La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

NUOVE INDICAZIONI NAZIONALI IRC corso di aggiornamento 1.10.2011 Villa Costabissara Vicenza 1- Premesso che la religione cattolica è parte costitutiva.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "NUOVE INDICAZIONI NAZIONALI IRC corso di aggiornamento 1.10.2011 Villa Costabissara Vicenza 1- Premesso che la religione cattolica è parte costitutiva."— Transcript della presentazione:

1 NUOVE INDICAZIONI NAZIONALI IRC corso di aggiornamento Villa Costabissara Vicenza 1- Premesso che la religione cattolica è parte costitutiva del patrimonio storico, culturale e umano della società italiana, mentre offre una conoscenza dei dati storici-positivi della Rivelazione cristiana, favorisce e accompagna lo sviluppo intellettuale e di tutti gli altri aspetti della persona, mediante lapprofondimento critico delle diverse questioni che emergono dalla vita. I contenuti dellIRC sono legati da vicino alla religione cattolica secondo il pensiero della Chiesa che è legata al processo di riforma scolastica nei suoi parametri basilari: 1) promozione della persona come cittadino (essere con gli altri) 2) subordinazione dellinsegnamento allapprendimento (essere per gli altri) 3) acquisizione delle competenze entro cui adeguare le conoscenze 4) rapporto docenti/alunni/genitori/colleghi quali relazioni interpersonali nellottica educante delle relazioni sociali 5) inserimento nei contesti collettivi La presentazione di tali contenuti nellottica ecclesiale viene eseguita secondo i criteri di 1- genuinità 2- incorruttibilità 3- precisione 4- significatività 5-gerarchia della verità 1

2 2- Orientamenti generali Linsegnamento della religione cattolica nella scuola dellobbligo e nelle superiori accompagna gli alunni a maturare in modo progressivo la propria identità, sia personale che culturale. LIRC offre allalunno unampia ed efficace proposta formativa, originale e oggettivamente fondata. Sulla base di un funzionale percorso educativo gli alunni, attraverso la comunicazione di esperienze, potranno misurarsi: -con se stessi, nella scoperta delle proprie capacità e aspirazioni, delle proprie potenzialità e dei propri ideali -con la religione cattolica, nella quale trovano ambiti realistici di senso, che hanno distinto e continuano a contrassegnare profondamente la storia e la cultura dei paesi europei e del mondo - con i diversi sistemi religiosi e di significato, con cui ci si deve confrontare nellambiente scolastico e nel quotidiano. 2

3 3.- Natura e finalità LIRC offre la possibilità di dare un senso primigenio e criticamente fondato alle tante domande che il giovane si pone sullesistenza. Si configura come risorsa per cogliere, interpretare e comprendere la storia degli annunci derivanti dalle varie tradizioni religiose e in particolare della cattolica. Cura, infine, lapertura al diverso religioso e ideologico, alla luce del Vaticano II, tramite il confronto critico e il dialogo positivo tra le persone. Più in dettaglio si può affermare che: -Linsegnamento dellIRC è presente nella storia con una vitalità fondante e coinvolgente. Esso è intersezione con lasse storico-sociale per lo sviluppo di una più matura consapevolezza del sé e delle redici culturali. Favorisce e accompagna, di fatto, la formazione dellidentità personale e sociale delluomo e del cittadino. Si presenta come portata culturale primaria, adatta a tutti, in quanto induce a riflettere sui dati positivi e pone la questione della Verità. - È evento antropologico che si propone di parlare di Dio come centro della vita/ esperienza umana, aiutando lalunno a rispondere alle domande fondamentali di senso e arricchendo la formazione globale della persona. In quanto proposta di orientamento offre agli alunni gli elementi essenziali per approcciare al cristianesimo attraverso lattenzione su tre versanti: Versante della rivelazione storica o dei contenuti cristiani. Versante della comunicazione o delle fonti, in primo luogo della Bibbia. Versante del confronto o del dialogo con le altre confessioni religiose Si può notare come i quattro obiettivi si organizzano intorno al I nucleo Dio-uomo-Cristo- Chiesa-etica. 3

