La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA NOSTRA GITA A TARANTO 28 maggio 2015 Classe 5 A Ins. Lorusso Carmela Linda.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA NOSTRA GITA A TARANTO 28 maggio 2015 Classe 5 A Ins. Lorusso Carmela Linda."— Transcript della presentazione:

1 LA NOSTRA GITA A TARANTO 28 maggio 2015 Classe 5 A Ins. Lorusso Carmela Linda

2

3

4 Il territorio di Taranto Taranto si affaccia sull’ omonimo golfo. La città è caratterizzata da un territorio pianeggiante e si è sviluppata lungo tre penisole ed un’isola artificiale, sede del centro storico, formatosi durante la costruzione del fossato del Castello Aragonese. La città gode del tipico clima mediterraneo con inverni miti ed estati calde e afose.

5 Mar Piccolo e Mar Grande

6 Origini della città Taranto è una città di origine greca fondata nel 706 a.C.. Il nome pare derivare da TARAS che, secondo la mitologia greca, era figlio di Poseidone e della ninfa Satyra e avrebbe fondato la città, o dal nome del fiume Tara o ancora da «taranta-h» che in sanscrito significa «mare». Molte leggende vogliono invece che la città sia stata fondata dai figli delle vergini di Sparta. Divenne secoli dopo anche colonia romana. Taranto ha quindi origini antiche e fu tra le più importanti città della Magna Grecia, ecco perché la nostra gita non poteva che iniziare con la visita al museo archeologico nazionale «MARTA». Il museo, che ha sede nell’ ex convento di San Pasquale di Baylon, nelle sue 25 sale ospita oggetti e collezioni che vanno dal periodo neolitico fino all’ età bizantina. Molto importanti sono le testimonianze della colonizzazione greca e romana e tardoantica, come gli «ORI DI TARANTO» e la tomba dell’ « ATLETA DI TARANTO».

7 Al museo MARTA Posizionato nel borgo nuovo della città e restaurato di recente, il museo MARTA offre la possibilità di osservare da vicino una vasta raccolta di reperti greco-romani di straordinaria raffinatezza e bellezza. Durante la visita del museo siamo stati catapultati in un’altra epoca grazie anche alla bravura e alla sapienza della nostra guida Annarita. Abbiamo potuto ammirare la maestria degli orafi dell’ epoca e l’ abilita degli artigiani che crearono meravigliose pavimentazioni a mosaico.

8

9 Il borgo antico Il borgo antico situato sull’ isola,si presenta con un intrico di vicoli, derivati dalla costruzione di abitazioni quanto più possibile addossate per sfruttare tutto lo spazio disponibile e per facilitare la difesa in caso di invasioni. Il borgo nuovo si sviluppò dopo il In origine non esisteva un’ isola ma solo una penisola. Questa fu però tagliata nel 1887 costruendo il fossato del CASTELLO ARAGONESE. Per collegare poi l’isola artificiale alla terra ferma fu costruito nello stesso anno il PONTE GIREVOLE. Il fossato del castello quindi divenne canale navigabile per il Mar Piccolo al Mar Grande.

10

11 Il Castello Aragonese Il Castello Aragonese, posto sull’ isola della città vecchia,affacciato sul Mar Grande e progettato a forma di scorpione, inizialmente aveva cinque torri. A seguito della costruzione del ponte girevole fu decurtato di una delle sue torri prendendo un’altra forma. Si presenta solido e imponente con le sue mura non molto alte ma spesse e le torri orlate dalle cui feritoie spuntano minacciose le bocche dei cannoni. Visitando le CASE MATTE, stanze situate all’ interno della torre più grande, siamo stati colti da una strana sensazione tra lo stupore e il disagio, per l’austerità del luogo e degli eventi che lo hanno visto protagonista.

