La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INCONTRO SU GESTIONE DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI GUBBIO Ing. Raffaele Santini – Comune di Gubbio Dirigente Settore Lavori Pubblici ed Ambiente COMUNE DI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INCONTRO SU GESTIONE DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI GUBBIO Ing. Raffaele Santini – Comune di Gubbio Dirigente Settore Lavori Pubblici ed Ambiente COMUNE DI."— Transcript della presentazione:

1 INCONTRO SU GESTIONE DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI GUBBIO Ing. Raffaele Santini – Comune di Gubbio Dirigente Settore Lavori Pubblici ed Ambiente COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio 31 Marzo 2011 ITIS Gubbio

2 COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio COMUNE DI GUBBIO Settore Affari Generali ed Istituzionali Settore Territorio Edilizia Settore Lavori Pubblici ed Ambiente Settore Turismo e Cultura Settore Sviluppo Economico e Sociale Servizio Amministrativo Servizio Lavori Pubblici Servizio Patrimonio Servizio Protezione Civile Servizio Manutenzioni Servizio Ambiente Ufficio Gestione RSU Settore Finanziario

3 NORMATIVE DI RIFERIMENTO COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio Normativa comunitaria - Normativa comunitaria: generalmente Direttive e/o Regolamenti; Normativa nazionale - Normativa nazionale: D.lvo 3 aprile 2006, n. 152 e s.m.i. codice dellambiente; Normativa regionale - Normativa regionale: Leggi regionali, deliberazioni del Consiglio e/o Giunta regionale; Normative comunali - Normative comunali: regolamenti approvati, generalmente, con D.C.C.

4 SISTEMA DELLE FONTI COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio Comunità europea (direttive) Stato italiano (leggi o atti aventi forza di legge) Regione Umbria (leggi regionali o DCR/DGR) Provincia di Perugia (attività essenzialmente di controllo) Comune di Gubbio (Regolamenti: gestione servizio RSU)

5 ATTRIBUZIONI IN MATERIA AMBIENTALE COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio COMUNITA EUROPEA: indirizzi di carattere generale che vanno recepiti dai singoli Stati membri; STATI MEMBRI: recepiscono le direttive comunitarie con propri provvedimenti (in Italia, generalmente, con Decreti Legislativi); REGIONI: legiferano nel rispetto dei principi generali fissati da leggi nazionali e valgono solo in ambito regionale – si occupano della pianificazione dei servizi; PROVINCIE: adottano solo atti amministrativi e si occupano essenzialmente di attività di supporto alla regione e di controllo; COMUNI: adottano regolamenti – si occupano della gestione dei RSU.

6 NOZIONE DI RIFIUTO COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio La normativa italiana, all art 183 del D.lgs n. 152/ 2006 e s.m.i. definisce: rifiuto: qualsiasi sostanza od oggetto che rientra nelle categorie riportate nellallegato A alla parte quarta del d.lgs n. 152/06 e di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia lobbligo di disfarsi;

7 CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio In base alla normativa vigente (D.lgs. 152/06) i rifiuti vengono classificati secondo lorigine in: Rifiuti urbani Rifiuti speciali secondo le caratteristiche di pericolosità in: Rifiuti pericolosi e non pericolosi. Tutti i rifiuti sono identificati da un codice a sei cifre. L'elenco dei codici identificativi (denominato CER 2002 e allegato alla parte quarta del D.lgs. 152/06) è articolato in 20 classi: ogni classe raggruppa rifiuti che derivano da uno stesso ciclo produttivo. All'interno dell'elenco, i rifiuti pericolosi sono contrassegnati da un asterisco.

