La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Valutazione degli impatti paesaggistici di una lottizzazione, nel centro di Ascea Marina, sita nel Parco del Cilento e Vallo di Diano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Valutazione degli impatti paesaggistici di una lottizzazione, nel centro di Ascea Marina, sita nel Parco del Cilento e Vallo di Diano."— Transcript della presentazione:

1 Valutazione degli impatti paesaggistici di una lottizzazione, nel centro di Ascea Marina, sita nel Parco del Cilento e Vallo di Diano

2

3 La Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio, per il Patrimonio Storico, Artistico e Demoetnoantropologico ha predisposto lannullamento del nulla-osta paesistico, rilasciato dal Comune di Ascea al ricorrente, per la realizzazione di una lottizzazione edilizia. A seguito del ricorso presentato dal proprietario della lottizzazione il TAR Campania ha richiesto Consulenza al fine di rispondere ai seguenti quesiti: 1° Quale è lattuale situazione urbanistico-edilizia della zona, in considerazione sia degli strumenti urbanistici vigenti in loco, sia del D.M. di vincolo 10 ottobre 1967, sia delle precedenti autorizzazioni rilasciate, per la medesima zona, dalle autorità intimate con il presente ricorso; 2° Quale sarebbe, allesito di una valutazione di impatto ambientale, loggettiva incidenza delle opere progettate (per entità della volumetria, per tipologia formale, per articolazione dei prospetti, ecc.) sugli elementi paesaggistici di pregio, addotti dalla Soprintendenza, quali la visuale della costa, le pendici collinari, la Torre medievale di Velia e larea archeologica, e che peraltro sarebbero stati ignorati o non sufficientemente considerati nel nulla-osta comunale; 3° Quale è leffettivo inserimento, oppure la rilevata contiguità, dellarea implicata rispetto alla perimetrazione del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Valutazione degli impatti paesaggistici di una lottizzazione, nel centro di Ascea Marina, sita nel Parco del Cilento e Vallo di Diano.

4 Definizione dellambito di impatto Lambito allinterno del quale effettuare lanalisi va definito in funzione dellarea e delle differenti tipologie di impatto richiamate dalla Soprintentenza. Per quanto riguarda gli impatti paesaggistici lambito più appropriato da sottoporre ad analisi è quindi quello comprendente i punti panoramici di osservazione che la Soprintendenza cita nel suo parere. Per gli aspetti relativi agli altri impatti ambientali, va considerato un ambito di dettaglio, o microambito, corrispondente allarea in prossimità della Lottizzazione, e un ambito più generale e ampio, o macroambito, corrispondente allo stesso ambito considerato per gli impatti paesaggistici. Gli impatti paesaggistici costituiscono parte rilevante di quelli ambientali.

5 Lambito di impatto è individuato in figura. Essendo i punti panoramici situati in corrispondenza delle colline poste a nord ovest e a sud est dellinsediamento di Marina di Ascea, il macro-ambito corrisponde con il fondovalle delimitato dai suddetti rilievi collinari a nord ovest e a sud est, e delimitato a sud ovest dalla linea di battigia.

6 Si considera la rilevanza dimensionale dellincidenza della Lottizzazione sulla zona visibile dai differenti punti panoramici, partendo dal principio che se essa ostacola la visuale deve occupare una parte rilevante del campo visivo. Si tratterà in sostanza di misurare quindi quanto spazio occupa la Lottizzazione nellambito delle aree visibili dai punti panoramici ed esprimere un giudizio conseguente sugli impatti: ad incidenze maggiori della lottizzazione corrisponderanno impatti maggiori.

7

8 In ogni area visuale si indiduano la superficie marina e la superficie terrestre, nellambito della quale si localizza la superficie urbanizzata, corrispondente allarea edificata servita da urbanizzazioni primarie, presente in ogni area visuale. Viene valutata lincidenza delle precedenti superfici nellarea visuale e lincidenza della lottizzazione sulla superficie edificata, sulla superficie terrestre e sulla superficie totale dellarea visuale individuata. Sulla mappa, le intersezioni sono rappresentate da triangoloidi delimitati da due semirette, corrispondenti a direttrici dellangolo solido spiccato da ciascun punto di vista, e dalla linea di battigia, se visibile dal punto di visuale, o da altro limite fisico corrispondente a barriera visiva.

