La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Programma di Apprendimento Permanente Partenariato Multilaterale Comenius TALES FOR PEACE” 2011/12 - 2012/13 Liceo Classico Statale "Gian Domenico Romagnosi"

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Programma di Apprendimento Permanente Partenariato Multilaterale Comenius TALES FOR PEACE” 2011/12 - 2012/13 Liceo Classico Statale "Gian Domenico Romagnosi""— Transcript della presentazione:

1 Programma di Apprendimento Permanente Partenariato Multilaterale Comenius TALES FOR PEACE” 2011/ /13 Liceo Classico Statale "Gian Domenico Romagnosi" (Parma – Italia) Gimnazjum nr 1 im. Janusza Korczaka (Lędziny - Polonia) Gymnazium Jablonec nad Nisou (Jablonec nad Nisou – Repubblica Ceca) Colegio Hijas de Cristo Rey (A Coruña – Spagna)

2 LE SCUOLE PARTNER - Parma (Italia) - Lędziny (Polonia) - Jablonec nad Nisou (Rep. Ceca) - A Coruña (Spagna)

3 Parma (Italia)

4 Liceo Classico Statale "Gian Domenico Romagnosi" (Parma - Italia) Il Liceo classico “G.D. Romagnosi” è un istituto caratterizzato da un’offerta formativa ampia e diversificata che ruota attorno allo studio dei diversi linguaggi: dalla conoscenza delle lingue e letterature antiche a quella delle lingue e culture moderne, dalla comprensione del linguaggio scientifico alla comprensione dei linguaggi artistici e della comunicazione. Lo studio rigoroso del passato sta alla base dell’analisi e della comprensione del presente e dell’acquisizione della capacità di pianificare il futuro in modo creativo. Il lIceo Romagnosi intende rispondere alle esigenze degli alunni di confrontarsi con il mondo esterno e promuove la partecipazione a progetti europei per soddisfare le richieste degli alunni e contribuire alla crescita professionale dei docenti.

5 Il Liceo G. D. Romagnosi si propone la valorizzazione dell’offerta formativa, attraverso lo studio approfondito delle diverse discipline; l’ampliamento e il potenziamento del curriculum, con l’introduzione di una seconda lingua straniera, con attività di potenziamento disciplinare o con la partecipazione a corsi tematico-disciplinari. Liceo Classico Statale "Gian Domenico Romagnosi" (Parma - Italia) Intende offrire un’istruzione qualificata in grado di aiutare gli alunni a sviluppare autonomia personale e consapevolezza e fornire loro le competenze necessarie per integrarsi positivamente nel mondo dell’università e del lavoro.

6 Lędziny - Polonia

7 La comunità di Ledziny è piuttosto chiusa in se stessa e ripiegata sui problemi locali. Si apre con riluttanza e i contatti con l’esterno (compresi quelli con persone straniere) avvengono con grande difficoltà. Gimnazjum nr 1 im. Janusza Korczaka (Lędziny - Polonia)

8 Gimnazjum nr 1 im. Janusza Korczaka (Lędziny - Polonia) Il Gimnazjum Janusz Korczaka offre un’istruzione generale con l’aggiunta di corsi sportivi. L’utenza è costituita principalmente da alunni provenienti da famiglie di minatori o dalle zone rurali. Una parte delle famiglie presenta problematiche di tipo economico e questo talvolta conduce al fenomeno dei cosiddetti “euro-orfani”, ragazzi I cui genitori per necessità vanno a lavorare all’estero. Data la frequente situazione di disoccupazione dei genitori, alcuni studenti rischiano l’esclusione sociale, per cui la scuola deve provvedere al sostegno di questi alunni attraverso attività extra- curricolari o con la presenza di uno psicologo. I risultati finali degli alunni sono piuttosto soddisfacenti e si posizionano al di sopra della media nazionale.

