La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Centro maderna documentazione, formazione e ricerche sulla condizione anziana.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Centro maderna documentazione, formazione e ricerche sulla condizione anziana."— Transcript della presentazione:

1 centro maderna documentazione, formazione e ricerche sulla condizione anziana

2 1994 per lopera di di raccolta, documentazione e diffusione di materiale nazionale ed internazionale riguardante la cultura della terza età e per lattività di promozione della cultura dellanziano attivo, anche a fronte di notevoli difficoltà strutturali Premio Nazionale della Solidarietà assegnato dalla Fondazione Italiana per il Volontariato

3 2005 CERTIFICAZIONE DI QUALITA UNI EN ISO 9001:2000 per i settori formazione e documentazione e specificamente per: Organizzazione di eventi formativi per enti pubblici e privati, operatori, familiari, anziani e volontari Raccolta, analisi e diffusione di informazioni riguardanti la condizione anziana tramite banche dati specialistiche, sito internet e centro di documentazione

4 Possibilità di accesso on line allintero patrimonio documentale e supporto allattività di ricerca inerente la terza età Convenzione con il Ministero delle Politiche Sociali

5 NEWS segnalazioni delle notizie più interessanti estratte dalle 600 testate monitorate dal Centro CALENDARIO segnalazioni di convegni, corsi, seminari, eventi BANCA DATI BIBLIOGRAFICA oltre riferimenti bibliografici corredati di abstract provenienti dagli articoli della stampa specializzata e non specializzata nazionale ed internazionale; recensioni di volumi, atti di convegno, tesi di laurea, documentazione grigia.

6 NEWSLETTER SETTIMANALE contenente una rassegna delle notizie pubblicate sul sito ed inviata a utenti iscritti GUIDE MONOGRAFICHE dossier realizzati dal Centro sui temi emergenti dalla letteratura sull'anzianità DOCUMENTI ON LINE pubblicazioni a cura di ricercatori, studiosi e tesisti alle quali il Centro intende dare visibilità

7

8 Le 10 ricerche più ricorrenti tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2008

9 Le 10 ricerche più ricorrenti tra il 1 gennaio e il 23 marzo 2009

10 I 5 documenti visualizzati più volte nella banca dati bibliografica Pos.VisualizzazioniTitolo Progettare l'ambiente per l'Alzheimer. Specifiche progettuali per l'ambiente terapeutico La questione anziana. Ridisegnare le coordinate di una società che invecchia La cura e l'affetto. Guida per chi cura a domicilio persone malate e non autosufficienti L'assistenza domiciliare nei livelli essenziali socio-sanitari e sociali Sport e movimento per la terza età. Libro illustrato con CD Rom incluso

11 Dallanalisi della nostra banca dati bibliografica sulla condizione anziana, relativamente al tema delle reti sociali, abbiamo individuato sei macro-aree emergenti.

12 Le esperienze di condominio solidale, custode sociale, social housing I progetti già attivati nei comuni di Torino, Genova, Roma, Milano, Imola, Monza etc nellambito della promozione della domiciliarità e più in generale dellintegrazione degli spazi abitativi per gli anziani costituiscono esperienze originali che rispondono alla domanda sempre più elevata di socialità e condivisione da parte degli stessi anziani. Termini come condominio solidale", custode sociale, portierato sociale connotano da qualche tempo quelle esperienze abitative nate per rinforzare i rapporti di solidarietà, di reciprocità e di aiuto. Alcune di queste esperienze hanno anche l'obiettivo di diffondere uno stile di condivisione dei beni, per ridurre i consumi e i bisogni energetici.

13 I servizi di mediazione familiare La mediazione familiare per la gestione dei conflitti si sta evolvendo, estendendosi ad ambiti sino ad ora lasciati scoperti, come quello relativo alla fascia di popolazione più anziana. E il caso dellUnità Operativa Territoriale Assistenza Anziani della Asrem di Campobasso, che ha attivato un servizio di mediazione familiare (di tipo sistemico relazionale) per la gestione dei conflitti tra genitori anziani e figli adulti. Tale intervento è stato realizzato in seguito all'aumento di conflitti proprio nella fascia di popolazione più anziana (conflitti dovuti a separazioni familiari, stress per lassistenza ai congiunti malati, depressione innescata dallisolamento e dalla solitudine, etc).

