La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Misure di conservazione e la figura del restauratore Il Capo III del titolo I della parte Seconda del Codice si occupa della protezione e conservazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Misure di conservazione e la figura del restauratore Il Capo III del titolo I della parte Seconda del Codice si occupa della protezione e conservazione."— Transcript della presentazione:

1 Misure di conservazione e la figura del restauratore Il Capo III del titolo I della parte Seconda del Codice si occupa della protezione e conservazione dei beni culturali e suddivide la materia in: misure di protezione (sezione I) misure di conservazione (sezione II) altre forme di protezione (sezioneIII )

2 I precedenti articoli 18 e 19 regolano la vigilanza e il potere di ispezione sui beni culturali. Art. 18 – 1 - La vigilanza sui beni culturali, sulle cose di cui allarticolo 12 comma 1, nonché sulle aree interessate da prescrizioni di tutela indiretta ai sensi dellart. 45 compete al Ministero. 2 – Sulle cose di cui allarticolo 12 comma 1, che appartengano alle regioni e agli altri enti pubblici territoriali il Ministero provvede alla vigilanza anche mediante forme di intesa e di coordinamento con le regioni medesime

3 Art. 19 – 1 - I soprintendenti possono procedere in ogni tempo, con preavviso non inferiore a cinque giorni, fatti salvi i casi di estrema urgenza, ad ispezioni volte ad accertare lesistenza e lo stato di conservazione o di custodia dei beni culturali. 2 – Con le modalità di cui al comma 1 i soprintendenti possono altresì accertare lottemperanza alle prescrizioni di tutela indiretta date ai sensi dellarticolo 45.

4 Il potere ispettivo dei soprintendenti è diretto ad accertare anche lesistenza dei beni culturali al fine di avviare leventuale procedimento di dichiarazione. Il D.Lgs. n. 62/2008 prevede il potere di ispezione dei soprintendenti anche relativamente alle aree sottoposte a prescrizioni di tutela indiretta.

5 La Sezione I allarticolo 20 stabilisce il divieto di distruzione, deterioramento, danneggiamento dei beni culturali, che non possono essere adibiti ad usi non compatibili con il loro carattere storico o artistico. Il secondo comma dellart. 20 dichiara il divieto di smembrare gli archivi pubblici e privati per i quali sia intervenuta la dichiarazione ai sensi dellarticolo 13.

6 Articolo 21 – Interventi soggetti ad autorizzazione Nellarticolo 21 sono individuati gli interventi sui beni culturali soggetti ad autorizzazione. Il primo comma prevede che sono sottoposti ad autorizzazione del Ministero.

7 la rimozione o la demolizione delle cose costituenti beni culturali anche con successiva ricostituzione lo spostamento, anche temporaneo, dei beni culturali ad eccezione di quanto previsto nei commi 2 e 3 lo smembramento di collezioni, serie e raccolte

8 lo scarto dei documenti degli archivi pubblici e degli archivi privati per i quali vi sia stato un provvedimento di interesse, nonché lo scarto di materiale bibliografico delle biblioteche pubbliche e di quelle private per le quali sia intervenuta la dichiarazione di interesse ex art. 13 del Codice Il trasferimento ad altre persone giuridiche di complessi organici di documentazione di archivi pubblici e di archivi di soggetti giuridici privati dichiarati di interesse.

9 Unipotesi particolare è rappresentata dal comma 2 dellarticolo 21 che disciplina il caso di spostamento di beni culturali, che dipenda dal mutamento di dimora o di sede del detentore. In questo caso sussiste lobbligo di denuncia al soprintendente, che entro 30 giorni dal suo ricevimento ha la facoltà di prescrivere le misure necessarie a far sì che i beni non subiscano danni durante il trasporto.

