La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La tutela della privacy Dr. Marco Cannavicci Psichiatra – criminologo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La tutela della privacy Dr. Marco Cannavicci Psichiatra – criminologo."— Transcript della presentazione:

1 La tutela della privacy Dr. Marco Cannavicci Psichiatra – criminologo

2 Argomenti - Segreto - Segreto professionale - Trattamento dati personali - Privacy - Riservatezza - Codice della Privacy

3 1. Segreto - In ambito professionale è essenziale stabile una buona relazione interpersonale - Una buona relazione interpersonale chiede il rispetto delle regole TECNICHE e di quelle ETICHE - LE REGOLE TECNICHE, ETICHE E MEDICO-LEGALI RICHIEDONO LA CAPACITA DI ACCOGLIERE E CONTENERE UN SEGRETO

4 tenere con sé - Richiede la capacità di concepire un fuori (pubblico) ed un dentro (privato) - Di concepire un Sé ed un Altro - Di avere una parte di Sé in cui trattenere e custodire delle cose

5 - Trattenere – tenere a lungo presso di sé chiede un sé funzionante e valido - Conservare – tenere con sé un qualcosa che non cambi nel tempo e non modifichi il sè - Separare – ciò che è proprio del sé da ciò che deriva dagli altri

6 Segreto: cose o fatti che si tengono dentro di sé e che non si rivelano a nessuno Istituto della Enciclopedia Italiana

7 - Nella malattia mentale non si riesce a separare un dentro da un fuori, un sé da un non-sé - Nella malattia mentale il sé non ha argini e diviene preda del condizionamento altrui - Non si riesce più a trattenere, conservare, separare

8 - Un segreto lo conserva e lo mantiene chi non ha paura, chi non lascia andare parti di sé - La sofferenza mentale nasce nellincapacità nel conservare segreti, nellimpossibilità a condividerli

9 - Avere e mantenere segreti è segno di maturazione sociale del Sé, in grado di distinguere, trattare ed esporre: - Un ambito sociale e pubblico - Un ambito privato ed individuale - Un ambito intimo

10 dirlo a qualcuno - ci vado apposta – si va dal terapeuta per cedere e condividere segreti e le cose inconffessabili che non si riescono a dire - Si cede un segreto che non si riesce a trattenere a qualcuno che riesce ed ha lobbligo di trattenerlo, tenerlo sotto controllo, segreto e secretato - Dietro ogni delirio si cela un segreto

11 Con il terapeuta: - Ci sono segreti condivisi - Segreti non condivisi, ma letti dal terapeuta - Segreti sulla relazione (setting) - Segreti del terapeuta - IL TERAPEUTA E UNO SCRIGNO DI SEGRETI ED UNA PERSONA INQUIETAMENTE SEGRETA A GARANZIA DEL SEGRETO DEI SUOI PAZIENTI

12 come in confessione - Il segreto nellambito psicoterapeutico ha sostituito ed inglobato quello della pratica religiosa della confessione - La religione per prima ha scoperto il valore terapeutico della confessione - La legge riconosce al religioso ed al terapeuta il diritto di trattenere e conservare i segreti senza lobbligo di riferirli

13 - Il recarsi da un terapeuta diviene di per sé un segreto - Solo il terapeuta sa che cè in giro un matto, un malato di nervi - Un malato di nervi da sempre considerato un pericolo per sé e per gli altri

14 - La psicoterapia è un esercizio micro- sociale di grande utilità macro-sociale - Permette il rispetto delle regole relazionali e sociali, prevenendo atti devianti e favorendo il controllo sociale del soggetto

15 - Avere la possibilità di mantenere ed occultare segreti ha a che vedere con la difesa del soggetto - Con la salvaguardia delle sue specificità - Della sua originalità - Della sua sfera di libertà, nello scegliere di essere qualcosa piuttosto che altro

16 - nellepoca del grande fratello elettronico in cui ogni gesto, ogni atto, ogni contatto è registrato si è sviluppata in modo forte la necessità della tutela della privacy - Al pari dellincremento delle tecniche di registrazione si sono incrementate le tecniche alla riservatezza