14 I servizi di supporto alle assistenti familiari e alle famiglie con assistenti familiari Il fenomeno dellassistenza allanziano non autosufficiente fornita a domicilio da badanti, che nella quasi totalità dei casi sono donne di nazionalità straniera, è divenuto negli ultimi anni una prassi quasi consolidata. Laffidamento dellassistenza familiare ad unassistente familiare è divenuta prassi anche in quelle zone dItalia nelle quali la famiglia tradizionalmente forniva al suo interno il supporto e lassistenza al congiunto non autosufficiente. Dallincontro di queste realtà fondate entrambe sul bisogno sono nati negli ultimi tempi numerosi servizi di supporto, che consentono lincontro della domanda e dellofferta di assistenza e che costituiscono poli sinergici informativi e formativi sulla questione. Per approfondire il fenomeno a livello documentale, il Centro Maderna ha redatto, nel mese di luglio 2008, un dossier sul tema [1] che contiene, oltre ad una bibliografia, anche un catalogo di siti web, i progetti europei attivati in Italia sul lavoro privato di cura e una prima mappatura in progress sugli Sportelli informativi attivati.[1] [1] Accessibile alla pagina: 8.pdf 8.pdf

15 I gruppi di auto mutuo aiuto per caregiver Le esperienze di "self-help" nell'attuale contesto sociale svolgono un ruolo crescente nello sviluppo dell'empowerment del cittadino, agevolando strategie di prossimità e risposte non formali ai bisogni di cura. Fondati sulla reciprocità, i gruppi di auto muto aiuto vanno a soddisfare la domanda di una nuova cultura del benessere in cui primeggia la dimensione relazionale-comunicativa, proponendosi come risorsa complementare a quella dei servizi. E il caso del percorso svolto dal gruppo di auto mutuo aiuto Mi curo di te, composto da un gruppo di caregiver e promosso in ambito pubblico a Soncino (CR). Anche il superamento dello stress legato allassistenza di anziani affetti da gravi malattie croniche o demenza trova nei gruppi di auto mutuo aiuto una risposta positiva. E il caso del progetto "Pegaso... accettare l'Alzheimer", avviato dalla Fondazione Humanitas in collaborazione con lUnità Valutativa Alzheimer dell'IRCCS Istituto Clinico Humanitas di Rozzano (MI) e rivolto ai familiari dei malati.

16 E-care, servizi di telefonia sociale Gli ultimi anni hanno visto un grande sviluppo delle ricerche e delle applicazioni di soluzioni basate sulla tecnologia e sullinformatica per migliorare la qualità della vita degli anziani. Un emergente ramo di studi, la gerontecnologia si prefigge lo scopo di porre le risorse costituite dagli ultimi ritrovati tecnologici e scientifici al servizio della qualità di vita delle persone anziane in situazione di fragilità o di handicap. Limportanza del tema ha spinto lUnione europea a finanziare nel 2008 il progetto AALIANCE (European Ambient Assisted Living Innovation Alliance), composto da 14 partner di otto Paesi europei, tra cui lItalia. Nei prossimi due anni, il progetto definirà il quadro di riferimento relativo alle tecnologie e ai servizi di Ambient Assisted Living, ovvero ambienti intelligenti in grado di fornire supporto anche fisico a persone con limitata autonomia con particolare attenzione alle persone anziane, nellottica di invecchiare a casa propria e nella propria comunità. Per quanto attiene alla telefonia sociale, il supporto più diffuso a livello nazionale è fornito dal Filo dArgento Auser, che dal 2002 si è dotato del Numero Verde Nazionale Il servizio offre agli anziani numerosi servizi: compagnia e ascolto; trasporto e accompagnamento protetto; aiuto per piccoli interventi domiciliari; consegna della spesa o dei farmaci; informazioni sui servizi.

17 La preparazione al pensionamento Ancora poco conosciuta e attuata in Italia, la preparazione al pensionamento (Pre Retirement Education) conosce in Europa e soprattutto in Gran Bretagna, una grande diffusione. All'interno del dibattito sull'invecchiamento demografico e sulla sostenibilità del sistema pensionistico, la formazione al pensionamento si focalizza sulla transizione graduale dal lavoro al pensionamento e sul prolungamento flessibile della vita professionale. La formazione, in queste fasi, consente di mantenere e promuovere il benessere dell'individuo, implementando linclusione sociale e migliorando quindi la qualità della vita in età anziana.

18 Le sei macro-aree individuate, svolgono una funzione complessivamente preventiva nel ritardare la fase della non autosufficienza dellanziano e consentono allanziano stesso di poter svolgere una peculiare funzione di partecipazione attiva nella rete sociale di appartenenza.

19 Le esperienze concrete collegate a tali macro aree sono accessibili nel dettaglio nella rassegna bibliografica pubblicata sul sito del Centro Maderna.[1][1] [1] Alla pagina: ciali.PDF ciali.PDF

20 centro maderna documentazione, formazione e ricerche sulla condizione anziana Stresa, lago Maggiore


Scaricare ppt "Centro maderna documentazione, formazione e ricerche sulla condizione anziana."

Presentazioni simili


Annunci Google