10 Il comma 3 esenta le autorità da ogni autorizzazione per lo spostamento degli archivi correnti dello Stato e degli enti pubblici, cè tuttavia lobbligo di darne comunicazione al Ministero Il comma 4 prevede che lesecuzione di opere e lavori di qualunque genere su beni culturali è subordinata ad autorizzazione del soprintendente. Anche il cambio di destinazione duso deve essere comunicato al soprintendente che deve controllare la compatibilità della nuova destinazione con il carattere storico e artistico del bene

11 Lautorizzazione è rilasciata dal soprintendente su progetto, oppure se sufficiente su descrizione tecnica dellintervento e può contenere prescrizioni. Se i lavori non iniziano entro cinque anni dal rilascio dellautorizzazione il soprintendente può dettare prescrizioni, oppure integrare o variare quelle già date in relazione al mutare delle tecniche di conservazione.

12 Articolo 22 – procedimento di autorizzazione per interventi di edilizia Lautorizzazione in materia di edilizia privata e pubblica è rilasciata entro il termine di 120 giorni dalla ricezione della richiesta da parte della Soprintendenza. Qualora la Soprintendenza richieda chiarimenti o elementi integrativi di giudizio il termine rimane sospeso fino al ricevimento della documentazione richiesta. Nel caso in cui la Soprintendenza proceda ad accertamenti di natura tecnica, con preventiva comunicazione al richiedente, il termine rimane sospeso fino allacquisizione dei risultati degli accertamenti dufficio ed in ogni caso per non più di trenta giorni.

13 La norma prima della riforma del 2006 individuava una forma di silenzio assenso limitatamente agli interventi in materia di edilizia pubblica o privata. Il meccanismo del silenzio-assenso scattava quando decorso inutilmente il termine, linteressato poteva diffidare lamministrazione a provvedere. Nel caso in cui lamministrazione non avesse provveduto entro trenta giorni dal ricevimento della diffida, la richiesta di autorizzazione si intendeva accolta. Con la riforma del 2006 è stato eliminato il meccanismo del silenzio-assenso, poiché il silenzio- assenso non si applica agli atti e ai procedimenti riguardanti il patrimonio culturale e paesaggistico.

14 Il comma 4 dellart. 22 prevede che nellipotesi di decorrenza inutile del termine il richiedente può intimare lAmministrazione a provvedere. Nel caso che lAmministrazione stessa non provveda entro 30 giorni, allora si potrà ricorrere al giudice amministrativo ai sensi della legge n del 6 dicembre Il giudice – se ritiene fondato il ricorso – ordina allamministrazione di provvedere, in caso di perdurante inadempimento si dovrà procedere alla nomina di un commissario che si sostituirà allamministrazione.

15 Art. 23 Procedure edilizie semplificate Qualora che gli interventi autorizzati necessitino anche di titoli abitativi in materia edilizia, è possibile il ricorso nei casi previsti dalla legge alla denuncia di inizio attività (DIA). In questo caso linteressato allatto della presentazione della DIA trasmette al Comune lautorizzazione conseguita dalla Soprintendenza, corredata del relativo progetto.

16 Art. 24 Interventi su beni pubblici Per gli interventi su beni culturali pubblici da eseguirsi da parte dello Stato, regioni ed altri enti pubblici territoriali o altro ente o istituto pubblico è prevista la possibilità per il Ministero di procedere mediante accordi ed intese in tema di approvazioni di progetti e di autorizzazioni.

17 Art. 25 Conferenza di servizi La norma disciplina lipotesi che si ricorra alla conferenza di servizi nellambito di procedimenti relativi ad opere o lavori incidenti su beni culturali. La conferenza di servizi è un modulo procedimentale con cui si ottiene il coordinamento e la contestuale valutazione di tutti gli interessi pubblici coinvolti in un determinato procedimento, attraverso la trattazione contemporanea di uno stesso affare da parte di una pluralità di soggetti pubblici.