17 2. Il segreto professionale Aspetti normativi: - Codice penale, art Codice procedura penale, art Codice deontologia medica (edizione 1989, edizione 1995, edizione 1998) - Legge 675/96 - D. lgs. 282 del Autorizzazione n. 2/02 del Garante per la protezione dei dati personali - D. lgs. 196 del

18 Art. 622 Codice Penale (Rivelazione di segreto professionale) chiunque, avendo notizia, per ragioni del proprio stato o ufficio, della propria professione od arte, di un segreto, lo rivela, senza giusta causa, ovvero lo impiega a proprio o altrui profitto, è punito, se dal fatto può derivare nocumento, con la reclusione fino ad un anno o con la multa fino a 516 euro. Il delitto è punibile a querela della persona offesa.

19 Art. 200 C.P.P. (Segreto professionale) 1. non possono essere obbligati a deporre su quanto hanno conosciuto per ragioni del proprio ministero, ufficio o professione, salvi i casi in cui hanno lobbligo di riferire allautorità giudiziaria:1. non possono essere obbligati a deporre su quanto hanno conosciuto per ragioni del proprio ministero, ufficio o professione, salvi i casi in cui hanno lobbligo di riferire allautorità giudiziaria:…. c)I medici ed i chirurghi, i farmacisti, le ostetriche ed ogni altro esercente una professione sanitaria;

20 Altri: - I ministri di confessioni religiose, i cui statuti non contrastino con lordinamento giuridico italiano - Gli avvocati, i procuratori legali, i consulenti tecnici ed i notai - Gli esercenti altri uffici o professioni ai quali la legge riconosce la facoltà di astenersi dal deporre

21 - I giornalisti professionisti iscritti nellalbo professionale, relativamente ai nomi delle persone dalle quali i medesimi hanno avuto notizie di carattere fiduciario nellesercizio della loro professione. - Tuttavia se le notizie sono indispensabili ai fini della prova del reato per cui si procede e la loro veridicità può essere accertata solo attraverso lidentificazione della fonte della notizia, il giudice ordina al giornalista di indicare la fonte delle sue informazioni

22 Giusta causa per rivelare il segreto: - Obbligatorietà del referto – art. 334 CPP (la cui omissione è punita ai sensi dellarticolo 365 CP) - Denunce sanitarie e certificazioni obbligatorie - Denuncia di reato (obbligatoria ai sensi dellarticolo 331 CPP) - Visite medico-legali per assicurazioni sociali

23 La rivelazione è ammessa: Codice Penale: - Art. 45 – caso fortuito o forza maggiore - Art. 46 – costrizione fisica - Art. 47 – errore di fatto - Art. 48 – errore determinato dallaltrui inganno - Art. 51 – esercizio di un diritto o adempimento di un dovere imposto da norma legittima della pubblica autorità - Art. 52 – difesa legittima - Art. 54 – stato di necessità

24 - È ammessa anche per le certificazioni richieste o autorizzate dallinteressato o dai suoi legali rappresentanti, nel caso di minore o persona incapace - Per le collaborazioni allaccertamento della verità in sede penale o civile, sia come ausilio alla polizia giudiziaria, sia mediante lincarico di perizia o consulenza tecnica

25 Art. 22 legge 675/95 (diritto alla riservatezza) i dati personali idonei a rivelare lorigine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, ladesione a partiti, a sindacati associazioni od organizzazioni a carattere religioso filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale.i dati personali idonei a rivelare lorigine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, ladesione a partiti, a sindacati associazioni od organizzazioni a carattere religioso filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale.

26 - per il trattamento dei dati sanitari e della vita sessuale, la legge prevede lobbligo del consenso scritto, revocabile, rilasciato dallinteressato, previa adeguata informativa

27 D. lgs. 135/99 - Estende la possibilità di dare informazioni sui pazienti anche ad altri professionisti sanitari, quali psicologi, psicoterapeuti, tecnici della riabilitazione, infermieri, assistenti sociali e altro personale socio- sanitario - Se la loro attività prevede rapporti diretti con i pazienti - Anche loro sono vincolati al segreto

28 - Titolare del dato è la persona fisica che esercita il potere sulle finalità, sulle modalità e sulla sicurezza del trattamento dei dati - È essenziale acquisire il consenso scritto, previa adeguata informazione sulle possibilità di accesso, cancellazione, rettifica ed aggiornamento dei dati - Tutto il corpo normativo è confluito nel d.lgs. 196/03

