La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014/2015 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE di Inveruno IPSIA Marcora – IPSCS Lombardini – ITTG Marcora Via G. Marcora,109.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014/2015 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE di Inveruno IPSIA Marcora – IPSCS Lombardini – ITTG Marcora Via G. Marcora,109."— Transcript della presentazione:

1 PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014/2015 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE di Inveruno IPSIA Marcora – IPSCS Lombardini – ITTG Marcora Via G. Marcora,109 – INVERUNO (MI) C. F – c.c.postale n cod. mec. MIIS Tel ; Fax PEC

2 MARCORA V IA G. M ARCORA 109 ISTRUZIONE PROFESSIONALE Servizi Commerciali Servizi Socio Sanitari Manutenzione Discipline Elettriche/Elettroniche/Meccaniche Produzione Tessile Sartoriale Tecnico Grafico e Comunicazione LOMBARDINI V IA M. B UONARROTI, 6 MARCORA V IA G. M ARCORA 109 ISTRUZIONE TECNICA Tecnico Turistico

3 I L P IANO DELL ’O FFERTA F ORMATIVA : E’ il documento dei percorsi formativi, delle attività, delle iniziative didattiche ed educative, dell’organizzazione e della gestione di strutture, persone e risorse della scuola. “Presenta” la scuola nella sua organizzazione didattica con le sue finalità ed interventi progettuali, con le sue forme e modalità di funzionamento e gestione a tutti i livelli, rendendo l’istituzione trasparente all’utenza cui fornisce un servizio.

4 A COSA SERVE IL POF… GARANTIRE azioni efficaci di recupero, di sostegno e di orientamento. CONCRETIZZARE gli obiettivi nazionali in percorsi formativi funzionali all’apprendimento e alla crescita educativa. GARANTIRE agli alunni il successo formativo. MIRARE allo sviluppo della persona. MIGLIORARE l’efficacia del processo di insegnamento e apprendimento.

5 IL POF E’ un documento flessibile, trasparente e modificabile. Tiene conto del contesto socio-culturale. E’ elaborato dal Collegio dei Docenti. Nasce da scelte e responsabilità condivise. Illustra sinteticamente l’offerta culturale della scuola. Esplicita e divulga la progettazione educativo/didattica curricolare e organizzativa della scuola. Definisce l’identità culturale della scuola. E’ introdotto dal D.P.R. 8 marzo 1999 n. 275.

6 LA STORIA DELL’ISTITUTO L'Istituto di Istruzione Superiore IPSIA INVERUNO è un istituto di recente formazione in quanto è sorto nell' anno scolastico dal dimensionamento di due Istituti con lunghissima tradizione formativa ed educativa, l'IPSIA Marcora e l'IPSSCT Lombardini. L’istituto professionale IPSIA MARCORA nasce nel 1964 su iniziativa dei politici locali che chiesero al preside dell’IPSIA Bernocchi di Legnano l’apertura ad Inveruno di una sede coordinata del loro istituto, per dare ai giovani la possibilità di avere un’ adeguata preparazione prima di entrare nel ciclo produttivo. l'IPSCTS Lombardini, invece, è presente sul territorio da oltre 30 anni, inizialmente nato come sede coordinata dell'omonimo istituto di Milano.

7 L’ unificazione di questi due Istituti pone le basi per rendere possibile un’ integrazione fra la realtà di due scuole che hanno fatto riscontrare i seguenti punti comuni di sviluppo: in fase iniziale, istituzione di corsi triennali per il conseguimento del diploma di qualifica (Congegnatore meccanico, Installatore di impianti elettrici, Segretaria d’azienda). negli anni 80, istituzione del biennio post-qualifica per permettere ai giovani di completare il proprio percorso formativo (diploma di maturità) nel territorio di residenza; ciò ha reso concreta la possibilità di esercitare il diritto allo studio ai giovani residenti in un ampio territorio che include il Castanese, il Magentino ed il Legnanese. alla fine degli anni 80, attivazione dei corsi sperimentali denominati “Progetto 92”, che prevedono una profonda trasformazione dell’impianto didattico, sia dal punto di vista dei contenuti disciplinari (molto più vicini alle esigenze del mondo del lavoro) che dal punto di vista della metodologia didattica (programmazione modulare, analisi dei casi, problem solving…).

8 In seguito i corsi di “Progetto ’92 ” sono diventati corsi di ordinamento sostituendo le precedenti specializzazioni. Gradualmente, in ottemperanza a quanto imposto dalla recente riforma scolastica, si è passato ai due indirizzi “Manutenzione” e “Produzione”, avviati nell’a.s. 2010/2011, mentre i corsi del vecchio ordinamento saranno attivi solo le classi quinte per l’a.s. 2013/2014. Infine, negli ultimi anni, maggiore attenzione è stata data e si continua a dare all’approfondimento della conoscenza delle lingue e delle nuove tecnologie, tanto da portare ad un ammodernamento dei laboratori e all’ attivazione di iniziative volte ad utilizzare tecnologie informatiche e multimediali, quali tablet e LIM, per approcciarsi più adeguatamente alle nuove metodologie d’insegnamento e d’apprendimento.

9 IL CONTESTO TERRITORIALE L'Istituto di Istruzione Superiore IPSIA INVERUNO è ubicato nel comune di Inveruno, cittadina di circa 8500 abitanti, con forte vocazione produttiva legata soprattutto all’industria meccanica ed elettromeccanica, e presidia le aree territoriali del Legnanese, del Magentino e del Castanese. Le aree del Castanese e del Legnanese vedono predominare il settore industriale, in particolare il comparto dei prodotti in metallo, tessile, abbigliamento e calzature, macchine e materiali metallici e per costruzioni; l'area Magentina, invece, registra sicuramente una predominanza delle industrie meccaniche, mentre le altre manifatture contano complessivamente addetti concentrati nel comparto poligrafico cartario editoriale (di rilievo più modesto i settori dell'abbigliamento e calzature, il tessile, l'alimentare, la gomma, le materie plastiche, il legno e il mobile). I comuni del territorio, dislocati nell’area nord-ovest di Milano, sono interessati soprattutto da piccole e medie imprese e, nonostante il periodo di crisi degli ultimi anni, si sono creati diverse occasioni lavorative anche per i giovani del nostro territorio. Il tessuto sociale mostra un forte associazionismo finalizzato ad integrare ed ottimizzare i servizi alle persone. Il tentativo di valorizzare l’ambiente porta ad attivare centri informa – giovani e progetti mirati per monitorare la realtà giovanile e prevenire forme di disagio, come il Centro Lavoro alto milanese sorto per supportare le nuove imprenditorialità dei Comuni e per favorire l’incontro fra la domanda e offerta del mercato del lavoro.

10 LA STRUTTURA DEL IPSIA E ITTG M ARCORA E … La sede di Via Marcora (IPSIA e ITTG) è costituita da ampi e luminosi locali, disposti su due piani e da una sezione destinata a laboratori. Nel plesso trovano posto: Gli uffici di direzione Gli uffici di segreteria Le aule I laboratori La biblioteca Il magazzino Il Polo informatico L’aula Polifunzionale La Palestra Ampio giardino e parcheggio interno

11 … DEL IPSCS L OMBARDINI Anche la sede di via Buonarroti (IPSCS) è costituita da ampi e luminosi locali, disposti su due piani e da una sezione destinata a laboratori. Nel plesso trovano posto: Gli uffici di direzione (Vicepresidenza) Le aule I laboratori di informatica La Palestra Ampio giardino e parcheggio interno per ciclomotori.

12 LE FINALITÀ L’IIS INVERUNO tutela l’acquisizione di competenze professionali, culturali, relazionali tali da consentire una collocazione lavorativa di livello elevato. Inoltre le nuove esigenze del mondo del lavoro, le continue evoluzioni tecnologiche, i cambiamenti in atto nella scuola e il continuo bisogno di formazione, i fenomeni immigratori che portano a una società multietnica, la globalizzazione di persone e risorse determinano l’esigenza di rispondere a questi bisogni emergenti con una mentalità aperta, critica e flessibile. Consapevoli delle difficoltà che la scuola deve affrontare per rispondere alle sfide che il mondo del lavoro e la società multietnica chiedono a chi opera con gli studenti, abbiamo individuato gli obiettivi che intendiamo raggiungere, anche riferendoci a un discorso di “qualità del servizio scolastico” necessario per rispondere alle sfide del terzo millennio: conoscere preventivamente i bisogni e le aspettative dell’utenza; soddisfare le attese dell’utenza; favorire il miglioramento continuo del servizio che l’Istituto eroga, coinvolgendo le componenti scolastiche; aggiornare continuamente gli obiettivi di miglioramento del servizio. divenire una scuola che sappia contribuire alla formazione di una mentalità aperta, in grado di vivere e capire la contemporaneità e, senza perdere di vista la tradizione, proiettarsi nel futuro imparando a convivere civilmente con le diversità, senza dogmatismi e senza barriere ideologiche precostituite. La ricerca delle possibili relazioni fra conoscenza teorica delle discipline e professionalità di base si esplica attraverso significative esperienze di laboratorio e di stage, le quali assumono un valore formativo e orientativo e non di semplice addestramento professionale.

