La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Mauss, il dono e lEssai sur le don Economia e antropologia Dottorato di ricerca in Economia della complessità e della creatività Mario Cedrini Università

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Mauss, il dono e lEssai sur le don Economia e antropologia Dottorato di ricerca in Economia della complessità e della creatività Mario Cedrini Università"— Transcript della presentazione:

1 Mauss, il dono e lEssai sur le don Economia e antropologia Dottorato di ricerca in Economia della complessità e della creatività Mario Cedrini Università di Torino, settembre 2009

2 Lattualità del dono J.T. Godbout, Quello che circola tra noi. Dare, ricevere, ricambiare (2008) La Revue du MAUSS (semestrelle et permanente: S. Zanardo, Il legame del dono (2007) M. Anspach, A buon rendere. La reciprocità nella vendetta, nel dono e nel mercato (2007) B. Giacomini, In cambio di nulla. Figure del dono (2006) A. Salsano, Il dono nel mondo dellutile (2009) M. Aria e F. Dei, Culture del dono (2008) P. Grasselli e C. Montesi, Linterpretazione dello spirito del dono (2008) R. Marchionatti, Gli economisti e i selvaggi (2008) P. Singer, The Life You Can Save. Acting Now to End World Poverty (2009) Benedetto XVI, Caritas in veritate. Sullo sviluppo umano integrale nella carità e nella verità (2009)

3 Sulla ricezione di Mauss in economia J. Carrier (ed.), 2005: A Handbook of Economic Anthropology S. Cullenberg, J. Amariglio and D. F. Ruccio (eds.), 2001: Postmodernism, Economics and Knowledge History of Political Economy, Winter 2000: Minisymposium: Homo Economicus (on the History of Economic Anthropology, Philip Mirowski ed.) M. Osteen (ed.), 2002: The Question of the Gift: Essays Across Disciplines A.C. Komter (ed.), 1996: The Gift: An Interdisciplinary Perspective Convegno Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare (U. Milano-Bicocca, settembre 2008; L. Bruni, G. Faldetta, P.G. Porta, S. Zamagni). L.-A. Gérard-Varet, S.-C. Kolm, J.M. Ythier (eds.), 2000 (& 2006): The Economics of Reciprocity, Giving, and Altruism Y. Zenou, P. Batifoulier et L. Cordonnier, 1992 (Revue économique): Lemprunt de la théorie économique à la tradition sociologique. Le cas du don contre-don C. Camerer, 1988 (The American Journal of Sociology): Gift as Economic Signals and Social Symbols G. Akerlof, 1982 (QJE): Labor Contracts as Partial Gift Exchanges H. Leibenstein, 1982 (AER): The Prisoner's Dilemma in the Invisible Hand: An Analysis of Intrafirm Productivity

4 Marcel Mauss ( ) Marcel Fournier, Marcel Mauss (1994, Fayard; Marcel Mauss: A Biography, 2006, Princeton University Press) K. Hart, Marcel Mauss: In Pursuit of the Whole (Comparative Studies in Society and History, 2007) M. Fournier et J.-C. Marcel, Présentation: avec Mauss, et au-delà de Mauss (Sociologie et sociétés, 2004) M. Fournier, Marcel Mauss, lethnologie et la politique: le don (Anthropologie et sociétés, 1995) Marcel Mauss, Lœuvre de Mauss par lui-même (Revue Française de Sociologie, 1979)

5 Marcel Mauss ( ) Nipote ed erede di Durkheim (corsi di filosofia allUniversità di Bordeaux, ) Educazione interdisciplinare: filosofia, filologia, storia ed etnografia delle religioni (tesi di dottorato sulla preghiera e rituali orali). Studi (etnografia) in Inghilterra e Olanda Cattedra di Histoire des peuples non civilisés à lEcole pratique des hautes études (H. Hubert et M. Mauss, Essai sur la nature et la fonction du sacrifice, 1898; Esquisse d'une theorie generale de la magie, ) Année Sociologique ( ) Durkheim: Les formes élémentaires de la vie religieuse (1912)

6 Marcel Mauss ( ) Al fronte come interprete per le truppe inglesi e australiane Il progetto La nation (1920) Rilancio dellAnnée Sociologique (1923) e presidenza dellInstitut français de sociologie Presidente della Société de psychologie (1923) Scritti di sociologia politica (Revue des Etudes Coopératives; Populaire; La Vie Socialiste)