4 4.- Veniamo ora alla domanda più immediata: Cosa significa fare una lettura biblico-teologica? E doveroso, in primo luogo, ricordare che il mistero di Dio trova impulso nel mistero delluomo secondo quella logica che lo costringe a darsi una risposta agli interrogativi fondamentali sulla sua esistenza. Lessere creato ad immagine di Dio (cfr. Gen 1,26) significa per luomo trovarsi nativamente radicato nellarea del mistero. Avere sempre presente il mistero delluomo, con le sue domande di senso, rappresenta una via non solo teologicamente opportuna, ma anche pedagogicamente più efficace per conoscere la verità di Dio, per incontrare Dio come Dio per luomo. LIRC vuol essere la risposta (soluzione, aiuto, anzi salvezza in Cristo), che sollecita luomo ad avere il coraggio della grandi domande. Lambito biblico-teologico, che non può prescindere dalla centralità di Cristo, riguarda, dunque,la relazione DIO-UOMO in Gesù e si propone di rispondere, in tal senso, alle attese e ai bisogni della persona. I contenuti veicolati dagli obiettivi di apprendimento sono raggruppati in quattro ambiti tematici (o nuclei): Dio e luomo, la Bibbia e le fonti, il linguaggio religioso, i valori etici e religiosi. La materia non riguarda per sé Dio a se stante ma sempre la relazione Dio-uomo in Gesù Cristo, secondo unantropologia teologica e una teologia antropologica che insieme soddisfano le aspettative e le richieste dellalunno. 4

5 Ambiti tematici degli OA DIO E LUOMO LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI IL LINGUAGGIO RELIGIOSO I VALORI ETICI RELIGIOSI 5

6 Dio e luomo TSC da raggiungere Lalunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dellambiente in cui vive; Conosce il messaggio e la figura di Gesù, punto di riferimento essenziale per il cristiano. riconosce il significato cristiano del Natale e della Pasqua, traendone motivo per interrogarsi sul valore di tali festività nellesperienza personale, familiare sociale. Lallievo è in grado di aprirsi alla sincera ricerca della verità sviluppando unidentità capace di accoglienza, confronto e dialogo. Lalunno si sa interrogare sul trascendente Conoscere levoluzione storica della Chiesa Lalunno acquisisce una panoramica sulle religioni del mondo 6

7 Dio e luomo OBIETTIVI Cogliere nelle domande delluomo e in tante sue vicende le tracce dellesperienza religiosa Comprendere il ruolo e lo scopo della religione nelle sue varie manifestazioni storiche Individuare gli elementi e i significati dello spazio sacro 7

8 Riconoscere nel cammino delluomo verso Dio anche il cammino di Dio verso gli uomini Riconoscere le principali religioni del mondo sapendole collocare sulla linea del tempo. Individuare ciò che accomuna le varie religioni cogliendo anche ciò che le differenzia Approfondire lidentità storica, la predicazione e lopera di Gesù, riconoscendolo come Figlio di Dio. Riconoscere che la Pasqua è levento centrale del cristianesimo. Riconoscere la Chiesa come realtà voluta da Dio per continuare la missione di Cristo 8

9 La Bibbia e le altre fonti TSC da raggiungere: Lalunno riconosce che la Bibbia è il libro sacro per i cristiani e gli ebrei, Codice dellOccidente, documento fondamentale della nostra cultura, sapendola distinguere da altri testi; Sa identificare le caratteristiche essenziali di un brano biblico; È in grado di individuare a partire dalla Bibbia le tappe essenziali e i dati oggettivi della storia della Salvezza, della vita e dellinsegna-mento di Gesù. È in grado di confrontare gli orientamenti del Magistero della Chiesa e i risultati della scienza come letture distinte e non conflittuali 9

10 La Bibbia e le altre fonti Obiettivi Saper adoperare la Bibbia come documento storico culturale e riconoscere la sua importanza allinterno della Chiesa. Conoscere limpostazione generale della Bibbia, le sue principali caratteristiche e suddivisioni Individuare i testi biblici che hanno ispirato le principali produzioni artistiche (letterarie, musicali, pittoriche…) italiane e d europee. 10

11 Il linguaggio religioso TSC da raggiungere Lallievo è in grado di riconoscere i linguaggi espressivi della fede, di individuarne le tracce e di apprezzarle dal punto di vista artistico, culturale e spirituale. È in grado di elaborare criteri per interpretare consapevolmente le situazioni presenti e passate 11

12 Il linguaggio religioso Obiettivi Lalunno sa conoscere il Credo, i principali simboli e segni del cristianesimo, il significato delle celebrazioni liturgiche e dei sacramenti della Chiesa. Sapere non solo chi è Dio ma anche come si dice Dio. 12