13 ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA Il corretto funzionamento dell’Istituzione Scolastica è garantita dalla collaborazione tra le diverse figure gestionali ed operative e dagli organi collegiali che, interagendo tra loro, propongono, attivano e monitorano le diverse attività per il raggiungimento della missione dell’Istituto.  Figure gestionali ed operative  Organi Collegiali

14 F IGURE GESTIONALI ED OPERATIVE (1) Il Dirigente Scolastico: Prof.Carmelo Profetto Attiva i necessari rapporti con il territorio e coordina tutte le azioni interne all’istituto. Il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi: Patrizia Rondena Per assicurare la corretta erogazione del servizio scolastico nell’Istituto opera il personale amministrativo, tecnico ed ausiliario guidato dal D.S.G.A. e diretto dal Capo d’Istituto. Sono istituiti i seguenti uffici:  Presidenza  Allievi (Didattica)  Personale  Amministrazione I Collaboratori del Dirigente Scolastico sono scelti direttamente dal Dirigente Scolastico ed hanno compiti di carattere organizzativo e gestionale. Uno dei collaboratori è anche vicario del dirigente scolastico.  Vicario: Prof.ssa Roberta Monolo  Docente collaboratore: Prof. Eucarpio Di Giorgi  Docenti responsabili di Sede con funzioni organizzative e didattiche: Prof.ssa Lucia Di Leo (Resp. IPSIA Marcora), Prof.ssa Giuseppina Trabacca (Resp. ITTG Marcora) Prof.ssa Olga Dardani (Resp. IPSCS Lombardini)

15 F IGURE GESTIONALI ED OPERATIVE (2) Le Funzioni Strumentali: i docenti incaricati di funzione strumentale sono individuati dal Collegio Docenti con il compito di sovrintendere alle aree ritenute fondamentali per la realizzazione delle finalità della scuola. Il GLH (Gruppo di Lavoro Handicap): ogni anno viene costituito il GLH di cui fanno parte, oltre al Dirigente Scolastico, rappresentanti dei docenti, dei genitori, degli studenti e dei servizi del territorio con compiti di progettazione e monitoraggio delle attività relative all’integrazione degli alunni diversamente abili. Le Commissioni: deliberate annualmente dal Collegio Docenti, si occupano della progettazione e della realizzazione dei progetti previsti in sintonia con gli obiettivi e le finalità del Piano dell’Offerta Formativa. Ogni commissione è coordinata da una Funzione Strumentale o da un docente referente.

16 O RGANI C OLLEGIALI (1) Il Consiglio d’Istituto è composto dal Dirigente Scolastico, n. 8 docenti, n. 4 studenti, n. 3 genitori e n. 2 rappresentanti del personale ATA. Il Presidente è eletto tra i rappresentanti della componente genitori mentre il Dirigente Scolastico è membro di diritto. Approva il Piano dell’Offerta Formativa, gli aspetti finanziari e il programma economico-finanziario annuale. Si riunisce su convocazione del Preside, almeno una volta al quadrimestre. La Giunta Esecutiva è composta dal Dirigente Scolastico, dal Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi, da n. 3 rappresentanti delle componenti genitori, studenti, docenti e personale ATA. Prepara i lavori del Consiglio d’Istituto. Il Collegio Docenti è composto da tutti i docenti in servizio nell’istituto ed è presieduto dal Dirigente Scolastico. Ha potere deliberante in materia di funzionamento didattico, elegge le Funzioni Strumentali e delibera le commissioni di lavoro. Delibera tutte le attività di carattere culturale, curriculari e extra- curriculari, destinate agli studenti e le attività di aggiornamento rivolte ai docenti.

17 O RGANI C OLLEGIALI (2) Il Consiglio di Classe è formato dai docenti della classe, da due rappresentanti eletti dei genitori e da due rappresentanti eletti degli studenti. E’ presieduto dal Dirigente Scolastico o dal docente Coordinatore di Classe e si riunisce su convocazione del Preside, con la sola componente docenti, per la programmazione e la valutazione periodica e finale degli alunni; con la presenza dei rappresentanti dei genitori e degli studenti due volte all’anno nelle riunioni interquadrimestrali, e nelle eventuali convocazioni straordinarie. Il Comitato Studentesco è eletto annualmente dai rappresentanti di classe degli studenti dell’Istituto. Ha il compito di:  sollecitare, proporre e sostenere le iniziative degli studenti in ambito culturale (incontri, conferenze,…), sociale (iniziative di solidarietà,volontariato, manifestazioni …), sportivo (gare, tornei, …), ricreativo (feste,…);  partecipare con propri rappresentanti alle attività promosse dall’Istituto nelle sue diverse componenti;  garantire un’ efficace e continua comunicazione tra il Comitato Studentesco e tutti i rappresentanti di classe degli studenti (tramite una opportuna programmazione di incontri).

18 ORGANIGRAMMA Dirigente Scolastico Prof. Carmelo Profetto Responsabili di Sede con funzioni organizzative e didattiche Collaboratore Vicario Prof.ssa Roberta Monolo Sede Lombardini Prof.ssa O. Dardani Sede Marcora Prof.ssa G. Trabacca Prof.ssa L. Di Leo Collaboratore del Preside Prof. ing. Eucarpio Di Giorgi D.S.G.A. Dott.ssa Patrizia Rondena Ufficio Tecnico Prof. Michele Di Fiore Personale ATA Segreteria Didattica Segreteria del Personale Assistenti Tecnici Collaboratori Scolastici R.S.P.P. Resp. Laboratori Resp. Magazzino R.S.U.Organi Elettivi Organi Collegiali Giunta Esecutiva Consiglio D’Istituto Comitato di Valutazione Docenti Organo di Garanzia Consigli di Classe Assemblea di Classe Collegio Docenti Riunioni per materia Responsabili di Dipartimento Assemblea di Istituto Funzioni Strumentali

19 SICUREZZA L’Educazione alla Sicurezza è riconosciuta dall’istituto come bisogno primario e, quindi, come obiettivo trasversale a tutte le discipline del curricolo formativo. Funzionale a questo scopo è la conoscenza dei rischi del “territorio”e la collaborazione con Enti specifici, già operanti nel territorio, allo scopo di elaborare piani operativi finalizzati anche alla protezione civile e alla salvaguardia della vita propria e altrui. Le risorse da considerare per l’elaborazione del piano di sicurezza possono essere riassunte nelle seguenti: - risorsa economica; - formazione del personale docente e non docente; - collaborazione delle famiglie, delle associazioni di volontariato, delle istituzioni; - convenzioni, contratti, protocolli con strutture “altre”; - coinvolgimento, a livello decisionale e di assunzione delle responsabilità, per i problemi di protezione civile, del Dirigente Scolastico, degli OO. CC. e del Docente referente di educazione alla Protezione Civile ; - sensibilizzazione dei docenti; - elaborazione di strumenti per la conoscenza dei bisogni; - istituzione di un gruppo di lavoro ( studio e informazione ); - individuazione di alcune classi "campione", per l’avvio graduale di una sperimentazione delle iniziative finalizzate all’educazione alla protezione civile; - attuazione di piani di evacuazione. Il piano di Valutazione dei Rischi e il relativo Piano di Evacuazione costituiscono riferimento certo per la piena conoscenza della realtà scolastica dei vari plessi e per il conseguente comportamento da assumere in caso di pericolo.