9 Jablonec nad Nisou – Repubblica Ceca

10 La scuola ammette studenti appartenenti a minoranze etniche o con disabilità fisiche. Nella regione si assiste al fenomeno della difficile integrazione di minoranze etniche, in particolare dei Rom. La partecipazione al progetto ha come obiettivo quello di contribuire a insegnare il rispetto e la tolleranza e di indicare soluzioni a questi problemi socio-culturali diverse dalla discriminazione e dal razzismo. Gymn á zium Jablonec nad Nisou (Jablonec nad Nisou – Repubblica Ceca)

11 Gymn á zium Jablonec nad Nisou (Jablonec nad Nisou – Repubblica Ceca) Il Gymnázium Jablonec n./N. esiste dal 1897 e per la sua qualità e tradizione è un’importante istituzione non soltanto dal punto di vista locale. La sua offerta formativa è ricca e varia e si basa soprattutto sull’insegnamento delle lingue moderne, delle tecnologie della comunicazione, della cultura e dell’educazione civica. La partecipazione a progetti europei viene promossa allo scopo di offrire agli alunni l’opportunità di confrontarsi e di collaborare con coetanei di Paesi e culture diverse, sviluppando la comprensione e il rispetto. Il Gymnázium Jablonec n./N. è situato in una regione socialmente ed economicamente sviluppata e gli alunni provengono da un bacino d’utenza molto vario.

12 A Coruña- Spagna

13 Il Colegio “Hijas de Cristo Rey” è una scuola privata situata nel comune di Oleiros, presso A Coruña, nel nord ovest della Spagna. E’ un istituto comprensivo che va dalla scuola dell’infanzia (3 anni) al Baccalaureat (18 anni). La maggior parte degli alunni vengono dal comune e appartengono principalmente alle classi medie. Colegio Hijas de Cristo Rey (A Coruña – Spagna) Il numero di alunni si aggira sui 1.000, con circa 70 docenti. Tutti gli alunni studiano la lingua inglese. Inoltre lo studio della lingua francese è obbligatorio dai 12 ai 14 anni, ma può essere prolungato anche fino ai 18 anni.

14 La partecipazione ai progetti europei si propone di sviluppare in alunni e docenti il senso della comune cittadinanza europea e di promuovere nei partecipanti la consapevolezza della ricchezza delle varie culture europee Tale consapevolezza costituisce il punto di partenza per esprimere pensieri ed emozioni attraverso diverse manifestazioni artistiche, praticare le lingue straniere, sviluppare la comprensione di altre culture e cooperare con altri cittadini europei. Il progetto contribuisce inoltre allo sviluppo dlle competenze digitali dei partecipanti. Colegio Hijas de Cristo Rey (A Coruña – Spagna)

15 Lingua di comunicazione del progetto : Principalmente l’inglese, ma alcune attività sono state svolte in francese

16 CONTESTO DEL PROGETTO Bisogno di offrire ai giovani l’opportunità di dare voce alle loro emozioni e speranze, ai loro pensieri attraverso: ATTIVITA’ ESPRESSIVE TEATRO, MUSICA, CANTO, FOTOGRAFIA, SCRITTURA CREATIVA già parte integrante del POF del Liceo Romagnosi ma ora inserite in una dimensione europea

17 TEMATICHE lotta alla xenofobia e al razzismo educazione alla pace, alla tolleranza, alla convivenza pacifica Forte impatto pedagogico in un contesto interculturale quale quello del lavoro collaborativo e dell’incontro di progetto

18 OBIETTIVI DEL PARTENARIATO Sviluppare la cooperazione didattica e la condivisione di pratiche didattiche tra scuole europee Promuovere la creatività dei giovani, la loro capacità di esprimere idee e pensieri in modo personale ed autonomo Sviluppare la consapevolezza della propria e di altre culture Favorire la comunicazione, la condivisione e la comprensione interculturale Favorire la consapevolezza di una comune cittadinanza europea Sviluppare competenze linguistico-comunicative e potenziare l’uso di strumenti tecnologici

19 ATTIVITA’ 2011/ novembre 2011: 1° incontro di progetto a Parma (due docenti da ciascuna scuola) accordi definitivi su attività e prodotti finali creazione profilo facebook del progetto (Comenius Parma) stesura questionario per studenti incontri con rappresentanti Enti locali visite a luoghi di interesse storico-artistico creazione powerpoint album fotografico dell’incontro

20

21 Autunno/inverno 2011/12 : contatti con le scuole partner creazione di un blog del progetto (ancora in fase di completamento) (www.talesforpeace.euweb.cz)www.talesforpeace.euweb.cz contatti tra studenti mediante profilo facebook preparazione prodotti finali