9 Cono visuale dalla Torre Velia

10

11

12 Cono visuale da S. Antonio

13

14 Cono visuale dalla Panoramica

15

16 Cono visuale dallarea archeologica

17

18

19 Lo scaling, cioè scalatura delle incidenze, rispetto alla quale formulare dei giudizi di valore sugli impatti, prevede lindividuazione dei valori minimi e massimi di impatto, e una scalatura per intervalli corrispondenti a differenti classi di impatto. Il valore massimo di impatto corrisponde allindividuazione della soglia di accettabilità dellimpatto, al di sopra della quale limpatto è considerato irreversibile. Il valore minimo di impatto corrisponde invece alla definizione di un impatto verificato, ma di entità talmente minima da essere considerata trascurabile. Viene considerato incompatibile un impatto che occupa una parte rilevante del cono visivo.

20 Quindi, se il cono visivo corrisponde ad una certa porzione di superficie osservata, un oggetto per coprire la visuale di tutte le aree retrostanti dovrebbe occupare almeno la metà del cono visuale. Per prudenza si fissa il limite di incompatibilità nella misura del 25% della visuale, pari quindi ad un quarto di tutta la superficie osservabile allinterno del cono visivo. Si è applicato il medesimo approccio per valutare lincidenza visuale sulle parti più rilevanti della superficie osservata. La superficie osservabile nei coni visuali considerati è costituita da una porzione di superficie marina e di terraferma. Perché un oggetto possa essere un elemento di disturbo della visuale del mare e della terraferma deve avere dimensioni paragonabili alla porzione di mare e di terraferma visibili.

21 A confermare la trascurabilità degli impatti visivi si aggiunge il fatto che la distanza tra larea di lottizzazione e i punti panoramici è dellordine di grandezza del chilometro. In particolare: - nel caso del punto di vista n. 1 la congiungente ha una lunghezza di circa 1700 metri, - nel caso del punto di vista n. 2 la congiungente ha una lunghezza di circa 1100 metri, - nel caso del punto di vista n. 3 la congiungente ha una lunghezza di circa 900 metri, - nel caso del punto di vista n. 4 non esiste congiungente. Va quindi considerata la scarsa nitidezza dellimmagine in funzione delle distanze. A titolo esemplificativo a distanza di un chilometro dal punto di vista la figura umana assume i connotati di un segmento, e unautomobile non ha contorni netti e distinzione cromatica definita. In conclusione limpatto visivo può considerarsi nullo

22

23

24 Tabella 2. Valutazione degli impatti visivi

25 Procedura di analisi degli impatti ambientali. Interazione tra azioni e componenti ambientali. Il progetto si realizza attraverso una serie di azioni delle quali devono essere valutati gli effetti sulle componenti ambientali. La procedura di analisi si effettua quindi secondo le seguenti fasi: -individuazione delle forme di modificazione dello spazio fisico dovute alla realizzazione del progetto; - individuazione delle componenti ambientali interessate dalle modificazioni fisiche introdotte dal progetto; - individuazione degli impatti corrispondenti alle interazioni tra modificazioni fisiche e componenti ambientali; - valutazione degli impatti e individuazione di eventuali impatti irreversibili.

26 Procedura di analisi degli impatti ambientali. Le modificazioni fisiche, overossia azioni di progetto, considerate sono le seguenti: realizzazioni volumetriche sistemazioni degli spazi esterni sistemazioni a verde realizzazione di accessi Le componenti fisiche-ambientali potenzialmente interessate dalle azioni con le quali si esplica il progetto sono le seguenti: Paesaggio antropico (paesaggio urbano, insediamenti archeologici e storici) Paesaggio naturalistico (linea mare, rilievi costieri) Flora (uliveti secolari, vegetazione spontanea) Fauna (fauna domestica e selvatica dellhabitat urbano) Idrogeologia (permeabilità, deflusso superficiale).

27 Scala degli impatti e valutazione del caso in esame

28

29

30

31

32


Scaricare ppt "Valutazione degli impatti paesaggistici di una lottizzazione, nel centro di Ascea Marina, sita nel Parco del Cilento e Vallo di Diano."

Presentazioni simili


Annunci Google