8 RIFIUTI URBANI COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio Il comma 2 dellarticolo 184 del D.lgs. 152/06 stabilisce che sono rifiuti urbani: a) i rifiuti domestici, anche ingombranti, provenienti da locali e luoghi adibiti ad uso di civile abitazione; b) i rifiuti non pericolosi provenienti da locali e luoghi adibiti ad usi diversi da quelli di cui alla lettera a), assimilati ai rifiuti urbani per qualità e quantità; c) i rifiuti provenienti dallo spazzamento delle strade; d) i rifiuti di qualunque natura o provenienza, giacenti sulle strade ed aree pubbliche o sulle strade private comunque soggette ad uso pubblico o sulle spiagge marittime e lacuali e sulle rive dei corsi dacqua; e) i rifiuti vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali; f) i rifiuti provenienti da esumazioni ed estumulazioni nonché gli altri rifiuti provenienti da attività cimiteriale.

9 RIFIUTI SPECIALI COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio Il comma 3 dellarticolo 184 del D.lgs. 152/06 stabilisce che sono rifiuti speciali: a) i rifiuti da attività agricole e agro-industriali; b) i rifiuti derivanti dalle attività di demolizione, costruzione, nonché i rifiuti pericolosi che derivano dalle attività di scavo, fermo restando quanto disposto dall'articolo 186; c) i rifiuti da lavorazioni industriali, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 185, comma 1, lettera i); d) i rifiuti da lavorazioni artigianali; e) i rifiuti da attività commerciali; f) i rifiuti da attività di servizio; g) i rifiuti derivanti dalla attività di recupero e smaltimento di rifiuti, i fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi; h) i rifiuti derivanti da attività sanitarie; i) i macchinari e le apparecchiature deteriorati ed obsoleti; j) i veicoli a motore, rimorchi e simili fuori uso e loro parti; k) il combustibile derivato da rifiuti; l) i rifiuti derivati dalle attività di selezione meccanica dei rifiuti solidi urbani.

10 RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio Secondo il D.lgs. 152/06 (art. 184, comma 5), sono rifiuti pericolosi quelli contrassegnati da apposito asterisco nellelenco CER2002. In tale elenco alcune tipologie di rifiuti sono classificate come pericolose o non pericolose fin dallorigine, mentre per altre la pericolosità dipende dalla concentrazione di sostanze pericolose e/o metalli pesanti presenti nel rifiuto. Per "sostanza pericolosa" si intende qualsiasi sostanza classificata come pericolosa ai sensi della direttiva 67/548/CEE e successive modifiche: questa classificazione è soggetta ad aggiornamenti, in quanto la ricerca e le conoscenze in questo campo sono in continua evoluzione. I "metalli pesanti" sono antimonio, arsenico, cadmio, cromo (VI), rame, piombo, mercurio, nichel, selenio, tellurio, tallio e stagno: possono essere presenti sia puri che, combinati con altri elementi, in composti chimici.

11 PRINCIPI DA RISPETTARE NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio 1°) PREVENZIONE: Riduzione dei rifiuti allorigine; 2°) RACCOLTA DIFFERENZIATA: Recupero, Riciclo; 3°) TRATTAMENTO DEI RIFIUTI PER: a) Recuperare materia; b) Recuperare energia; 4° ) SMALTIMENTO IN DISCARICA

12 OBIETTIVI DEL PIANO REGIONALE DEI RIFIUTI COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio 1° AZIONE: 1° AZIONE: Contenimento della produzione dei rifiuti Lobiettivo è di bloccare la produzione dei rifiuti al quantitativo dellanno 2006 mediante: - sostegno alla diffusione e allimpiego di prodotti che, dalla verifica del loro ciclo di vita, minimizzano la generazione di rifiuti; - sostegno a forme di consumo e di distribuzione delle merci che intrinsecamente minimizzano la generazione di rifiuti; - riduzione dei consumi di merci a perdere qualora esse siano sostituibili, a parità di prestazioni,da prodotti utilizzabili più volte; - riduzione della formazione di rifiuti verdi ed organici attraverso la valorizzazione dellautocompostaggio; - riduzione della formazione dei rifiuti e della pericolosità degli stessi attraverso lintroduzione di tecnologie pulite nei cicli produttivi. -passaggio da tassa (TARSU) a tariffa (TIA); - ecc. LA REGIONE HA GIA FATTO LE SEGUENTI AZIONI RITENUTE DI FORTE SIGNIFICATO SIMBOLICO Accordi quadro con CONAI per contenere la produzione di imballaggi; Accordi con la grande distribuzione per: linstallazione di distributori per detersivi fluidi; linstallazione di distributori per latte fresco; linstallazione di fontane pubbliche per erogare acqua gasata ad un prezzo di /l 0,03; PRESTO ANCHE GUBBIO SI DOTERA DI QUESTO SERVIZIO

