La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RICERCA INTERNAZIONALE IEA (International Association for the evaluation of Educational Achievemment) PIRLS 2006 (Progress in International Reading Literacy.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RICERCA INTERNAZIONALE IEA (International Association for the evaluation of Educational Achievemment) PIRLS 2006 (Progress in International Reading Literacy."— Transcript della presentazione:

1 RICERCA INTERNAZIONALE IEA (International Association for the evaluation of Educational Achievemment) PIRLS 2006 (Progress in International Reading Literacy Study) Quadro di riferimento Risultati italiani Studi di caso Lina Grossi Coordinatore Nazionale Ricerca 2006

2 Quadro di riferimento Perché uno studio internazionale sulla lettura Che cosa valuta lo Studio Gli strumenti: le prove e i questionari

3 la quarta classe della scuola primaria fase cruciale dello sviluppo delle abilità di lettura il passaggio dallapprendere a leggere al leggere per apprendere I dati raccolti si integrano e si completano con collegamenti verticali ripetizione ogni cinque anni della ricerca ( ) orizzontali IEA TIMSS ( Trends in Iternational Mathematics and Science Study ) etc. Perché uno studio internazionale sulla lettura: la popolazione di riferimento

4 misurare i livelli di comprensione della lettura dei bambini al quarto anno di scolarità analizzare le esperienze familiari e scolastiche che possono influenzare lapprendimento Che cosa valuta lo Studio: le finalità

5 La capacità di comprensione della lettura (Reading literacy) intesa in PIRLS 2006 come: labilità di capire e usare quelle forme di linguaggio scritto richieste dalla società e/o apprezzate dallindividuo. I giovani lettori devono saper costruire un significato da testi di vario tipo. Leggono per apprendere, per far parte della comunità dei lettori a scuola e nella vita di ogni giorno, e per godimento personale Che cosa valuta lo Studio: il concetto di lettura

6 1.I processi di comprensione Gli aspetti 1 e 2 hanno guidato la costruzione dei quesiti della Prova e la scelta dei testi. 2.Gli scopi della lettura 3.Gli atteggiamenti e le pratiche di lettura Laspetto 3 ha guidato la costruzione dei Questionari di sfondo. Che cosa valuta lo Studio: i principali aspetti di attenzione

7 Ricavare informazioni chiaramente espresse nel testo Fare inferenze semplici Interpretare ed integrare informazioni e concetti Analizzare e valutare il contenuto, la lingua e gli elementi testuali Che cosa valuta lo Studio: i quattro tipi di processi di comprensione PIRLS Nella Prova di lettura i singoli quesiti inerenti a ciascun processo sono stati combinati in modo da permettere agli studenti di dimostrare unampia gamma di abilità e competenze nel costruire il significato del testo.

8 PROCESSIEsempi di consegne specifiche 1. RICAVARE INFORMAZIONI CHIARAMENTE ESPRESSE NEL TESTO identificare linformazione congruente con lo scopo specifico della lettura; trovare idee specifiche; cercare definizioni di parole o locuzioni; identificare lambiente di una storia (es. tempo e luogo); trovare la frase topica o lidea principale (quando sono chiaramente espresse nel testo). 2. FARE INFERENZE SEMPLICI dedurre che un evento ha determinato un altro evento; indicare il punto conclusivo di una serie di argomentazioni; indicare il referente al quale si riferisce un pronome; identificare le generalizzazioni espresse nel testo; descrivere il rapporto tra due personaggi.

9 PROCESSIEsempi di consegne specifiche 3. INTERPRETARE ED INTEGRARE INFORMAZIONI E CONCETTI distinguere il messaggio o il tema generale del testo; indicare unalternativa alle azioni dei personaggi; trovare somiglianze e differenze tra le informazioni del testo; percepire il tono e il livello emotivo di una storia; interpretare linformazione del testo riconducendola a situazioni di vita reale. 4. ANALIZZARE E VALUTARE IL CONTENUTO, LA LINGUA E GLI ELEMENTI TESTUALI valutare la probabilità che gli eventi descritti possano realmente verificarsi; descrivere come lautore ha costruito un finale a sorpresa; giudicare la completezza o la chiarezza dellinformazione nel testo; comprendere il punto di vista dellautore riguardo allargomento centrale.

