenziati per giusta causa – al termine del rapporto di lavoro, hanno rifiutato la proposta di rimanere in servizio con rapportoa tempo indeterminato – sono cessati nel corso o al termine del periodo di prova Non si computano 4 contratti non trasformati a tempo indeterminato. Si considerano mantenuti in servizio i lavoratori con contratto trasformato durante in periodi di inserimento.

14 14 Il piano individuale di inserimento Definito col consenso del lavoratore per adeguare le competenze del lavoratore al contesto lavorativo.

15 15 PFI: le caratteristiche L'accordo interconfederale dell' ha previsto una formazione minima di 16 ore su: – prevenzione antinfortunistica (fase iniziale del rapporto) – disciplina del rapporto di lavoro – organizzazione aziendale Addestramento specifico, impartite anche con modalità di e-learning, in funzione dell'adeguamento delle capacità professionali del lavoratore.

16 16 PFI: gli elementi essenziali Oltre alla definizione delle parti: Titoli di studio posseduti Attività lavorative svolte Durata Periodo di prova Orario di lavoro (tempo pieno/parziale) Livello di inquadramento iniziale e finale Mansioni da svolgere alla fine del progetto Formazione teorica Trattamento di malattia

17 17 La forma Il contratto di inserimento è stipulato in forma scritta a pena di nullità (il lavoratore è considerato assunto a tempo indeterminato)

18 18 Durata Da 9 a 18 mesi (a 36 mesi per assunzione di persone affette da grave handicap – lettera f). Termine è sospeso per servizio (militare) e civile e per maternità. Per alcune agevolazione è richiesta la durata minima di 12 mesi

19 19 Durata /2 Prorogabile (nel limite massimo complessivo di 18/36 mesi). Il contratto non è rinnovabile. Se il termine è superato di 30 giorni il contratto si trasforma a tempo indeterminato

20 20 Disciplina rapporto di lavoro L'accordo interconfederale ha definito norme in materia di – periodo di prova – trattamento per malattia e infortunio – servizi aziendali – maggiorazioni (straordinario, notturno...) – anzianità di servizio (computo in caso di trasformazione ad esclusione degli scatti)

21 21 Inquadramento I lavoratori assunti con contratto di inserimento possono essere sottoinquadrati (massimo 2 livelli). Non consentito sottoinquadramento per le donne (lettera e) I Ccnl possono prevedere norme migliorative (anche passaggi intermedi)

22 22 Computo I contratti di inserimento non sono computati ai fini di legge e di contratto (salvo diversa previsione contratti collettivi) Eccezioni recenti: contributo all'Inps uguale al Tfr

23 23 Le agevolazioni contributive Ai contratti di inserimento si applicano gli sgravi previsti a suo tempo per i Cfl. Tener conto delle nuove aliquote per apprendisiti.

24 24 Le agevolazioni contributive /2 Le agevolazioni non spettano nel caso a): giovani anni (salvo che non rientrino anche in un'altra categoria)

25 25 Le agevolazioni contributive /3 Le agevolazioni per le donne spettano nella misura del 25% in tutto il territorio nazionale. Agevolazioni superiori spettano nelle aree svantaggiate (regioni Lazio, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna) Per il 2007 agevolazioni non ancora possibili: DM non emanato

26 26 Le aliquote

27 27 Ulteriori condizioni In caso di sgravio superiore al 25% è necessario rispettare le condizioni previste dal regolamento (CE) n. 2204/2002 del

28 28 Le condizioni Ce – Lammontare del beneficio, per singolo rapporto di lavoro, non deve superare il 50% (60% nel caso di disabili) del costo salariale annuo del lavoratore assunto (*) – Lassunzione deve determinare incremento netto del numero dei dipendenti dello stabilimento interessato (se lassunzione non rappresenta incremento netto del numero di dipendenti, il posto occupato deve essersi reso vacante per dimissioni volontarie, pensionamento per raggiunti limiti detà, riduzione volontaria dellorario di lavoro, licenziamenti per giusta causa, non a seguito di licenziamenti per riduzione del personale) (**) – Il contratto deve avere durata pari ad almeno 12 mesi (***)

29 29 Le condizioni Ce /2 (*) Il costo salariale include le seguenti componenti che il datore di lavoro è di fatto tenuto a corrispondere in relazione al posto di lavoro considerato: - la retribuzione lorda, vale a dire prima dell'applicazione dell'imposta; - i contributi previdenziali ed assistenziali obbligatori.

30 30 Le condizioni Ce /3 (**) Incremento occupazionale con riferimento alla media dei lavoratori occupati nei 12 mesi precedenti lassunzione. Per numero di dipendenti si intende il numero di unità di lavoro-anno (ULA) (numero di lavoratori occupati a tempo pieno durante un anno, conteggiando il lavoro a tempo parziale ed il lavoro stagionale come frazioni di ULA). Lincremento occupazionale va verificato con riferimento alla singola unità operativa interessata dallassunzione

31 31 Le condizioni Ce /4 (***) Il Ministero del Lavoro ha precisato che l'agevolazione non è comunque esclusa nel caso in cui il rapporto di lavoro venga risolto prima del termine di 12 mesi per giusta causa. In caso di reinserimento dopo 2 anni di inattività (lettera d) per i giovani fino a 25 anni è anche necessario che nel biennio in oggetto non abbiano effettuato corsi di formazione

32 32 Inadempienze In caso di gravi inadempienze al progetto di inserimento il datore di lavoro è tenuto a versare la differenza tra la contribuzione versata e quella dovuta per il lavoratore avente lo stesso inquadramento legale e contrattuale, maggiorata del 100%. Se si verificano gravi inadempienze non opera la sanzione della conversione in contratto a tempo indeterminato.

33 33 Un breve riepilogo


Scaricare ppt "1 Contratto di inserimento Dalla formazione e lavoro all'inserimento: continuità e discontinuità Aprile 2007."

Presentazioni simili


Annunci Google