20 L’ATTIVITÀ DIDATTICA È l’attività con la quale si realizza l’azione di insegnamento- apprendimento, per aiutare l’alunno a crescere sia dal punto di vista personale che culturale. Si esplica essenzialmente in tre distinti momenti: Progettazione del percorso formativo, con individuazione delle competenze che il singolo studente deve acquisire e delle regole comportamentali che il gruppo classe deve rispettare. È svolta a livello collegiale in sede di riunioni per gruppi disciplinari e per consigli di classe. Individuazione e somministrazione dei contenuti che vengono sviluppati per raggiungere gli obiettivi prefissati, in modo da permettere agli studenti di acquisire le competenze necessarie e programmate. Verifica e valutazione del percorso formativo che il singolo allievo ha effettuato. La verifica viene effettuata dal singolo insegnante nell’ambito disciplinare di competenza, mentre la valutazione del percorso dell’allievo rispetto a quanto programmato è svolta in modo collegiale dal consiglio di classe.

21 ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO L’ Alternanza Scuola-Lavoro, regolamentata dall’art.4 della Legge n.53/2003, è una metodologia formativa articolata in momenti di formazione d’aula e periodi di formazione in azienda. Il percorso in alternanza si propone di orientare e sostenere un ingresso consapevole nella realtà lavorativa creando una fattiva alleanza tra il mondo della scuola e quello del lavoro in un contesto che vede la collaborazione di diversi attori: scuola, imprese, agenzie di formazione-lavoro, istituzioni locali. L'esperienza viene attivata in tutte le classi, dalla seconda alla quinta, come proposta formativa, continuamente rinnovata, che tiene conto delle trasformazioni in atto sia nel mondo della scuola sia in quello del lavoro. E’ organizzata in momenti di formazione d’aula e in azienda, finalizzati all'acquisizione di competenze di base e professionali che consentano alla persona di svolgere un ruolo attivo e da protagonista nella realtà sociale e lavorativa. Offre modalità di apprendimento che assicurano oltre alle conoscenze di base anche l’acquisizione di competenze spendibili sul mercato del lavoro in quanto coinvolgono imprese, agenzie di formazione-lavoro, istituzioni locali e regionali nella formazione dello studente per attuare un percorso flessibile e arrivare insieme (scuola e mondo del lavoro) alla certificazione di competenze ritenute unitariamente valide. Si privilegiano itinerari di formazione con i seguenti soggetti coinvolti: AFOL CITTA’ DEI MESTIERI MAESTRI DEL LAVORO FONDAZIONE SODALITAS- ASSOLOMBARDA CAMERA DEL LAVORO AZIENDE DI SETTORE DEL TERRITORIO Per le classi seconde vengono svolte attività finalizzate a favorire la capacità di scelta, a sostenere gli studenti nel percorso di individuazione del triennio, ad offrire un primo approccio al mondo del lavoro anche tramite visite aziendali. Per le classi terze, quarte e quinte si consolida l’apprendimento sia con la formazione in azienda per due/quattro settimane sia con l’intervento di esperti esterni per approfondire in aula alcune tematiche quali: sicurezza nei luoghi di lavoro andamento economico ed evoluzione delle attività economiche del nostro territorio figure professionali richieste dal mondo del lavoro e relative competenze analisi delle competenze in relazione alla costruzione del curriculum vitae comunicazione e colloquio di selezione CV e lettera di presentazione nel mercato del lavoro.

22 Offrire agli studenti la possibilità di accedere a luoghi di educazione e formazione diversi da quelli istituzionali, per stimolare e valorizzare al meglio le loro potenzialità personali; Arricchire e professionalizzare il curriculum scolastico con contenuti operativi, rilevando le competenze, in particolare quelle trasversali; Favorire la transizione dello studente al mondo del lavoro, anticipando, attraverso l'esperienza formativa nei luoghi di lavoro, la valutazione circa la corrispondenza delle aspettative e degli interessi personali con gli scenari e le opportunità professionali; Rafforzare il ruolo di centralità, assunto dall'istruzione e dalla formazione, nei processi di crescita e modernizzazione della società e considerare il raccordo tra istruzione, formazione e mondo del lavoro un fattore strategico sia per le imprese che per i giovani che si affacciano al mercato del lavoro nel territorio; Impostare un'organizzazione didattica fondata su laboratori e progetti. Al termine del percorso in alternanza è prevista una Certificazione del progetto con l'indicazione di: Numero di ore effettuate Frequenza Livello raggiunto Riconoscimento delle competenze acquisite Esperienza acquisita da inserire nel curriculum vitae O BIETTIVI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

23 PROGETTI E COMMISSIONI Integrazione alunni diversamente abili Accoglienza e integrazione alunni stranieri - Intercultura Viaggi e visite d’istruzione Orientamento Certificazioni linguistiche e potenziamento delle lingue straniere Centro Sportivo Scolastico Sportello di ascolto psicologico Quotidiano in classe Progetto ECDL e gestione TEST CENTER SOS per il cittadino digitale Progetto «Video nell’atrio» Progetto Generazione Web Progetto «GIOVANI & IMPRESA» IFS: Impresa Formativa Simulata Educazione finanziaria Programma Unplugged Biblioteca Attività di recupero

24 I NTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Nell'Istituto opera un gruppo di docenti, con specializzazione polivalente per l'insegnamento ad alunni diversamente abili, che collabora con i consigli di classe per realizzare percorsi didattici differenziati e/o equipollenti destinati ad allievi con difficoltà di apprendimento. Le programmazioni dei Consigli di Classe tengono conto dell’inserimento e della successiva integrazione degli alunni portatori di handicap e dei BES che fanno capo al “Progetto Inclusività”, elaborato annualmente dal Gruppo di lavoro per l’Inclusività per agevolare lo sviluppo dell’autonomia, la socializzazione, la comunicazione e, per quanto possibile, l’acquisizione di conoscenze di base delle varie discipline.

25 I NTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Il gruppo GLI appositamente costituito prevede lo svolgimento di diverse attività di seguito descritte: Laboratorio di manualità e di creatività Finalità: Favorire l’acquisizione del controllo di sé attraverso la manualità e favorire la socializzazione di e con gli alunni diversamente abili Progetto e. citizen (internet – Posta elettronica ) per soggetti diversamente abili Finalità: Sviluppare un livello base di conoscenze ed abilità informatiche relative all’uso di internet e far acquisire agli alunni una patente europea del computer. Laboratorio di educazione stradale Finalità: Utilizzare i contenuti dell’educazione stradale per sviluppare negli allievi il rispetto delle regole, il senso di indipendenza e di responsabilità. Sportello help dislessia Finalità: offrire ai dislessici e ai loro familiari un punto di riferimento per ottenere informazioni e aiuto per l'identificazione del problema o per l'approccio riabilitativo e scolastico. Alternanza per l’inclusione Finalità: Il progetto è rivolto ad alunni DVA delle classi III e IV che devono effettuare l’alternanza scuola-lavoro; l’obiettivo è quello di facilitarne l’inserimento nel mondo lavoro.

26 A CCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI I NTERCULTURA La finalità del progetto è quella di promuovere l’inserimento e l’integrazione degli alunni stranieri nella scuola, garantendo pari opportunità. Il progetto prevede l’organizzazione di laboratori di italiano L2, con docenti interni e tramite peer- education. Sono previste attività di orientamento, inserimento scolastico, raccolta dati per un’anagrafe degli alunni stranieri.

27 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI COSA SI PROPONE Definire pratiche condivise all’ interno della scuola in tema di accoglienza alunni stranieri Facilitare l’ ingresso di alunni di altra nazionalità nel sistema scolastico italiano e nel contesto sociale Sostenere gli alunni neo-arrivati nella fase di adattamento Favorire il clima di accoglienza e di attenzione alle relazioni prevenendo e rimuovendo eventuali ostacoli alla completa integrazione Promuovere la collaborazione fra scuola e territorio sui temi dell’ accoglienza e dell’ educazione interculturale NORMATIVA (Principali riferimenti) D.Lgs. n. 286/1998 e il relativo Regolamento di attuazione D.P.R. 394/1999 D.P.R. 122/2009 Direttiva del MIUR del 27 dicembre 2012 Linee guida per l’ accoglienza e l’ integrazione degli alunni stranieri di Febbraio 2014

28 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI: PRIMA FASE: ACCOGLIENZA IN INGRESSO Secondo la normativa vigente, i minori stranieri hanno diritto all’istruzione indipendentemente dalla regolarità della posizione in ordine al loro soggiorno e sono soggetti all’obbligo scolastico. Il Collegio docenti individua al proprio interno almeno due docenti incaricati dell’accoglienza/integrazione degli alunni stranieri e analogamente anche la Segreteria individua un proprio referente per l’iscrizione degli alunni stranieri. All’atto dell’iscrizione il referente della segreteria contatta gli insegnanti incaricati per fissare un incontro di accoglienza tra gli stessi, l’alunno straniero e i suoi genitori e, se disponibile e/o necessario, un mediatore culturale. In questa fase vengono richiesti i documenti di tipo scolastico, sanitario e fiscale necessari per l’iscrizione. Il giorno dell’incontro di accoglienza verrà anche perfezionata l’iscrizione a cura della Segreteria.