10 SCOPITIPI DI TESTOPROCESSI Leggere per fruire di una esperienza estetica ed emotiva Testo letterario Ricavare informazioni e concetti esplicitamente espressi nel testo Fare inferenze Interpretare ed integrare informazioni e concetti Analizzare e valutare il contenuto, la lingua e gli elementi testuali Leggere per ricavare ed usare informazioni Testo informativo Che cosa valuta lo Studio: scopi di lettura e tipi di testo

11 Due tipologie di quesiti: la scelta multipla, le risposte aperte. La scelta di utilizzare quesiti aperti è coerente con il concetto di lettura interattiva e costruttiva: le risposte aperte sono particolarmente adatte a valutare quegli aspetti della comprensione che devono essere suffragati dagli studenti con elementi tratti dal testo o che sono il risultato di interpretazioni basate sulle loro conoscenze ed esperienze personali. Che cosa valuta lo Studio Gli strumenti: la tipologia di quesiti scelte a seconda del processo che si va a valutare della tipologia di quesito che meglio permette agli studenti di esprimere le loro capacità di comprensione del testo.

12 Che cosa valuta lo Studio: gli strumenti Le prove (un esempio) Testo informativo Alla ricerca del cibo ProcessiNumero quesiti per processo 1. RICAVARE INFORMAZIONI CHIARAMENTE ESPRESSE NEL TESTO 3 2. FARE INFERENZE SEMPLICI 2 3. INTERPRETARE E INTEGRARE INFORMAZIONI E CONCETTI 6 4. ANALIZZARE E VALUTARE IL CONTENUTO, LA LINGUA, GLI ELEMENTI TESTUALI 4 Numero quesiti per tipologia SCELTA MULTIPLA: 7 RISPOSTA APERTA (numerazione di sequenze)

13 Che cosa valuta lo Studio: Iiquestionari di sfondo Questionario della famiglia Questionario dello studente Questionario dellinsegnante Questionario della scuola compilato da tutti gli studenti partecipanti allindagine compilato da tutti gli insegnanti di italiano delle classi partecipanti rivolto ai genitori o ai facenti vece di tutti gli studenti rivolto ai Dirigenti delle scuole partecipanti

14 ContestiFattori Contesto nazionale e locale Enfasi sulleducazione alla lettura Aspetti demografici e risorse Organizzazione e gestione del sistema educativo Caratteristiche ed indicazioni curricolari Contesto familiare Attività che promuovono la lettura Lingua usata in casa Risorse economiche Risorse sociali e culturali Rapporti scuola-famiglia Attività di lettura degli studenti al di fuori della scuola Contesto scolastico Il curricolo e le politiche scolastiche Ambiente e risorse scolastiche Contesto classe La preparazione e la formazione dellinsegnante Ambiente e struttura della classe Materiali e tecnologie didattiche Attività e strategie di insegnamento Compiti a casa e valutazione Gli strumenti: i questionari

15 Risultati italiani La scuola primaria italiana nel contesto internazionale

16 Lindagine PIRLS 2006 condotta in 40 paesi del mondo e, se si considerano il Belgio con i due sistemi educativi e il Canada con le 5 province, il totale è di 45 partecipanti. L' unità di riferimento dell'attività di ricerca è lo studente ; l'attività di valutazione si è incentrata sul rendimento dei soggetti testati. LItalia ha partecipato con un campione di 150 scuole e di 3581 bambini.