13 OBIETTIVI DEL PIANO REGIONALE DEI RIFIUTI COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio 2° AZIONE 2° AZIONE: Incrementare la raccolta differenziata dei rifiuti - almeno il 35% entro il 31 dicembre 2006; - almeno il 45% entro il 31 dicembre 2008; - almeno il 65% entro il 31 dicembre 2012

14 RACCOLTA DIFFERENZIATA IN UMBRIA COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio La raccolta differenziata nella regione Umbria ha raggiunto nel 2006 una percentuale complessiva del 29%, al di sotto dei limiti determinati per legge e anche degli obiettivi della pianificazione regionale, che prevedeva nel II° Piano regionale per la gestione integrata e razionale dei residui e dei rifiuti i seguenti obiettivi di raccolta differenziata: anno 2002 : 28,5%; anno 2003 : 35 %; anno 2006 : 45 %; Attualmente siamo poco al di sopra di questo valore

15 RACCOLTA DIFFERENIZATA IN UMBRIA COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio

16 ANDAMENTO RACCOLTA DIFFERENZIATA A GUBBIO COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio Anno 2000: 1 - 1,1 % Anno 2001: 4 - 4,2 %(attivazione isola ecologica – agosto 2001) Anno 2002: % (avvio 1° fase RD – dicembre 2002) Anno 2003: % Anno 2004: %(avvio 2° fase RD – ottobre 2004) Anno 2005:34 – 35 % Anno 2006:35 – 36% Anno 2007:35 – 36 % Anno 2008:46 – 47% (avvio 3° fase RD maggio 2008) Anno 2009:50 – 51 % Anno 2010:50 – 51 % Siamo tra i primi 3 comuni dellUmbria con oltre abitanti Nellanno 2009 ci siamo classificati al 9°posto tra i comuni del centro Italia con oltre abitanti – Classifica redatta da Legambiente ABBIAMO PRONTO UN PROGETTO PER RAGGIUNGERE IL 65 %

17 RACCOLTA DIFFERENZIATA A GUBBIO COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio

18 RACCOLTA DIFFERENZIATA A GUBBIO COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio Perché fare la Raccolta Differenziata? - E un dovere civico e morale; - E unopportunità per limitare i costi, almeno in prospettiva; - E un modo per rispettare gli obiettivi di legge e lambiente;

19 RACCOLTA DIFFERENZIATA A GUBBIO – AREE SERVITE COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio Centro storico (porta a porta puro tranne che per il vetro), Area Espansione Urbana e frazioni di San Marco, Padule, Cipolleto, Ponte dAssi, Branca, Carbonesca, Casamorcia, Colonnata, Colpalombo, Loreto, Mocaiana, Monteleto, Petroia, Semonte, Torre dei Calzolari Organico Porta a Porta con Biopattumiere da 7 l contenitori da 30 l – 120 l – 240 l Carta e cartone Porta a Porta con paper box da 40 l contenitori da 240 l – 360 l Plastica Di prossimità con contenitori da 360 l – 660 l Rifiuto indifferenziato Di prossimità con contenitori da 360 l – 660 l Per il centro storico

