La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI Forlì 31 MAGGIO 2005 Natale Belosi Responsabile settore rifiuti Sinistra Ecologista.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI Forlì 31 MAGGIO 2005 Natale Belosi Responsabile settore rifiuti Sinistra Ecologista."— Transcript della presentazione:

1 1 LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI Forlì 31 MAGGIO 2005 Natale Belosi Responsabile settore rifiuti Sinistra Ecologista

2 2 PRINCIPI DI SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE 1.le risorse non rinnovabili debbono essere utilizzate il meno possibile e solo nella misura in cui il loro uso porta alla creazione di una risorsa rinnovabile di eguale livello funzionale; 2.le risorse rinnovabili possono essere utilizzate solo nella misura in cui lecosistema è capace di rinnovarle; 3.non possono essere immessi nellambiente sostanze (rifiuti) in maniera superiore alla sue capacità di assorbimento; 4.è necessario evitare linnesco di processi irreversibili.

3 3 SCALA DELLE PRIORITÀ 1.la riduzione 2.il riuso 3.il recupero di materia (riciclaggio) 4.il recupero di energia 5.lo smaltimento in sicurezza

4 4 CRITERI DI SCELTA I risultati ottenuti in determinate condizioni economiche, sociali, culturale e ambientali, possono essere ottenuti in tutte le altre situazioni che presentano analoghe caratteristiche. I migliori risultati ottenuti sulla base dei principi di sostenibilità ambientale indicano la direzione verso cui orientarsi.

5 5 METODOLOGIE DI RACCOLTA RACCOLTA SECCO – UMIDO RACCOLTA STRADALE - RACCOLTA DOMICILIARE

6 6 RACCOLTA STRADALE

7 7 RACCOLTA DOMICILIARE PORTA A PORTA

8 8 TRE REALTA A CONFRONTO (abitanti equivalenti) FORLI TREVISO PRIULA

9 9 COSA DIFFERENZIA FORLI DA TREVISO E PRIULA FORLI Raccolta stradale Secco/umido parziale Alta assimilazione No prevenzione Tariffa parametrica TREVISO-PRIULA Raccolta domiciliare Secco/umido totale Bassa assimilazione Si prevenzione Tariffa puntuale

10 10 PRODUZIONE RIFIUTI URBANI

11 11 RESE % RACCOLTA DIFFERENZIATA CRITERI DI CALCOLO: - OSSERVATORIO NAZIONALE RIFIUTI - EMILIA ROMAGNA - VENETO CON COMPOSTAGGIO DOMESTICO

12 12 REALTA A CONFRONTO stradale domiciliare secco/umido % RD Kg/abit Forlì 100% 0% 20% 16,6% Ravenna 90% 10% 70% 29,6% Treviso 13% 87% 100% 58,5% Priula 0% 100% 100% 67,9%

13 13

14 14

15 15 Confronto andamento produzione e raccolta differenziata

16 16 ALTRI RISULTATI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENEZIA80 ASTI70 MONTECORVINO R.80 FORIO50 MONZA50 BERGAMO50

17 17

18 18 Costi di raccolta, trasporto e smaltimento in base alle rese di RD sistema stradale e domiciliare studio Federambiente

19 19 ALTRI VANTAGGI DEL PORTA A PORTA Tariffa puntuale per utente Maggiore occupazione

20 20 La raccolta domiciliare è molto meglio rispetto alla raccolta stradale perché: 1.Riduce i rifiuti prodotti 2.Permette di riciclarne il doppio 3.Inquina molto meno e rispetta i principi di sostenibilità ambientale 4.Ha costi contenuti 5.Permette di far pagare a ciascuno secondo il rifiuto prodotto 6.Aumenta loccupazione

21 21 IL NUOVO PIANO PROVINCIALE Prevede un aumento di ton Porta da a ton lincenerimento Innalza prima al 35% poi al 50% la RD Non entra in modo sostanziale nel merito della raccolta Rispetto al piano precedente apporta limature in meglio, ma non un cambiamento di prospettiva, cominciando dalla fine (smaltimento) invece che dallinizio (raccolta)