17 MEDIA INTERNAZIONALE500 MOLDOVIA, REPUBBLICA DI500 BELGIO (FRANCESE)500 NORVEGIA498 ROMANIA489 GEORGIA471 MACEDONIA, REPUBBLICA DI442 TRINIDAD E TOBAGO436 IRAN421 INDONESIA405 QATAR353 KUWAIT330 MAROCCO323 SUD AFRICA302 Significativamente più basso della media internazionale Significativamente più alto della media internazionale PAESI PUNTEGGIO MEDIO FEDERAZIONE RUSSA565 HONG KONG SAR564 CANADA (ALBERTA)560 SINGAPORE558 CANADA (COLUMBIA B.)558 LUSSEMBURGO557 CANADA(ONTARIO)555 ITALIA551 UNGHERIA551 SVEZIA549 GERMANIA548 PAESI BASSI547 BELGIO (FIAMMINGO)547 BULGARIA547 DANIMARCA546 CANADA (NUOVA SCOZIA)542 LETTONIA541 STATI UNITI540 INGHILTERRA539 AUSTRIA538 LITUANIA537 TAIPEI CINESE535 CANADA (QUEBEC)533 NUOVA ZELANDA532 REPUBBLICA SLOVACCA531 SCOZIA527 FRANCIA522 SLOVENIA522 POLONIA519 SPAGNA513 ISRAELE512 ISLANDA511 I risultati sono stati riportati su scala con media internazionale pari a 500 e i punteggi corrispondono al punteggio medio conseguito da ciascun paese: il punteggio dellItalia è pari a 551

18 LItalia si colloca nella fascia alta del rendimento nella lettura con un punteggio significativamente più alto della media internazionale con unetà media dei bambini partecipanti più bassa di tutti gli altri paesi (9,7 anni). A parità di anni di scolarità, i bambini italiani hanno unetà media nettamente inferiore di quella della maggior parte degli altri paesi, ad es.: Federazione Russa (10,8), Singapore (10,4), Lussemburgo (11,4) o di poco inferiore rispetto a quella del Canada (9,8/9.9). ( differenza dovuta al diverso inizio della scuola dellobbligo o a scelte legate ai singoli contesti nazionali )

19 LIVELLI DI RENDIMENTO PUNTEGGIO ABILITÀ E STRATEGIE DI LETTURA Che cosa sono in grado di fare gli studenti a ciascun livello Avanzato 625 interpretare il linguaggio figurato distinguere e interpretare informazioni complesse da parti diverse di un testo da integrare idee presenti in un testo per fornire interpretazioni circa i caratteri e i sentimenti dei personaggi Alto 550 riconoscere alcune caratteristiche del testo, quali il linguaggio figurato e idee astratte fare inferenze sulla base di informazioni astratte o disseminate nel testo integrare informazioni per comprendere lidea principale e fornire spiegazioni Intermedio 475 identificare levento centrale, le sequenze dellintreccio, e gli aspetti rilevanti di una storia effettuare inferenze semplici iniziare ad operare collegamenti tra le parti del testo Basso 400 ricercare informazioni esplicite in testi letterari e informativi

20

21 I risultati nazionali: dati salienti STRATO REGIONALE MEDIA 2006 ERRORE STANDARD 2006 MEDIA 2001 ERRORE STANDARD 2001 Nord Ovest555,484,2560,224,13 Nord Est555,446,96546,196,24 Centro557,494,8548,313,89 Sud545,977,23527,835,27 Sud e Isole546,137,36525,385,47 Tabella A. Comparazione tra i risultati italiani PIRLS 2006 e PIRLS 2001, per strato regionale Fonte: INVALSI

22 In lieve controtendenza il rendimento nelle regioni del Nord Ovest, in cui si registra una flessione rispetto al 2001 In tutti gli strati regionali il rendimento è decisamente superiore alla media internazionale I risultati migliori si sono registrati nelle regioni del Centro; di poco inferiori, nelle regioni del Nord Est e del Nord Ovest; seguono le regioni del Sud e infine quelle del Sud e Isole. Il miglioramento nel rendimento in lettura, che ha riguardato quasi tutte le regioni, è risultato più evidente, rispetto al 2001, nelle regioni del Sud e Sud e Isole I risultati nazionali: dati salienti

23 I risultati nazionali: dati salienti: gli scopi di lettura letterario (leggere per fruire di unesperienza estetica ed emotiva) informativo (leggere per ricavare ed usare informazioni) la differenza di punteggio tra i risultati nella lettura del testo letterario e informativo per lItalia non è statisticamente rilevante. I bambini italiani mostrano analoghe capacità, con una facilità di poco maggiore nei riguardi del testo letterario