13 I valori etici e religiosi 13 TSC da raggiungere Lalunno sa distinguere la specificità della proposta di salvezza del cristianesimo. Coglie le implicazioni etiche della fede cristiana È in grado di riconoscere la complessità dellesistenza, di dar valore ai propri e altrui comportamenti, di relazionarsi in maniera armoniosa con se stesso, con gli altri, con il mondo che lo circonda. È in grado di cogliere le implicazioni etiche della fede cristiana e di renderle oggetto di riflessione in vista di scelte di vita progettuali e responsabili. Coglie il significato dei Sacramenti e si interroga sul valore che essi hanno nella vita dei cristiani. Inizia a confrontarsi con la complessità dellesistenza ed è in grado di dare valore ai propri comportamenti

14 I valori etici e religiosi Obiettivi Riconoscere loriginalità della proposta cristiana, in risposta al bisogno di salvezza e di speranza delluomo. Saper esporre i principali valori e motivazioni che sostengono le scelte di vita dei cristiani-cattolici, che hanno nel Decalogo e nel comandamento evangelico dellamore i punti di riferimento. Rilevare la stretta connessione tra parola e azione in ambito biblico-etico e nelletica cristiana. 14

15 5.- Negli OA appaiono ripresi e integrati tutti i grandi contenuti del cristianesimo, il mistero di Dio, di Cristo, della Chiesa, lescatologia, la morale, le religioni. La relazione Dio–uomo assume caratteristiche specifiche quali lascolto, lamicizia, lamore, la fedeltà, in una storia, spazio e tempo e attraverso un dialogo che dà alluomo significative risposte di salvezza al suo vivere in questo mondo. Dio-uomo, diviene lambito in cui si pone in relazione lesperienza umana con i dati della fede. I contenuti biblici- teologici sono orientati alle esperienze della vita (mistero della vita, libertà, dono, compito, amore ecc.) e, a loro volta, tali esperienze sono necessarie per incontrare quelle bibliche e cristiane. Fanno da fonte sostanziale e indispensabile la Bibbia e i documenti della tradizione religiosa cristiana. La Bibbia entra a pieno diritto come fonte-documento ricco di esperienze, in una prospettiva culturale e formativa. Essa va incontrata in quanto testimonianza primaria e insostituibile della religione ebraico-cristiana; è contributo al farsi dellidentità dellItalia e dellEuropa; è criterio da mettere in relazione con la dimensione antropologica; è fonte teologica. Mentre il linguaggio religioso, nelle sue espressioni verbali e non verbali, diviene mediazione specifica per la comunicazione della materia (apprendere chi è Dio e come si dice Dio). È la mediazione necessaria per la comunicazione dei contenuti del dato religioso cristiano: i segni, i simboli, la narrazione. Importante diventa il come dire lesperienza religiosa. Infine, lincidenza valoriale di quanto viene comunicato nellambito delletica e della prassi religiosa si rileva nella relazione tra senso religioso e senso morale e nella efficacia della visione cristiana per una convivenza civile, intesa come responsabilità e solidarietà. La proposta della morale cristiana è per la realizzazione dell essere della persona e non per il puro e semplice dovere. Importante è la riflessione sui valori autentici, sulla responsabilità, sulla coscienza morale e sulla libertà da gestire. 15

16 Larea biblico-teologica si inserisce nella comunicazione religiosa mediante lacquisizione dei seguenti processi : a) imparare ad accostare la Bibbia come documento fondamentale del cristianesimo b) saper inserire la storia di Gesù nellesperienza del popolo ebraico c) comprendere il linguaggio religioso come forma di comunicazione. Mentre gli obiettivi didattici possono essere individuati in: a) Conoscere in modo schematico lambiente ebraico in cui è nata la letteratura raccolta nel testo biblico (storia, geografia, cultura, mondo concreto) b) ricostruire la storia del popolo dIsraele attraverso le figure bibliche meglio conosciute (Abramo, Giosuè, Mosè, Giovanni Battista) c) individuare le principali forme letterarie con cui è stata redatta la Bibbia (linguaggi, generi letterari) d) rielaborare i significati più importanti di alcuni eventi biblici e) conoscere le parti principali del documento Bibbia f) collocare la figura di Gesù nel tempo della storia palestinese g) comprendere la figura di Cristo nella dimensione umana e divina (Rivelazione) h) raccontare la vicenda di Gesù anche attraverso personaggi noti (Zaccheo, Matteo, Bartimeo ecc.) i) comprendere che lesperienza di salvezza iniziata da Gesù continua oggi attraverso la Chiesa l) riconoscere le forme più semplici del linguaggio biblico (parabole, racconto, lettera). 6.- La prospettiva di fondo Larea biblico-teologica affronta il fondamento della religione cristiana, proponendo non solo dei contenuti (il Dio di Gesù Cristo), ma la logica che li unisce (la Rivelazione), il contesto in cui vanno compresi (la storia della salvezza) e il documento che li testifica (la Sacra Scrittura). 16

