La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 2 Lezione n° 1 COLLEGIO DOCENTI DEL 15/09/2015 PRESENTAZIONE RAV.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 2 Lezione n° 1 COLLEGIO DOCENTI DEL 15/09/2015 PRESENTAZIONE RAV."— Transcript della presentazione:

1 1 2 Lezione n° 1 COLLEGIO DOCENTI DEL 15/09/2015 PRESENTAZIONE RAV

2 Che cos’è il RAV? È uno strumento di lavoro comune che le scuole possono utilizzare per riflettere su se stesse e darsi obiettivi di miglioramento.

3 OCCORRE ANALIZZARE I DATI INDIVIDUARE I PUNTI DI FORZA E DI DEBOLEZZA RISPONDERE A DOMANDE GUIDA

4 Il format elaborato dall'Invalsi analizza la popolazione scolastica il territorio e il capitale sociale le risorse economiche e materiali le risorse professionali Il contesto: Gli esiti degli studenti: i risultati scolastici le prove standardizzate le competenze chiave i risultati a distanza la prosecuzione degli studi l'inserimento nel mondo del lavoro

5 POPOLAZIONE SCOLASTICA TERRITORIO E CAPITALE SOCIALE 1.1.a.1 Livello medio dell'indice ESCS - Anno scolastico Istituto/Indirizzo/ClasseBackground familiare mediano TOIS04200NMedio - Basso 1.2.a.1 Tasso di disoccupazione Anno Fonte ISTAT Territorio Tasso di disoccupazione % per la fascia di età 15+ ITALIA12.6 Nord ovest9.2 Liguria10.8 Lombardia8.1 Piemonte11.2 Valle D'Aosta 8.9

6 1.2.b.1 Tasso di immigrazione Anno Fonte ISTAT TerrirorioTasso di immigrazione % ITALIA8.1 Nord ovest10.5 Liguria8.6 Lombardia11.3 Piemonte9.5 Valle D'Aosta7.2 TERRITORIO E CAPITALE SOCIALE

7 RISORSE PROFESSIONALI: CARATTERISTICHE DEGLI INSEGNANTI

8 Istituto: TOIS04200N - Insegnanti a tempo indeterminato per fasce di età Anno scolastico < Totale N°% % % %TOTALE TOIS04200N11,12526,64042,62829,8100,0 - Benchmark* TORINO9904, , , ,1100,0 PIEMONTE1.8824, , , ,5100,0 ITALIA , , , ,6100,0 1.4.a.2 Insegnanti a tempo indeterminato per fasce di età Istituto: TOIS04200N - Fasce Anni di Servizio degli insegnanti Anno scolastico Corrente AnnoDa 2 a 5 anniDa 6 a 10 anniOltre 10 anni N°% % % % TOIS04200N1014,32738,61115,72231,4 - Benchmark* TORINO , , , ,1 PIEMONTE , , , ,5 ITALIA , , , ,3

9 RISULTATI: PUNTI DI FORZA LA PRESENZA DI STRANIERI FAVORISCE INTERSCAMBIO CULTURALE TERRITORIO RICCO DI OPPORTUNITA’ LA SCUOLA GODE DI UN OTTIMA LOCALIZZAZIONE DOCENTI A TEMPO INDETERMINATO GARANTISCONO CONTINUITA’ PUNTI DI DEBOLEZZA SI RICHIEDE UN NOTEVOLE IMPEGNO NELL’ORGANIZZAZIONE DIDATTICA ATTIVITA’ CHE RICHIEDONO UN IMPEGNO AGGIUNTIVO NON SEMPRE GIUSTAMENTE RENUMERATO SOFFERENZA NEGLI SPAZI, DOTAZIONE TECNOLOGICA CARENTE NON SEMPRE I DOCENTI HANNO MANIFESTATO LA DISPOSIZIONE A IMPEGNARE IL TEMPO PER ACQUISIRE NUOVE COMPETENZE E UN INSUFFICIENTE CONTRIBUTO DEI SINGOLI ALLE COMMISSIONI E GRUPPI DI LAVORO

10 ESITI SERVIZI PER L’ENOGASTRONOMIA E L’OSPITALITÁ ALBERGHIERA 2.1.a.1 Studenti ammessi alla classe successiva Anno scolastico 2013/14 - Superiore classe 1% classe 1classe 2% classe 2classe 3% classe 3classe 4% classe 4 Istituto Professionale: TOIS04200N 19067,610582,010276,18681,1 - Benchmark* TORINO , , , ,6 PIEMONTE , , , ,8 Italia , , , ,9 2.1.a.1 Studenti sospesi Anno scolastico 2013/14 - Superiore classe 1% classe 1classe 2% classe 2classe 3% classe 3classe 4% classe 4 Istituto Professionale: TOIS04200N 7024,94232,84332,14239,6 - Benchmark* TORINO , ,368620,082227,0 PIEMONTE , , , ,3 Italia , , , ,7

11 ESITI TECNICO TURISTICO 2.1.a.1 Studenti ammessi alla classe successiva Anno scolastico 2013/14 - Superiore classe 1% classe 1classe 2% classe 2classe 3% classe 3classe 4% classe 4 Istituto Tecnico: TOIS04200N 5380,33786,01866,71894,7 - Benchmark* TORINO , , , ,3 PIEMONTE , , , ,3 Italia , , , ,9 2.1.a.1 Studenti sospesi Anno scolastico 2013/14 - Superiore classe 1% classe 1classe 2% classe 2classe 3% classe 3classe 4% classe 4 Istituto Tecnico: TOIS04200N 2943,91637,2829,615,3 - Benchmark* TORINO , , , ,9 PIEMONTE , , , ,2 Italia , , , ,1

