La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

S ÜDITALIEN AUS LINGUISTISCHER P ERSPEKTIVE 14.06.2010 1. Schwerpunkt (Wiederholung und Ergänzungen) Die Dialekte Süditaliens in Literatur und Kunst 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "S ÜDITALIEN AUS LINGUISTISCHER P ERSPEKTIVE 14.06.2010 1. Schwerpunkt (Wiederholung und Ergänzungen) Die Dialekte Süditaliens in Literatur und Kunst 1."— Transcript della presentazione:

1 S ÜDITALIEN AUS LINGUISTISCHER P ERSPEKTIVE Schwerpunkt (Wiederholung und Ergänzungen) Die Dialekte Süditaliens in Literatur und Kunst 1

2 W IEDERHOLUNG UND E RGÄNZUNGEN Die Dialekte Süditaliens als literarisches und künstlerisch-dramaturgisches Ausdrucksmittel 2

3 T HEORETISCHE A SPEKTE –D IE L ETTERATURA DIALETTALE RIFLESSA Seit dem späten 16. Jahrhundert 3

4 L ETTERATURA DIALETTALE RIFLESSA La letteratura dialettale darte o riflessa si distingue in ciò dalla letteratura dialettale spontanea, che questa o precede lo svolgimento della letteratura nazionale, e in tal caso non si può neppur chiamare dialettale mancando il termine di riferimento per qualificarla con questo nome; ovvero è giustamente detta dialettale, perché persiste accanto a quello svolgimento e con sua propria legge […]. Diversamente da queste due, la letteratura dialettale riflessa suppone come antecedente e punto di partenza la letteratura nazionale […]. Il movente effettivo, o il movente principale, della letteratura dialettale riflessa, non che essere leversione e la sostituzione e della letteratura nazionale, era, per contrario, lintegrazione di questa, la quale le stava dinanzi, non come nemico, ma come un modello. […] (B. Croce, La letteratura dialettale riflessa, la sua origine nel Seicento e il suo ufficio storico, 1926: vedi Dialetto e letteratura di P. Bestini Malgarini e U. Vignuzzi, in I Dialetti italiani, Torino, 2003) 4

5 Neapolitanische Autoren des 17. und 18. Jahrhunderts D IALEKTLITERATUR 5

6 Giambattista Basile geb in Neapel; gest in Giugliano / Kampanien) 6

7 D IALEKTLITERATUR 7

8 Klassische lateinische Stoffe Ü BERSETZUNGEN INS N EAPOLITANISCHE (I) 8

9 D IALEKTLITERATUR Giancola Sitillo 9

10 Italienische (= toskanische) Klassiker Ü BERSETZUNGEN INS N EAPOLITANISCHE (II) 10

11 D IALEKTLITERATUR 11

12 V OLKSTÜMLICHE K UNST UND K ULTUR Neapolitanisch 12

13 D AS NEAPOLITANISCHE T HEATER 13

14 D IALEKT UND V OLKSKULTUR 14 I personaggi della tradizione popolare napoletana

15 D IALEKT UND V OLKSKULTUR 15 O Scartellato O Scartellato così chiamato nel dialetto napoletano non è altro che il gobbo.

16 D IALEKT UND V OLKSKULTUR Cicerenella Trattasi di una famosa filastrocca popolare scritta da autori ignoti nel 1700 e diffusasi in era romantica. La canzone ha per protagonista una piccola fanciulla chiamata Cicerenella che vuol dire piccolo cece. 16

17 D IALEKT UND V OLKSKULTUR 17 Lo Schiattamorto Lo Schiattamorto, noto nella nostra lingua dialettale con letimologia Schiattamuòrto, indica secondo le credenze popolari una persona di malaugurio, simboleggia larrivo della morte, dato che il suo compito è quello di prelevare i defunti. Lo schiattamuòrto non è altro che il becchino. I faccio o schiattamuorto e professione, modestamente sono conosciuto pe tutt e ccase e dinto a stu rione, pecchè quann io maneo nu tavuto, songo nu specialista e qualità. (Totò, A livella )