29 Codice in materia di protezione dei dati personali (D.lgs n. 196) - larticolo 8 prevede che le disposizioni specifiche per il trattamento dei dati sanitari siano emanate a cura del Ministero della Salute

30 Codice di Deontologia Medica - Edizione 1989 – la rivelazione del segreto professionale solo in obbedienza ad un obbligo di legge oppure con il consenso dellinteressato - Edizione 1995 – si ribadiscono gli obblighi di legge per la tutela sociale, la pericolosità e la tutela giuridica delle persone interessate

31 - Edizione del 1998 – vigente – compare come voce etica della comunità la figura del Garante per la protezione dei dati personali, legittimato di fatto ad autorizzare la divulgazione in un numero sempre crescente di casi

32 Codice del 1998: costituiscono giusta causa di rivelazione, oltre alle inderogabili ottemperanze a specifiche norme legislative (referti, denunce, notifiche, certificazioni obbligatorie): A – la richiesta o lautorizzazione da parte della persona assistita o del suo legale rappresentante, previa specifica informazione sulle conseguenze o sullopportunità o meno della rivelazione stessa

33 B – lurgenza di salvaguardare la vita o la salute dellinteressato o di terzi, nel caso in cui linteressato stesso non sia in grado di prestare il proprio consenso per limpossibilità fisica, per incapacità di agire e per incapacità di intendere o di volere C – lurgenza di salvaguardare la vita o la salute di terzi, anche nel caso di diniego dellinteressato, ma previa autorizzazione del Garante per la protezione dei dati personali

34 - OGNI MEDICO HA BISOGNO, PER ESSERE LEGITTIMATO AD ACQUISIRE E CONSERVARE I SEGRETI DEI SUOI PAZIENTI, DAL CONSENSO DEI PAZIENTI STESSI - IN CONFLITTO TRA LA TUTELA DEL SINGOLO E LINTERESSE DELLA COLLETTIVITA SI IMPONE LA CONSULTAZIONE DEL GARANTE

35 Autorizzazione n. 2/02 del Garante la presente autorizzazione è rilasciata, altresì, per il trattamento dei dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, quando il trattamento sia necessario ai fini dello svolgimento delle investigazioni difensive di cui alla legge 397 del 2000, o comunque per far valere o difendere un diritto anche da parte di un terzo in sede giudiziaria, …la presente autorizzazione è rilasciata, altresì, per il trattamento dei dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, quando il trattamento sia necessario ai fini dello svolgimento delle investigazioni difensive di cui alla legge 397 del 2000, o comunque per far valere o difendere un diritto anche da parte di un terzo in sede giudiziaria, …

36 …nonché in sede amministrativa o nelle procedure di arbitrio e di conciliazione nei casi previsti dalla legge, dalla normativa comunitaria, dai regolamenti e dai contratti collettivi, semprechè il diritto sia di rango pari a quello dellinteressato, ed i dati siano trattati esclusivamente per tali finalità e per il periodo strettamente necessario per il loro perseguimento

37 - Nel codice il soggetto sensibile è il medico, abilitato a trattare i dati sensibili - Emerge un forte interesse per i bisogni e gli interessi della comunità (atti giudiziari, separazioni e affidamento dei figli)

38 3. Privacy - Consenso, segreto, riservatezza e deontologia rientrano tra gli elementi essenziali per definire i limiti normativi ed etici entro cui si sviluppa la relazione professionale - Il medico conosce del paziente ciò che non è noto: la sua intimità, il suo modo di essere e di vivere

39 - Se lintervento terapeutico viene svolto da una équipe multiprofessionale, come accade nei servizi territoriali, la circolazione dei dati sanitari è una esigenza operativa - È una trasmissione di segreto professionale e vincola tutti i componenti - Per il personale amministrativo vige il segreto dufficio

40 - I limiti entro i quali i sanitari possono dare informazione sullo stato di salute ai familiari, rivestono un elemento critico di non facile soluzione - Art. 31 del codice di deontologia medica del 1998