20 RACCOLTA DIFFERENZIATA A GUBBIO – AREE SERVITE CON CONTENITORI STRADALI COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio Carta e cartone Stradale con contenitori da l Servizio settimanale Area Espansione Urbana, frazioni di San Marco, Padule, Cipolleto, Ponte dAssi, Branca, Carbonesca, Casamorcia, Colonnata, Colpalombo, Loreto, Mocaiana, Monteleto, Petroia, Semonte, Torre dei Calzolari ed altre frazioni del territorio comunale

21 RACCOLTA DIFFERENZIATA A GUBBIO – AREE SERVITE CON CONTENITORI STRADALI COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio Centro storico, Area Espansione Urbana, frazioni di San Marco, Padule, Cipolleto, Ponte dAssi, Branca, Carbonesca, Casamorcia, Colonnata, Colpalombo, Loreto, Mocaiana, Monteleto, Petroia, Semonte, Torre dei Calzolari ed altre frazioni del territorio comunale Vetro Raccolta Stradale con campane da l Servizio settimanale/quindicinale

22 RACCOLTA DIFFERENZIATA A GUBBIO COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio CENTRO STORICO – SUDDIVISIONE DEL TERRITORIO

23 RACCOLTA DIFFERENZIATA A GUBBIO COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio CALENDARI DI RACCOLTA CENTRO STORICO MaterialeGiorni di raccolta ORGANICOmartedì, giovedì, sabato CARTAmercoledì PLASTICAgiovedì RSU indifflunedì, venerdì MaterialeGiorni di raccolta ORGANICOlunedì, mercoledì, venerdì CARTAlunedì PLASTICAmercoledì RSU indiff.martedì, sabato ZONA AZONA B

24 RACCOLTA DIFFERENZIATA A GUBBIO COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio CALENDARI DI RACCOLTA ALTRE ZONE SERVITE MaterialeGiorni di raccolta ORGANICOlunedì, mercoledì*, venerdì CARTAmartedì, sabato** MaterialeGiorni di raccolta ORGANICOmartedì, giovedì*, sabato CARTAgiovedì, sabato** MaterialeGiorni di raccolta ORGANICOmartedì, giovedì*, sabato CARTAvenerdì, sabato** Semonte, Colpalombo, Carbonesca, Petroia Torre Calzolari, Branca Loreto, Monteleto, Mocaiana, Casamorcia, Colonnata

25 RACCOLTA DIFFERENZIATA A GUBBIO - ALTRI SERVIZI COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio ECOCENTRO O CENTRO DI RACCOLTA E sito in via Venata ed è possibile conferirvi: - materiali ingombranti domestici, arredi, elettrodomestici, pneumatici, batterie, lattine, stoffe, legname, carta, cartoni, oli esausti, vernici, ecc.; GIORNI ED ORARI DI APERTURA LUNEDI dalle ore 17,00 alle ore 19,30; MARTEDI dalle ore 17,00 alle ore 19,30; MERCOLEDI dalle ore 9,00 alle ore 12,00; GIOVEDI dalle ore 17,00 alle ore 19,30; VENERDI dalle ore 17,00 alle ore 19,30; SABATO dalle ore 9,00 alle ore 13,00; RITIRO INGOMBRANTI A DOMICILIOTel. 075/ RITIRO INGOMBRANTI A DOMICILIO Tel. 075/ CALL CENTER Tel. 075/

26 RACCOLTA DIFFERENZIATA A GUBBIO COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio COME SVILUPPARE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA PER RAGGIUNGERE IL 65% DI R.D. ENTRO IL 2012 OCCORRE: PREVEDERE UN SISTEMA SPINTO DI RACCOLTA PORTA A PORTA (IN PARTICOLARE PER LORGANICO) SOSTENENDOLO CON ADEGUATI INCENTIVI; PREVEDERE LADOZIONE DEL SISTEMA MISTO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PER QUELLE REALTA CON BASSA DENSITA ABITATIVA; PREVEDERE UN FORTE INVESTIMENTO COMUNICAZIONALE, EDUCATIVO ED INFORMATIVO, DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RIORGANIZZAZIONE DELLE RACCOLTE, CON SENSIBILIZZAZIONE DELLE UTENZE RISPETTO ALLOPPORTUNITÀ DI UN IMPEGNO VERSO IL CONTENIMENTO DEI RIFIUTI GENERATI, COSÌ COME DI QUELLI AVVIATI A SMALTIMENTO.