18 La conferenza di servizi è diventata un sistema di semplificazione del procedimento. Si ricorre alla conferenza quando lopportunità richiede un esame contestuale dei vari interessi coinvolti nel singolo procedimento e una maggiore snellezza dellattività amministrativa. Lart. 25 del Codice non si riferisce soltanto a procedimenti limitati alle opere pubbliche, ma ad ogni intervento su beni culturali pubblici o privati. Quando ai fini della realizzazione di un intervento sia necessario acquisire atti di assenso di altre amministrazioni, il Comune convoca una conferenza di servizi cui partecipano tutte le amministrazioni interessate compresa quella dei beni culturali, che in tale sede esprime il proprio assenso motivato, che viene acquisito al verbale della conferenza e contiene eventuali prescrizioni impartite per la realizzazione del progetto.

19 Nel caso che unamministrazione esprima il proprio motivato dissenso, lamministrazione procedente dovrà rivolgersi allorgano collegiale di governo competente, che nel caso del Mibac è il Consiglio dei Ministri.

20 Art. 26 Valutazione di impatto ambientale Per i progetti di opere da sottoporre a valutazione di impatto ambientale, lautorizzazione prevista dallarticolo 21 è espressa dal Ministero in sede di concerto per la pronuncia sulla compatibilità ambientale, sulla base del progetto definitivo da presentarsi ai fini della valutazione medesima.

21 Qualora dallesame del progetto effettuato a norma del comma precedente risulti che lopera non è in alcun modo compatibile con le esigenze di protezione dei beni culturali, il Ministero si pronuncia negativamente dandone comunicazione al Ministero dellambiente e della tutela del territorio e del mare. In tal caso la procedura di valutazione di impatto ambientale si considera conclusa negativamente. Lultimo comma dellart. 26 prevede che se nel corso dei lavori si dovessero verificare comportamenti contrastanti con lautorizzazione tali da porre in pericolo lintegrità dei beni culturali tutelati, il soprintendente ordina la sospensione dei lavori.

22 Art. 27 Situazioni di urgenza In casi di assoluta urgenza è possibile effettuare interventi provvisori indispensabili al fine di evitare dei danni ai beni tutelati. Di tali interventi deve essere data immediata comunicazione alla Soprintendenza e dovrà seguire il tempestivo invio dei progetti definitivi per la necessaria autorizzazione.

23 Art. 28 Misure cautelari e preventive Il primo comma individua quali siano gli interventi iniziati che possono essere sospesi dal soprintendente: gli interventi eseguiti senza la necessaria autorizzazione gli interventi eseguiti in violazione di quanto previsto in sede di procedimento di conferenza di servizi gli interventi eseguiti in violazione del procedimento di valutazione di impatto ambientale gli interventi eseguiti contrariamente ai presupposti individuati ai sensi dellart. 27 cioè relativo agli interventi provvisori.

24 Al comma 2 è previsto che spetta al soprintendente anche di sospendere i lavori in cose per le quali non siano intervenute la verifica di cui allarticolo 12 e la dichiarazione dellinteresse allart. 13. Lordine si intende revocato qualora entro trenta giorni dalla ricezione del medesimo non sia comunicato a cura del soprintendente lavvio del procedimento di verifica e di dichiarazione.

25 Il comma 4 prevede che in caso di realizzazione di lavori pubblici ricadenti in aree di interesse archeologico, anche quando per esse non siano intervenute la verifica o la dichiarazione dellinteresse, il soprintendente può richiedere lesecuzione di saggi archeologici preventivi sulle aree medesime a spese del committente. Tale disposizione ha lo scopo i ridurre il rischio che rinvenimenti archeologici possano rendere necessarie modifiche significative ai lavori in atto.

26 Sezione II Misure di conservazione Art. 29 Conservazione La conservazione del patrimonio culturale viene assicurata mediante una coerente, coordinata e programmata attività di studio, prevenzione, manutenzione e restauro

27 Prevenzione – si intende il complesso delle attività idonee a limitare le situazioni di rischio connesse al bene culturale nel suo contesto Manutenzione – si intende il complesso delle attività e degli interventi destinati al controllo delle condizioni del bene culturale ed al mantenimento dellintegrità, dellefficienza funzionale e dellidentità del bene e delle sue parti Restauro – si intende lintervento diretto sul bene attraverso un complesso di operazioni finalizzate allintegrità materiale ed al recupero del bene medesimo, alla protezione ed alla trasmissione dei suoi valori culturali.

