La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

EPG Metodologia e analisi dei dati Mirta Vernice

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "EPG Metodologia e analisi dei dati Mirta Vernice"— Transcript della presentazione:

1 EPG Metodologia e analisi dei dati Mirta Vernice

2 Questo EPG 4 lezioni (10 ore in totale): 2 nel III trimestre (5 ore tot) 2 nel IV trimestre (5 ore tot)

3 Gruppo 1 (cognome dalla lettera A alla lettera D) 13 marzo dalle ore 13:30 alle ore aprile dalle ore 16 alle ore maggio dalle ore 11 alle ore 13:30 22 maggio dalle ore 14 alle ore 16

4 Gruppo 2 (cognome dalla lettera E alla lettera M) 27 febbraio dalle ore 13:30 alle ore marzo dalle ore 16 alle ore 18 8 maggio dalle ore 11 alle ore 13:30 15 maggio dalle ore 14 alle ore 16

5 Gruppo 3 (cognome dalla lettera N alla lettera z) 27 febbraio dalle ore 16 alle ore aprile dalle ore 13:30 alle ore 16 8 maggio dalle ore 14 alle ore maggio dalle ore 11 alle ore 13:30

6 Obbligo di frequenza OBBLIGO DI FREQUENZA ALL’ 80% DELLE ORE QUESTO SIGNIFICA: una sola assenza! Per richieste/cambi di lezione MANDARE !

7 Dove trovo tutto il materiale dell’epg? E poi cliccare su: EPG:Metodologia e analisi dei dati. EPG:Metodologia e analisi dei dati.

8 Che cosa faremo in questo EPG? Impostazione di esperimenti psicologici. Svolgimento di 2 esperimenti. Analisi statistica dei risultati. – Primo esperimento richiede l’uso di un test parametrico. – Secondo esperimento di uno non parametrico. Stesura di 2 report (uno per esperimento).

9 In cosa consiste l’esame? Stesura di 2 report scientifici + analisi di test non parametrico. Riguarderanno gli esperimenti che saranno svolti (esperimento 1) o impostati (esperimento 2) a lezione. Max 700 parole (2 facciate di word, interlinea doppia, carattere Times New Roman, dimensione 12).

10 IMPORTANTE Invio report scientifici: 1° report (III trimestre): circa entro 10 giorni dall’ultima lezione. 2° report (IV trimestre) Da inviare a

11 Info più dettagliate nella prossima lezione!!

12 Programma che useremo Excel

13 La lezione di oggi La ricerca sperimentale in psicologia e la stesura di un report scientifico. Breve ripasso di Excel (inserimento dati, statistica descrittiva, ecc.). Alcuni cenni sull’esperimento che faremo la prossima volta.

14 Uno studio sperimentale Raccogliere letteratura su un argomento Proporre un’ipotesi sperimentale Testarla Condurre un’analisi statistica dei risultati Stendere un report scientifico

15 Il report scientifico Sezioni di un report scientifico Suggerimenti su come scrivere: – Tempi verbali, terminologia – Chiarezza e pulizia del formato – Prosa scientifica

16 Ordine delle sezioni in un report – Titolo – Abstract – Introduzione – Metodi – Risultati – Discussione – Bibliografia

17 Titolo Chiaro e informativo Evitare troppi dettagli Troppo corto, poco informativo: Le abitudini alimentari in adolescenza. Troppi dettagli: Differenze nel consumo di prodotti alimentari di fast food tra ragazzi e ragazze della provincia di Milano. OK: Differenze di genere nelle abitudini alimentari degli adolescenti.

18 Abstract Deve contenere: Breve spiegazione relativa all’area di ricerca Scopo dello studio Risultati principali e interpretazione (sintetica!) Possibili implicazioni per altre ricerche parole

19 Esempio di un abstract We argue that people’s perception and interpretation of human action is subject to spatial bias. In Experiment 1 (n = 72) we found that the same athletic performance involving horizontal movement (a soccer ball going into the net) is perceived as stronger, faster, and more beautiful if presented with a left-to- right rather than with a right-to-left trajectory. Experiment 2 (n = 40), involving both Italian and Arab participants, found opposite directional biases in the two cultures, suggesting that scanning habits due to writing direction are mainly responsible for the directional bias in the interpretation of human behavior.

20 Stesso studio ma un altro Abstract We argue that the direction in which language is written in a given culture produces a subtle bias in the interpretation of human action. The same action (e.g., athletic performance or aggression) will be perceived as more forceful when the spatial trajectory corresponds to the habitual writing direction. In Study 1 (n = 72) Italian participants perceived the same athletic performance (a soccer goal) as stronger, faster, and more beautiful if presented with a left-to-right rather than right-to-left trajectory. In Study 2 (n = 40), involving both Italian- and Arabic-speaking participants, found opposite directional biases in the two cultures, suggesting that scanning habits due to writing direction are mainly responsible for the directional bias in person perception.

21 Qual è il migliore e perché?

22 Introduzione Breve introduzione dell’area di indagine Cenni su qualche ricerca condotta in precendenza Scopo dello studio Breve descrizione dei metodi Ipotesi

23 Dopo aver brevemente spiegato il metodo, introdurre l’ipotesi Dato che, la condizione X è….. Ipotesi: – A) “Ci si aspetta una differenza tra condizione X e Y” oppure: – B) “Ci si aspetta una performance migliore nella condizione X rispetto a Y”

24 Metodo Sottosezioni: – Participanti: Chi? – Materiali: Cosa è stato usato? Descrivere gli item. – Disegno: Quale manipolazione sperimentale è stata attuata? – Procedura: Come si è svolto l’esperimento? Usare il tempo passato.

