La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Www.ismea.it www.ismeaservizi.it Un nuovo modello del servizio che pone l’azienda agricola al centro del sistema 16 giugno 2015.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Www.ismea.it www.ismeaservizi.it Un nuovo modello del servizio che pone l’azienda agricola al centro del sistema 16 giugno 2015."— Transcript della presentazione:

1 Un nuovo modello del servizio che pone l’azienda agricola al centro del sistema 16 giugno 2015

2 2 I L C OMPARTO AGRICOLO Gli enti del comparto agricolo hanno l’impegno di reimpostare le modalità di interazione tra Amministrazione e azienda agricola. Occorre passare dai servizi erogati dalla P.A. in modo compartimentato ad un nuovo modello di servizio basato sulla integrazione, la cooperazione, la comunicazione e la tecnologia. PARTIRE DALLE ESIGENZE DEL MONDO AGRICOLO E RIDISEGNARE I RUOLI ED I PROCEDIMENTI INTER-ORGANIZZATIVI

3 3 A GRICOLTURA 2.0: INNOVARE PER SEMPLIFICARE Linee guidaInterventi Integrazione  Domanda Unificata 2016  Domanda grafica PAC a regole UE  Pagamento anticipato  Repository unico certificati Cooperazione  Sincronizzazione SIAN - Sistemi regionali/OPR  Interscambio Agricoltura con altre PP.AA. (MEF, Cam. Commercio, INPS,...) Comunicazione  Domanda precompilata  Supporto all'agricoltore  Servizi diffusi (apps, msgs, portali, multicanalità,..) Tecnologia  Piano di coltivazione grafico on-line  Carta Agri-Pay  Firma e Identità Digitale  Open Data  Business Plan Agricoltura 2.0 è la piattaforma abilitante nell’ambito della Strategia per la Crescita Digitale del Governo

4 4 I L P ROGRAMMA 2015 Presentazione domanda PAC 2015 Anticipo 2015 Saldo 2015 Apertura Campagna giugno 15 ottobre 1 dicembre 31 dicembre Domanda PrecompilataDomanda Unificata 2016 Domanda Grafica PAC a regole UE Repository Unico Carta Agripay Pagamento anticipato Firma Digitale Sincronizzazione Sistema SIAN – Sistemi regionali/OPR Identità Digitale

5 5 A GRICOLTURA 2.0: INNOVARE PER SEMPLIFICARE Agricoltura 2.0 è la piattaforma abilitante nell’ambito della Strategia per la Crescita Digitale del Governo A.Strumenti/servizi Ismea «storici»: Reti di Rilevazione, Business tool, rating, Ismea servizi, Panel, Assicurazioni in agricoltura, fondo di riassicurazione e Consorzio, previsioni di campagna, subentro in agricoltura, primo insediamento, garanzie e fidejussioni, fondo capitale di rischio. Si tratta di rivedere i metodi di realizzazione degli attuali servizi Ismea in modo che, tenendo conto della maggiore disponibilità e integrazione dei dati, permettano di erogare servizi che soddisfino le reali esigenze delle aziende agricole e dei decisori politici, ad un costo più contenuto. B.Strumenti Ismea a seguito della nuova PAC.: 1. Assicurazioni innovative agricole, con contributi ai premi assicurativi per polizze che coprono dalle perdite derivanti da avversità atmosferiche, malattie degli animali e delle piante e infezioni parassitarie; 2. Fondo di mutualità, con contributo alla creazione di fondi diretti a indennizzare gli agricoltori per perdite derivanti da malattie degli animali o piante o in caso di incidenti ambientali; 3. Strumento di stabilizzazione del reddito (Income Stabilization Tool, IST), che nei fatti è un fondo mutualistico, per le compensazioni in caso di riduzioni del reddito.