27 COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio COMPOSIZIONE DELLA R.D. ATTESA SECONDO LA PIANIFICAZIONE REGIONALE

28 RACCOLTA DIFFERENZIATA A GUBBIO COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio COMPOSIZIONE MERCEOLOGICA Totale RSUt/a ,00Produzione pro-capite = 519 Kg/ab*anno = 1,42 Kg/ab*gg Tessilit/a 79,00% su totale RD 3,97 % Metallit/a 335,00 0,94 % Legnot/a 233,00 2,76 % Organicot/a2.313,0027,42 % Carta e cartonet/a1.993,0023,63 % Vetrot/a 918,0010,88 % Verdet/a1.380,0016,36 % Plasticat/a 760,00 9,01 % Altrot/a 424,00 5,03 % Totale RD t/a8.435,00 100,00 % Indifferenziatot/a8.418,00

29 GESTIONE RSU COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio 3° AZIONE TRATTAMENTO DEI RIFIUTI PER: IMPIANTI DI SELEZIONE; a) Recuperare materia: IMPIANTI DI SELEZIONE; TERMOVALORIZZAZIONE previa produzione di Combustibile da Rifiuto (CdR) o termodistruggere in cementifici; b) Recuperare energia: TERMOVALORIZZAZIONE previa produzione di Combustibile da Rifiuto (CdR) o termodistruggere in cementifici;

30 GESTIONE RSU COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio 4° AZIONE: SMALTIMENTO IN DISCARICA Tutto ciò che non è recuperabile con la raccolta differenziata, con la successiva selezione e con la produzione di CDR, va smaltito in discarica congiuntamente alle ceneri della termovalorizzazione

31 GESTIONE RSU COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio SCHEMA SEMPLFICATO PRODUZIONE RSU RACCOLTA DIFFERENZIATA AL RICICLO (carta, vetro, plastica, ecc.) IMPIANTO DI SELEZIONE IMPIANTO PRODUZIONE CDR TERMOVALORIZZATORE (Cementifici) DISCARICA BIOGASPERCOLATO E.E. E.T. E.E. E.T. ORGANICO AL COMPOSTAGGIO

32 SCENARI DEL PIANO REGIONALE DEI RIFIUTI COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio

33 SCENARI DEL PIANO REGIONALE DEI RIFIUTI COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio

34 SCENARI DEL PIANO REGIONALE DEI RIFIUTI COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio

35 SCENARI DEL PIANO REGIONALE DEI RIFIUTI COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio

36 SCENARI DEL PIANO REGIONALE DEI RIFIUTI COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio

37 GESTIONE DEI RIFIUTI NEL NOSTRO AMBITO COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio IL PIANO REGIONALE PREVEDE CHE L 'UMBRIA, AI FINI DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI SIA SUDDIVISA IN 4 ATI; GUBBIO APPARTIENE ALL' ATI 1 CON TUTTI I COMUNI DELL' ALTO CHIASCIO E QUELLI DELL' ALTO TEVERE

38 GESTIONE DEI RIFIUTI NEL NOSTRO AMBITO ED IMPIANTISTICA - ATTUALI COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio PRODUZIONE RSU 100 Kg Kg 50 da RACCOLTA DIFFERENZIATA Kg 6 al RICICLO e/o COMPOSTAGGIO 50 Kg alla STAZIONE DI TRASFERENZA (COLOGNOLA) 50 Kg - IMPIANTO DI SELEZIONE (PONTE RIO) 44 Kg ALLA DISCARICA DI (COLOGNOLA) PRODUZIONE BIOGAS (COLOGNOLA) PRODUZIONE ENERGIA ELETTRICA PRODUZIONE PERCOLATO PER DEPURAZIONE CAPACITA' MC – RESIDUI MC Vedere slide seguente