12 Il Castello Aragonese

13 Il Ponte Girevole Costruito nel 1887 con un meccanismo idraulico che faceva ruotare i due bracci del ponte di 90 gradi, fu poi rimodernato nel 1958 e fatto funzionare grazie all’elettricità. Chiuso, collegava la città nuova a quella vecchia,aperto invece permetteva il passaggio delle navi della Marina Militare che ormeggiava il suo arsenale nel Mar Piccolo.Oggi l’arsenale della Marina Militare è ormeggiata nel Mar Grande e il ponte si apre solo raramente, per lo più nelle ore notturne.

14 Il Ponte Girevole

15 Giro in battello Imbarcati sulla motonave Cala Yunco, abbiamo costeggiato le coste del Mar Piccolo e del Mar Grande. La nostra “mini crociera” ci ha emozionato tantissimo, ognuno di noi ha vissuto sentimenti diversi: paura, eccitazione,timore,tensione e anche senso di libertà. La memoria delle nostre macchine fotografiche si è esaurita in breve tempo. Dal ponte abbiamo potuto ammirare: il borgo antico,il Castello Aragonese,l’arsenale militare,gli allevamenti di mitili, la statua di San Cataldo e il monumento del saluto del marinaio.

16

17 Le attività economiche di Taranto Per la morfologia del suo territorio e per la sua particolare posizione, sin dall’antichità Taranto vive di agricoltura, pesca e in particolar modo di miticoltura. Grazie al suo porto, sin dalla Magna Grecia, fu un importante centro di scambi commerciali con la Grecia e con l’ Asia Minore. Nel 1950 diventa un importante centro industriale e commerciale perché vengono costruiti stabilimenti siderurgici, petrolchimici, cementiferi e di cantieristica navale.

18

19 La Miticoltura

20 La miticoltura Il mare di Taranto e caratterizzato da venti, maree e sorgenti sottomarine chiamate CITRI, che apportano acqua dolce non potabile mista ad acqua salmastra, creando una condizione favorevole per la coltivazione dei mitili e principalmente delle «cozze». Queste ultime, una volta cresciuti, vengono fatti asciugare al sole, stese su pali a 30 cm dalla superficie del mare, per evitare che microbi e batteri marini le rovinino.

21

22 La ricetta tipica: cozze alla tarantina

23 Ingredienti: Ingredienti Molluschi cozze 1 kg Pomodori polpa 400 gr Aglio 3 spicchi Peperoncino piccante tritato q.b. Vino bianco secco 1/2 bicchiere Olio extravergine d'oliva 4 cucchiai Pepe nero macinato q.b. Sale q.b. Prezzemolo 3 ciuffi Per accompagnare:MolluschiPomodoriAglioPeperoncinoVinoOlioPepeSalePrezzemolo

24 Per preparare le cozze alla tarantina lavate bene sotto l’acqua le cozze, togliendo tutti i residui attaccati al guscio e anche i barbigli (clicca qui per vedere come fare). In un tegame aggiungete olio extra vergine d’oliva, l’aglio intero, un ciuffo di prezzemolo e le cozze (1), sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco finché le cozze non si saranno aperte (2). Successivamente fatele intiepidire ed eliminate le valve vuote, dove non risiede il mollusco: filtrate il liquido di cottura e tenetelo da parte (3).clicca qui per vedere come fare In un'ampia pentola fate dorare l’aglio tritato finemente nell’olio e aggiungete il peperoncino tritato (4), unite la polpa di pomodoro, salate (attenzione: giusto un pizzico poiché il sugo delle cozze risulterà già molto saporito) e fate cuocere il tutto per cinque minuti (5). Aggiungete le cozze insieme al loro sugo precedentemente filtrato e fate restringere per cinque minuti abbondanti. Pepate e cospargete il tutto con una buona manciata di prezzemolo tritato (6). Servite le cozze alla tarantina ben calde accompagnandole con le fette di pane pugliese tostate in forno. Preparazione:

25


Scaricare ppt "LA NOSTRA GITA A TARANTO 28 maggio 2015 Classe 5 A Ins. Lorusso Carmela Linda."

Presentazioni simili


Annunci Google