La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I ROMANI Amulio e Numitore erano due fratelli che, nell'antico Lazio, si contendevano il trono della città di Albalonga. Quando Amulio riuscì a cacciare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I ROMANI Amulio e Numitore erano due fratelli che, nell'antico Lazio, si contendevano il trono della città di Albalonga. Quando Amulio riuscì a cacciare."— Transcript della presentazione:

1

2 I ROMANI

3 Amulio e Numitore erano due fratelli che, nell'antico Lazio, si contendevano il trono della città di Albalonga. Quando Amulio riuscì a cacciare il fratello, costrinse la figlia di lui Rea Silvia a diventare vestale. Così non si sarebbe potuta sposare e non avrebbe generato possibili rivali al trono. La fanciulla però fu amata dal dio Marte e nacquero due gemelli, ai quali diede i nomi di Romolo e Remo. Lo zio infuriato ordinò che i neonati fossero subito uccisi. La guardia però non ebbe il coraggio di commettere un simile delitto, mise di nascosto i piccoli in una cesta e li affidò alla corrente del Tevere nella speranza che qualcuno li trovasse e si prendesse cura di loro. Lo stesso giorno, una lupa che era scesa al fiume per abbeverarsi nei pressi del Colle Palatino udì il vagito dei bimbi. Li portò a riva, li riscaldò e li sfamò con il suo latte. Dopo poco passò in quel luogo anche il pastore Faustolo che senza esitare li portò a casa da sua moglie, la quale li crebbe come fossero stati i figli che lei non aveva potuto avere. Divenuti adulti, i gemelli vennero a conoscenza della loro origine. Così tornarono ad Albalonga, uccisero lo zio Amulio, restituirono il trono al nonno Numitore e liberarono la madre che era stata imprigionata per tutti quegli anni. Un giorno i due decisero di fondare una loro città, ma non riuscivano a mettersi d'accordo sul luogo dove farlo: Romolo la voleva costruire sul Colle Palatino, mentre Remo preferiva la pianura. Così si affidarono al responso degli dei i quali stabilirono che la scelta sarebbe toccata a chi avesse visto, in un certo tempo e in uno spazio definito di cielo, il maggior numero di uccelli. Vinse Romolo, che subito iniziò a tracciare con l'aratro il solco sacro che avrebbe delimitato la città.

4 L'abito internazionale dei Romani, con cui essi si mostravano in pubblico, era la toga, fatta di una stoffa di lana grezza e pesante, che veniva abilmente drappeggiata intorno al corpo in modo da lasciare liberi il capo e il braccio destro. Normalmente la toga era bianca (toga pura) e solo i magistrati più importanti indossavano la toga praetexta, cioè con un bordo rosso di porpora lungo tutto l'orlo inferiore. In casa però i Romani indossavano solo la tunica: una specie di lunga camicia di lana con un foro per la testa e due per le braccia. Gli schiavi indossavano una corta tunica, stretta in vita da una cintura. Le donne portavano anch'esse una lunga tunica sulla quale indossavano la stola: una specie di lungo camice, stretto in vita. Le matrone anche ampi ed eleganti mantelli, quale la palla, per mostrarsi in pubblico. Anche gli uomini portavano mantelli, come il pallium o la lacerna, soprattutto nella stagione più fredda o nelle regioni del Nord Europa. Le calzature erano identiche per entrambi i sessi: i calcei (simili ai nostri stivaletti ), le soleae e i sandalia (aperti e tenuti legati da striscioline di cuoio), il soccus (specie di ciabatta) e la càliga (scarpa militare chiodata, riservata ovviamente agli uomini in armi). Molto comuni per le donne erano: anuli (anelli), fibulea (spilloni), armillae (braccialetti), monilia (collane), inaures (orecchini), sacculi (borsette), mappae (fazzolettini), flabella (ventagli) e umbracula (ombrellini). Gli uomini, soprattutto nel periodo del basso impero, portavano capelli e barba lunghi,mentre le donne sfoggiavano, nelle grandi, occasioni elaborate e ricercate acconciature.

5 Il periodo monarchico di Roma durò circa 2 secoli e mezzo ( 250 anni). La città si trasformò, in quest’epoca, da colonia di Alba a città egemone di una vasta area compresa tra la riva sinistra del Tevere, la costa fino al Circeo e l'entroterra con le principali città latine e sabine. Al tempo della monarchia ( = è una parola greca che significa “governo di uno solo”), il re veniva eletto dal Senato (= autorevole consiglio di anziani). Il re governava ed esercitava il potere politico, giudiziario, militare e religioso. La religione era politeistica e naturalistica (divinità dei campi, dei boschi, delle greggi). Nel periodo in cui regnarono i re etruschi, Roma diventò la città più importante del Lazio e dell’Etruria. Al tempo di Tarquinio Prisco a Roma vennero costruite numerose opere pubbliche, come : La Cloaca Massima – la fognatura che raccoglieva le acque sporche di tutta la città; Le mura serviane - cinta muraria di tufo che delimitava la città; Il Foro – la piazza dove si svolgeva la vita politica e finanziaria e si trovava anche il Comizio, spazio circolare dove i patrizi svolgevano le loro assemblee; Il Circo Massimo – il luogo dove si tenevano le corse ed era situato tra il Colle Palatino e l’Aventino; Il tempio di Giove Capitolino – tempio dedicato agli dei protettori della città: Giove, Giunone e Minerva; Il Ponte Sublicio – ponte in legno che collegava l’isola Tiberina con la terraferma; La Curia Hostilia - sede del Senato fatta costruire da Tullo Hostilio; Il tempio di Vesta – tempio dedicato alla dea del focolare domestico e vicino sorgeva la dimora del re, la Domus Regia; Foro Boario – Centro commerciale della città. Gli abitanti di Roma erano distinti in tre classi: patrizi (ricchi e potenti, si consideravano discendenti dei fondatori della città), I patrizi erano proprietari di terreni agricoli (campi da coltivare), pascoli, mandrie e greggi. Se scoppiava la guerra i patrizi erano obbligati ad andare a combattere; plebei (umili lavoratori, senza diritti politici: non potevano neppure contrarre matrimoni coi patrizi, né trattare affari); erano agricoltori, artigiani e commercianti. Erano uomini liberi, ma non potevano partecipare al governo della città, e non potevano eleggere il re schiavi (all'origine prigionieri di guerra, di proprietà dei padroni).

6 753 aC aC.Romolo 715 aC aC.Numa Pompilio 672 aC aC.Tullo Ostilio 640 aC aC.Anco Marzio 616 aC aC.Tarquinio Prisco 578 aC aC.Servio Tullio 534 aC aC.Tarquinio il Superbo


Scaricare ppt "I ROMANI Amulio e Numitore erano due fratelli che, nell'antico Lazio, si contendevano il trono della città di Albalonga. Quando Amulio riuscì a cacciare."

Presentazioni simili


Annunci Google