La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

APPARATO OSTEO-TENDINEO FRATTURE, DISTORSIONI, LUSSAZIONI, AMPUTAZIONI TRAUMA CRANICO, TRAUMA COLONNA VERTEBRALE Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "APPARATO OSTEO-TENDINEO FRATTURE, DISTORSIONI, LUSSAZIONI, AMPUTAZIONI TRAUMA CRANICO, TRAUMA COLONNA VERTEBRALE Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI."— Transcript della presentazione:

1 APPARATO OSTEO-TENDINEO FRATTURE, DISTORSIONI, LUSSAZIONI, AMPUTAZIONI TRAUMA CRANICO, TRAUMA COLONNA VERTEBRALE Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI (CRI Valdagno)

2 OBIETTIVI SAPERE: - Cenni sullapparato osteo-tendineo - Traumi a carico dellapparato osteo-tendineo: distorsioni, lussazioni, fratture, amputazioni - Trauma cranico e Trauma della colonna vertebrale SAPER FARE: - Come comportarsi di fronte a questi traumi SAPER ESSERE: - Sapere essere bravi soccorritori: come aiutare linfortunato

3 APPARATO OSTEO-TENDINEO

4 osteo sistema scheletrico, le ossa tendineo congiunzioni tra le ossa ed i muscoli, i tendini Garantisce allorganismo: sostegno: le ossa danno forma al corpo e gli consentono di mantenere la posizione eretta movimento: ossa, articolazioni e muscoli fanno muovere il corpo protezione: alcune ossa (cranio, rachide, coste e bacino) proteggono organi interni e tessuti

5 APPARATO OSTEO-TENDINEO OSSA Lapparato scheletrico è composto da 208 ossa collegate tra loro dalle articolazioni. Le ossa si distinguono in base alla forma in: ossa lunghe come femore, tibia e omero ossa piatte: come la scapola, il bacino o le ossa craniche ossa brevi: come le vertebre e le falangi

6 APPARATO OSTEO-TENDINEO ARTICOLAZIONI Le ossa si uniscono tra loro mediante le articolazioni: immobili o fisse non permettono alcun movimento (suture craniche) semimobili permettono movimenti modesti (intervertebrali) mobili permettono ampi movimenti (gomito, spalla, ginocchio)

7 APPARATO OSTEO-TENDINEO OSSA, TENDINI, ARTICOLAZIONI : DOMANDE???

8 APPARATO OSTEO-TENDINEO LESIONI Le principali lesioni dellapparato locomotore sono: Fratture Distorsioni Lussazioni A carico dellapparato locomotore, ma anche di altre porzioni del nostro organismo possono esserci anche altre lesioni: Amputazioni

9 APPARATO OSTEO-TENDINEO FRATTURE (1) Rottura di un osso in due o più parti dette monconi conseguenza frequente di un evento traumatico di tipo diretto o indiretto. Esistono anche fratture spontanee causate dalla fragilità delle ossa (decalcificazione)

10 APPARATO OSTEO-TENDINEO FRATTURE (2) fratture chiuse: il tessuto muscolare e la pelle vicino alla frattura sono integri. fratture esposte (aperte): quando i monconi dellosso fratturato fuoriescono allesterno, lacerando i tessuti, i tendini, etc.

11 APPARATO OSTEO-TENDINEO FRATTURE (3) fratture composte (senza spostamento): quando i monconi dellosso rimangono allineati, in asse, accostati fratture scomposte (con spostamento): quando i monconi si spostano tra loro, uscendo dallallineamento (larto può apparire deformato/accorciato)

12 APPARATO OSTEO-TENDINEO FRATTURE : SAPERLE RICONOSCERE (1) SOSPETTEREMO una frattura quando linfortunato: prova un dolore violento ben localizzato (accresciuto dal contatto o da ogni movimento) è incapace di muovere la parte lesa non carica il peso del corpo sulla parte lesa presenta tumefazioni e poi ecchimosi sulla parte