28 Nel caso di beni immobili ricadenti in zone di rischio sismico, il restauro comprende lintervento di miglioramento strutturale. Il comma 5 prevede che il Mibac con il concorso delle regioni, le università e gli istituti di ricerca predispongano linee di indirizzo, norme tecniche, criteri e modelli di intervento in materia di conservazione dei beni culturali.

29 Gli interventi di manutenzione e restauro su beni culturali mobili e superfici decorate di beni architettonici devono essere eseguite in via esclusiva da restauratori di beni culturali ai sensi della normativa in materia. I profili di competenza dei restauratori e degli altri operatori che svolgono attività di conservazione dei beni culturali mobili e delle superfici decorate di beni architettonici sono definiti con decreto del Ministro.

30 Linsegnamento del restauro è impartito dalle scuole di alta formazione, nonché dai centri istituiti in seguito ad accordi tra il Ministero, le regioni e con il concorso delle università o di altri soggetti pubblici e privati, oppure dagli altri soggetti pubblici e privati accreditati presso lo Stato.

31 Devono essere individuati con decreto del Ministro di concerto con il Ministro delluniversità e della ricerca le modalità di accreditamento delle scuole, i requisiti minimi organizzativi e di funzionamento, le modalità della vigilanza sullo svolgimento delle attività didattiche e dellesame finale avente valore di esame di Stato cui partecipa almeno un rappresentante del Ministero, il titolo accademico rilasciato a seguito del superamento di detto esame che è equiparato al diploma di laurea specialistica o magistrale.

32 Il controllo avviene anche sulle caratteristiche del corpo docente. Il procedimento di accreditamento si conclude con il provvedimento adottato entro 90 giorni dalla domanda corredata dalla prescritta documentazione.

33 Lart. 182 del Codice stabilisce che acquisisce la qualifica di restauratore di beni culturali: colui che consegua un diploma presso una scuola di restauro statale purché risulti iscritto ai relativi corsi prima della data 1 maggio 2004

34 - colui che alla data di entrata in vigore del decreto n. 420/2001 abbia conseguito un diploma presso una scuola di restauro statale o regionale di durata non inferiore a due anni ed abbia svolto per un periodo almeno doppio rispetto a quello scolare mancante per raggiungere un quadriennio e comunque non inferiore a due anni attività di restauro dei beni culturali direttamente e in proprio, ovvero direttamente e in rapporto di lavoro dipendente o di collaborazione coordinata e continuativa con responsabilità diretta nella gestione tecnica dellintervento con regolare esecuzione certificata dallautorità preposta alla tutela dei beni culturali

35 - colui che alla data di entrata in vigore del decreto n. 420/2001 abbia svolto per un periodo di almeno otto anni attività di restauro di beni culturali direttamente e in proprio, ovvero direttamente e in rapporto di lavoro dipendente o di collaborazione coordinata e continuativa con responsabilità diretta nella gestione tecnica dellintervento con regolare esecuzione certificata dallautorità preposta alla tutela dei beni culturali.

36 Può altresì acquisire la qualifica di restauratore di beni culturali previo superamento di una prova di idoneità con valore di esame di stato abilitante secondo modalità da stabilirsi con decreto del Ministro da emanarsi entro il 30 ottobre 2006:

37 - colui che alla data di entrata in vigore del decreto n. 420/2001 abbia svolto per un periodo almeno pari a quattro anni attività di restauro dei beni culturali direttamente e in proprio, oppure direttamente e in rapporto di lavoro dipendente o di collaborazione coordinata e continuativa con responsabilità diretta nella gestione tecnica dellintervento con regolare esecuzione certificata dellautorità preposta alla tutela dei beni

38 - colui che abbia conseguito o consegua un diploma in restauro presso le accademie di belle arti con insegnamento almeno triennale, purché risulti iscritto ai relativi corsi prima della data del 1 maggio colui che abbia conseguito o consegua un diploma presso una scuola di restauro statale o regionale di durata non inferiore a due anni, purché risulti iscritto ai relativi corsi prima della data del 1 maggio 2004

39 - colui che consegua un diploma di laurea specialistica in conservazione e restauro del patrimonio storico-artistico purché risulti iscritto ai relativi corsi prima della data 1 maggio 2004.