24 significativo miglioramento nel rendimento, con una differenza di : + 8 punti nella comprensione del testo letterario + 13 punti, nella comprensione del testo informativo. Confronto tra risultati ottenuti nella comprensione del testo nelle rilevazioni del 2006 e del 2001

25 I processi di comprensione Nell applicazione dei processi di comprensione della lettura i bambini italiani hanno ottenuto risultati migliori nella capacità di Interpretare e integrare informazioni e concetti rispetto alla capacità di Ricavare informazioni e Fare inferenze con una differenza significativa di + 12 punti. Tra le rilevazioni del 2006 e del 2001 si registra : un incremento lieve, per quanto riguarda la capacità di Ricavare informazioni e Fare inferenze; un deciso il miglioramento ( + 14 punti) nella capacità di Interpretare, Integrare e Valutare informazioni concetti, che colloca lItalia tra i paesi con i progressi più significativi

26 Atteggiamento verso la lettura e rendimento nella comprensione dei testi Si conferma, a livello internazionale, una correlazione tra un atteggiamento positivo nei confronti della lettura e un livello alto di rendimento In Italia gli studenti con un alto indice di positività hanno ottenuto punteggi molto elevati di rendimento: il 64% dei bambini italiani - con un incremento dell8%,- si è collocata nella fascia alta dellindice. E diminuita invece di 7 punti, collocandosi nettamente al di sotto della media, la percentuale di bambini (31%) che si colloca nella fascia media, pur con un rendimento sempre positivo.

27 Gli studi di caso Nello Studio di casi IEA PIRLS 2006 si è scelto un insieme di otto unità di analisi, costituito da scuole distribuite sul territorio nazionale, tutte con risultati che le collocano in un range di punteggio che va da 515 a 596 punti, a fronte di una media nazionale di 551.

28 Perché gli studi di caso? analisi dei fattori che incidono sullo sviluppo della competenza di lettura e che possono contribuire a spiegare in buona parte le ragioni del successo nella lettura degli studenti italiani della scuola primaria. spiegare il come e il perché dei dati che emergono dalla ricerca quantitativa focalizzando lattenzione su alcune variabili ritenute più direttamente visibili e analizzabili in situazione relativamente : la lettura come attività che si svolge allinterno di comunità di lettori in contesti reali: la classe, la scuola, la famiglia, il territorio

29 La correlazione tra il dichiarato e lagito: dai dati nazionali agli studi di caso La lezione Tabella 1. Modalità di organizzazione del lavoro in classe (in% ) Sempre o quasi sempre SpessoQualche volta. Mai Attività di lettura proposta a tutta la classe 62,536,5 1,00 Formazione di gruppi omogenei per livelli di abilità 0,51353,932,6 Formazione di gruppi eterogenei rispetto alle abilità 8,825,948,217,1 Percorsi individualizzati di lettura 4, ,414,5 Lavoro autonomo degli alunni verso un obiettivo o un progetto assegnato 29,65018,91,5 Lavoro autonomo degli alunni verso un obiettivo scelto da loro stessi 5,218,163,713

30 I materiali Tabella 2. Tipi di testo utilizzati nelle attività di lettura con gli alunni (in%) Ogni giorno o quasi ogni giorno Una o due volte alla settimana Una o due volte al mese Mai o quasi mai Racconti brevi 55,638,4 5,11 Romanzi 3,72845,522,8 Poesie 0 37,161,3 1,5 Testi teatrali 06,243,350,5 Testi espositivi 33,750,5 15,30,5 Libretti di istruzioni o manuali 2,113 46,138,9 Tabelle e schemi, diagrammi e grafici 9,3 28,4 44,318

31 Tabella 3. Importanza data dalla scuola allinsegnamento delle abilità di lettura, scrittura, lingua orale per gli alunni I e IV annoscuola primaria Più attenzione Uguale attenzione Meno attenzione Lettura 5642,7 1,3 Scrittura (esclusa la calligrafia)26,271,82 Parlato/Ascolto (lingua orale)42,354,43,4 Le attività di lettura