29 Domanda di iscrizione. Documentazione anagrafica, tenendo conto che: la posizione d’irregolarità non influisce sull’esercizio riconosciuto all’alunno straniero del suo diritto- dovere all’istruzione, gli alunni stranieri i cui genitori siano sprovvisti di permesso di soggiorno vengono iscritti con riserva; nell’attesa il Dirigente Scolastico accetterà la ricevuta della Questura attestante la richiesta, gli operatori scolastici non hanno l’obbligo di denunciare la condizione di soggiorno irregolare degli alunni stranieri iscritti, in caso di minori stranieri “non accompagnati” la scuola deve darne subito segnalazione all’autorità pubblica competente, chi nasce in Italia da genitori stranieri acquisisce la cittadinanza, anche doppia, dei genitori. Permesso di soggiorno, tenendo conto che gli alunni stranieri i cui genitori siano sprovvisti di permesso di soggiorno vengono iscritti con riserva; nell’attesa il Dirigente Scolastico accetterà la ricevuta della Questura attestante la richiesta. Documenti sanitari, tenendo conto che: la scuola ha l’obbligo di accertare se sono state praticate agli alunni le vaccinazioni obbligatorie, gli alunni privi di relativa certificazione vengono, comunque, iscritti con riserva, se la famiglia dichiara di non voler vaccinare il figlio, il Dirigente Scolastico comunicherà tale circostanza all’ASL di competenza. Documenti scolastici: richiesta certificato attestante studi compiuti o autocertificazione; in ogni caso, anche per verificare il carattere legale della scuola di provenienza, l’Istituzione Scolastica può prendere contatto con l’autorità diplomatica e consolare di competenza. Altre eventuali dichiarazioni : situazione economico-patrimoniale per l’accesso ad eventuali misure di sostegno. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI: PRIMA FASE: ACCOGLIENZA IN INGRESSO D OCUMENTAZIONE NECESSARIA DA INSERIRE NEL FASCICOLO DELL ’ ALUNNO :

30 La determinazione della classe sarà fatta in base: all'età anagrafica; alla scolarità pregressa; alla presenza di altri alunni stranieri, casi problematici, casi di disagio e svantaggio nella stessa classe. In ogni caso l'alunno può essere iscritto al massimo ad una classe precedente la sua età anagrafica. INSERIMENTO NELLA CLASSE: Fra l'atto formale dell'iscrizione e l'effettivo inserimento in classe intercorrerà un lasso di tempo che permetterà di curare l'inserimento stesso (colloquio, test d'ingresso, scambio di informazioni, preparazione della classe,....). L'insegnante coordinatore, preventivamente contattato da un membro della Commissione Accoglienza, provvede a informare tutti i componenti del Consiglio di Classe del nuovo inserimento. L'insegnante in servizio accoglie il nuovo alunno e lo presenta la classe. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI: SECONDA FASE: ASSEGNAZIONE DELLA CLASSE E INSERIMENTO

31 II Consiglio di classe ha il compito di: informare i compagni del nuovo arrivo e creare un clima positivo di attesa organizzare delle attività di benvenuto e conoscenza individuare un alunno particolarmente adatto a svolgere la funzione di tutor dell'alunno straniero rilevare i bisogni specifici di apprendimento individuare ed applicare modalità di semplificazione dei contenuti e di facilitazione linguistica per ogni disciplina, stabilendo contenuti minimi ed adattando ad essi la verifica e la valutazione informare l'alunno e la famiglia del percorso predisposto per lui dalla scuola mantenere i contatti con la Commissione di Accoglienza prevedere la possibilità di uscita dal gruppo classe per interventi individualizzati di supporto e/o in piccolo gruppo anche insieme ad alunni di altre classi in orario curriculare. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI: TERZA FASE: INDICAZIONI DI PERCORSO DIDATTICO-EDUCATIVO

32 Per promuovere e sostenere la piena integrazione degli alunni stranieri nel più vasto contesto sociale e per realizzare un progetto educativo che tenga in considerazione il rispetto delle differenze, la scuola promuoverà, nei limiti del possibile, la collaborazione con le risorse del territorio, con i servizi, con le amministrazioni locali per costruire una rete di interventi. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI: LA COLLABORAZIONE CON IL TERRITORIO

33 V IAGGI E VISITE D ’ ISTRUZIONE Ogni anno l’istituto organizza Viaggi d’Istruzione in Italia o all’estero con lo scopo di sviluppare nei partecipanti conoscenze nazionali e transnazionali per accedere ad una visione multiculturale della società attuale. La commissione Viaggi di Istruzione organizza, anche con l’obiettivo di integrare le attività didattiche svolte in classe, con l’approvazione dei consigli di classe, visite di istruzione a: città; musei; luoghi di rilevanza storica e culturale; mostre; impianti industriali; manifestazioni turistiche. Inoltre tali Viaggi corrispondono a significativi momenti di “apprendimento” sul campo e di crescita professionale ed umana sia per gli alunni che per gli accompagnatori.

34 O RIENTAMENTO La tematica dell’orientamento è centrale nel duplice obiettivo di far conoscere il nostro Istituto nel territorio, accompagnando l’alunno durante il percorso scolastico nella scelta di indirizzo e nell’orientamento in uscita, informando ed orientando gli alunni dell’ultimo anno di corso sulle opportunità occupazionali provenienti dal mondo del lavoro del territorio e sui vari indirizzi delle facoltà universitarie della Lombardia e degli altri atenei Italiani.

35 C ERTIFICAZIONI LINGUISTICHE E POTENZIAMENTO DELL ’ INSEGNAMENTO DELLE LINGUE STRANIERE L’istituto offre l’opportunità ai propri studenti di verificare le proprie abilità linguistiche relativamente alla lingua inglese e ed alla lingua francese sostenendo annualmente un esame per la certificazione delle competenze presso la propria sede scolastica. La scuola per sostenere maggiormente gli studenti nella preparazione dei test linguistici, offre corsi pomeridiani gratuiti tenuti da docenti madrelingua. L’Istituto è sede d’esame per le seguenti certificazioni: Trinity (lingua inglese); DELF (lingua francese).

36 C ENTRO S PORTIVO S COLASTICO L’attività sportiva rappresenta uno dei mezzi per la formazione globale della personalità degli allievi, profondamente integrata con i processi di sviluppo dell’intelligenza, della socialità e dell’identità culturale. Essa rappresenta “una” delle forme dell’attività motoria, quindi non può né sostituire né surrogare le attività previste dai vigenti programmi ministeriali della scuola secondaria, ma certamente integra l’attività di formazione globale di ciascun allievo, che viene svolta durante le ore curriculari. L’attività sportiva extrascolastica pomeridiana, perseguendo le finalità dell’attività curriculare, offre proficue occasioni di incontro per i giovani da vivere a scuola. La scuola ha il compito di costruire risposte didattiche ed occasioni formative, che avvicinino i giovani all’istruzione, contribuendo alla lotta contro la dispersione scolastica. Si evince quindi che le attività sportive possono rappresentare un momento importante del processo formativo dei giovani, i quali superano l’emarginazione ed il proprio disagio attraverso attività costruite di gruppo nella quale rispettano i ruoli, accettano le regole e valutano le proprie capacità in funzione di mete comuni. La costituzione del Centro Sportivo Scolastico, attraverso la stesura e l’attuazione di un progetto di avviamento alla pratica sportiva, si pone le seguenti finalità: Momento di sano confronto agonistico; Momento di acquisizione di abitudini sportive che accompagnino i momenti di vita; Strumento di diffusione dei valori positivi dello sport; Strumento di attrazione per la costituzione di gruppi e aggregazioni giovanili; Strumento di lotta alla dispersione scolastica. Il progetto si riassume in 4 fasi: Gare e Tornei di Istituto; Gruppo Sportivo Scolastico; Giochi Sportivi Studenteschi; Uscite didattico-sportive e corsi sportivi di più giovani.