40 - Colui che abbia acquisito la qualifica di collaboratore restauratore ed abbia svolto alla data del 30 giugno 2007 per un periodo pari almeno a tre anni di attività direttamente e in proprio, oppure direttamente e in rapporto di lavoro dipendente con responsabilità diretta nella gestione tecnica dellintervento, con regolare esecuzione certificata dellautorità preposta alla tutela dei beni.

41 La qualifica di restauratore viene attribuita previa verifica del possesso dei requisiti ovvero previo superamento della prova di idoneità con provvedimenti del Ministero che danno luogo allinserimento in un apposito elenco reso accessibile a tutti gli interessati.

42 Acquisisce la qualifica di collaboratore restauratore: colui che abbia conseguito un diploma di laurea universitaria triennale in tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali, ovvero un diploma in restauro presso le accademie di belle arti con insegnamento almeno triennale

43 colui che abbia conseguito un diploma presso una scuola di restauro statale o regionale di durata non inferiore a tre anni colui che alla data del 1 maggio 2004 abbia svolto lavori di restauro anche in proprio per non meno di quattro anni. Lattività svolta è dimostrata mediante dichiarazione del datore di lavoro oppure su autocertificazione

44 il candidato che essendo stato ammesso a sostenere la prova di idoneità, ed non essendo poi risultato idoneo ad acquisire la qualifica di restauratore di beni culturali venga nella stessa sede giudicato idoneo ad acquisire la qualifica di collaboratore restauratore

45 Art. 30 Obblighi conservativi Lart. 30 del Codice fa riferimento agli obblighi conservativi in via generale. La norma introduce una distinzione tra soggetti tenuti alla conservazione dei beni. In particolare è disposto: per lo Stato, le regioni, gli altri enti pubblici territoriali ed ogni altro ente ed istituto pubblico lobbligo di garantire la sicurezza e la conservazione dei beni culturali di loro appartenenza

46 per gli enti sopra citati e le persone giuridiche private senza fini di lucro ivi compresi gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti, il soprintendente indica il modo in cui devono essere fissati i beni culturali di loro appartenenza ad eccezione degli archivi correnti

47 i privati proprietari, possessori o detentori di beni culturali lobbligo di garantirne la conservazione per lo Stato, le regioni, gli altri enti pubblici territoriali ed ogni altro ente ed istituto pubblico lobbligo di conservare i propri archivi nella loro organicità e di riordinarli. Gli stessi soggetti hanno anche lobbligo di inventariare i propri archivi storici, costituiti dai documenti relativi agli affari esauriti da oltre quaranta anni

48 per i proprietari, possessori o detentori, a qualsiasi titolo, di archivi privati lobbligo analogo fissato per i soggetti pubblici nel caso in cui sia intervenuta la dichiarazione di interesse ex art. 13 del codice. Copia degli inventari e dei relativi aggiornamenti viene inviata alla Soprintendenza e al ministro dellinterno per gli accertamenti in merito alleventuale esistenza di atti non liberamente consultabili, che riguardano i documenti riservati relativi alla politica interna ed estera dello Stato.

49 Art. 31 Interventi conservativi volontari Il restauro e gli altri interventi conservativi su beni culturali ad iniziativa del proprietario, possessore o detentore a qualsiasi titolo sono autorizzati ai sensi dellart. 21. In sede di autorizzazione il soprintendente si pronuncia a richiesta dellinteressato sullammissibilità dellintervento ai contributi statali previsti dagli articoli 35 e 37 e certifica eventualmente il carattere necessario dellintervento stesso ai fini della concessione delle agevolazioni tributarie previste dalla legge.

