La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof. Ester Fazio UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Dipartimento di Morfologia, Biochimica, Fisiologia e Produzioni Animali -Sezione di Fisiologia- FACOLTA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof. Ester Fazio UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Dipartimento di Morfologia, Biochimica, Fisiologia e Produzioni Animali -Sezione di Fisiologia- FACOLTA."— Transcript della presentazione:

1 Prof. Ester Fazio UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Dipartimento di Morfologia, Biochimica, Fisiologia e Produzioni Animali -Sezione di Fisiologia- FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA

2 IMPARA A CONOSCERE I PENSIERI DEL NOBILE ANIMALE CHE DESIDERI CAVALCARE, NON ESSERE ECCESSIVAMENTE ESIGENTE, NON CHIEDERGLI INUTILI PRODEZZE Goethe

3 Ampio campo visivo Ampio campo visivo Elevata sensibilità percettiva di alcuni Elevata sensibilità percettiva di alcuni colori colori Elevata sensibilità uditiva e olfattiva Elevata sensibilità uditiva e olfattiva Palato esigente Palato esigente Elevata sensibilità tattile e dolorifica Elevata sensibilità tattile e dolorifica Acuto senso di equilibrio Acuto senso di equilibrio

4 Eleganza Eleganza Velocità Velocità Agilità Agilità Resistenza Resistenza Potenza Potenza Perfezione della coordinazione senso-motoria Perfezione della coordinazione senso-motoria

5 Elevata emotività e senso di emulazione Elevato istinto gregario e curiosità Eccellente memoria Ottime comunicazione gestuale e vocale Imprevedibile,irritabile,timido,abitudinario Esagerata paura dellignoto,apprensivo Prodigioso senso di orientamento (attenzione, osservazione, memoria)

6 propriocettoriesterocettorinocicettori IdeazioneProgrammazioneEsecuzionemovimento Controllo integrato attività riflesse Postura, locomozione Precisione movimenti

7 corteccia ippocampo Sistema limbico RECLUTAMENTO DI CIRCUITI NEURONALI HPA mismatch+ perdita del coping Stimoli processivi (psicosociali, emozionali) assemblaggio e comparazione Individuazione di eventuali discrepanze mismatch tra eventi attesi ed attuali Stimoli sistemici (metabolici, fisici) PVN

8 IL CAVALIERE AVERE VOLONTA FISICA E MORALE. AVERE VOLONTA FISICA E MORALE. CAPACE DI STABILIRE IL GIUSTO RAPPORTO PSICO-FISICO CON IL CAVALLO. SAPER TRASMETTERE FIDUCIA, CALMA, CONCENTRAZIONE. POSSEDERE IL TATTO EQUESTRE.

9 BINOMIO CAVALLO-CAVALIERE E FONDATO SULLA COMPRENSIONE E SULLA COMPENSAZIONE. E FONDATO SULLA COMPRENSIONE E SULLA COMPENSAZIONE. HA UN UNICO FINE, RIUNIRE LE DUE VOLONTA IN UNA SOLA. HA UN UNICO FINE, RIUNIRE LE DUE VOLONTA IN UNA SOLA. VOLONTA CHE LA FORZA MUSCOLARE DEL CAVALLO PUO TRASFORMARE IN VITTORIA! VOLONTA CHE LA FORZA MUSCOLARE DEL CAVALLO PUO TRASFORMARE IN VITTORIA! IL CAVALLO E STRUMENTO DI MISURA E DI VALUTAZIONE DELLA VOLONTA E DELLA SALDEZZA MORALE DEL SUO COMPAGNO. IL CAVALLO E STRUMENTO DI MISURA E DI VALUTAZIONE DELLA VOLONTA E DELLA SALDEZZA MORALE DEL SUO COMPAGNO.

10 La comunicazione fra i due atleti è fatta di armonie sensitive Le vibrazioni del corpo del cavaliere sono minuscoli segnali, cenni, sono lespressione del desiderio delluomo che il cavallo esegua quel movimento solo per il piacere di farlo e non perché costretto

11 Lirruenza dellatto dinamico, il gesto prepotente dellatleta-cavallo, assieme ad una certa forzatura, comportano nel cavaliere impegni nervosi, persino rabbiosi, esplosivi, perché dettati dallimmediatezza

12 Il controllo nervoso che il cavaliere deve esercitare sulle tensioni muscolari può avvenire in istanti, ma deve funzionare per tutta la durata del percorso per non turbare lequilibrio psico-fisico del cavallo impegnato nel galoppo e nel superamento di vari ostacoli

13 Il cavallo terapeuta: DAL CARATTERE TRANQUILLO, MITE, MANSUETO, PAZIENTE, VOLENTEROSO. DAL CARATTERE TRANQUILLO, MITE, MANSUETO, PAZIENTE, VOLENTEROSO. BEN ADDESTRATO, EQUILIBRATO, AFFIDABILE, MATURO, AMA ESSERE MANEGGIATO. BEN ADDESTRATO, EQUILIBRATO, AFFIDABILE, MATURO, AMA ESSERE MANEGGIATO. DALLE FORME COMPATTE E ARROTONDATE, INCOLLATURA ROBUSTA E FORTE, ALTEZZA INTORNO A 1,50 m., DAL PASSO CADENZATO.