41 Art. 31 Codice del 1998 linformazione a terzi e congiunti è ammessa solo con il consenso esplicitamente espresso dal paziente, fatto salvo quanto previsto allart. 9 allorchè sia in grave pericolo la salute o la vita altruilinformazione a terzi e congiunti è ammessa solo con il consenso esplicitamente espresso dal paziente, fatto salvo quanto previsto allart. 9 allorchè sia in grave pericolo la salute o la vita altrui In mancanza di un esplicito consenso sono possibili solo informazioni generiche

42 - Se il sanitario è un dipendente pubblico, assume la veste di Pubblico Ufficiale e, nel caso venga a conoscenza di un reato perseguibile dufficio, è obbligato al RAPPORTO allA.G. - Tale obbligo, secondo delle recenti sentenze, scatterebbe anche per il libero professionista, in quanto esercente una professione sanitaria

43 Esimenti dallobbligo del referto - Per lassistito, leventualità di incorrere in procedimento penale, sulla base della segnalazione del sanitario - necessità di salvare se medesimo o un prossimo congiunto da un grave ed inevitabile nocumento nella libertà e nellonore - art. 384 CP

44 - Cosa fare in caso di intenzioni aggressive ed omicide di un paziente? - Non sono in gioco fatti, ma solo intenzioni - Il sanitario incorrerebbe nella violazione del segreto professionale, punibile a querela di parte

45 - Negli USA si è passati dal DUTY TO WARN (alla polizia) al DUTY TO PROTECT, avvertendo la persona interessata dei pericoli che corre - Anche a costo di interrompere o vanificare la terapia - Il terapeuta è un controllore sociale?

46 4. Riservatezza - Le esigenze della riservatezza sono emerse con lincremento delle banche dati (libretto sanitario, tessera sanitaria, scheda sanitaria, card sanitaria, …) - Sono permessi solo per fini statistici, epidemiologici, di prevenzione, protezione e sicurezza sanitaria - Dal rapporto medico-paziente si è passati al rapporto paziente-S.S.N.

47 - La sorveglianza sul rispetto delle norme della riservatezza spetta a: - Ordini professionali - Magistratura penale - Autorità per la tutela dei dati personali

48 - In ambito penale il delitto (art. 622) è perseguibile a querela della persona offesa, che ha lonere di provare non solo lintenzione alla rivelazione del segreto, ma anche il nocumento che ne è derivato o che ne possa derivare - È un delitto contro la persona e linviolabilità dei segreti - La condanna comporta linterdizione dalla professione e la decadenza dellabilitazione professionale

49 - Se il sanitario è pubblico ufficiale ricorre anche il reato di rivelazione di segreti dufficio, con pene più severe - I codici professionali condannano il delitto anche senza il nocumento ingiusto per il paziente; se poi cè nocumento o profitto, proprio o altrui, questo rappresenta una aggravante

50 - Sanzioni dellordine professionale: - A. avvertimento – diffidare dal ricadere - B. censura – biasimo per la mancanza commessa - C. radiazione dallalbo

51 - Per quanto riguarda i minori il sanitario non è tenuto a rivelare ai genitori i segreti del figlio e non dovrà parlare se non lo ritiene opportuno - Anche in caso della IVG (legge 194/78) di una minore il sanitario deve mantenere il segreto nei confronti dei genitori

52 Il titolare del trattamento dei dati sanitari è tenuto agli adempimenti: 1. Informativa 2. Consenso 3. Autorizzazione 4. Notificazione 5. Adozione delle misure di sicurezza

53 Misure aggiuntive di sicurezza 1. Ordine di chiamata senza identificare il nome 2. Distanze di cortesia 3. Parlare solo in ambienti chiusi 4. Operare solo in ambito chiuso 5. Minime comunicazioni telefoniche 6. Accoglienza e dimissione protetta

54 Conclusioni - levoluzione della normativa è caratterizzata da una progressiva complicazione degli aspetti formali del segreto - Al sanitario sono delegate attività di valutazione giuridica, deontologica ed etica a tutela del segreto - Questo può compromettere la relazione terapeutica e la funzione della cura

55 GRAZIE PER LA VOSTRA ATTENZIONE Dr. Marco Cannavicci


Scaricare ppt "La tutela della privacy Dr. Marco Cannavicci Psichiatra – criminologo."

Presentazioni simili


Annunci Google