22 marzo 2011 : 2° incontro di progetto a Parma (Polonia: 2 docenti, 9 studenti, Rep. Ceca: 2 docenti, 17 studenti, Spagna: 2 docenti, 5 studenti + docenti e studenti del Liceo Romagnosi) Studenti Comenius: ospitalità in famiglia 29 marzo 2012: FESTIVAL COMENIUS in Aula Magna (spettacoli teatrali – drammatizzazione di scenette – lettura di racconti – mostra fotografica – canti corali – presentazioni powerpoint – riflessioni su esperienze interculturali) (vedi DVD della giornata)

23 PROGRAMMA DEL FESTIVAL COMENIUS (29 marzo 2012) 08.00Prove del Coro insieme agli studenti Comenius col Maestro Leonardo Morini 08.55Il Preside inaugura il Festival in Aula Magna 09.00Esibizione del Coro insieme agli studenti Comenius 09.25Classe 1^B: “Idee di pace ed uguaglianza nelle parole di Albert Einstein, Martin Luther King e Nelson Mandela” (in inglese) 09.45Gruppo spagnolo: canzone “Imagine” (John Lennon) 09.50Gruppo spagnolo: Lettura di un racconto sulla convivenza interculturale 10.00Gruppo spagnolo: canzone “No dudaría” (Rosario Flores) 10.05Classe 1^H: Déclaration universelle des droits de l’homme (1948) INTERVALLO

24 10.50 Gruppo polacco : “Spettacolo, musica, poesia e … un po’ di italiano!” Gruppo spagnolo: Presentazione di una mostra fotografica Classe 5^E: “Party Time” (musica, ballo, recitazione) Gruppo ceco: Spettacolo teatrale (in inglese) Classe 4^H: “Indignez-vous!” (Stéphane Hessel) Gruppo ceco : Sketches (in inglese) Classe 4^E : “Engagez-vous!” (Stéphane Hessel) Gruppo ceco : Canti tradizionali della Repubblica Ceca – RINFRESCO IN BIBLIOTECA ALUNNI

25 14.30 Esibizione del Coro Giulia Sulpizi della classe 5^E legge il proprio “Conte pour la paix” (in francese) Martine Chantal Fantuzzi della classe 1^H legge il proprio racconto “Marseille” (in inglese) Classe 3^B: alcuni alunni presentano in inglese “ Esperienze interculturali” da loro vissute in prima persona 16.00Chiusura del Festival – Saluto del Preside

26

27

28 MODALITA’DI DIFFUSIONE blog del progetto profilo facebook giornalino Eureka del Liceo Romagnosi articoli sulla stampa locale incontri presso Enti locali

29 IMPATTO DEL PROGETTO APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE Migliora la percezione della lingua straniera come necessario strumento di comunicazione negli incontri virtuali e negli incontri reali Esprimersi in lingua straniera nel teatro, nel canto, nella scrittura permette di addentrarsi in un territorio sconosciuto e di rinominare le cose, le persone, le emozioni

30 IMPATTO DEL PROGETTO AUTOSTIMA E CONSIDERAZIONE DI SE STESSI Lavorare ad un obiettivo comune, contribuendo ciascuno con le proprie competenze e con i propri talenti, rinforza nei giovani la costituzione di una soggettività sociale attraverso la comunicazione e la riduzione dei conflitti nella partecipazione ad attività e compiti collettivi

31 IMPATTO DEL PROGETTO SENSO DELLA COMUNE CITTADINANZA EUROPEA L’incontro ravvicinato con coetanei di nazionalità e culture diverse, l’ospitalità in famiglia, lo stare insieme lavorando su temi comuni e condividendo la responsabilità del risultato finale aiuta i giovani a comprendersi nella diversità, a diventare più consapevoli della propria e della altrui cultura, ad accettare le differenze e a mettere in luce tutto ciò che invece abbiamo in comune

32 “We are all citizens of one world, we are all of one blood. To hate a man because he was born in another country, because he speaks a different language, or because he takes a different view on this subject or that, is a great folly. Desist, I implore you, for we are all equally human.... Let us have but one end in view, the welfare of humanity; and let us put aside all selfishness in considerations of language, nationality, or religion.” from John Amos Comenius, The Great Didactic, 1649 (translated by M.W. Keatinge 1896)


Scaricare ppt "Programma di Apprendimento Permanente Partenariato Multilaterale Comenius TALES FOR PEACE” 2011/12 - 2012/13 Liceo Classico Statale "Gian Domenico Romagnosi""

Presentazioni simili


Annunci Google