17 Levento della Rivelazione La religione cristiana si fonda sulla Rivelazione che è una scelta libera e del tutto gratuita di Dio di autocomunicarsi. Le si addice il mistero come qualità intrinseca della sua verità e del suo modo di accadere. È un gesto di grazia che vuol essere non una dimostrazione di potenza, ma di amicizia di Dio verso luomo, al fine di salvarlo, facendolo suo familiare, portandolo a condividere la sua stessa natura divina, con un intento tanto teologico, quanto antropologico. Ha le radici in alto, ma insieme corrisponde in pieno alle attese (domande di senso) dal basso. Tale autocomunicazione di sé Dio la realizza per mezzo dei segni che possiamo comprendere, parole ed opere di verità e di amore, a cui è richiesto di corrispondere con un atteggiamento equivalente: lautocomunicazione delluomo a Dio, la sua incondizionata accoglienza, il suo assenso che è la fede, dunque un atteggiamento di donazione personale (fides qua), mentre si vengono a conoscere e ad accogliere determinate verità (fides quae). Essa si manifesta pienamente in Cristo che è insieme il mediatore e la compiutezza di tutta intera la rivelazione. In Gesù, la Rivelazione mostra di essere evento nella nostra storia, cui bisogna riferirsi per arrivare a comprendere luomo. La storia della salvezza, un progetto unificante Lincontro tra Rivelazione e storia è inseparabile e si manifesta come divina economia (Padri della Chiesa). La Rivelazione è, in primo luogo, lagire di Dio sempre in atto e dunque attuale. In secondo luogo Essa si costituisce come una storia della Rivelazione, le cui tappe sono: la Rivelazione documentata dallAntico Testamento; la stessa persona di Gesù, compimento del progetto divino e Ultima Parola di Dio, documentata nel Nuovo Testamento. Progetto, storia, Gesù Cristo, Bibbia, e naturalmente la persona di Dio sono, pertanto, fattori sostanziali ed originari della religione cristiana Dio di Gesù Cristo Il Dio di Gesù Cristo diventa - teologicamente parlando - la realtà, il mistero per eccellenza, della religione cristiana al cui centro vi è non una idea di Dio, ma Dio come Persona, che ha fatto la scelta della Rivelazione di Sé. Il mistero di Dio è legato a Gesù Cristo come suo rivelatore storico, ed in Gesù Padre delluomo. Dio va sempre compreso in Gesù e per Gesù, nel quadro della storia della salvezza. 17

18 Al tema Dio occorre dare lampiezza che si merita per avvicinarsi a Lui come mistero di amore. Dio non può essere un tema esauribile in una unità di qualche ciclo, ma il frutto di un processo che si tematizza formalmente in momenti prestabiliti dei diversi cicli, la cui conoscenza cresce e matura lungo tutto il processo formativo. Non può mancare la riflessione su alcuni problemi nodali che riguardano il mistero di Dio, oggi particolarmente avvertiti: il problema del male, della libertà, del sapere scientifico e del suo processo in relazione alla onnipotenza, alla bontà, allazione di Dio nella creazione. Come pure vanno affrontate altre questioni rilevanti per una corretta relazione con Dio: la possibilità, il significato e lesperienza della fede, la preghiera, il senso del male (peccato) e della legge. Identità umana e divina di Gesù I nuovi programmi si muovono affermando la centralità della figura di Gesù, Parola di Dio, Figlio del Padre. Il mistero di Dio si può esprimere genuinamente solo se si sosta a fondo sulla storia di Gesù. Le esigenze maggiori allora diventano: a) La storia di Gesù: riguarda la conoscenza della figura storica di Gesù di Nazaret intesa nelle sue coordinate storiche, geografiche, culturali; la sua causa del Regno di Dio; il suo messaggio a riguardo di Dio, delluomo, della vita, del futuro ultimo; le sue opere e i suoi miracoli; levento pasquale, della passione, morte e risurrezione. b) Il mistero di Gesù: riguarda lidentità profonda di Gesù nella comprensione sua e dei suoi discepoli: maestro, profeta, figlio delluomo, figlio di Dio. È il Verbo preesistente nel mistero di Dio uno e trino che si fa uomo per opera dello Spirito Santo, nascendo dalla vergine Maria. È il Messia o Cristo. È il Salvatore che dà la sua vita per gli uomini per liberarli dal male. È il Signore che guida la storia della salvezza. È il giudice ultimo. Un nodo oggi inevitabile riguarda il senso e portata dellunicità di Gesù come Messia e Salvatore nel contesto del pluralismo religioso. c) La missione di Gesù: sviluppo della Chiesa e annuncio della salvezza come continuazione della missione di Gesù con la potenza del suo Spirito. d) Lesperienza di Gesù: si vuol evidenziare un aspetto poco considerato e che pure fa parte della identità di Gesù: la relazione che egli dice di volere intessere con i discepoli e dai discepoli. È lesperienza mistica cristiana che sarà ripresa nei nuclei tematici successivi, ma che deve mostrare le sue radici nel mistero di Cristo. 18

