La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

10/9/2004 Defibrillazione precoce Alcuni dati sulla Defibrillazione precoce nellAzienda USL di Bologna Area Sud.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "10/9/2004 Defibrillazione precoce Alcuni dati sulla Defibrillazione precoce nellAzienda USL di Bologna Area Sud."— Transcript della presentazione:

1 10/9/2004 Defibrillazione precoce Alcuni dati sulla Defibrillazione precoce nellAzienda USL di Bologna Area Sud.

2 10/9/2004 Defibrillazione precoce Le criticità organizzative: Lacquisizione dei dati DAE è costruita necessariamente intorno alla organizzazione del lavoro attuale.

3 10/9/2004 Defibrillazione precoce Il tracciato DAE segue il paziente allinterno del Dipartimento di Emergenza Urgenza solo sporadicamente. Ritardo nella acquisizione dei dati. Le criticità organizzative: conseguenze

4 10/9/2004 Defibrillazione precoce Ogni postazione Echo sarà in grado di inviare il tracciato DAE allOM, utilizzando il computer e un lettore per le flash cards dei defibrillatori FR II Le criticità organizzative: una soluzione

5 10/9/2004 Defibrillazione precoce Il dato tracciato DAE viene gestito con tre programmi diversi. Un quarto programma serve allanalisi dei dati e contiene scheda acr scheda paziente relativa allintervento della Echo tempi di intervento risultanti alla CO analisi del tracciato DAE dati intraospedalieri Gli strumenti di gestione dei dati

6 10/9/2004 Defibrillazione precoce

7

8

9 Dettaglio dei tempi esaminati:

10 10/9/2004 Defibrillazione precoce Dettaglio di un tracciato DAE:

11 10/9/2004 Defibrillazione precoce Alla data del 3l/8/2004 il 74% dei tracciati DAE viene correttamente trasmesso. I risultati ottenuti:

12 10/9/2004 Defibrillazione precoce I risultati ottenuti: Alla data del 3l/8/2004 il 74% delle Schede ACR viene correttamente inviato.

13 10/9/2004 Defibrillazione precoce I risultati ottenuti: I tracciati trasmessi sono stati visionati: è stato verificato il funzionamento dei defibrillatori (due casi di riprogrammazione); è stata evidenziato lerroneo settaggio dell orario impostato sui dae

14 10/9/2004 Defibrillazione precoce Alcune considerazioni sui numeri: Su 176 casi di acr esaminati dal 1/1/2004 al 31/8/2004 abbiamo: 80 casi di RCP non tentata/dae non collegato 95 casi di RCP 1 caso di errata diagnosi di ACR

15 10/9/2004 Defibrillazione precoce Alcune considerazioni sui numeri: Lacr riguardava in 57 casi uomini e in 38 casi donne. Età: Media = 73 Mediana = 76 anni 34% 66%

16 10/9/2004 Defibrillazione precoce Alcune considerazioni sui numeri: Solo in 12 casi su 95 (13%) il BLS era già stato iniziato.

17 10/9/2004 Defibrillazione precoce Alcune considerazioni sui numeri: FV/TV = 16% vs 33% (tutti i casi di acr – testimoniati – di BS nel 2003) Rosc = 13% Dimessi dallH = 1% vs 8,15% (BS)

18 10/9/2004 Defibrillazione precoce Alcune considerazioni sui numeri: Circulation August 27, 2002

19 10/9/2004 Defibrillazione precoce Il numero e il tipo di errori evidenziabili dai tracciati DAE. Alcune considerazioni sui numeri:

20 10/9/2004 Defibrillazione precoce Numero 10 casi di FV. Quanto tempo ci mettiamo (mediana)? Alcune considerazioni sui tempi di intervento dalla partenza del I mezzo dallinizio dellintervista

21 10/9/2004 Defibrillazione precoce Numero 65 casi (altri ritmi/asistolia) Quanto tempo ci mettiamo (mediana)? Alcune considerazioni sui tempi di intervento dalla partenza del I mezzo dallinizio dellintervista

22 10/9/2004 Defibrillazione precoce Su 82 casi analizzabili: 2 20 Alcune considerazioni sui tempi di intervento Quanto passa fra linizio della telefonata e linvio del I° mezzo? (mediana)

23 10/9/2004 Defibrillazione precoce Su 82 casi analizzabili: 2 20 Alcune considerazioni sui tempi di intervento Tripling Survival From Sudden Cardiac Arrest Via Early Defibrillation Without Traditional Education in Cardiopulmonary Resuscitation Capucci e al.; Circulation, 2002.