37 S PORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO Durante l’anno scolastico è possibile usufruire, su richiesta, di un supporto psicologico da personale specializzato. Obiettivo è offrire sostegno e rinforzo alla scolarizzazione dei ragazzi, uno spazio di ascolto e di consulenza che favorisca gli apprendimenti e lo star bene a scuola; supportare le famiglie che vivono momenti di disagio e incomprensione con i figli e i docenti che devono affrontare problematiche particolari nelle classi con i singoli o con il gruppo classe. Lo Sportello di ascolto è finalizzato alla relazione d’aiuto, rispetto a situazioni di disagio scolastico e disagio giovanile di valenza non terapeutica.

38 P ROGETTO Q UOTIDIANO IN CLASSE Il progetto si pone come obiettivo fondamentale la sensibilizzazione degli allievi nei riguardi delle problematiche sociali attraverso la lettura, commento e confronto dei vari quotidiani che pervengono gratuitamente in Istituto e che sono a disposizione dei ragazzi.

39 P ROGETTO ECDL E GESTIONE CENTER Il progetto ECDL è rivolto al conseguimento della Patente Europea del Computer relativa al pacchetto software “Microsoft OFFICE”. (Diploma ECDL e Certificazione E-CITIZEN) Il progetto GESTIONE TEST CENTER mantiene attivo il Test Center con tutte le procedure previste, quali ad esempio: comunicazione con AICA, iscrizione dei candidati su server AICA, iscrizione SKILLS CARD, inserimento candidati per le sessioni di esami, contatti con l’associazione ASPHI.

40 SOS C ITTADINO D IGITALE Si tratta di un progetto per l’utilizzo di Internet, che sia di supporto al cittadino, al fine di promuovere percorsi di integrazione culturale tra scuola e territorio. Lo scopo è quello di facilitare l’accesso al mondo dei servizi in rete ed è rivolto a tutti coloro che ne sono esclusi per mancanza di tecnologia e di conoscenze digitali. A tal proposito, viene istituito un info-point a disposizione degli interessati.

41 P ROGETTO «VIDEO NELL’ATRIO» Il progetto prevede la realizzazione di brevi presentazioni a tema con messaggi informativi / educativi per gli alunni interni, da proiettare durante gli intervalli mattutini o in occasioni particolari. Le presentazioni riguardano temi quali i vantaggi e gli svantaggi dell’uso del cellulare, EXPO 2015, uso sicuro di Internet, eventi culturali.

42 P ROGETTO G ENERAZIONE W EB Fortemente voluto e largamente sovvenzionato dalla Regione Lombardia, il progetto Generazione Web prevede l’uso della LIM e dei tablet da parte di docenti e studenti della classe, sostituendo con il formato digitale i testi cartacei tradizionali, e favorendo così negli studenti il passaggio da un ruolo esclusivamente recettivo ad uno attivo nel processo di apprendimento. Il ruolo attivo degli studenti si manifesta, per esempio, nella condivisione di documenti tramite Internet, utilizzando strumenti che consentono di archiviare documenti, foto e video; modificarli da qualsiasi dispositivo e condividerli esattamente con chi si desidera. Il raggiungimento degli obiettivi formativi si realizza tramite una serie di azioni metodologiche: al docente è richiesto di fornire lezioni, compiti e comunicazioni agli allievi, in formato prevalentemente digitale, selezionando le fonti testuali e iconografiche presenti online. Tale approccio permette di moltiplicare le possibilità di accesso a materiali di particolare importanza, attraverso appositi link alla piattaforma di e-learning, e tramite l’utilizzo di materiali condivisi. La possibilità di instaurare discussioni online permette di potenziare l’interazione della classe, fornendo ulteriori stimoli per approfondimenti e compiti extra scolastici, tramite la produzione e la condivisione di materiali preparati sia dal docente sia dagli allievi. Inoltre l’utilizzo delle tecnologie informatiche permette di mantenere i contatti con gli studenti assenti e, più in generale, di abbattere le barriere disciplinari (multidisciplinarietà).

43 P ROGETTO «GIOVANI & IMPRESA» Il corso di formazione, organizzato gratuitamente da Fondazione Sodalitas in collaborazione con Assolombarda, è rivolto agli studenti, scelti dai Consigli di Classe, tra i più motivati e responsabili di tutte le classi quinte dell’IPSIA Marcora e dell’IPC Lombardini. L’iniziativa si propone di valorizzare le eccellenze tra i diplomandi, offrendo loro una chance di maturazione e crescita personale e di sviluppare le attitudini all’interazione interpersonale, alla comunicazione, al lavoro di gruppo, ma anche di preparare ad un ingresso più consapevole nel mondo del lavoro. Il corso si articola in due moduli così suddivisi: 1° MODULO: «LA VITA IN AZIENDA» 2° MODULO: «IL POSTO DI LAVORO»

44 IFS: I MPRESA F ORMATIVA S IMULATA Il progetto nasce da un’iniziativa del Ministero dell’Istruzione, con l’obiettivo di costituire all’interno della scuola un’impresa simile in tutto a un’impresa reale, per offrire agli studenti un’ambiente operativo nel quale applicare teorie e concetti acquisiti nel processo didattico e di apprendimento. La nuova metodologia didattica consiste nella simulazione di una realtà aziendale, per permettere agli studenti di raggiungere gli obiettivi didattici disciplinari, attraverso l’impiego di abilità operative.

45 E DUCAZIONE F INANZIARIA La finalità del progetto è quella di agevolare il processo di avvicinamento o di familiarizzazione dei consumatori di domani ai temi finanziari, prima che giunga il momento della vita in cui vengono effettuate importanti scelte economico- finanziarie. L’intento è quello di promuovere nelle nuove generazioni una maggiore consapevolezza del rischio e una cultura della sua prevenzione e gestione nel percorso di vita.

46 P ROGRAMMA UNPLUGGED E’ un programma per l’educazione alla salute, validato scientificamente e basato su teorie sui comportamenti di salute. E’ presentato dall’Ufficio Scolastico Regionale, in collaborazione con le ASL terrritoriali. Le finalità riguardano lo sviluppo delle competenze individuali e di cittadinanza, la qualificazione dell’ambiente sociale della scuola, il rafforzamento della collaborazione comunitaria, la riduzione dell’uso di droghe, alcool, sigarette.

47 B IBLIOTECA Il progetto ha la finalità di valorizzare l’importanza della lettura e della consultazione dei testi cartacei, oltre alla consulenza fornita ai giovani utenti.

48 A TTIVITÀ DI RECUPERO Per i ragazzi che durante le ore curriculari non raggiungono la sufficienza, l’istituto organizza dei percorsi didattici personalizzati ed aggiuntivi rispetto al percorso ordinario. Tali attività vengono svolte di pomeriggio e sono organizzati come: Corsi Di Recupero Obbligatori: Al termine del primo quadrimestre, si attua una pausa dell’attività didattica curriculare, finalizzata al superamento delle insufficienze riportate nella prima parte dell’anno. Al termine dell’anno scolastico vengono realizzati corsi di recupero per tutti quegli studenti che, ai primi di settembre, dovranno sostenere prove volte a colmare le lacune delle materie in cui hanno avuto una valutazione insufficiente. Sportello Didattico: a richiesta dell’alunno durante l’anno scolastico.