6 6 L’A ZIENDA A GRICOLA AL CENTRO DEL SISTEMA  Supporto alla pianificazione sul territorio e sul mercato: Business Plan  Accesso al credito bancario e assicurativo in modo tempestivo e generalizzato: Gestione del Rischio  Piano assicurativo individuale  Conoscenza delle opportunità: servizi ISMEA  Interazione continuativa (on-line) con la PP.AA., direttamente e per il tramite delle strutture organizzative del sistema: Comunicazione diffusa  Supporto alla commercializzazione: piattaforma s-commerce, Portale DOP/IGP

7 7 Ismea dispone di : una rete di rilevazione dei prezzi (certificata UNI EN ISO 9001:2000) dei prodotti agricoli e dei relativi mezzi di produzione, dei prodotti agro-alimentari all’ingrosso e al dettaglio, istituita a livello nazionale per rispondere a norme interne e comunitarie un sistema di panel di imprese per il monitoraggio del settore agricolo, ittico e dell’industria alimentare un osservatorio dei consumi domestici (attraverso un campione rappresentativo di consumatori) un set di strumenti di previsione, di BP e di M-LP, attraverso modelli quantitativi costruiti per il settore agroalimentare, con l’obiettivo di definire scenari e valutare gli impatti delle politiche economiche UN SET DI STRUMENTI QUALI-QUANTITATIVI DI MONITORAGGIO I SERVIZI INFORMATIVI E DI MERCATO

8 BD settoriali dell’agro-alimentare internazionale, nazionale e regionale (prezzi, produzioni, superfici, rese, scambi commerciali, consumi) 8 BANCHE DATI E REPORT I SERVIZI INFORMATIVI E DI MERCATO Possibilità di attivare indagini/ricerche di mercato ad hoc lungo la filiera (interviste face to face, focus group, indagini cawi e cati)

9 9 I L P IANO A SSICURATIVO I NDIVIDUALE  Deriva direttamente dai dati presenti nel Piano di Coltivazione (coerenza preventiva implicita e certezza del contributo) e del Fascicolo Aziendale  Coerenza con il Contratto Assicurativo e la Polizza stipulata  Riduzione dei costi dei controlli per l’Amministrazione  Certezza dei pagamenti per l’azienda agricola  Dematerializzazione del processo.

10 10 I L P IANO A SSICURATIVO I NDIVIDUALE  Deriva direttamente dai dati presenti nel Piano di Coltivazione (coerenza preventiva implicita e certezza del contributo) e del Fascicolo Aziendale  Coerenza con il Contratto Assicurativo e la Polizza stipulata  Riduzione dei costi dei controlli per l’Amministrazione  Certezza dei pagamenti per l’azienda agricola  Dematerializzazione del processo.

11 11 SUBENTRO IN AGRICOLTURA E SVILUPPO DI IMPRESA Domanda di credito crescente Difficoltà di accesso al credito Richiesti interventi di tagli crescente Difficoltà di finanziare il progetto nel complesso I Finanziatori richiedono un livello adeguato di conoscenza finanziaria Termine della cultura del fondo perduto Assenza sul mercato di un aiuto per lo Sviluppo delle aziende giovanili Giovani quali principali driver di sviluppo E SIGENZE DELLE I MPRESE Garanzie sul progetto Investimento max € Finanziamento solo a mutuo Interventi anche su aziende già di giovani IMPATTO DELLE NOVITÀ SULLE IMPRESE AGRICOLE ITALIANE R ISPOSTE DELLA NORMA