24 10/9/2004 Defibrillazione precoce Larresto cardiaco testimoniato: uno sconosciuto? Arrivi sul posto con la Echo e trovi lequipaggio dellambulanza che sta facendo il BLS; un volontario ti dice che ha trovato il paziente in arresto cardiorespiratorio; un parente ti dice di essere uscito di casa solo pochi minuti e dopo di avere trovato suo zio a terra privo di sensi. In questo caso: larresto cardiaco è testimoniato dallequipaggio ALS larresto cardiaco è testimoniato dai volontari dellambulanza larresto cardiaco è testimoniato dal parente nessuna risposta precedente è corretta

25 10/9/2004 Defibrillazione precoce Larresto cardiaco testimoniato: uno sconosciuto? Arrivi sul posto con la Echo e trovi una persona in arresto cardiorespiratorio; dopo di te arriva unambulanza dei volontari; un parente ti dice di avere sentito un tonfo, di essere andato in camera e di avere trovato suo zio sul pavimento privo di sensi. In questo caso: larresto cardiaco è testimoniato dallequipaggio ALS larresto cardiaco è testimoniato dai volontari dellambulanza larresto cardiaco è testimoniato dal parente nessuna risposta precedente è corretta

26 10/9/2004 Defibrillazione precoce Alcune considerazioni sui numeri (quando ci sono testimoni e il malato è il cuore) Utstein style = 17% vs 46% (BS nel 2003)

27 10/9/2004 Defibrillazione precoce Quali sono i punti deboli della catena?

28 10/9/2004 Defibrillazione precoce Ipotesi per eventuali soluzioni?

29 10/9/2004 Defibrillazione precoce Ipotesi per eventuali soluzioni?

30 10/9/2004 Defibrillazione precoce Nel nostro territorio: 26 DAE / abitanti / 1700 Kmq (135 ab kmq; 1 DAE/8846 ab) Un altro confronto con Piacenza: Nel 2002 viene descritto un sistema che a Piacenza gestisce 39 DAE in 12 postazioni fisse e 27 DAE mobili (polizia, VVFF e PA) per coprire abitanti (1 DAE/4438 ab): la sopravvivenza si modifica dal 3,3% al 10,5% (pazienti dimessi dallospedale). (*) (*) Circulation. 2002;106:1065 Alessandro Capucci, MD, FESC; Daniela Aschieri, MD; Massimo F. Piepoli, MD, PhD, FESC; Gust H. Bardy, MD; Efrosini Iconomu, MD; Maurizio Arvedi, MD

31 10/9/2004 Defibrillazione precoce JOINT STATEMENT ON RESUSCITATIVE INTERVENTIONS La Rianimazione CardioPolmonare è stata sviluppata come intervento terapeutico nei casi di improvviso e inaspettato arresto cardiaco o respiratorio. Tuttavia, tranne nei casi in cui ci sono istruzioni scritte DNR, è diventata usuale come intervento standard in tutti i casi di improvviso arresto cardiaco o respiratorio, sia inaspettato oppure no. Dopo decenni di esperienza e revisioni, sembra che ci sono persone che beneficiano di questa terapia e altre per cui non vi è beneficio ma un potenziale significativo danno. In queste ultime situazioni, la CPR è non solo generalmente inefficace ma anche inappropriata [...]


Scaricare ppt "10/9/2004 Defibrillazione precoce Alcuni dati sulla Defibrillazione precoce nellAzienda USL di Bologna Area Sud."

Presentazioni simili


Annunci Google