49 LA VALUTAZIONE Una valutazione obiettiva si esplica sia attraverso le prove di verifica (scritte, orali, grafiche, pratiche), in relazione agli obiettivi specifici della materia e agli obiettivi trasversali stabiliti dai Consigli di Classe, sia tenendo conto dell’intero percorso formativo dello studente. Le prove utilizzate nell'Istituto per raggiungere una corretta valutazione dell'apprendimento degli allievi possono essere di tre tipi: Diagnostiche, per accertare il livello di partenza e il grado di acquisizione dei prerequisiti indispensabili per predisporre un attività di insegnamento-apprendimento efficace; Formative, aventi lo scopo di verifica durante un itinerario didattico; Sommative, per la valutazione complessiva alla fine di un itinerario didattico. Prima di effettuare l'operazione più complessa della valutazione, gli Insegnanti misurano il grado di raggiungimento degli obiettivi prefissati in ordine al sapere (conoscenze), al saper fare (abilità), al saper essere (atteggiamenti). La tipologia delle prove sono scelte opportunamente dal docente a seconda della disciplina insegnata e della competenza da acquisire. La valutazione, dovere fondamentale del Docente, risponde a parametri comuni, definiti nei piani di lavoro annuali, coerenti alle linee generali indicate dagli organi collegiali (Collegio Docenti, Coordinamenti di materia, Consigli di Classe) e che si possono così sintetizzare: Trasparenza dell'iter valutativo; Valorizzazione delle risorse e potenzialità dell'allievo; Individuazione di tre momenti valutativi: diagnostico, formativo e sommativo. In ogni caso, le tipologie di valutazione praticate nell'Istituto hanno lo scopo di: sollecitare la partecipazione al dialogo; tenere conto dei livelli di partenza, dell'impegno, dell'interesse, della partecipazione e della volontà dimostrate nel corso dell'anno scolastico; rilevare per tutti gli allievi, in determinati momenti, le medesime abilità e il grado di autonomia nell’esecuzione del compito assegnato; verificare il grado di conoscenza dei contenuti acquisiti; garantire il maggior grado di oggettività ed affidabilità; sollecitare l'autovalutazione dell'allievo. Il voto quadrimestrale, e quello finale scaturiscono dagli esiti di un congruo numero di prove quali risultano dal registro personale, e dagli elementi stabiliti dal Docente nel suo piano di lavoro. Gli allievi diversamente abili in base agli obiettivi raggiunti possono conseguire il titolo di studio previsto o la certificazione delle competenze acquisite.

50 CRITERI UTILIZZATI PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE LIVELLICONOSCENZACOMPETENZACAPACITA’ 1° voto 1 / 2Nessuna Nulla in quanto l’alunno:  Consegna il foglio in bianco  Rifiuta l’interrogazione 2° voto 3 / 4 Nessuna/ScarsaScarsa in quanto l’alunno commette gravi errori Scarsa in quanto l’alunno:  Non riesce ad applicare le conoscenze in situazioni nuove  Non è in grado di effettuare alcuna analisi  Non sa sintetizzare le conoscenze acquisite 3° voto 5 Mediocre in quanto la conoscenza risulta frammentaria e superficiale Mediocre in quanto l’alunno commette errori anche nell’esecuzione di compiti semplici Mediocre in quanto l’alunno:  Sa applicare le conoscenze in compiti semplici ma commette errori  È in grado di effettuare analisi parziali  È in grado di effettuare una sintesi parziale ed imprecisa 4° voto 6 Sufficiente in quanto la conoscenza risulta essere completa pur se non approfondita Sufficiente in quanto l’alunno non commette errori nell’esecuzione di compiti semplici Sufficiente in quanto l’alunno:  Sa applicare le conoscenze in compiti semplici senza errori  Sa effettuare analisi complete ma non approfondite  Sa sintetizzare le conoscenze ma deve essere guidato 5° voto 7 Discreta in quanto la conoscenza risulta completa e approfondita Discreta in quanto l’alunno non commette errori nell’esecuzione di compiti complessi ma incorre in imprecisioni Discreta in quanto l’alunno:  Sa applicare i contenuti e le procedure acquisite anche in compiti complessi ma con imprecisioni  Effettua analisi complete e approfondite pur se con aiuto  Ha acquisito autonomia nella sintesi ma restano incertezze 6° voto 8 Ottima in quanto la conoscenza risulta coordinata e ampliata Ottima in quanto l’alunno non commette errori né imprecisioni nella risoluzione dei problemi Ottima in quanto l’alunno:  Applica le procedure e le conoscenze in problemi nuovi senza errori e imprecisioni  Ha padronanza nel cogliere gli elementi di un insieme e nello stabilire nessi e relazioni  Comincia ad organizzare in modo autonomo e completo le conoscenze e le procedure acquisite 7° voto 9 / 10 Eccellente in quanto la conoscenza risulta coordinata e ampliata Eccellente in quanto l’alunno risolve in modo autonomo e preciso le problematiche Eccellente in quanto l’alunno evidenzia completa autonomia nella capacità di analisi, sintesi e applicazione, arricchendola anche con apporti personali

51 C RITERI DI ASSEGNAZIONE DEL VOTO DI CONDOTTA Per la valutazione della condotta, è utilizzata la scala di misurazione sotto riportata: VOTODESCRITTORI/INDICATORI 10partecipazione consapevole e costruttiva. comportamento sempre corretto e responsabile 9partecipazione collaborativa. comportamento corretto e responsabile 8partecipazione responsabile. comportamento complessivamente corretto 7partecipazione e comportamento discretamente responsabile. frequenza complessivamente assidua e puntuale alle lezioni. 6partecipazione superficiale. comportamento incostante per responsabilità e collaborazione con la presenza di più note di condotta scritte sul registro di classe e/o sospensione di breve durata. 5partecipazione passiva, grave inosservanza del regolamento scolastico tale da comportare notifica alle famiglie e sanzioni disciplinari per almeno 10 giorni, anche cumulabili.

52 C RITERI DI ASSEGNAZIONE DEI CREDITI SCOLASTICI Le tabelle seguenti riportano il numero di punti assegnato in base alla media finale dei voti conseguita a fine anno, per le classi terze e quarte: Classi 3^ - 4^: Attribuzione del credito scolastico: Media VotoCredito Scolastico 6,003 – 4 6,01 – 7,004 – 5 7,01 – 8,005 – 6 8,01 – 9,006 – 7 9,01 – 10,007 – 8

53 C RITERI DI ASSEGNAZIONE DEI CREDITI SCOLASTICI Le tabelle seguenti riportano il numero di punti assegnato in base alla media finale dei voti conseguita a fine anno, per le classi: Classi 5^: Attribuzione del credito scolastico: Media VotoCredito Scolastico 6,004 – 5 6,01 – 7,005 – 6 7,01 – 8,006 – 7 8,01 – 9,007 – 8 9,01 – 10,008 – 9

54 Classi 3^ - 4^ - 5^: Assegnazione del punto nella banda d’oscillazione Parametri: Si dovranno conseguire almeno 4 punti affinché venga attribuito il punto di credito scolastico nella banda di oscillazione. L’alunno promosso a maggioranza non può ottenere il credito in nessun caso. Peso A Media valutazione compresa tra 0,6 e il limite superiore della fascia considerata. 2 B Frequenza delle lezioni IRC con esito non inferiore a “MOLTISSIMO”. 1 C Partecipazione scolastica: non intesa come mera frequenza alle lezioni, ma come partecipazione attiva e propositiva alle attività didattiche proposte. 1 D1 Attività extrascolastiche (certificate): partecipazione ad attività organizzate dalla scuola e non, svolte in orario extrascolastico per la durata complessiva non inferiore a sei ore, tenendo conto anche della tipologia, della validità didattico/disciplinare e dell’attinenza al percorso scolastico. (Per es. certificazioni tecniche, linguistiche, Alternanza S-L, ecc.) 1 D22 D33

55 Anche l’attività svolta dallo studente in Alternanza Scuola-Lavoro contribuisce all’assegnazione del punteggio per i crediti scolastici, secondo l’Ordinanza Ministeriale n.41 del 14/05/2012 all’art.8 comma 5, che recita quanto segue: “Negli istituti professionali, per gli Esami di Stato 2011/2012, la valutazione delle esperienze condotte in alternanza scuola-lavoro concorre ad integrare quella delle discipline alle quali tale attività ed esperienze afferiscono e contribuisce in tale senso alla definizione del credito scolastico”.