7 Marcel Mauss ( ) Essai sur le don (Année Sociologique, Nouvelle Serie) e creazione dellInstitut dEthnologie de Paris (1925) con Lévy-Bruhl e Rivet Collège de France, cattedra di sociologia (1930) Claude Lévi-Strauss (e Georges Gurvitch), Marcel Mauss: Sociologie et anthropologie (1950) Successori al Collège de France: Lévi-Strauss (1959) Raymond Aron (1970) Pierre Bourdieu (1982)

8 La genesi dellEssai sur le don La proposta di un Bureau, Institut ou Département dethnologie (1913) Ebraismo e sistemi di prestazioni religiose e giuridiche; T. Ribot (Psychologie des sentiments, 1896); Congresso dellInstitut international de sociologie (1909) Studio di Boas, Swanton, Seligman, Thurnwald, Malinowski sui potlatch e analisi di tale sistema nei corsi allEcole pratique (Rivers , Malinowski ) Comunicazioni allInstitut français danthropologie (inizio anni Venti) e altri saggi: Lextension du potlatch en Mélanésie, Quelques faits concernant les formes archaïques du contrat chez les Thraces, Lobligation à rendre les présents, Gift-gift Société de psychologie (1924): létude de lhomme complet, concret

9 L'œuvre de Mauss par lui-même (1930, candidatura Collège de France) «Positiviste, ne croyant quaux faits, admettant même la certitude supérieure des sciences descriptives sur les sciences théoriques (dans le cas de phénomènes trop complexes)... je ne crois à son intérêt [de la science théorique] que dans la mesure où, extraite des faits, elle peut aider à en apercevoir, à en enregistrer d'autres, à les classifier autrement; dans la mesure où elle s'approfondit plutôt qu'elle ne se généralise, s'affirme et s'alourdit de matière plutôt qu'elle ne s'élève en échafaudages d'hypothèses historiques ou d'idées métaphysiques». «j'ai tenté d'expliquer par ces répartitions d'hommes, de femmes et de générations à l'intérieur d'une société, les réciprocités et les antagonismes qui s'y développent: j'ai ainsi identifié des systèmes de faits moraux considérables... surtout... le système de prestations totales et [le] système de prestations agonistiques ou potlatch».

10 L'œuvre de Mauss par lui-même (1930, candidatura Collège de France) «J'en ai dégagé l'idée du don, religieux, mythique et contractuel à la fois. J'en ai dégagé l'idée de la prestation totale de clan à clan, de génération à génération, généralement décalée, de sexe à sexe, de descendance à descendance (cf. Malinowski), le caractère collectif des formes archaïques (cf. Davy), et surtout cette notion des «faits totaux» qui mettent en branle toute la collectivité économique, morale et religieuse, esthétique et légendaire (cf. Granet)». «En tout, je n'ai jamais perdu de vue le seul but de la discipline à laquelle je me suis voué: montrer et préciser par le contact direct et le plus affiné avec les faits, la part que joue la vie sociale dans la vie humaine. Je crois avoir contribué à l'avancement du sens social chez les historiens, les philologues, etc. et du sens historique et statistique chez les sociologues».

11 La filosofia politica del Saggio «Tous ces problèmes dépassent et déplacent les anciennes façons de poser les questions. Sans compter qu'ils permettent d'entrevoir certaines solutions des questions générales et mêmes morales (Conclusion du Don)» (Mauss, L'œuvre…, 1930). Il Saggio sul dono e lantiutilitarismo della filosofia politica francese (da Rousseau a Tocqueville): critica del liberalismo anglosassone à la Smith e dellevoluzionismo di Spencer (M. Douglas, 1990) Leredità di Durkheim (De la division du travail social, 1893)… - Lelemento non contrattuale del contratto e lindividuo come risultato dello sviluppo sociale - Solidarietà: meccanica (società primitive, coscienza collettiva) e organica (società moderne, interdipendenza economica e rischi della differenziazione) …e il suo superamento

