La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ARTROSI Generalità Con il termine di artrosi si intende unartropatia cronica, a carattere evolutivo, consistente inizialmente in alterazioni regressive.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ARTROSI Generalità Con il termine di artrosi si intende unartropatia cronica, a carattere evolutivo, consistente inizialmente in alterazioni regressive."— Transcript della presentazione:

1 ARTROSI Generalità Con il termine di artrosi si intende unartropatia cronica, a carattere evolutivo, consistente inizialmente in alterazioni regressive della cartilagine articolare e secondariamente in modificazioni delle altre strutture che compongono larticolazione (tessuto osseo, membrana sinoviale, capsula). Clinicamente lartrosi si manifesta con dolore, limitazione funzionale, atteggiamenti viziosi: tutti e tre i sintomi compaiono di norma qualche tempo dopo le iniziali alterazioni anatomo-patologiche della cartilagine. 1. Alterazioni cartilagine 2. Osteofitosi marginale 3. Sclerosi subcondrale 4. Cavità geodiche 5. Restringimento rima articolare

2 -alterazioni cartilaginee: sono distribuite a chiazze sulla cartilagine di rivestimento; consistono in modificazioni del colorito (giallastro), in assottigliamento e fissurazioni; laddove maggiore è il sovraccarico la cartilagine può ulcerarsi mettendo a nudo losso subcondrale; -osteofiti marginali: sono rappresentati da cercini ossei a becco, a rostro, etc., neoformatisi (per ossificazione della cartilagine o delle inserzioni capsulari) in corrispondenza del margine periferico delle superfici articolari; -osteosclerosi subcondrale: consiste in addensamento del tessuto osseo in corrispondenza delle zone di maggiore usura della cartilagine, laddove il carico è più accentuato; queste zone si alternano a zone di rarefazione che confluendo possono dare origine a cavità pseudocistiche; -cavità pseudocistiche o geodi: sono piccole cavità (da un grano di riso a un chicco di uva) presenti nello spessore delle zone osteosclerotiche (quindi nelle zone di maggior carico funzionale), contenenti un liquido mucoide, frammenti cartilaginei, trabecole necrotiche, etc., -alterazioni della membrana sinoviale: iperemia, ipertrofia ed ispessimento dei villi che presentano frange esuberanti, etc., -alterazioni della capsula, consistenti in edema, ispessimento, fibrosclerosi. Tutte le alterazioni descritte, si sviluppano progressivamente in vario grado, a seconda della sede colpita e del tempo decorso dallinizio della malattia. Nelle fasi iniziali si notano solo piccole zone di erosione cartilaginea, ipertrofia e ispessimento dei villi sinoviali e una modestissima osteofitosi; nelle fasi molto avanzate dominano il quadro le osteosclerosi, le cavità geodiche, la grossolana osteofitosi fino alla completa deformazione dei capi articolari (artrosi deformante).

3 PATOGENESI Lartrosi si instaura in una articolazione quando in essa si verifica, per fattori generali o localizzati, uno squilibrio tra resistenza della cartilagine e sollecitazioni funzionali. Fattori generali: età (modificazioni del pH del liquido sinoviale); ereditarietà (documentata predisposizione alle affezioni artro-reumatiche); costellazione ormonica (con particolare riguardo agli estrogeni); obesità (sovraccarico delle articolazioni e accumulo di colesterolo); alterazioni metaboliche (del calcio, etc.); Fattori localizzati. Sono riconducibili a due gruppi fondamentali: -concentrazione o alterata distribuzione delle sollecitazioni meccaniche sulla superficie articolare (ad es. per deviazioni dei normali assi di carico come nel ginocchio valgo, nella sublussazione dellanca, etc.); -alterazioni articolari prodotte da affezioni di natura infiammatoria, traumatica, da necrosi epifisarie, etc.

4 SINTOMATOLOGIA E esclusivamente locale. Di instaurazione subdola e tardiva rispetto allinizio della malattia, evolve in maniera cronica, pur attraverso periodi di attenuazione o remissione. I sintomi fondamentali sono: -il dolore locale presenta un ciclo a tre tempi: è vivo allinizio del movimento (ad es. al mattino), si attenua durante lattività funzionale, si acutizza poi dopo affaticamento (ad es. alla sera); nelle fasi più avanzate si fa ininterrotto, disturbando anche il sonno notturno; -la limitazione funzionale (espressione di ostacoli meccanici e della contrattura muscolare) è costante e relativamente precoce, anche se non interessa ugualmente tutti i piani del movimento articolare; col passare tempo può giungere fino allabolizione completa dellarticolarità. CLASSIFICAZIONE Si distinguono due forme di artrosi: -artrosi primaria: è riferibile solo a fattori generali; -artrosi secondaria: quando è riscontrabile una causa locale.