56 V ALUTAZIONE GLOBALE DELLE PROVE SCRITTE SIMULATE Per le prove scritte simulate, in preparazione all’esame di stato, si segue lo schema di valutazione sotto riportato: GIUDIZIOPUNTEGGIO LIVELLO DI CONOSCENZA Prova fortemente lacunosa con numerosi e gravi errori1 - 5 Totalmente Negativo Prova lacunosa o incompleta con errori gravi6 - 7 Gravemente insufficiente Prova lacunosa o incompleta con alcuni errori8 - 9Insufficiente Prova essenziale con lievi errori10Sufficiente Prova essenziale e complessivamente corretta11 Più che sufficiente Prova nel complesso completa e corretta12Discreto Prova completa e nel complesso organica13Buono Prova completa, approfondita e rigorosa14Ottimo Prova completa, approfondita e rigorosa, con autonomi collegamenti interdisciplinari 15Eccellente

57 V ALIDITÀ DELL ’ ANNO SCOLASTICO Il Regolamento di coordinamento delle norme per la valutazione degli alunni di cui al DPR 22 giugno 2009, n. 122 prevede che: “… ai fini della validità dell'anno scolastico, compreso quello relativo all’ultimo anno di corso, per procedere alla valutazione finale di ciascuno studente, è richiesta la frequenza di almeno tre quarti dell'orario annuale personalizzato….” Pertanto in fase di scrutinio finale possono essere valutati solo gli alunni che hanno frequentato per il numero minimo di giorni stabiliti dal Collegio Docenti all’inizio di ogni anno scolastico. Per l’a.s. 2013/14 il Consiglio d’Istituto ha fissato a 166 i giorni di attività didattica, pertanto per la validità dell’a.s. l’alunno non deve superare 42 giorni di assenza. Saranno ritenuti validi i giorni di assenza giustificati con certificato medico da presentare al rientro alle lezioni, i giorni dedicati alla donazione del sangue, i giorni di ricovero ospedaliero, i giorni dedicati ad attività sportive agonistiche. Sarà conteggiato come giorno di assenza il cumulo di sei ritardi di un’ora.

58 I PERCORSI FORMATIVI IPSIA Marcora IPSIA Marcora – Corsi attivi  Corso PRODUZIONI INDUSTRIALI ED ARTIGIANALI – ARTICOLAZIONE INDUSTRIA Tessile – Sartoriale: profilo e struttura oraria  Corso MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA: profilo e struttura oraria IPSCS Lombardini IPSCS Lombardini - Corsi attivi  Corso SERVIZI COMMERCIALI: profilo e struttura oraria  Corso SERVIZI SOCIO-SANITARI: profilo e struttura oraria ITTG Marcora ITTG Marcora – Corsi attivi  Corso TECNICO TURISTICO: profilo e struttura oraria  Corso TECNICO GRAFICO: profilo e struttura oraria

59 IPSIA “MARCORA”  Corso PRODUZIONI INDUSTRIALI ED ARTIGIANALI – ARTICOLAZIONE INDUSTRIA Tessile – Sartoriale: profilo e struttura oraria  Corso MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA profilo e struttura oraria

60 PRODUZIONI INDUSTRIALI ED ARTIGIANALI ARTICOLAZIONE INDUSTRIA PROFILO E STRUTTURA ORARI In base a quanto espressamente indicato nel Regolamento recante norme concernenti il riordino degli Istituti professionali, il “Diplomato nell'indirizzo Produzioni industriali e artigianali” interviene nei processi di lavorazione, fabbricazione, assemblaggio e commercializzazione di prodotti industriali e artigianali. Le sue competenze tecnico-professionali sono riferite alle filiere dei settori produttivi generali (abbigliamento) e specificamente sviluppate in relazione alle esigenze espresse dal territorio. Nell'articolazione Industria vengono applicate e approfondite le metodiche tipiche della produzione e dell’organizzazione industriale, per intervenire nei diversi segmenti che la caratterizzano, avvalendosi dell’innovazione tecnologica.

61 DISCIPLINE ORE SETTIMANALI 1° biennio2° biennio5^ anno 1^2^3^4^5^ Lingua e letteratura italiana44444 Lingua inglese33333 Storia22222 Matematica44333 Diritto ed economia22 Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) 22 Scienze motorie e sportive22222 RC o attività alternative11111 Totale ore20 15 Attività e insegnamenti obbligatori di indirizzo Totale complessivo ore32 PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI Quadro orario - ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI DELL’AREA GENERALE

62 DISCIPLINE ORE ANNUE 1° biennio2° biennio5^ anno 1^2^3^4^5^ Tecnol. e tecniche di rappresentazione grafica33 Scienze integrate (Fisica)22 Di cui in compresenza2* Scienze integrate (Chimica)22 Di cui in compresenza2* Tecnologie dell’informazione e della comunicazione 22 Laboratori tecnologici ed esercitazioni3** Laboratori tecnologici ed esercitazioni tessili, abbigliamento 5**4** Tecnologie appl. ai materiali e ai processi produttivi tessili, abbigliamento 654 Progettazione tessile – abbigliamento, moda e costume 666 Tecniche di distribuzione e marketing-23 Totale ore12 17 Di cui in compresenza4*12*6* ARTICOLAZIONE ARTIGIANATO OPZIONE Produzioni Tessili - sartoriali Quadro orario - ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI NELL’AREA DI INDIRIZZO * Attività di laboratorio che prevedono la compresenza degli insegnanti tecnico - pratici ** Insegnamento affidato al docente tecnico-pratico

63 MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA: PROFILO E STRUTTURA ORARIA In base a quanto espressamente indicato nel Regolamento recante norme concernenti il riordino degli Istituti professionali, il “Diplomato nell'indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica” possiede le competenze per gestire, organizzare ed effettuare interventi di installazione e manutenzione ordinaria, di diagnostica, riparazione e collaudo relativamente a piccoli sistemi, impianti e apparati tecnici). Le sue competenze tecnico-professionali sono riferite alle filiere dei settori produttivi generali (elettronica, elettrotecnica, meccanica, termotecnica ed altri) e specificamente sviluppate in relazione alle esigenze espresse dal territorio.

64 DISCIPLINE ORE SETTIMANALI 1° biennio2° biennio5^ anno 1^2^3^4^5^ Lingua e letteratura italiana44444 Lingua inglese33333 Storia22222 Matematica44333 Diritto ed economia22 Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) 22 Scienze motorie e sportive22222 RC o attività alternative11111 Totale ore20 15 Attività e insegnamenti obbligatori di indirizzo Totale complessivo ore32 MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA Quadro orario - ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI DELL’AREA GENERALE

65 DISCIPLINE ORE ANNUE 1° biennio2° biennio5^anno 1^2^3^4^5^ Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica 33 Scienze integrate (Fisica)22 Di cui in compresenza2* Scienze integrate (Chimica)22 Di cui in compresenza2* Tecnologie dell’informazione e della comunicazione 22 Laboratori tecnologici ed esercitazioni3** 4**3** Tecnologie meccaniche e applicazioni553 Tecnologie elettrico-elettroniche e applicazioni 543 Tecnologie e tecniche di installazione e manutenzione 358 Totale ore12 17 Di cui in compresenza4*12*6* MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA Quadro orario - ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI NELL’AREA DI INDIRIZZO * Attività di laboratorio che prevedono la compresenza degli insegnanti tecnico - pratici ** Insegnamento affidato al docente tecnico-pratico

66 IPSCS “LOMBARDINI” I percorsi formativi attivati presso la sede “Lombardini” sono: Servizi commerciali Servizi socio – sanitari

67 SERVIZI COMMERCIALI: PROFILO E STRUTTURA ORARI Il diplomato di Istruzione Professionale nell’indirizzo SERVIZI COMMERCIALI è in grado di: contribuire alla gestione commerciale e a quella dell’area amministrativo-contabile; contribuire alla realizzazione di attività nell’area marketing; realizzare attività tipiche del settore turistico per la valorizzazione del territorio e per la promozione di eventi. Può lavorare in: uffici amministrativi e contabili di aziende private, enti pubblici, scuole; uffici di commercialisti e notarili; fiere e hotel; agenzie di viaggio e tour operator; enti di promozione del turismo.