18 D IALEKT UND V OLKSKULTUR 18

19 D IALEKT UND V OLKSKULTUR 19 Lo iettatore Amico stretto dello schiattamuòrto è lo iettatore, colui che porta sfortuna ed emana un influenza negativa. Iettatura deriva dalla forma dialettale napoletana gettatura (latto di gettare), e in questo caso si getta il malocchio. O guappo Più che una figura popolare è prima di tutto una figura storica, apparsa nella criminalità napoletana verso il secondo dopoguerra.

20 V OLKSKULTUR /V OLKSTHEATER Il Gioco del lotto in Non ti Pago di Eduardo De Filippo. La smorfia la cui terminologia viene da Morfeo, "il dio greco dei sogni e quindi del sonno, regola dunque il rapporto fra i vivi e i morti e tale rapporto è ampliamente rappresentato in una nota commedia eduardiana Non ti pago, commedia in tre atti scritta nel 1940 e inserita nel ciclo Cantata dei giorni pari. 20

21 D IALEKT UND V OLKSKULTUR 21 La Smorfia Napoletana

22 D AS NEAPOLITANISCHE T HEATER 22 Eduardo De Filippo ( )

23 D AS NEAPOLITANISCHE T HEATER 23 CHI È CCHIÙ FELICE E ME! (1929) Due atti

24 D IE C ANZONE NAPOLETANA Dialekte in Kunst und Literatur 24

25 A RCHIV DER RAI ai.it/canzonenapol etana/index.htm 25

26 D IE C ANZONE NAPOLETANA 26 Tutta pe mme E' una serenata molto ironica e, a tratti dispettosa, questa Tutta pe mme di cui vi proponiamo oggi l'ascolto. «Io mo nun canto pe tte, / canto pe' n'ata. / No, nun te voglio vedé comm'a na vota. Tu nun si' niente pe mmé, / niente pe mmé. / Nun saccio cchiù / che nomme tiene tu, / Marì», recita infatti questo brano che termina, però, con quella che si può definire una resa incondizionata alla donna che, del protagonista, ha rapito il cuore. «Ti voglio tutta per me. / Tutta per me. / Ti voglio bene, sì, / solo a te, Maria». Tutta pe mme, musicata da Gaetano Lama e pubblicata dalla casa editrice La Canzonetta nel 1930, è sicuramente una delle canzoni più famose tra quelle scritte dal poeta Francesco Fiore. A portarla per la prima volta in scena, al Teatro Bellini di Napoli, fu il tenore Vittorio Parisi. La versione di cui vi proponiamo l'ascolto è invece interpretata da Ferdinando Rubino. &Q_PROG_ID=524

27 Neapolitanisch M ODERNE D IALEKTLITERATUR 27

28 D IALEKTLITERATUR 28

29 B IBLIOGRAPHIE 29 Vittorio Viviani : Storia del Teatro Napoletano. Napoli 1992.

30 B IBLIOGRAPHIE (I NTERNET ) m tml 30

31 Sizilien D IALEKTLITERATUR 31

32 D IALEKTLITERATUR Antonio Veneziano geb. in Monreale, 1543 gest. in Palermo, 1593) 32

33 D IALEKTLITERATUR 33

34 D IALEKTLITERATUR 34

35 D IALEKTLITERATUR « Non è xhiamma ordinaria, no, la mia è xhiamma chi sul'iu tegnu e rizettu, xhiamma pura e celesti, ch'ardi 'n mia; per gran misteriu e cu stupendu effettu. Amuri, 'ntentu a fari idulatria, s'ha novamenti sazerdoti elettu; tu, sculpita 'ntra st'alma, sì la dia; sacrifiziu lu cori, ara stu pettu. » « No, la mia non è fiamma ordinaria, è una fiamma che sol'io possiedo e controllo, una fiamma pura e celeste che dentro di me cresce; da un grande mistero e con stupendo effetto l'Amore, desiderante d'adorare icone, è diventato sacerdote un'altra volta; tu, sculpita ientro quest'anima, sia la dia; il mio cuore è la vittima, il mio seno è l'altare. » 35