14 BINOMIO CAVALLO-PAZIENTE RAPPORTO DI FIDUCIA E CONFIDENZA CHE SI CREA FRA PAZIENTE E ANIMALE RAPPORTO DI FIDUCIA E CONFIDENZA CHE SI CREA FRA PAZIENTE E ANIMALE CONSEGUIMENTO DI UN CORRETTO ASSETTO E CONDIZIONE DI EQUILIBRIO CONSEGUIMENTO DI UN CORRETTO ASSETTO E CONDIZIONE DI EQUILIBRIO LA TERAPIA DIVENTA GIOCO LA TERAPIA DIVENTA GIOCO LA CONOSCENZA TRA PAZIENTE E TERAPEUTA OFFRE NUOVI E GRANDI STIMOLI LA CONOSCENZA TRA PAZIENTE E TERAPEUTA OFFRE NUOVI E GRANDI STIMOLI

15

16 INCOLLATURA INTERVIENE COSTANTEMENTE A BILANCIARE LE MASSE IN MOVIMENTO DANDO EQUILIBRIO ALLE FORZE IN ATTO. DALLA SUA INTEGRITA E LIBERTA DI MOVIMENTO DERIVA TUTTO IL BILANCIATO MUOVERSI DEL CAVALLO.

17 DISPOSIZIONE DEL CAVALIERE SUL CAVALLO RAPPORTO DI EQUILIBRIO TRA IL CORPO DELLUOMO E DELLANIMALE RAPPORTO DI EQUILIBRIO TRA IL CORPO DELLUOMO E DELLANIMALE PROMUOVE IL CONTROLLO DEL CAVALLO E LOTTENIMENTO, CON IL MINIMO SFORZO, DEL MASSIMO RENDIMENTO DEGLI AIUTI PROMUOVE IL CONTROLLO DEL CAVALLO E LOTTENIMENTO, CON IL MINIMO SFORZO, DEL MASSIMO RENDIMENTO DEGLI AIUTI

18 Il linguaggio degli aiuti SONO I MEZZI CHE IL CAVALIERE USA PER : LAVORARE IL CAVALLO LAVORARE IL CAVALLO FARNE UN USO TECNICO FARNE UN USO TECNICO OTTENERE OBBEDIENZA, SENSIBILITA OTTENERE OBBEDIENZA, SENSIBILITA CONDIZIONAMENTO FISICO E PSICHICO CONDIZIONAMENTO FISICO E PSICHICO STIMOLARE IL CAVALLO A TROVARE NELLE SUE FORZE LA CAPACITA ATLETICA STIMOLARE IL CAVALLO A TROVARE NELLE SUE FORZE LA CAPACITA ATLETICA FAVORIRE TRANSIZIONI, CAMBIAMENTI DI DIREZIONE, IMPULSO O ARRESTO, EQUILIBRIO DINAMICO, ASSETTO, POTENZA,VELOCITA, PRECISIONE DEI MOVIMENTI FAVORIRE TRANSIZIONI, CAMBIAMENTI DI DIREZIONE, IMPULSO O ARRESTO, EQUILIBRIO DINAMICO, ASSETTO, POTENZA,VELOCITA, PRECISIONE DEI MOVIMENTI

19 VISIVI: FORME, COLORI, POSIZIONE DEL FRUSTINO, DEL BRACCIO DELLADDESTRATORE. UDITIVI: RICONOSCIMENTO DELLA VOCE DEL CAVALIERE, TONO DELLA VOCE (COMPLIMENTO O RIMPROVERO). OLFATTIVI: ODORE ALIMENTI, PERSONALE ADDETTO, CAVALIERE. GUSTATIVI: PREMIO.

20 Le andature Le andature In base alle caratteristiche morfologiche, agli appiombi, al carattere del soggetto vi saranno predisposizioni maggiori o minori ad una pratica atletica.

21 il movimento del cavallo risulta dallo spostamento su tre piani, frontale, sagittale, orizzontale, la cui componente dei vettori, porta alla colonna vertebrale uno spostamento sinusoidale simile a quello del cammino umano. il movimento del cavallo risulta dallo spostamento su tre piani, frontale, sagittale, orizzontale, la cui componente dei vettori, porta alla colonna vertebrale uno spostamento sinusoidale simile a quello del cammino umano.

22 IL PASSO: andatura basculata in 4 tempi

23 IL TROTTO: Andatura saltata in 2 tempi

24 IL GALOPPO: Andatura basculata in 3 tempi

25 LANDATURA DEL CAVALLO: rievoca la cadenza umana rievoca la cadenza umana rinforza la tonicità della muscolatura rinforza la tonicità della muscolatura migliora lallineamento capo-torace-bacino e migliora lallineamento capo-torace-bacino e lequilibrio lequilibrio stimola il rilassamento degli arti stimola il rilassamento degli arti

26 stimola una serie di attività intellettive stimola una serie di attività intellettive (concentrazione, memoria,stabilità emotiva, (concentrazione, memoria,stabilità emotiva, tranquillità, fermezza di carattere) tranquillità, fermezza di carattere) favorisce lacquisizione di una maggiore autonomia favorisce lacquisizione di una maggiore autonomia e fiducia dei pazienti nelle proprie capacità di e fiducia dei pazienti nelle proprie capacità di recupero recupero favorisce la scioltezza e la coordinazione motoria favorisce la scioltezza e la coordinazione motoria promuove una maggiore prontezza di riflessi promuove una maggiore prontezza di riflessi migliora i tempi di attenzione e di reazione migliora i tempi di attenzione e di reazione

27 sollecita movimenti finalizzati migliora la coordinazione di mani e braccia consente, tramite un costante rapportarsi allanimale, di acquisire coscienza di se stesso come realtà individuale e di appropriarsi del proprio schema corporeo.

28


Scaricare ppt "Prof. Ester Fazio UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Dipartimento di Morfologia, Biochimica, Fisiologia e Produzioni Animali -Sezione di Fisiologia- FACOLTA."

Presentazioni simili


Annunci Google