19 Concretamente, osservando anche lesperienza di questi anni nella scuola, tre sono le richieste maggiori: -parlare di Gesù secondo una teologia aggiornata e conforme al senso della Chiesa; -parlarne in confronto e dialogo con la condizione culturale, spirituale e per moltissimi anche religiosa dei giovani di oggi; -parlarne ancora in relazione alla domande di senso che stimolano, come abbiamo visto, tutto il percorso dellIRC scolastico, mettendo in luce lumanesimo del Vangelo, in base al principio teologico che la Rivelazione del Dio fatto uomo è anche Rivelazione delluomo a se stesso secondo parametri divini (cfr. Gaudium et spes 22). La Bibbia, il libro di Dio Della Bibbia va offerta una esperienza veritiera ed è, pertanto, importante giungere: 1- ad una conoscenza autentica superando stereotipi e precomprensioni. Questo avviene progressivamente lungo il percorso scolastico, ed ha il suo migliore stimolo sia a livello culturale (nel confronto con altri documenti culturali significativi presenti nella scuola e nella società) sia a livello esperienziale religioso. 2- a riconoscere lidentità della Bibbia, nella sua realtà di storia, di letteratura, di messaggio. 3- a un uso corretto della Bibbia attraverso una partecipazione diretta dei testi biblici in certi momenti strategici della conoscenza del mistero di Dio, di Cristo, delluomo. Tutta la realtà di Gesù (storia e mistero) è documentata dalla Scrittura (i vangeli) ed ha il suo legittimo approfondimento nella dottrina cristologica della Chiesa (v. Concili, Magistero). Alcuni nodi diventano centrali: origine e natura dei Vangeli (racconto del Gesù terreno alla luce di Lui come risorto e da parte degli apostoli allinterno delle prime comunità cristiane); la storicità di Gesù (il senso corretto da darvi); la qualità ebraica di Gesù (il suo inserimento singolare nella storia del popolo ebraico). La traccia testimoniale, inoltre, perviene a delineare chi è Gesù partendo dai suoi discepoli migliori lungo i secoli, soprattutto nel sec. XX. Tale proposta, che evidenzia la spiritualità cristiana vissuta, può avere un impatto formativo ed insieme culturale decisivamente forte. Attraverso lapporto culturale si è in grado di presentare Gesù sul versante artistico-letterario, massmediatico, etico, sociale, e gli esiti dellumanesimo evangelico in venti secoli di storia. In tale contesto culturale risulta rilevante il dibattito attorno a Gesù nelle correnti di pensiero moderne, ma anche allinterno della coscienza giovanile. 19