13 APPARATO OSTEO-TENDINEO FRATTURE : SAPERLE RICONOSCERE (2) CAPIREMO CON SICUREZZA che si tratta di una frattura quando: è esposta e vediamo i monconi notiamo una deformazione o un accorciamento dellarto (o una posizione innaturale) possiamo sentire un crepitio provocato dallo sfregamento dei monconi dellosso quando linfortunato si muove

14 APPARATO OSTEO-TENDINEO FRATTURE : SAPER FARE (1) Cosa fare nel primo soccorso di una frattura? lasciamo linfortunato nella posizione antalgica e sconsigliamo movimenti e spostamenti copriamo linfortunato per proteggerlo dal freddo e controlliamo i parametri vitali immobilizziamo la parte lesa se i soccorsi specializzati tardano ad arrivare o se è necessario spostare urgentemente linfortunato (le fratture non sono casi urgenti)

15 APPARATO OSTEO-TENDINEO FRATTURE : SAPER FARE (2) Nel caso di frattura esposta: controlliamo leventuale emorragia con un tampone, senza muovere i monconi (comprimiamo a distanza) proteggiamo i monconi ed evitiamo che eventuali stecche di fortuna possano premervi sopra (usiamo anelli di stoffa o garza, bicchierini, protezioni) NON disinfettiamo NON spostiamo NON tocchiamo i monconi

16 APPARATO OSTEO-TENDINEO FRATTURE : SAPER FARE (3) Per immobilizzare un arto bisogna immobilizzare larticolazione a monte e quella a valle del punto di frattura: se si immobilizza solo unarticolazione si consente ancora il movimento dei monconi ossei. Nellimmobilizzazione di una frattura NON esposta con mezzi di fortuna possiamo usare: listelli di legno, bastoni, cartoni… cotone, indumenti, muschio e fogliame… strisce o triangoli di stoffa, cravatte…

17 APPARATO OSTEO-TENDINEO FRATTURE : DOMANDE???

18 APPARATO OSTEO-TENDINEO DISTORSIONE Violento spostamento di un capo articolare che esce dalla sua sede per rientrarvi subito e spontaneamente. I legamenti possono venire stirati o rotti.

19 APPARATO OSTEO-TENDINEO DISTORSIONE : SAPER FARE Sono segni e sintomi di una distorsione: gonfiore e dolore Cosa fare in caso di distorsione? applichiamo ghiaccio o facciamo impacchi freddi immobilizziamo larticolazione così come si trova (posizione antalgica) stringendo per limitare il gonfiore ma senza ostacolare la circolazione rivogliamoci ad un medico o chiediamo laiuto del 118

20 APPARATO OSTEO-TENDINEO LUSSAZIONE E la fuoriuscita di un capo articolare dalla sua sede naturale, senza il suo rientro in loco.

21 APPARATO OSTEO-TENDINEO LUSSAZIONE : SAPER FARE (1) Sono segni e sintomi di una lussazioni: deformità dellarticolazione, gonfiore e dolore, formicolii, impossibilità nel compiere il movimento articolare Cosa fare in caso di distorsione? applichiamo ghiaccio o facciamo impacchi freddi blocchiamo larticolazione in posizione antalgica stringendo per limitare il gonfiore ma senza ostacolare la circolazione rivogliamoci ad un medico o chiediamo laiuto del 118

22 APPARATO OSTEO-TENDINEO AMPUTAZIONI Lamputazione è il distacco di una parte del corpo o tessuto da seguito di un trauma o di un intervento chirurgico. Spesso la parte amputata può essere reimpiantata e riprendere la sua funzionalità.