25 Partecipanti 20 studenti (3 M) dell’Università X hanno preso parte al nostro studio. Tutti i partecipanti avevano una vista nella norma.

26 Materiali Indicare: Item sperimentali utilizzati (quanti erano, come erano) Eventuali filler Supporti tecnici usati per la somministrazione (foglio di risposta, computer)

27 Disegno Variabile dipendente Variabile indipendente Com’è stata manipolata var indipendente? Within- (entro) o between-(tra) participants?

28 Procedura Tipo di somministrazione (individuale o collettiva?) Come si è svolto l’esperimento? Che tipo di istruzioni hanno ricevuto?

29 Metodo: Importante Chi lo legge deve essere in grado di replicare al dettaglio l’esperimento!

30 Risultati Quali sono i risultati principali? Per esempio: › I partecipanti con dislessia hanno letto più lentamente dei partecipanti senza dislessia (vedi Tavola 1). NB: se i dati (medie e dev standard) sono riportati nelle tabelle, non occorre ripeterle nel testo. Se invece vengono illustrati con un grafico, nel testo bisogna riportare i numeri esatti.

31 Tavole Tavola 1: Proporzione di risposte corrette tra partecipanti di genere maschile e femminile. Condizione 1Condizione 2 MSDMSD Donne Uomini Importante: in genere si mette sempre media (M), e Deviazione Standard (DS) (oppure, se non DS, Errore Standard, SE).

32 Inserire numeri nelle tavole 34,5678 Come riportarlo? Per convenzione si usa il punto. Sempre 2 cifre dopo la virgola E un numero come 0,002?.002

33 Figure: Istogramma Condizione 1 Condizione 2

34 Figure: grafico a linee Figura 1: Accuratezza nel riconoscimento del cambiamento tra partecipanti di genere femminile e maschile. Condizione 1 Condizione 2

35 Risultati statistici “L’analisi ha permesso di rilevare una significativa differenza tra la condizione X e Y.” t(GdL) = XX, p<.001 Quindi: t(23) = 7.56, p<.001 Quando p >.05 Allora p =.32

36 Discussione Ricapitolare i risultati principali Confrontarli con gli studi precedenti Possibili problemi relativi allo studio condotto Implicazioni per studi successivi Direzioni future (cosa posso investigare poi?). Conclusioni

37 Bibliografia Usare APA style Per ogni dubbio:

38 Bibliografia Articolo Murzynski, J. & Degelman, D. (1996). Body language of women and judgments of vulnerability to sexual assault. Journal of Applied Social Psychology, 26, Libro Aloutzian, R. F. (1996). Invitation to psychology. Boston, MA: Allyn and Bacon. Capitolo di libro Keiths, T. J. (1979). A critique of animal analogues of alcoholism. In E. Majchrowicz & E. P. Noble (Eds.), Biochemistry and pharmacology of ethanol (pp ). New York: Plenum Press.

39 Appendici Inserire il materiale usato – Gli item sperimentali – Se si è usato un questionario, riportarne una copia

40 ALCUNI CONSIGLI SU COME SCRIVERE

41 Tempi verbali, tono e terminologia Usare il tempo passato (tranne che nella discussione e in ‘Implicazioni per studi futuri’ dove è meglio il presente). Usare la terza persona (Evitare la prima persona singolare). Ogni asserzione fatta deve rimandare a una referenza. Nel testo (Mazza & Turatto, 2003) Riferirsi alle persone che sono state testate come “partecipanti” e non “soggetti”.

42 Farlo apparire ordinato Spaziatura doppia Colori: Usare solo nero (o nero e grigio nelle figure) Numerare le pagine Controllare la grammatica Controllare la bibliografia

43 Strutturate le frasi in modo da creare ordine e continuità – Continuità temporale: poi, successivamente, in un secondo momento, mentre Legami di causa effetto: quindi, di conseguenza, come risultato aggiunta: Inoltre, in aggiunta contrasto: tuttavia, nonostante questo

44 In che modo lo stile scientifico si differenzia dagli altri stili?

45 – Usare l’attivo (invece del passivo) – Evitare strutture complesse L’abilita’ dei partecipanti nel costruire un discorso logico e’ stata testata… Abbiamo testato la capacità di costruire un discorso logico in un gruppo di partecipanti…. – Spiegare ogni cosa (anche se sembra ovvia) – Essere consistenti nella terminologia usata (I nomi delle variabili devono restare gli stessi dall’inizio alla fine del report)

46 Economia di espressione – Riportare solo il necessario – Eliminare ridondanze e ripetizioni Ci sono stati molti studenti che hanno eseguito un esperimento -> Molti studenti hanno eseguito un esperimento – Evitare espressioni gergali

47 Usare un linguaggio senza bias Cosa vuol dire che il linguaggio ha un bias? Che esprime un pre-giudizio La performance degli autistici al compito è stata confrontata con quella dei partecipanti normali… la performance di un gruppo di partecipanti con autismo è stata confrontata con quella di partecipanti senza autismo…

48 Linguaggio senza bias Evitare espressioni che possano definire le persone sulla base del: – Genere – Orientamento sessuale – Gruppo etnico – Disabilità Regola generale: – Assumere la prospettiva degli “altri” – se può essere offensivo, usare un altro termine

49 Per la prossima volta Per chi può: venire col portatile a lezione


Scaricare ppt "EPG Metodologia e analisi dei dati Mirta Vernice"

Presentazioni simili


Annunci Google