22 22 Il nuovo piano di raccolta dellATO scritto da HERA La metodologia è esclusivamente stradale Prevede unalta assimilazione I nuovi servizi sono esclusivamente aggiuntivi e divisi per fasce di utenti Ha costi crescenti e insostenibili Non garantisce gli obiettivi di RD Non prevede la tariffa puntuale

23 23 PIANI PROVINCIALI A CONFRONTO

24 24 QUALE ENERGIA Il risparmio energetico dovuto al riciclaggio è pari a circa 2 – 5 volte lenergia netta prodotta dallincenerimento di un uguale quantità di rifiuto. Pertanto lincenerimento si configura come uno spreco energetico. La Corte di Giustizia Europea ha definito lincenerimento dei rifiuti in forni dedicati una forma di smaltimento e non di recupero (sentenza C-458)

25 25 INQUINAMENTO INCENERITORI Un inceneritore che brucia i rifiuti di 1 milione di abitanti in un anno produce diossina: come il traffico veicolare generato da 12 milioni di abitanti (fonte ENI) pari a 90 milioni di dosi massime assorbibili da una persona adulta (OMS)

26 26 INQUINAMENTO INCENERITORI IN Belgio, dopo che lesercizio di un inceneritore è stato vincolato allinstallazione di sistemi di campionamento in continuo sono state riscontrate emissioni di diossine superiori di volte il limite normativo (COM, 2001)

27 27 INCENERITORE QUANTO MI COSTI? In Italia lincenerimento è sussidiato con 100 a tonnellata (certificati verdi) più sussidio imballaggi. In Inghilterra lincenerimento è sussidiato per 10,89-21 per tonnellata compreso sussidio imballaggi. In gran parte degli stati europei non vi sono incentivi. In Danimarca lincenerimento è tassato. Svezia, Olanda e Inghilterra stanno discutendo la tassazione.

28 28 Si no, quale inceneritore, a quali condizioni? No ad inceneritori di rifiuto indifferenziato No a potenzialità superiori al 15% Si solo con il consenso degli abitanti.

29 29

30 30 Bilancio di massa (riferimento tonnellate) Riduzione 50,000 20% RU % Raccolta Differenziata % Discarica % Indifferenziato a CDR % Spazzamento % Scarti % Riciclaggio % Inceneritore CDR % Scarto CDR % Ceneri %

31 31 CONCLUSIONI Bloccare liter (la provincia non è in emergenza) Predisporre un piano di raccolta alternativo fatto da progettista indipendente e competente che preveda azioni di prevenzione, raccolta domiciliare e netta separazione fra rifiuto urbano e speciale Successivamente, in base alla previsione e prima applicazione del piano di raccolta formulare il piano provinciale impiantistico di smaltimento sulla base delle quantità e qualità dei flussi.

32 32 UNA NUOVA LEGGE REGIONALE per la riduzione e il riciclaggio Obiettivo di produzione massima procapite/anno Kg 480 Obiettivo di raccolta differenziata al 70% Obiettivo di rifiuto da smaltire in incenerimento o discarica massimo 160 Kg procapite/anno Indicazione netta di applicazione della raccolta domiciliare.

33 33 UNA NUOVA LEGGE REGIONALE per far pagare chi inquina Applicazione di una tariffa puntuale. Estenzione della tassa sulla discarica anche allo smaltimento tramite incenerimento. Sconto di 1/3 sulla tassa di smaltimento ai comuni che smaltiscono meno di 160 Kg procapite/anno. Sconto di 2/3 sulla tassa di smaltimento ai comuni che smaltiscono meno di 100 Kg procapite/anno.

34 34 UNA NUOVA LEGGE REGIONALE per premiare i virtuosi 20% della tassa sullo smaltimento per il compostaggio domestico 40% della tassa sullo smaltimento per finanziare la raccota domiciliare 40% della tassa sullo smaltimento per abbassare i costi degli impianti di compostaggio

35 35 Grazie per lattenzione Natale Belosi responsabile settore rifiuti Sinistra Ecologista


Scaricare ppt "1 LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI Forlì 31 MAGGIO 2005 Natale Belosi Responsabile settore rifiuti Sinistra Ecologista."

Presentazioni simili


Annunci Google