23 APPARATO OSTEO-TENDINEO AMPUTAZIONI: SAPER FARE (1) Il primo compito del soccorritore è quello di controllare lemorragia. Il moncone amputato può essere riattaccato: andrà raccolto e messo in un sacchetto di plastica (magari avvolto da un telino sterile) che sarà, a sua volta messo in un contenitore che ne consenta il raffreddamento. NON laviamo e NON disinfettiamo la parte amputata NON mettiamo la parte amputata a contatto con il ghiaccio

24 APPARATO OSTEO-TENDINEO DISTORSIONI, LUSSAIZONI, AMPUTAZIONI : DOMANDE???

25 APPARATO OSTEO-TENDINEO TRAUMA CRANICO (1) Il cranio ha lo scopo di contenere e offrire protezione all'encefalo ed agli apparati di senso. Anatomicamente è costituito da: scatola cranica massiccio frontale Il trauma cranico indica qualsiasi lesione ai danni del cranio che può far supporre dei danni anche allencefalo.

26 APPARATO OSTEO-TENDINEO TRAUMA CRANICO (2) Frattura delle ossa facciali: il maggiore rischio per linfortunato è il soffocamento per ostruzione delle vie aeree. Potremo notare: deformazioni, tumefazione, ematomi attorno agli occhi. Fratture alla base cranica: potremmo vedere perdite di sangue o liquido dalle orecchie o dal naso o ematomi attorno agli occhi e sotto le orecchie.

27 APPARATO OSTEO-TENDINEO TRAUMA CRANICO (3) Fratture della scatola cranica: ci può essere una frattura esposta ed evidente, una deformazione del cranio o nessun segno. Lesioni allencefalo: dovute allo scuotimento dellencefalo allinterno della scatola cranica o alla penetrazione di frammenti dosso o corpi estranei nella scatola cranica.

28 APPARATO OSTEO-TENDINEO TRAUMA CRANICO: SAPERE I segni e sintomi possono essere: sonnolenza, sopore, stato confusionale mal di testa in costante aumento vomito a getto (senza nausea o conati) polso lento deformazioni o traumi evidenti al capo ematomi attorno agli occhi o sotto le orecchie otorragia/rinorragia pupille dilatate, contratte o asimmetriche disturbi alla vista, allequilibrio o altre disfunzioni convulsioni

29 APPARATO OSTEO-TENDINEO TRAUMA CRANICO: SAPER FARE Controlliamo lo stato di coscienza dellinfortunato e le sue funzioni vitali. Cerchiamo di ricostruire la dinamica dellevento traumatico. Chiamiamo il 118 NON muoviamo linfortunato (potrebbe avere anche un trauma vertebrale) NON utilizziamo la posizione antishock (aumenterebbe la pressione del sangue nel cranio)

30 APPARATO OSTEO-TENDINEO TRAUMA CRANICO : DOMANDE???

31 APPARATO OSTEO-TENDINEO TRAUMA VERTEBRALE (1) La colonna vertebrale è formata da 33/34 vertebre, ossa brevi nel cui foro (canale vertebrale) passa il midollo spinale, che contiene le fibre nervose che trasmetto gli stimoli da e verso lencefalo. Dai lati delle vertebre fuoriescono 33 paia di nervi (nervi spinali) diretti alle varie parti del corpo.

32 APPARATO OSTEO-TENDINEO TRAUMA VERTEBRALE (2) Le cause principali di fratture vertebrali sono: traumi diretti alla schiena traumi indiretti sulla testa, natiche e talloni I traumi spinali possono provocare fratture o lussazioni alla colonna vertebrale.

33 APPARATO OSTEO-TENDINEO TRAUMA VERTEBRALE (3) Lesioni vertebrali senza lesioni midollari: le vie nervose sono integre e linfortunato conserva la motilità e la sensibilità, ma qualsiasi movimento potrebbe provocare lo spostamento delle parti lese danneggiando il midollo. Lesioni vertebrali con lesioni midollari: le vie nervose sono danneggiate e linfortunato può avere paralisi e/o insensibilità nella parte del corpo innervata dalle fibre lese, qualsiasi movimento potrebbe aggravare tali lesioni.