5

6 ARTROSI DELLANCA O COXARTROSI E molto frequente (1% dei soggetti adulti). Predilige il sesso femminile. Non eccezionalmente è bilaterale. CLASSIFICAZIONE Coxartrosi primaria. E causata da fattori generali. Insorge senza precedenti patologici a carico dellarticolazione. Colpisce in genere soggetti che hanno oltrepassato i 50 anni. Coxartrosi secondaria. Si manifesta precocemente, anche prima dei 40 anni. Insorge generalmente su anche nelle quali precedenti affezioni hanno alterato i rapporti o il trofismo dei capi articolari; ciò può essere riferibile a -sublussazione da displasia congenita dellanca; -osteocondrosi dellanca o malattia di Perthes; -epifisiolisi; -pregresse flogosi; -pregressi traumi, etc.

7

8 ARTROSI DEL GINOCCHIO O GONARTROSI E unaltra frequente localizzazione. Spesso è secondaria (pregressi eventi traumatici o fenomeni infiammatori dellarticolazione). Non di rado è primaria, e solo in secondo tempo – per le alterazioni prodotte dallo stesso processo artrosico - può verificarsi una deviazione in varismo o, più raramente, in valgismo del ginocchio. SINTOMATOLOGIA Dolore locale, possibile atteggiamento del ginocchio in lieve flessione, pastosità ed ipertrofia dei tessuti periarticolari, versamenti endoarticolari recidivanti, ipotrofia quadricipitale, limitazione articolare con sensazione di scrosci endoarticolari, zoppia di fuga. Nelle fasi molto avanzate: ginocchio globoso, dolente, con articolarità ridotta (solo eccezionalmente abolita) e frequente deviazione assiale).

9

10 ARTROSI VERTEBRALE - cervicale - dorsale - lombare SINTOMATOLOGIA Tutte le forme presentano una identica sintomatologia locale: dolore e rigidità articolare, spesso accompagnata da contratture muscolari e riduzione della normale lordosi cervicale o lombare. Esistono però alcuni casi – fortunatamente non molto frequenti – nei quali il restringimento dello spazio intersomatico o losteofitosi marginale danno luogo a complicazioni. COMPLICAZIONI Sindromi midollari (mielopatia da spondilodiscoartrosi): in questa forma (molto rara) gli osteofiti si sviluppano sul bordo posteriore dei corpi vertebrali – generalmente cervicali – comprimendo il sacco meningeo e il midollo spinale (a). Sindromi vascolari (cervicocefalgia da compressione dellarteria vertebrale): i becchi osteofitici, sviluppandosi sui bordi laterali delle ultime vertebre cervicali, possono comprimere o deviare le arterie vertebrali che decorrono nei fori trasversari (b); conseguono disturbi funzionali più o meno accentuati quali algie cervicali e nucali, cefalea, nistagmo, vertigini, etc., (sindrome di Neri-Barrè-Lieu). Sindromi radicolari (cervicobrachialgie e lombosciatalgie) da irritazione o compressione di una radice: gli osteofiti, sviluppandosi in sede postero-laterale, in corrispondenza del foro di coniugazione, possono disturbare la rispettiva radice irritandola o comprimendola (c). Tra le suddette sindromi da artrosi, le più frequenti sono le cervicobrachialgie e le lombosciatalgie. Nella cervicobrachialgia, ai sintomi locali si accompagnano irradiazioni dolorose periferiche lungo larto superiore, turbe della sensibilità, della motricità e dei riflessi osteotendinei, soprattutto nei territori innervati dalle radici C6 e C7, più frequentemente interessate. Nella lombosciatalgia (sindrome molto frequente della cervicobrachialgia) la sintomatologia periferica varia in rapporto alla radice interessata.

11 (a) Compressione del SACCO MENINGEO e del MIDOLLO SPINALE (b) Compressione e deviazione delle ARTERIE VERTEBRALI (c) Irritazione e compressione della RADICE NERVOSA

12 LOMBALGIA Compressione o irritazione dei NERVI dellANELLO FIBROSO Irritazione delle FIBRE dellANELLO FIBROSO Lacerazioni della CAPSULA ARTICOLARE E la sindrome lombare di più frequente osservazione. Colpisce specialmente letà adulta e quelle professioni (es. autisti) che espongono le articolazioni del rachide lombare a maggiore usura. Obiettivamente si riscontra con varia intensità: -Dolore spontaneo, localizzato al rachide lombare, con accentuazione alla pressione locale e ai tentativi di mobilizzazione del tronco; -Contrattura delle masse muscolari paravertebrali, con secondario atteggiamento obbligato del rachide lombare in lieve flessione anteriore o laterale; -Rigidità del tronco, ben evidenziabile nei tentativi di flettere anteriormente il rachide.

13 SQUILIBRI STATICO-DINAMICI (obesità, gravidanza, scoliosi, ecc.)

14 LOMBOSCIATALGIA Sindrome dolorosa che dalla regione lombosacrale si irradia allarto inferiore, nel territorio del nervo sciatico.

15 ARTRITE REUMATOIDE

16

17

18

19

20

21

22

23


Scaricare ppt "ARTROSI Generalità Con il termine di artrosi si intende unartropatia cronica, a carattere evolutivo, consistente inizialmente in alterazioni regressive."

Presentazioni simili


Annunci Google