68 MATERIE ORE classe I ORE classe II AREA COMUNE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA44 LINGUA INGLESE33 STORIA22 MATEMATICA44 DIRITTO ED ECONOMIA22 SCIENZE INTEGRATE (SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA) 22 SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE22 RC o ATTIVITA’ ALTERNATIVA11 AREA DI INDIRIZZO SCIENZE INTEGRATE (FISICA)2 SCIENZE INTEGRATE (CHIMICA)2 INFORMATICA E LABORATORIO22 TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI *55 LABORATORIO (*)2* SECONDA LINGUA STRANIERA (FRANCESE o TEDESCO) 33 TOTALE ORE32 Indirizzo SERVIZI COMMERCIALI QUADRO ORARIO settimanale BIENNIO INIZIALE

69 MATERIE ORE classe III ORE classe IV ORE classe V AREA COMUNE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA444 LINGUA INGLESE333 STORIA222 MATEMATICA333 SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE222 RC o ATTIVITA’ ALTERNATIVA111 AREA DI INDIRIZZO TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI *888 LABORATORIO (*)2* SECONDA LINGUA STRANIERA (FRANCESE o TEDESCO) 333 DIRITTO/ECONOMIA 444 TECNICHE DI COMUNICAZIONE222 TOTALE ORE32 QUADRO ORARIO settimanale SECONDO BIENNIO e QUINTO ANNO

70 MATERIE ORE classe III ORE classe IV ORE classe V AREA COMUNE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA444 LINGUA INGLESE333 STORIA222 MATEMATICA333 SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE222 RC o ATTIVITA’ ALTERNATIVA111 AREA DI INDIRIZZO TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI PUBBLICITARI 888 LABORATORIO (*) REPARTI DI LAV.PER LE ARTI FOTOGRAFICHE2* SECONDA LINGUA STRANIERA (FRANCESE o TEDESCO ) 222 ECONOMIA AZIENDALE333 TECNICHE DI COMUNICAZIONE222 STORIA DELL’ARTE ED ESPRESS. GRAFICO - ARTISTICHE222 TOTALE ORE32 * SERVIZI COMMERCIALI con opzione “Promozione Comm. e Pubblicitaria”

71 SERVIZI SOCIO-SANITARI: PROFILO E STRUTTURA ORARI Il diplomato di Istruzione Professionale dell’indirizzo SERVIZI SOCIO- SANITARI è in grado di: intervenire nella gestione dell’impresa socio-sanitaria e in attività di assistenza e animazione sociale; organizzare interventi a favore dell’integrazione sociale di soggetti deboli; individuare soluzioni corrette a problemi organizzativi, psicologici e igienico-sanitari. Può lavorare in: asili nido; reparti ospedalieri e ambulatori pediatrici; strutture sociali per minori; centri giovanili; case di riposo; centri sociali per anziani.

72 MATERIE ORE classe I ORE classe II AREA COMUNE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA44 LINGUA INGLESE33 STORIA, CITTADINANZA E COSTITUZIONE22 MATEMATICA44 DIRITTO ED ECONOMIA22 SCIENZE INTEGRATE (SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA) 22 SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE22 RC o ATTIVITA’ ALTERNATIVA11 AREA DI INDIRIZZO SCIENZE INTEGRATE (FISICA)2 SCIENZE INTEGRATE (CHIMICA)2 SCIENZE UMANE E SOCIALI (*)44 LABORATORIO (*)1* ELEMENTI DI STORIA DELL’ARTE ED ESPRESSIONI GRAFICHE*2 LABORATORIO (*)1* EDUCAZIONE MUSICALE *2 LABORATORIO (*)1 * METODOLOGIE OPERATIVE22 SECONDA LINGUA STRANIERA (FRANCESE o TEDESCO) 22 TOTALE ORE32 Indirizzo SERVIZI SOCIO-SANITARI QUADRO ORARIO settimanale BIENNIO INIZIALE * Le ore con asterisco indicano un insegnamento svolto congiuntamente dai docenti teorico e tecnico-pratico

73 MATERIE ORE classe III ORE classe IV ORE classe V AREA COMUNE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA444 LINGUA INGLESE333 STORIA222 MATEMATICA333 SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE222 RC o ATTIVITA’ ALTERNATIVA 111 AREA DI INDIRIZZO PSICOLOGIA GENERALE EVOLUTIVA ED EDUCATIVA455 METODOLGIE OPERATIVE3 SECONDA LINGUA STRANIERA (FRANCESE o TEDESCO)333 IGIENE E CULTURA MEDICO-SANITARIA 444 DIRITTO E LEGISLAZIONE SOCIO-SANITARIA333 TECNICA AMMINISTRATIVA ED ECONOMIA SOCIALE 22 TOTALE ORE32 QUADRO ORARIO settimanale SECONDO BIENNIO e QUINTO ANNO

74 ITTG “MARCORA” I percorsi formativi, attivi presso la sede “Marcora”, sono: Tecnico Turistico Tecnico Grafico

75 TECNICO TURISTICO: PROFILO E STRUTTURA ORARIA Il diplomato nell’indirizzo TURISMO dell’ISTRUZIONE TECNICA è in grado di: progettare, documentare e presentare servizi e prodotti turistici che valorizzino il patrimonio culturale, artistico, artigianale, enogastronomico e ambientale del territorio; orientarsi con sicurezza nella normativa pubblicistica, civilistica, fiscale con particolare riferimento a quella del settore Turismo; contribuire a realizzare piani di marketing con riferimento a imprese o prodotti turistici; intervenire nella gestione dell’impresa turistica per gli aspetti organizzativi, amministrativi, e commerciali; impiegare programmi di contabilità integrata specifici per le aziende del settore Turismo; collaborare alla gestione del personale dell’impresa turistica; comunicare in tre lingue straniere, con operatori professionali e utenti delle imprese turistiche; accedere a fonti di informazioni, raccogliere dati ed elaborarli utilizzando i mezzi informatici. Dopo il diploma può accedere a qualsiasi facoltà universitaria, può frequentare corsi di specializzazione in ambito turistico, può lavorare in: enti di promozione del turismo; centri congressuali; agenzie di viaggio e tour operator; imprese alberghiere,di trasporti e di servizi sul territorio; agenzie di Pubbliche Relazioni.

76 MATERIE Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V LINGUA e LETTERATURA ITALIANA STORIA22222 LINGUA INGLESE33333 SECONDA LINGUA COMUNITARIA (FRANCESE o TEDESCO)33333 TERZA LINGUA STRANIERA--333 MATEMATICA44333 DIRITTO ED ECONOMIA22--- DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA--333 SCIENZE INTEGRATE (SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA) SCIENZE INTEGRATE (FISICA)2---- SCIENZE INTEGRATE (CHIMICA)-2--- GEOGRAFIA33--- GEOGRAFIA TURISTICA--222 INFORMATICA22--- ECONOMIA AZIENDALE22--- DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI--444 ARTE E TERRITORIO--222 SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE22222 RELIGIONE CATTOLICA o attività alternativa TOTALE ORE32 ISTITUTO TECNICO settore ECONOMICO - Indirizzo TURISMO: QUADRO ORARIO SETTIMANALE

77 TECNICO GRAFICO: PROFILO E STRUTTURA ORARIA Il diplomato nell’indirizzo TECNICO GRAFICO è in grado di: attuare specifiche competenze nel campo della comunicazione interpersonale e di massa, con particolare riferimento all’uso delle tecnologie per produrla; intervenire nei processi produttivi che caratterizzano il settore della grafica, dell’editoria, della stampa e i servizi ad esso collegati, curando la progettazione e la pianificazione dell’intero ciclo di lavorazione dei prodotti. Il diplomato sarà in condizione di spendere le competenze acquisite inserendosi in piccole, medie e grandi aziende del comparto grafico-editoriale, svolgendo attività differenziate: progettazione, realizzazione, controllo, preventivistica, coordinamento; in agenzie pubblicitarie o in studi grafici professionali sino a svolgere autonomamente la libera professione; in provider per la creazione e costruzione di pagine internet e percorsi multimediali; in un corso di studi superiori postdiploma, (Università, ITS, IFTS...).

78 ISTITUTO TECNICO GRAFICO QUADRO ORARIO SETTIMANALE MATERIE Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V LINGUA e LETTERATURA ITALIANA44444 STORIA22222 LINGUA INGLESE33333 MATEMATICA44333 DIRITTO ED ECONOMIA22--- COMPLEMENTI DI MATEMATICA--11- SCIENZE INTEGRATE (Scienze della Terra e Biologia) SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE-3--- SCIENZE INTEGRATE (FISICA)33--- SCIENZE INTEGRATE (CHIMICA)33--- TECNOLOGIE INFORMATICHE TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA TEORIA DELLA COMUNICAZIONE--33- PROGETTAZIONE MULTIMEDIALE--334 TECNOLOGIE DEI PROCESSI DI PRODUZIONE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEI PROCESSI PRODUTTIVI LABORATORI TECNICI--666 SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE22222 RELIGIONE CATTOLICA o attività alternativa11111 TOTALE ORE32


Scaricare ppt "PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014/2015 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE di Inveruno IPSIA Marcora – IPSCS Lombardini – ITTG Marcora Via G. Marcora,109."

Presentazioni simili


Annunci Google