34 APPARATO OSTEO-TENDINEO TRAUMA VERTEBRALE: SAPERE Valutiamo la dinamica dellincidente e la posizione e le condizioni dellinfortunato linfortunato cosciente potrebbe affermare di avere una parte del corpo insensibile, bruciante, paralizzata, lamentare dolore alla schiena o al collo oppure perdere involontariamente urina e/o feci SE NON ABBIAMO ELEMENTI PER ESCLUDERE UNA EVENTUALE FRATTURA VERTEBRALE COMPORTIAMOCI COME SE CI FOSSE VERAMENTE!

35 APPARATO OSTEO-TENDINEO TRAUMA VERTEBRALE: SAPER FARE (1) NON MUOVIAMO LINFORTUNATO (evitiamo che altre persone tocchino o muovano linfortunato) chiamiamo il 118 e ATTENDIAMO I SOCCORSI QUALIFICATI Controlliamo lo stato di coscienza dellinfortunato e le sue funzioni vitali e copriamolo. Spostiamo linfortunato solo nei casi che ci sia un imminente pericolo di vita: si invoca lo stato di necessità.

36 APPARATO OSTEO-TENDINEO TRAUMA VERTEBRALE: SAPER FARE (2) Se dobbiamo muovere o agire sullinfortunato ricordiamo: manteniamo in ASSE colonna vertebrale, collo e testa NON iperestendiamo il capo, lasciamo in posizione neutra

37 APPARATO OSTEO-TENDINEO TRAUMA VERTEBRALE : DOMANDE???

38 APPARATO OSTEO-TENDINEO RIASSUMENDO (1) LAPPARATO OSTEO-TENDINEO è composto da ossa e tendini che garantiscono: sostegno, movimento, protezione Le ossa possono essere lunghe, piatte, brevi e si uniscono mediante le articolazioni: fisse, semimobili, mobili. Le principali lesioni dellapparato locomotore sono: fratture distorsioni lussazioni amputazioni traumi cranici e della colonna vertebrale

39 APPARATO OSTEO-TENDINEO RIASSUMENDO (2) Le FRATTURE si dividono in: fratture chiuse fratture esposte (aperte) frattura composta (senza spostamento) frattura scomposta (con spostamento) Linfortunato prova dolore violento, è incapace di muovere la parte e può presentare tumefazione ed ecchimosi. Nella frattura esposta vediamo i monconi Notiamo deformazione, posizione innaturale o accorciamento dellatro e sentiamo crepitii se linfortunato muovendosi fa sfregare i monconi ossei.

40 APPARATO OSTEO-TENDINEO RIASSUMENDO (3) Dobbiamo IMMOBILIZZARE LA FRATTURA nellattesa dei soccorsi o per spostare linfortunato. Manteniamo la posizione antalgica e blocchiamo larticolazione a monte e a valle del punto di frattura. Copriamo linfortunato per proteggerlo dal freddo. Nelle fratture esposte proteggiamo i monconi ossei (senza lavarli, toccarli o spostarli) e controlliamo lemorragia con compressione a distanza. Avvertiamo il 118 e aspettiamo i soccorsi

41 APPARATO OSTEO-TENDINEO RIASSUMENDO (4) Le DISTORSIONI sono spostamenti di un capo articolare che esce e torna subito nella sede naturale. Segni e sintomi sono gonfiore e dolore. Applichiamo ghiaccio, immobilizziamo larticolazione in posizione antalgica. Rivolgiamoci ad un medico o al 118 Le LUSSAZIONI sono la fuoriuscita di un capo articolare dalla sua sede senza il ritorno in loco. Segni e sintomi sono deformità dellarticolazione, dolore, impossibilità a compiere il movimento articolare. Applichiamo ghiaccio, immobilizziamo larticolazione in posizione antalgica. Rivolgiamoci ad un medico o al 118.

