La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La responsabilità degli Stati per illecito internazionale Corso di diritto internazionale 2 aprile 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La responsabilità degli Stati per illecito internazionale Corso di diritto internazionale 2 aprile 2008."— Transcript della presentazione:

1 La responsabilità degli Stati per illecito internazionale Corso di diritto internazionale 2 aprile 2008

2 2 Elementi costitutivi dellillecito internazionale - I La codificazione del 2001 da parte della CDI I due elementi costitutivi del fatto illecito: a) la violazione di una norma internazionale vincolante per lo Stato e b) lattribuzione della condotta allo Stato Il fatto illecito (violazione+attribuzione) comporta un nuovo rapporto giuridico, chiamato della responsabilità internazionale

3 3 Elementi costitutivi dellillecito internazionale - II Il danno materiale non è elemento costitutivo della responsabilità La colpa non è elemento costitutivo della responsabilità: dipenderà dal contenuto delle regole primarie e degli obblighi che da esse scaturiscono

4 4 Tipi di violazioni di norme La CDI distingue tre tipi di violazioni di norme secondo una classificazione temporale: 1) Violazioni determinate da un comportamento definito nel tempo, ma i cui effetti possono perdurare (es. esproprio illegittimo) 2) Violazioni continuative (es. detenzione di ostaggi) 3) Violazioni costituite da una pluralità di atti (es. Metaclad)

5 5 Attribuzione del comportamento illecito - I 1) il comportamento illecito è posto in essere da un organo dello Stato (art. 4 CDI) 2) Il comportamento illecito è posto in essere da uno o più individui autorizzati dallo Stato a esercitare autorità di governo (art. 5 CDI) 3) Il comportamento illecito è posto in essere da soggetti che agiscono sotto il controllo dello Stato (art. 8): sentenze CIG Nicaragua e Bosnia/Serbia

6 6 Circostanze escludenti la responsabilità 1)il consenso (art. 20) 2)la legittima difesa (art. 21) 3)le contromisure (art. 22) 4)la forza maggiore (art. 23) 5)la détresse (art. 24) 6)lo stato di necessità (art. 25)

7 7 Il contenuto del rapporto di responsabilità: le conseguenze giuridiche Obbligo di riparazione in capo allo Stato responsabile La riparazione si può articolare in: a) restituzione; b) espressione di scuse e garanzie di non ripetizione; c) risarcimento

8 8 La riparazione in senso ampio La protesta come strategia riparatoria delle norme giuridiche violate Nel contenzioso giudiziario laccertamento dellillecito ha effetto riparatorio (v. Camerun/Nigeria, Gabcikovo-Nagymaros e OMC) Rileva anche lobbligo primario di cessazione dellillecito

9 9 Gli Stati legittimati ad invocare la responsabilità internazionale - I Lo Stato leso è lo Stato i cui diritti soggettivi siano stati violati: rapporti bilaterali e sinallagma La situazione è più complessa quando sussista una pluralità di Stati legittimati ad invocare la responsabilità: si distinguono tre ipotesi

10 10 Gli Stati legittimati ad invocare la responsabilità internazionale - II Ipotesi 1: la violazione colpisce materialmente uno o più Stati (art. 194 UNCLOS sullinquinamento marino) Ipotesi 2: la violazione incide sulla posizione soggettiva di tutti gli Stati parti ad una certa disciplina (trattati multilaterali sul disarmo o trattati sullambiente) Ipotesi 3: la violazione dei c.d. obblighi erga omnes

11 11 Gli Stati legittimati ad invocare la responsabilità internazionale - III Ipotesi 3: approccio CDI e critica della dottrina Barcelona Traction Art. 48 CDI Timor Orientale

12 12 Linvocazione della responsabilità internazionale nellinteresse dei privati: la c.d. protezione diplomatica Il requisito della nazionalità Il previo esaurimento dei ricorsi interni I c.d. mixed claims


Scaricare ppt "La responsabilità degli Stati per illecito internazionale Corso di diritto internazionale 2 aprile 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google