50 Art. 32 Interventi conservativi imposti Il Ministero può imporre al proprietario, possessore o detentore a qualsiasi titolo gli interventi necessari per assicurare la conservazione dei beni culturali, ovvero provvedervi direttamente.

51 Art. 33 Procedura di esecuzione degli interventi conservativi imposti Il soprintendente redige una relazione tecnica e dichiara la necessità degli interventi da eseguire. La relazione tecnica è inviata insieme con la comunicazione di avvio del procedimento al proprietario possessore o detentore del bene, che può far pervenire entro trenta giorni dal ricevimento degli atti le sue osservazioni.

52 Il soprintendente – se non ritiene necessaria lesecuzione diretta degli interventi – assegna al proprietario, possessore o detentore un termine per la presentazione del progetto esecutivo delle opere da effettuarsi, conformemente alla relazione tecnica. Il progetto presentato è approvato dal soprintendente con le eventuali prescrizioni e con la fissazione del termine per linizio dei lavori. Per i beni immobili il progetto presentato è trasmesso dalla Soprintendenza al comune e alla città metropolitana, che possono esprimere parere motivato entro trenta giorni dalla ricezione della comunicazione.

53 Se il proprietario, possessore o detentore del bene non adempie allobbligo di presentazione del progetto o non provvede a modificarlo secondo le indicazioni del soprintendente nel termine da esso fissato, ovvero se il progetto è respinto, si procede con lesecuzione diretta. Il caso di urgenza il soprintendente può adottare immediatamente le misure conservative necessarie.

54 Art. 34 Oneri per gli interventi conservativi imposti Gli oneri sono a carico del proprietario, possessore o detentore. Tuttavia se gli interventi sono di particolare rilevanza ovvero sono eseguiti su beni in uso o godimento pubblico, il Ministero può concorrere in tutto o in parte alla relativa spesa. In tal caso determina lammontare dellonere che intende sostenere e ne dà comunicazione allinteressato. Per le spese degli interventi sostenute direttamente il Ministero determina la somma da porre a carico del proprietario e ne cura il recupero nelle forme previste dalla normativa in materia di riscossione coattiva delle entrate patrimoniali dello Stato

55 Art. 35 Intervento finanziario del Ministero La norma disciplina il sostegno finanziario dello Stato allesecuzione degli interventi conservativi volontari autorizzati ex art. 21 del codice. Il Ministero infatti ha la facoltà di concorrere alla spesa sostenuta dal proprietario per un ammontare non superiore alla metà della stessa. Se gli interventi sono di particolare rilevanza o riguardano beni in uso o godimento pubblico, il Ministero può concorrere alla spesa fino al suo intero ammontare. Tale disposizione si applica anche agli interventi sugli archivi storici.

56 Art. 36 Erogazione del contributo Il contributo è concesso a lavori ultimati e collaudati sulla base della spesa effettivamente sostenuta dal beneficiario. Il Mibac può concedere però acconti in base allo stato di avanzamento dei lavori regolarmente certificati. Il beneficiario è obbligato a restituire gli acconti percepiti nel caso in cui gli interventi non siano stati in tutto o in parte regolarmente eseguiti.

57 Art. 37 Contributo in conto interessi Il Ministero può concedere contributi in conto interesse sui mutui o altre forme di finanziamento accordati da istituti di credito ai proprietari possessori o detentori a qualsiasi titolo di beni culturali per la realizzazione degli interventi conservativi autorizzati. Il contributo è concesso nella misura massima corrispondente agli interessi calcolati ad un tasso annuo di sei punti percentuali sul capitale erogato. Il contributo è corrisposto direttamente dal Ministero allistituto di credito secondo modalità da stabilire con convenzioni. Il contributo in conto interessi può essere concesso anche per interventi conservativi su opere di architettura contemporanea di cui il Ministero abbia riconosciuto – su richiesta del proprietario – il particolare valore artistico ai sensi della legge n. 633 del 1941 sul diritto dautore.