12 Reciprocità: lambiguità di Malinowski Argonauts of the Western Pacific (1922): logica di squilibrio e dono circolare nel kula (Hyde, 1983) Classificazione degli scambi-dono, dal dono puro al dono di equivalenti al commercio (Argonauts) The principle of give and take, il principio di reciprocità come intrinseca simmetria di tutte le transazioni sociali (Crime and Custom in Savage Society, 1926) Dono reciproco (Hyde, 1983): riavvicinamento a una reciprocità di tipo mercantile (Parry, 1986) e scomparsa della dinamica obbligo- libertà del Saggio sul dono

13 Il dibattito sul potlatch (cfr. Godbout e Caillé, 1992) Da una parte, il culturalismo mette sistematicamente laccento sullinesauribile e irresistibile diversità delle culture umane … dallaltra … crede di poter ritrovare lefficacia universale delle motivazioni strettamente economiche Franz Boas, L'organizzazione sociale e le società segrete degli indiani Kwakiutl (1897): il potlatch come assicurazione sulla vita. Tassi usurai: investire ricchezze che fruttino interessi Paul Radin, Primitive Man as Philosopher (1927): capitalisti del Nord impegnati in una vendita allasta i nomi, privilegi e beni Formalisti (Firth, Herskowitz): pratiche oblative come investimento materiale in vista di un profitto sociale Peter Drucker, The Potlatch (1967): potlatch ordinario e potlatch di rivalità (patologico) Interpretazioni economicistiche (anomalie del potlatch e sue funzioni utilitarie: massimizzazione calorie, compensazione tribù deficitarie / tribù beneficiarie)

14 Il dibattito sul potlatch e il dono arcaico Antropologia economica marxista (Godelier, Rey): modo di scambio ridotto al modo di produzione, il dono dalla parte della sovrastruttura Bourdieu, LEconomie générale de la pratique (1972): la dialettica dei capitali (simbolici, culturali, sociali) e le necessità dellaccumulazione. Dissimulazione dellinteresse materiale e dono come menzogna sociale (cfr. Caillé, 1998) Linterpretazione indigena di Mauss sfidata dallinterpretazione scambista-strutturalista di Lévi-Strauss. Riformulazione lacaniana (Nicolas, Don rituel et échange marchand, 1986) e teoria giradiana del desiderio mimetico (cfr. Anspach, 1984 e 2002). Verso una logica di equivalenza.

15 Il dibattito sullo hau (cfr. Aria, 2009) Lo strutturalismo di Lévi-Strauss (1950): Le seul moyen d'échapper au dilemme eût été de s'apercevoir que c'est l'échange qui constitue le phénomène primitif, et non les opérations discrètes en lesquelles la vie sociale le décompose Claude Lefort (1951) in difesa del Saggio: il dono come espressione di identità soggettiva e insieme di appartenenza sociale Sahlins (1972): il racconto di Ranaipiri come metafora del rito sacrificale della fecondità (cfr. anche Hyde, 1983), in una società in cui la libertà di arricchirsi a spese altrui non è prevista dai rapporti e dalle forme di scambio. Il Saggio di Mauss come specie di contratto sociale per i primitivi, il dono come ragione, in guerra con la Guerra Clastres (1974): la guerra come fenomeno primitivo, lalleanza come derivato, lo scambio di doni come processo politico (Marchionatti 2009).

16 Reciprocità: il continuum di Sahlins On the Sociology of Primitive Exchange (1965), Stone Age Economics (1972): il flusso materiale garantisce o dà inizio ai rapporti sociali. In questo modo i popoli primitivi riescono a superare il caos hobbesiano Intervalli di socievolezza e distanza sociale: dal dono puro di Malinowski (reciprocità generalizzata) alla reciprocità negativa di Gouldner (1960) Lo squilibrio economico innesta lo spiegamento della generosità, della reciprocità generalizzata; ma un dono non ancora ricambiato costringe il donatario sotto lombra dellindebitamento Il punto medio: la reciprocità equilibrata, veicolo, instabile, dellalleanza: la fiducia conduce alla reciprocità positiva, la sua assenza a quella negativa

17 Inalienabilità e cultura Alienabilità e dicotomia dono/merce: - Christopher A. Gregory, Gifts and commodities (1982): critica costruttiva delle teorie delle merci e dei doni e decostruzione del paradigma utilitarista - Annette Weiner, Inalienable Possessions (1992) - Maurice Godelier, Lénigme du don (1996) La prospettiva culturale contro la rigidità della dicotomia dono/merce: - Arjun Appadurai, The Social Life of Things (1986) - Jonathan Parry e Marcel Bloch, Money and Morality of Exchange (1989).