36 D IALEKTLITERATUR Giovanni Meli 36

37 D IALEKTLITERATUR 37

38 D IALEKTLITERATUR 38

39 S IZILIEN Dialekttheater 39

40 T OMMASO A VERSA Der Beginn der dialektalen Dramaturgie auf Sizilien im 17. Jahrhundert 40

41 D AS SIZILIANISCHE T HEATER 41 Tommaso Aversa (1623 –1663) La notti di Palermu (1638) = das älteste erhaltene Theaterstück auf Sizilianisch (abgesehen von Vincenzo Galatis Dalida, 1630) : Übersetzung von Virgils Äneis ins Sizilianische

42 D AS SIZILIANISCHE T HEATER 42

43 D AS SIZILIANISCHE T HEATER 43 La notti di Palermu Die Stadt Palermo als Bühne Cassero Via Maqueda Quattro Canti Chianu di li Bologni Inhalt 2 Liebespaare ROSALBA – FLAMINIU SABEDDA – FIDIRICU Don Alfonzu (soll auf Wunsch des Vaters SABEDDA heiraten)

44 D AS SIZILIANISCHE T HEATER 44 La notti di Palermu – die Schauplätze

45 D AS SIZILIANISCHE T HEATER – L A NOTTI DI P ALERMU 45 Tri `namurati, nu vecchiu, una zitedda (Chi nun è troppu bedda) Tri criati, una schetta, una cattiva. Vlanca comu naliva, Un paru di smargiazzi, e un sciurteri Darrannu a vui placiri vulinteri.

46 D AS SIZILIANISCHE T HEATER – L A NOTTI DI P ALERMU [Rosalba] Notti chiara, e serena Chi burdatu di stiddi hai lu tò mantu; Tu, chà tanta mia pena Sempri fusti presenti à lu miu chiantu Hora, chi staiu in risu Ferma, e fa stu iardinu un Paradisu. 46

47 D AS SIZILIANISCHE T HEATER – L A NOTTI DI P ALERMU [Tiberiu] Cussi haiu ntisu diria sti littruti. Mi cuntanu ca `n celu Cci è crastati, ci è tauri, cani e granci, Cancari, scippiuni, corna e pisci, Tal chi lu celu nu pocu é piscaria E di ddá a nautra pocu è bucciria 47

48 D IE Ü BERSETZUNG KLASSISCHER S TOFFE – D IE Ü BERSETZUNG VON V ERGILS A ENEIS VON A VERSA INS S IZILIANISCHE LateinItalienischSizilianisch Arma virumque cano, Troiae qui primus ab oris Italiam fato profugus Laviniaque venit litora, multum ille et terris iactatus … Larmi canto e `l valor del grand ´eroe che pria da Troia, per destino, a i liti dItalia e di Lavinio errando venne; … Larmi cantu, leroi, chi di auteri ripi di Troia primu auzau lantinni profugu versu lItalia, a li riveri lavinii spintu da lu fatu, vinni… 48

49 L UIGI P IRANDELLO Theorie und Praxis des sizilianischen Theaters 49

50 T HEORIE UND P RAXIS DES SIZILIANISCHEN T HEATERS 50 Luigi Pirandello, Teatro Siciliano? Rivista Popolare di Politica, Lettere e Scienze sociali - 31 gennaio 1909

51 T HEORIE UND P RAXIS DES SIZILIANISCHEN T HEATERS Welche Form von Dialektalität soll verwendet werden? Ortsdialekt Gelehrter Dialekt Mischdialekt (…) 51