58 Art. 38 Accessibilità al pubblico dei beni culturali oggetto di interventi conservativi Gli immobili che hanno beneficiato dei contributi totali o parziali dello Stato vengono resi accessibili al pubblico sulla base di accordi o convenzioni con i proprietari. In detti accordi verranno fissate di volta in volta le modalità ed i limiti temporali di accesso per il pubblico. Le convenzioni dovranno essere stipulate al momento della concessione del contributo. Le convenzioni sono trasmesse a cura del soprintendente al comune e alla città metropolitana nel cui territorio si trovano gli immobili.

59 Art. 39 Interventi conservativi su beni dello Stato Il Ministero provvede alle esigenze di conservazione dei beni culturali di appartenenza statale, anche se in consegna o in uso ad altre amministrazioni. La progettazione e lesecuzione degli interventi vengono eseguite dalle amministrazioni che hanno in uso i beni, restano di competenza del Ministero il rilascio dellautorizzazione sul progetto e la vigilanza sui lavori. Per lesecuzione degli interventi, il Ministero trasmette il progetto e comunica linizio dei lavori al comune e alla città metropolitana.

60 Art. 40 – Interventi conservativi su beni delle regioni e degli altri enti pubblici territoriali Per i beni culturali appartenenti alle regioni e agli altri enti pubblici territoriali gli interventi conservativi imposti – salvo i casi di assoluta necessità – in base ad accordi con lente interessato. Gli interventi conservativi sui beni culturali che coinvolgono lo Stato, le regioni e gli altri enti pubblici territoriali, nonché altri soggetti pubblici e privati sono ordinariamente oggetto di preventivi accordi programmatici.

61 Art. 41 Obblighi di versamento agli Archivi di Stato dei documenti conservati dalle amministrazioni statali Gli organi giudiziari e amministrativi dello Stato versano allArchivio centrale dello Stato e agli Archivi di Stato i documenti relativi agli affari esauriti da oltre quarantanni unitamente agli strumenti che ne garantiscono la consultazione. Le liste di leva e di estrazione sono versati settantanni dopo lanno di nascita della classe cui si riferiscono.

62 Gli archivi notarili versano gli atti notarili ricevuti dai notai che cessarono lesercizio professionale anteriormente allultimo centennio. Il soprintendente dellarchivio centrale dello Stato e i direttori degli archivi di Stato possono accettare versamenti di documenti più recenti, quando vi sia pericolo di dispersione o di danneggiamento, ovvero siano stati definiti appositi accordi con i responsabili delle amministrazioni versanti. Nessun versamento può essere ricevuto se non sono state effettuate le operazioni di scarto. Le spese per il versamento sono a carico delle amministrazioni versanti.

63 Gli archivi degli uffici statali soppressi e degli enti pubblici estinti sono versati allarchivio centrale dello Stato e agli archivi di Stato, a meno che non si renda necessario il trasferimento in tutto o in parte ad altri enti. Presso gli uffici statali sono istituite commissioni di sorveglianza delle quali fanno parte il soprintendente dellarchivio centrale dello Stato e i direttori degli archivi di Stato quali rappresentanti del Ministero e i rappresentanti del Ministero dellinterno.

64 La Commissione ha il compito di vigilare sulla corretta tenuta degli archivi correnti e di deposito, di collaborare alla definizione dei criteri di organizzazione, gestione e conservazione dei documenti, di proporre gli scarti e di curare i versamenti, di identificare gli atti di natura riservata. Lo scarto deve essere autorizzato dal Ministero.