32 Tabella 4. Attività svolte dallinsegnante durante la lezione di lettura (in%) Ogni giorno o quasi ogni giorno Una o due volte alla settimana Una o due volte al mese Mai o quasi mai Legge ad alta voce alla classe 70,425,5 4,10 Chiede agli alunni di leggere ad alta voce allintera classe 75,121,3 21,5 Chiede agli alunni di leggere in silenzio 50,837,6 11,20,5 Chiede di seguire in silenzio sul testo mentre un altro compagno legge ad alta voce 74,719,2 42 Prevede un tempo dato per la lettura di libri scelti dagli stessi alunni 10,220,343,725,9 Insegna o presenta ed esemplifica agli alunni strategie di lettura 33,238,8 253,1 Insegna nuove parole in modo sistematico agli alunni 62,622,7 11,63 Insegna agli alunni a ricavare il significato di parole nuove nei testi che leggono 74,220,7 5,10 Le attività di lettura

33 Tabella 5. Attività svolte dagli alunni dopo la lettura (in%) Ogni giorno o quasi ogni giorno Una o due volte alla settimana Una o due volte al mese Mai o quasi mai Rispondere in un libro di esercizi o in una scheda di lavoro 46,2 7,10,5 Scrivere le proprie impressioni su ciò che hanno letto 20,25420,75,1 Rispondere oralmente a domande o riassumere oralmente ciò che hanno letto 52,540,4 6,60,5 Discutere con i compagni su ciò che hanno letto 33,339,423,73,5 Fare un progetto su ciò che hanno letto 319,25027,8 Fare una verifica scritta su ciò che hanno letto 15,737,440,4 6,6 Le attività di lettura

34 Abilità e strategie di comprensione della lettura Tabella 6. Abilità e strategie di comprensione della lettura adottate (in%) Ogni giorno o quasi Una o due volte alla settimana Una o due volte al mese Mai o quasi mai Riconoscere le idee principali di ciò che hanno letto 72,225,8 20 Spiegare o esporre con riferimento al testo ciò che hanno capito della lettura 65,729,8 4,50 Confrontare ciò che hanno letto con le proprie esperienze 35,942,4 17,74 Confrontare ciò che hanno letto con altre letture fatte 20,942,9 28,18,2 Fare previsioni su ciò che accadrà in seguito nel testo che si sta leggendo 22,746 24,76,6 Fare generalizzazioni ed elaborare inferenze a partire dal testo letto 17,4 41,530,8 10,3 Descrivere le caratteristiche di stile o di struttura del testo letto 32,537,1 25,45,1

35 Gli strumenti di verifica Tabella 7. Importanza attribuita agli strumenti di valutazione per il controllo dei progressi degli alunni nella lettura (in%) MoltaLimitataPoca o nessuna Prove diagnostiche di lettura (compresa lanalisi dellerrore) 75,322,2 2,6 Prove di classe (p.e. preparate dal docente o presenti nei libri di testo) 84,8 14,11 Test di profitto a livello nazionale o regionale 15,2 46,138,7 Il mio giudizio professionale80,917,51,5

36 Tabella 8. Modalità di valutazione utilizzate (in%) Almeno una volta alla settimana Una o due volte al mese Una o due volte allanno Mai Domande a scelta multipla sui testi letti 54,639,7 4,11,5 Domande scritte a risposta breve sui testi letti 73,523,512 Risposte scritte organizzate in frasi complete su ciò che è stato letto 66,730,81,51 Ascolto della lettura ad alta voce degli alunni 88,810,210 Domande orali 90,88,70,50 Riassunti o relazioni orali su ciò che è stato letto 64,633,31,50,5 Incontri con gli alunni per discutere su ciò che hanno letto e sulle attività svolte 39,339,8 10,5 Gli strumenti di verifica

37 TABELLA COMPARATIVA DEGLI STUDI DI CASO


Scaricare ppt "RICERCA INTERNAZIONALE IEA (International Association for the evaluation of Educational Achievemment) PIRLS 2006 (Progress in International Reading Literacy."

Presentazioni simili


Annunci Google