18 Norm of reciprocity & norm of beneficence: da Malinowski a Gouldner a Sahlins Alvin W. Gouldner, The Norm of Reciprocity (1960): la reciprocità (à la Malinowski, oltre la coscienza collettiva di Durkheim) a difesa della stabilità sociale, contro lo sfruttamento It is obviously inexpedient for creditors to break off relationships with those who have outstanding obligations to them. It may also be inexpedient for debtors to do so because their creditors may not allow them to run up a bill of social indebtedness... We should also expect to find mechanisms which induce people to remain socially indebted to each other and which inhibit their complete repayment Lincertezza della Shadow of indebtedness e i fallimenti della reciprocità al servizio della stabilità sociale come spiegazioni del sorgere di un principio di Something for nothing (1973), «that requires men to do more than conform with the norm of reciprocity and, also, to do more that is required of them by the specific obligations of their concrete social statuses»

19 Il paradosso del free gift «There is no surer way to stop a vicious cycle of social interaction than for one party to give the other something for nothing. There is no gift more certain to command attention than the gift that need not have been given because of our past indebtedness, our future ambitions, or our present sense of obligation. The paradox is this: there is no gift that brings a higher return than the free gift, the gift given with no string attached. For that which is truly given freely moves men deeply and makes them most indebted to their benefactors. In the end, it is beneficence that transcends this world and can make men weep the tears of reconciliation. If such prodiges of social interaction are rare, it is not for want of knowing how to produce them The norm of beneficence is an ignition key that activates the starting engine (the norm of reciprocity) which, in turn, gets the motor – the ongoing cycle of mutual exchanges – to turn over

20 Against our established idea of gift: No free gifts (M. Douglas, 1990) The whole idea of a free gift is based on a misunderstanding. There should not be any free gifts. What is wrong with the so- called free gift is the donors intention to be exempt from return gifts coming from the recipient … A gift that does nothing to enhance solidarity is a contradiction. each gift is part of a system of reciprocity in which the honour of giver and recipient are engaged. It is a total system in that every item of status or of spiritual or material possession is implicated for everyone in the whole community. The system is quite simple: just the rule that every gift has to be returned in some specified way sets up a perpetual cycle of exchanges within and between generations … The whole society can be described by the catalogue of transfers which map all the obligations between its members. The cycling gift system is the society. The Gift economy and the market: Mausss fertile idea was to present the gift cycle as a theoretical counterpart to the invisible hand.

21 Limpossibilità del dono (Jacques Derrida, Given Time, 1992) Non cè dono se ce nè: se la figura del circolo è essenziale alleconomico, il dono deve rimanere aneconomico … deve mantenere nei confronti del circolo un rapporto di estraneità Il Saggio di Mauss parla di tutto tranne che del dono: esso tratta delleconomia, dello scambio, del contratto (do ut des), del rilancio, del sacrificio, del dono e del contro-dono, in breve di tutto ciò che, nella cosa stessa, spinge al dono e ad annullare il dono Il dono richiede: - - che il donatario non restituisca - - che non riconosca il dono come dono - - che il dono non appaia come tale né al donatario né al donatore Dono è figura dellimpossibile, anche se pensabile.

22 Il dono moderno: laffaire Titmuss Richard Titmuss (1971): commercializzazione del sangue è inefficiente e priva luomo della freedom to choose to give or not to give. La scelta tra le due libertà (to sell or to give) has to be a social policy decision The commercialization of blood and donor relationships represses the expression of altruism, erodes the sense of community,... limits both personal and professional freedoms La Futility thesis (Mirowski 2001) di Kenneth Arrow (1972): [Titmuss] is especially interested in the expression of impersonal altruism [which is] as far removed from the feelings of personal interaction as any marketplace Economics typically take for granted that since the creation of a market increases the individual's area of choice it therefore leads to higher benefits I do not want to rely too heavily on substituting ethics for self-interest... Ethical behavior [should] be confined to those circumstances where the price system breaks down

23 Il dono moderno: laffaire Titmuss Peter Singer (1973): there remains a real dilemma... a voluntary system fosters attitudes of altruism and a desire to relate to, and help, strangers in one's community.I find it hardest to act with consideration for others when the norm in the circle of people I move in is to act egoistically. When altruism is expected of me, however, I find it much easier to be genuinely altruistic. The real question: What sort of society do we want? Mary Douglas (1971): il riferimento a Mauss serve solo to decorate the reiterated theme that altruism is a very good thing Jacques T. Godbout (1992): dono di Titmuss è il dono moderno, un dono senza donatario, agli estranei; lo stato rischia di essere unagent corrupteur du don. C'est toutefois cette différence initiale la volonté du donneur d'offrir justement un don et non pas une marchandise ni un service, qui possède la capacité de changer le système... L'esprit du don réussit ainsi à circuler.