65 Art. 42 Conservazione degli archivi storici di organi costituzionali La Presidenza della Repubblica conserva i suoi atti presso il proprio archivio storico. Sono stabilite con decreto le modalità di consultazione e di accesso agli atti conservati nellarchivio storico della Presidenza della Repubblica. La Camera dei deputati e il Senato della Repubblica conservano i loro atti presso il proprio archivio storico. La Corte Costituzionale conserva i suoi atti presso il proprio archivio storico, secondo il regolamento adottato dalla Corte medesima.

66 Art. 48 – Autorizzazione per mostre ed esposizioni E soggetto ad autorizzazione il prestito per mostre ed esposizioni di beni mobili dichiarati di interesse culturale ai sensi dellart. 12 e 13 del Codice. Qualora lautorizzazione abbia ad oggetto beni appartenenti allo Stato o sottoposti a tutela statale, la richiesta è presentata al Ministero almeno quattro mesi prima dellinizio della manifestazione. Lautorizzazione è rilasciata tenendo conto delle esigenze di conservazione dei beni e, per quelli appartenenti allo Stato, anche delle esigenze di fruizione pubblica. Il rilascio dellautorizzazione è subordinato allassicurazione delle cose e dei beni da parte del richiedente per il valore indicato nella domanda, previa verifica della sua congruità da parte del Ministero.

67 Per le mostre sul territorio nazionale promosse dal Ministero o con la partecipazione statale da enti o istituti pubblici lassicurazione prevista può essere sostituita dallassunzione dei relativi rischi da parte dello Stato. Il Ministero ha facoltà di dichiarare, a richiesta dellinteressato, il rilevante interesse culturale o scientifico di mostre ed esposizioni e di ogni altra iniziativa a carattere culturale, ai fini dellapplicazione delle agevolazioni previste dalla normativa fiscale.

68 Art. 49 Manifesti a cartelli pubblicitari E vietato collocare o affiggere cartelli o altri mezzi di pubblicità sugli edifici e nei luoghi tutelati come beni culturali. Il collocamento o laffissione possono essere autorizzati dal soprintendente qualora non danneggino laspetto, il decoro o la pubblica fruizione di detti immobili. Il soprintendente – valutata la compatibilità con il carattere artistico o storico dei beni culturali - rilascia o nega il nulla osta o lassenso per lutilizzo a fini pubblicitari delle coperture dei ponteggi per lesecuzione degli interventi di conservazione per un periodo non superiore alla durata dei lavori. A tal fine alla richiesta di nulla osta o di assenso deve esser allegato il contratto di appalto dei lavori medesimi.

69 Art. 50 Distacco di beni culturali E vietato, senza lautorizzazione del soprintendente, disporre ed eseguire il distacco di affreschi, stemmi, graffiti, lapidi, iscrizioni, tabernacoli ed altri elementi decorativi di edifici, esposti o non alla pubblica vista. E vietato, senza lautorizzazione del soprintendente, disporre ed eseguire il distacco di stemmi, graffiti, lapidi, iscrizioni, tabernacoli, nonché la rimozione di cippi e monumenti, costituenti vestigia della prima guerra mondiale.

70 Art. 51 Studi dartista E vietato modificare la destinazione duso degli studi dartista, rimuoverne il contenuto, costituito da opere, documenti, cimeli e simili, qualora esso, considerato nel suo insieme e in relazione al contesto in cui è inserito, sia dichiarato di interesse particolarmente importante per il suo valore storico ai sensi dellart. 13. E altresì vietato modificare la destinazione duso degli studi dartista rispondenti alla tradizionale tipologia a lucernario e adibiti a tale funzione da almeno ventanni. Art. 52 Esercizio del commercio in aree di valore culturale I comuni, sentito il soprintendente, individuano le aree pubbliche aventi valore archeologico, storico, artistico e paesaggistico nelle quali vietare o sottoporre a condizioni particolari lesercizio del commercio.


Scaricare ppt "Misure di conservazione e la figura del restauratore Il Capo III del titolo I della parte Seconda del Codice si occupa della protezione e conservazione."

Presentazioni simili


Annunci Google