52 T HEORIE UND P RAXIS DES SIZILIANISCHEN T HEATERS Esemplare è il caso di Liolà che, concepita nella dolce lingua materna (Meine süsse Muttersprache), nella versione italiana risulta disancorata dal mondo agreste insulare da cui deriva. Il dialetto assicura infatti alla comedia autenticità sia sul piano della fascinazione emotiva che su quello della dramatizzazione. Ed è ancora loriginaria versione dialettale de `A giarra a conferire alla pièce la contiguità socio-psicologica vitalizzante il microcosmo contadino nel quale si situa. Luigi Pirandello, Tutto il teatro in dialetto, a cura di Sarah Zappulla Muscarà, Milano 1994, Introduzione, p. xxxv. 52

53 T HEORIE UND P RAXIS DES SIZILIANISCHEN T HEATERS 53 Liolà (1916) Dialekt von Girgenti (= Agrigento) CORU: E Maria darrà li porti, chi sintìa li curïati: Nun cci dati accussì forti, su carnuzzi dilicati! ZA CRUCI (vinennu d a porta d u magasè cu `na coffa di mènnuli): Va va, picciotti, ca lurtimi su! `Na juntidda lunu, e cu la manu di Di paguannu a scacciatina è finuta. […]

54 T HEORIE UND P RAXIS DES SIZILIANISCHEN T HEATERS 54 La commedia fu messa in scena per la prima volta il 4 novembre 1916 al Teatro Argentina di Roma con la Compagnia di Angelo Musco. Poiché era scritta totalmente in lingua siciliana, all'inizio pubblico e critica avevano molte difficoltà nel comprendere i dialoghi. Questo inconveniente convinse l'autore ad inserire nel testo una traduzione in italiano della commedia. (Auszug aus: Wikipedia ) It. Fassung 1927 Teatro Argentina / Rom

55 T HEORIE UND P RAXIS DES SIZILIANISCHEN T HEATERS 55 Liolà di Peppino De Filippo, riduzione in dialetto napoletano dell'opera, 1935.

56 T HEORIE UND P RAXIS DES SIZILIANISCHEN T HEATERS Il mondo borghese-impiegatizio di Pensaci, Giacuminu!, A birritta cu `i ciancianeddi, Ccu `i nguanti gialli, attraverso luso di codici espressivi diversi (un dialetto che ora si offre alla contaminazione della lingua e ora si chiude nella gelosa custodia della propria intimità), manifesta un segreto bisogno di promozione sociale, di credibilità culturale che, venuto meno linterno dinamismo dialettico, si smorza nella versione in lingua Luigi Pirandello, Tutto il teatro in dialetto, a cura di Sarah Zappulla Muscarà, Milano 1994, Introduzione, p. xxxv. 56

57 T HEORIE UND P RAXIS DES SIZILIANISCHEN T HEATERS Die Uraufführungen verschiedener dialektalen Komödien und Tragödien fanden interessanterweise häufig nicht auf sizilianischen Bühnen statt, sondern in der Hauptstadt Rom. Die Premiere der Stücke Pensaci, Giacuminu! (am 10. Juli 1916), A birritta cu i ciancianeddi (27. Juni 1917) und A giarra (9. Juli 1917) fand beispielsweise im Teatro nazionale statt. Liolà (4. November 1916), A morsa (6. September 1918) und U ciclopu (25. Januar 1919) wurden ebenfalls an römischen Theatern uraufgeführt. 57

58 B IBLIOGRAPHIE (I NTERNET ) siciliana siciliana 58


Scaricare ppt "S ÜDITALIEN AUS LINGUISTISCHER P ERSPEKTIVE 14.06.2010 1. Schwerpunkt (Wiederholung und Ergänzungen) Die Dialekte Süditaliens in Literatur und Kunst 1."

Presentazioni simili


Annunci Google