12 GARANZIA SUSSIDIARIA E A PRIMA RICHIESTA Il Fondo di garanzia sussidiaria ha lo scopo di contribuire al ripianamento della perdita che le banche dimostrino di aver sofferto dopo l’escussione delle garanzie “primarie” offerte dall’imprenditore agricolo. A tal fine la partecipazione al Fondo è obbligatoria per il sistema bancario. Sono garantibili tutti i finanziamenti bancari agrari (ex art.43 del Testo Unico Bancario) destinati ad attività agricole e zootecniche nonché a quelle connesse di cui all’art c.c. esercitate da operatori agricoli (anche non IAP). Integra la capacità dell’imprenditore di offrire garanzie, al fine di favorire l’accesso al credito alle micro, piccole e medie imprese agricole, mediante strumenti di mercato. Per le aziende in bonis può anche essere utilizzata per consolidare debiti a medio e breve termine in debiti a lungo. La banca sulla parte garantita da Ismea non impegna a patrimonio (ponderazione zero), accantona solo la parte non garantita da Ismea consentendo all’imprenditore di beneficiare beneficia di condizioni migliori. Copre fino al 70% (aumentabile all’80% se giovane imprenditore) dell’importo finanziato dalla banca entro 1 milione di euro di garanzia (per micro e piccole imprese) elevabile a 2 milioni di euro nel caso di medie imprese. Consente l’abbattimento del costo delle commissioni, per giovani imprenditori, con aiuto de minimis (fino a euro). Ismea, attraverso la propria società di scopo SGFA (Società Gestione Fondi per l’Agroalimentare), gestisce gli interventi per il rilascio delle garanzie dirette e delle garanzie sussidiarie - entrambe garantite dallo Stato -, consentendo un miglioramento delle condizioni sul prestito effettuato dagli Istituti di Credito a favore delle imprese agricole con un implicito abbassamento del tasso d'interesse concesso. 12 LA GARANZIA SUSSIDIARIA LA GARANZIA A PRIMA RICHIESTA CARTA DI IDENTITA’ DEGLI STRUMENTI

13 13 CARTA DI IDENTITA’ DELLO STRUMENTO Sostenere la competitività delle imprese agricole tramite l’erogazione di finanziamenti agevolati in collaborazione con le banche Finalità Favorire l’accesso al credito delle imprese agricole e ridurre il costo dell’indebitamento tramite un più basso costo degli interessi A cosa serve Eroga finanziamenti a sostegno della competitività delle imprese agricole per lo svolgimento delle attività agricole e connesse (escluso interventi per imprese in crisi Cosa finanzia Prestiti a breve, medio e lungo termine rilasciati in collaborazione con banche convenzionate. Il finanziamento è costituito da una quota a carico del fondo (a tasso agevolato) e una quota a carico della banca (a tasso di mercato) Intervento La presenza di una quota di finanziamento bancario è condizione necessaria per l’erogazione del finanziamento. Tale quota non può essere inferiore al 50% Condizione necessaria Lo strumento, istituito con decreto legge 24 gennaio 2012 n. 1, meglio noto come decreto liberalizzazioni, è all’inizio della sua operatività ed è finalizzato a potenziare l’offerta di credito a vantaggio delle aziende agricole, con particolare attenzione ai giovani, allo scopo di favorirne la crescita e l’ammodernamento. FONDO CREDITO

14 C OME FUNZIONA Aziende agricole Fondo di Riassicurazione ISMEA Riassicuratori privati G ARANZIE ASSICURATIVE INNOVATIVE R IASSICURAZIONE PROPORZIONALE / NON PROPORZIONALE RETROCESSIONE R IASSICURAZIONE PRIVATA Il Fondo di riassicurazione provvede alla compensazione dei rischi agricoli coperti da polizze assicurative agevolate con il contributo pubblico sulla spesa per il pagamento dei premi. Consente inoltre la diffusione di polizze innovative in agricoltura. Compagnie assicurative I L F ONDO DI R IASSICURAZIONE

15 15 FONDO D’INVESTIMENTO NEL CAPITALE DI RISCHIO Il fondo può fornire: Seed capital Fase in cui un impresa valuta e sviluppa un progetto iniziale, sino alla realizzazione del «prototipo» Start-up capital Fase in cui le imprese non hanno ancora venduto il prodotto a livello commerciale e non stanno ancora generando profitto Expansion capital Attraverso operazioni finanziarie: Diretti: Assunzione di partecipazioni di minoranza (equity) Erogazione di prestiti partecipativi (quasi-equity Indiretti: Acquisizione di quote di partecipazione minoritarie di Fondi di Investimento che investono nelle imprese del settore (Fondo di Fondi )


Scaricare ppt "Www.ismea.it www.ismeaservizi.it Un nuovo modello del servizio che pone l’azienda agricola al centro del sistema 16 giugno 2015."

Presentazioni simili


Annunci Google