42 APPARATO OSTEO-TENDINEO RIASSUMENDO (5) LAMPUTAZIONE è il distacco di una parte del corpo o tessuto da seguito di un trauma o di un intervento chirurgico. Controlliamo leventuale emorragia. Raccogliamo e conserviamo il moncone amputato: lo avvolgiamo in un telino sterile, lo inseriamo in un sacchetto che a sua volta sarà messo in un contenitore per il raffreddamento. NON laviamo e NON disinfettiamo la parte amputata NON mettiamo la parte amputata a contatto con il ghiaccio

43 APPARATO OSTEO-TENDINEO RIASSUMENDO (6) Il TRAUMA CRANICO indica qualsiasi lesione ai danni del cranio che può far supporre dei danni anche allencefalo I segni e sintomi possono essere: sonnolenza, sopore, stato confusionale mal di testa in costante aumento vomito a getto (senza nausea o conati) polso lento pupille dilatate, contratte o asimmetriche disturbi alla vista, allequilibrio o altre disfunzioni convulsioni

44 APPARATO OSTEO-TENDINEO RIASSUMENDO (7) Nel TRAUMA CRANICO Controlliamo lo stato di coscienza dellinfortunato e le sue funzioni vitali. Cerchiamo di ricostruire la dinamica dellevento traumatico. Chiamiamo il 118 NON muoviamo linfortunato (potrebbe avere anche un trauma vertebrale) NON utilizziamo la posizione antishock (aumenterebbe la pressione del sangue nel cranio)

45 APPARATO OSTEO-TENDINEO RIASSUMENDO (8) La colonna vertebrale è formata da 33/34 vertebre nel cui canale vertebrale passa il midollo spinale: fibre nervose che trasmettono gli stimoli da e verso lencefalo. I TRAUMI VERTEBRALI diretti o indiretti (su testa, natiche, talloni) possono provocare fratture o lussazioni alla colonna vertebrale, cui possono seguire: Lesioni vertebrali senza lesioni midollari Lesioni vertebrali con lesioni midollari (linfortunato può avere paralisi e/o insensibilità nella parte del corpo innervata dalle fibre lese)

46 APPARATO OSTEO-TENDINEO RIASSUMENDO (9) Nel TRAUMA VERTEBRALE valutiamo la dinamica dellincidente e la posizione e le condizioni dellinfortunato Linfortunato cosciente potrebbe lamentare una parte del corpo insensibile, bruciante, paralizzata, dolore alla schiena o al collo oppure perdere involontariamente urina e/o feci SE NON ABBIAMO ELEMENTI PER ESCLUDERE UNA EVENTUALE FRATTURA VERTEBRALE COMPORTIAMOCI COME SE CI FOSSE VERAMENTE! NON MUOVIAMO LINFORTUNATO Chiamiamo il 118 e ATTENDIAMO I SOCCORSI

47 APPARATO OSTEO-TENDINEO RIASSUMENDO (10) Nel TRAUMA VERTEBRALE spostiamo linfortunato solo nei casi che ci sia un imminente pericolo di vita (stato di necessità) manteniamo in asse la colonna vertebrale, il collo e la testa NON iperestendiamo il capo, lasciamo in posizione neutra

48 APPARATO OSTEO-TENDINEO DOMANDE???

49 APPARATO OSTEO-TENDINEO AMPUTAZIONE GRAZIE PER… LATTENZIONE!

50 Bibliografia ASCOLTA AIUTA AGISCI Manuale per la formazione del Volontario del Soccorso CRI (stampato nel 2008) IL PRIMO SOCCORSO Manuale di primo soccorso, educazione sanitaria, infortunistica e protezione civile (stampato nel 2004)


Scaricare ppt "APPARATO OSTEO-TENDINEO FRATTURE, DISTORSIONI, LUSSAZIONI, AMPUTAZIONI TRAUMA CRANICO, TRAUMA COLONNA VERTEBRALE Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI."

Presentazioni simili


Annunci Google