20 La Chiesa Il discorso sulla Chiesa non può avere una centralità di fine, ma di mezzo, ossia in quanto sacramento vivo e necessario della Rivelazione, dunque del mistero di Dio in relazione con luomo, più direttamente del mistero di Cristo che conduce a quello di Dio (cfr. Lumen gentium 1). La Chiesa è anche il luogo della visibilità del Vangelo di Gesù che deve tenere uniti tre obiettivi: la sua necessaria sacramentalità, la sua indispensabile purificazione, la sua capacità di rispondere con segni visibili e credibili alle domande di senso e alla ricerca religiosa. Teologia, storia, esperienza devono intrecciarsi per giungere alla identità genuina o mistero della Chiesa. Possiamo individuare i seguenti punti: a) Progetto di Dio o storia della salvezza La Chiesa appare come popolo di Dio degli ultimi tempi, radunato da Gesù Cristo e animato dallo Spirito Santo. Emergono due poli di interesse: - Il momento storico-fondativo. Dai due Testamenti, testimoni di ununica alleanza mai revocata (Giovanni Paolo II), si profila il mistero di Israele (dellumanità) chiamata ad essere popolo di Dio. Gesù Cristo rinnova questo popolo, lo fa Chiesa. Essa è vitalmente animata dallo Spirito Santo (Pentecoste) e resa visibile nelle comunità cristiane particolari o locali (diocesi), pienamente inserite nella storia, ma in cammino verso lo Sposo, il Signore Gesù. - Il mistero di Cristo coinvolge e costituisce la Chiesa come mistero, creatura dello Spirito, che vive una quadruplice esperienza: ascolto ed annuncio della Parola di Dio, celebrazione liturgica, attraver- so i sacramenti che sono la Grazia divina, la comunione nellunità e nellamore, la diaconia della carità. b) Struttura della Chiesa Si intende la Chiesa come istituzione storica, contemplata secondo il concetto di corpo di Cristo, ossia come un organismo vivo e dinamico, insieme divino ed umano, con unanima ed un corpo, interagenti sotto lazione dello Spirito di Gesù Cristo e della collaborazione dei credenti. Qui viene sviluppato il tema dellunità e diversità nella Chiesa, dove si manifestano doni o carismi eterogenei, varietà di ministeri, diversità di vocazioni o stati di vita (laicale, ministeriale ordinato, religioso. 20

21 c) La missione della Chiesa Esprime la intrinseca vocazione missionaria della comunità dei credenti che consiste nel rivelare e comunicare lamore salvifico di Dio per mezzo di Gesù (annuncio del Vangelo o evangelizzazione). Tale impegno missionario si esprime in particolare per quanti ignorano il Vangelo (non cristiani), tramite una visibile testimonianza della verità nella carità e il dialogo interreligioso. Si può parlare della Chiesa seguendo alcune piste: a) La traccia biblico-teologica, che precisa il senso misterico, della Chiesa, sostando sul progetto di Gesù e degli apostoli (Atti degli apostoli, le lettere di S. Paolo). La Lumen gentium è fondamentale per delineare il quadro di riferimento. b) La traccia storica, che affronta con lucidità e discernimento il cammino della Chiesa nel tempo, segnatamente nel secolo XX ed oggi, con la riforma conciliare e il servizio apostolico di Giovanni Paolo II, con i grandi gesti della purificazione della memoria e della memoria dei martiri, sintesi efficace di un modo di leggere e volere la Chiesa oggi. c) La traccia esperienziale, che si ferma sullincidenza umana della Chiesa nella storia, con testimoni significativi di ieri e di oggi, promuovendo le grandi scelte morali, limpegno sociale, e provocando significativi effetti culturali nellethos, nellarte, nello stile di vita. La vita nello Spirito i valori del cristianesimo Questo nucleo tematico non si circoscrive nella consueta area dei doveri morali o delletica, ma più ampiamente, prende in considerazione lumanesimo cristiano, ossia come la visione religiosa cristiana tocchi la vita concreta delle persone, come il Dio di Gesù Cristo rivelatosi come Dio per luomo, sia un Padre, che, mediante Gesù e nella forza dello Spirito, con i segni e servizi proposti dalla Chiesa, cammina con il suo popolo verso il Regno di Dio. Chiaramente è in questo momento che le tante domande di senso che hanno innescato la ricerca religiosa, possono trovare una risposta anche sul versante pratico, esistenziale e operativo. Ne deriva che la personalità del cristiano è quella che tecnicamente viene chiamata antropologia soprannaturale, ossia la rivelazione delluomo a se stesso alla luce della rivelazione di Dio. Ciò richiede la presentazione della personalità del cristiano nelle sue dimensioni fondamentali: la divina figliolanza (vita di grazia e di comunione con Dio mediante lesercizio della fede, speranza e carità); la libertà; la legge e lamore come fondamento spirituale-etico; la coscienza come piena assunzione consapevole e responsabile della vita secondo la dignità di cristiano; il peccato, la conversione e il cammino verso la santità come tensione ascetica. 21


Scaricare ppt "NUOVE INDICAZIONI NAZIONALI IRC corso di aggiornamento 1.10.2011 Villa Costabissara Vicenza 1- Premesso che la religione cattolica è parte costitutiva."

Presentazioni simili


Annunci Google