24 Social and moral foundations of modern societies: Il contributo del Saggio sul dono di Mauss (Adloff and Mau, 2006; Adloff, 2006) La dicotomia utilitarian versus normative or value-led actions e il suo riflesso nelle teorie della reciprocità 1. 1.Rationalistic and individualistic approaches (da Hobbes a Smith; reciprocità utilitaristica, economia neoclassica, rational choice theory) 2. 2.Non-individualistic and normativistic theories (da Rousseau a Parsons, passando per Durkheim) 3. 3.The third paradigm: il dono di Mauss (actions that are simultaneously self-interested and disinterested, voluntary and obligatory; between relations) e il dibattito sul Saggio: i Maussquetaires (Ni holisme ni individualisme méthodologiques; Caillé, 1998)

25 Lantiutilitarismo del MAUSS Anti-utilitarismo come utilitarismo preso sul serio (Caillé, 1991) Modernità e rottura dei legami: la dicotomia egoismo/altruismo, la separazione tra utilitario e gratuito, e linesistenza/illusorietà/impossibilità del dono (Godbout et Caillé, 1992) Critica al condizionalismo (Caillé, 1998) Il privilegio paradigmatico dellinteresse e la distinzione tra ciò che circola e il senso di ciò che circola (Godbout, 2007) Insoddisfazione per le teorie classiche del dono (Caillé, 1998): 1) riduzionismi unilaterali (Lévi-Strauss, formalisti, Akerlof- Camerer-Liebenstein), 2) inesistenzialismi (Bourdieu, Boltanski, Derrida), 3) teoremi dellincompletezza (Godelier, Weiner)

26 Il terzo paradigma (Alain Caillé, Anthropologie philosophique du don, 1998) Il legame sociale a partire dal suo ambiente … dallinsieme delle interrelazioni che legano gli individui e li trasformano in attori propriamente sociali: il dono come performatore per eccellenza delle alleanze (Caillé, 1998). Né exit, né voice: loyalty (Hirschman, 1970) La società, una totalità legata da simboli, e il dono come che ciò che eccede, per la sua dimensione simbolica, la dimensione utilitaria dei beni (cfr. Tarot, 1996) Il paradosso della spontaneità obbligatoria (lobbligo di libertà):Il dono apre i possibili sociali e storici. Mauss pone come moralmente desiderabile proprio ciò che l'insieme delle società conosciute sembra porre effettivamente come tale: il nucleo invariante comune a tutte le morali. Quel che gli uomini devono fare non è più intrinsecamente diverso da quel che fanno già (Caillé, 1998)

27 Lo spirito del dono (Jacques T. Godbout et Caillé, 1992) Incertezza, incondizionalità condizionale (fidarsi interamente o diffidare interamente: le condizioni dellalleanza sono poste solo dopo aver offerto una fiducia incondizionale) e scommessa del dono (aspettativa, senza garanzia, di restituzione e apertura alla differenza) Libertà: il donatore libera il donatario dall'impegno contrattuale che invece avrebbe la possibilità di obbligare il ricevente … indipendentemente dal legame che esiste tra loro (il gioco delle regole come salvaguarde de la liberté mutuelle et réciproque du donateur et du receveur dans le cadre des relations complexes de l'échange; Fixot, 1992) Complessità: Il dono operatore primario della socialità, nel contempo e paradossalmente obbligato e libero, interessato e disinteressato, come attrattore strano: donare è affermare l'indeterminazione del mondo e il rischio dell'esistenza; è ogni volta far esistere la società, ogni società


Scaricare ppt "Mauss, il dono e lEssai sur le don Economia e antropologia Dottorato di ricerca in Economia della complessità e della creatività Mario Cedrini Università"

Presentazioni simili


Annunci Google