39 COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio GESTIONE DEI RIFIUTI NEL NOSTRO AMBITO ED IMPIANTISTICA - ATTUALI 50 Kg da RACCOLTA DIFFERENZIATA 14 Kg di ORGANICO e 8,18 Kg DI VERDE E SFALCI COMPOSTAGGIO (PIETRAMELINA) 12 Kg di CARTA E CARTONI AL RICICLO (PIATTAFORMA FOSSATO DI VICO) 4,5 Kg di PLASTICA AL RICICLO (PIATTAFORMA FOSSATO DI VICO) Kg di ALTRO AL RICICLO (PIATTAFORME VARIE)

40 COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio UBICAZIONI IMPIANTI NEL COMUNE DI GUBBIO CENTRO DI RACCOLTA DI VIA VENATA DISCARICA DI COLOGNOLA

41 COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio PRINCIPALI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DEI RIFIUTI Impianti di Compostaggio Il compostaggio industriale è l'attività di trasformare la frazione umida dei rifiuti solidi urbani e gli scarti di produzione agricola e industriale biodegradabili in terriccio (o compost) e concime per il commercio, in grandi volumi. COMPOSTAGGIO AEROBICO: con sviluppo di CO 2 ed altri gas; COMPOSTAGGIO ANAEROBICO: con sviluppo di CH 4 ed altri gas. Con biocompostiere fornite dal comune Con cumuli fatti autonomamente Bonus fiscale sulla TARSU del 20%

42 COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio PRINCIPALI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DEI RIFIUTI Impianti di preselezione Separazione dei materiali per il riciclo: - metalli; - vetro; - carta; - plastica; - frazione umida compostabile; SOVVALLI TUTTO CIO CHE NON E SEPARABILE VA IN DISCARICA CON IL NOME DISOVVALLI

43 COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio PRINCIPALI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DEI RIFIUTI Termovalorizzatori – Inceneritori (Cementerie) Si brucia il CDR o in alcuni casi il rifiuto tal quale per produrre energia termica utilizzabile per scopi tecnologici o per teleriscaldamento. PROBLEMI: - emissioni/immissioni - ceneri.

44 COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio DISCARICHE CONTROLLATE La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non selezionato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane (detriti di costruzioni, scarti industriali, eccetera) che non si è voluto o potuto riciclare, inviare al inviare al trattamento termobiologico (TMB) eventualmente per produrre energia tramite bio-ossidazione a freddo, gassificare o, in ultima ratio, bruciare ed utilizzare come combustibile negli inceneritori (inceneritori con recupero energetico o termovalorizzatori). La normativa italiana col Dlgs. 36/2003 recepisce la direttiva europea 99/31/CE che prevede tre tipologie differenti di discarica: - discarica per rifiuti inerti; - discarica per rifiuti non pericolosi (tra i quali gli RSU); - discarica per rifiuti pericolosi (tra cui ceneri e scarti degli inceneritori).

45 COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio DISCARICHE CONTROLLATE PERCOLATO (da depurare) BIOGAS

46 INCONTRO SU GESTIONE DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI GUBBIO Ing. Raffaele Santini – Comune di Gubbio Dirigente Settore Lavori Pubblici ed Ambiente COMUNE DI GUBBIO SETTORE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ITIS Gubbio 31 Marzo 2011 ITIS Gubbio GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "INCONTRO SU GESTIONE DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI GUBBIO Ing. Raffaele Santini – Comune di Gubbio Dirigente Settore Lavori Pubblici ed Ambiente COMUNE DI."

Presentazioni simili


Annunci Google