12 STUDENTI DIPLOMATI PER VOTAZIONE CONSEGUITA ALL'ESAME '60' '61-70' '71-80' '81-90' '91-100' 'Lode'

13 RISULTATI PROVE STANDARDIZZATE NAZIONALI TECNICO

14 2.2.b.1 Alunni collocati nei diversi livelli in italiano e in matematica Scuola secondaria di II grado - Classi seconde Tecnico ItalianoMatematica Classe/Istituto/Raggru ppamento geografico Numero studenti Livello 1 Numero studenti Livello 2 Numero studenti Livello 3 Numero studenti Livello 4 Numero studenti Livello 5 Numero studenti Livello 1 Numero studenti Livello 2 Numero studenti Livello 3 Numero studenti Livello 4 Numero studenti Livello 5 TOTD04201X - II A TOTD04201X - II B % studenti Livello 1 % studenti Livello 2 % studenti Livello 3 % studenti Livello 4 % studenti Livello 5 % studenti Livello 1 % studenti Livello 2 % studenti Livello 3 % studenti Livello 4 % studenti Livello 5 TOIS04200N7,725,620,530,815,423,133,330,812,80,0 Piemonte8,521,824,327,318,113,433,122,412,718,4 Nord ovest6,816,224,029,923,110,127,320,613,528,5 Italia15,723,323,022,815,118,630,518,611,021,3

15 RISULTATI PROVE STANDARDIZZATE NAZIONALI PROFESSIONALE 2.2.b.1 Alunni collocati nei diversi livelli in italiano e in matematica Scuola secondaria di II grado - Classi seconde Professionale ItalianoMatematica Classe/Istituto/Raggrupp amento geografico Numero studenti Livello 1 Numero studenti Livello 2 Numero studenti Livello 3 Numero studenti Livello 4 Numero studenti Livello 5 Numero studenti Livello 1 Numero studenti Livello 2 Numero studenti Livello 3 Numero studenti Livello 4 Numero studenti Livello 5 TORH04201T - II A TORH04201T - II B TORH04201T - II F TORH04201T - II G % studenti Livello 1 % studenti Livello 2 % studenti Livello 3 % studenti Livello 4 % studenti Livello 5 % studenti Livello 1 % studenti Livello 2 % studenti Livello 3 % studenti Livello 4 % studenti Livello 5 TOIS04200N37,527,110,48,316,741,722,920,812,52,1 Piemonte12,723,914,817,830,713,324,323,119,020,3 Nord ovest12,818,916,118,334,013,323,125,617,520,5 Italia19,625,917,016,021,520,126,222,214,317,2

16 VARIABILITÁ DEI RISULTATI FRA LE CLASSI Variabilità dei punteggi TRA le classi e DENTRO le classi - Italiano e Matematica - Scuola secondaria di II grado - Classi seconde Tecnico Indirizzo/Raggruppament o geografico TRA_ita (%)DENTRO_ita (%)TRA_mat (%)DENTRO_mat (%) TOIS04200N - Tecnico11,888,22,497,6 - Benchmark Nord ovest9,390,716,883,2 ITALIA12,287,810,489,6 2.2.c.1 - Variabilità dei punteggi TRA le classi e DENTRO le classi - Italiano e Matematica - Scuola secondaria di II grado - Classi seconde Professionale Indirizzo/Raggruppament o geografico TRA_ita (%)DENTRO_ita (%)TRA_mat (%)DENTRO_mat (%) TOIS04200N - Professionale 62,237,865,834,2 - Benchmark Nord ovest38,361,752,647,4 ITALIA60,639,463,037,0

17 COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA Domande guida La scuola valuta le competenze di cittadinanza degli studenti (es. il rispetto delle regole, lo sviluppo del senso di legalità e di un'etica della responsabilità, la collaborazione e lo spirito di gruppo)? La scuola adotta criteri di valutazione comuni per l'assegnazione del voto di comportamento? La scuola valuta le competenze chiave degli studenti come l'autonomia di iniziativa e la capacità di orientarsi? In che modo la scuola valuta queste competenze (osservazione del comportamento, individuazione di indicatori, questionari, ecc.) ? Qual è il livello delle competenze chiave e di cittadinanza raggiunto dagli studenti nel loro percorso scolastico? Ci sono differenze tra classi, sezioni, plessi, indirizzi o ordini di scuola? PUNTI DI FORZAPUNTI DI DEBOLEZZA A) La scuola svolge attività volte al raggiungimento delle competenze di cittadinanza. L'istituto ha stilato un patto di Corresponsabilità firmato da docenti, studenti e genitori con esplicite regole di comportamento che vengono condivise e presentate all'inizio del percorso di studi nel progetto accoglienza. Dopo un'accurata e dettagliata condivisione delle regole la scuola valuta le competenze acquisite dal singolo allievo al compimento dei 15 anni. B) I criteri per l'attribuzione del voto di condotta sono stati individuati e strutturati in un'apposita griglia condivisa dagli organi collegiali. C) La scuola mette in atto interventi appropriati al fine di favorire l'autonomia d'iniziativa e la capacita di orientarsi con specifici progetti: educazione alla salute, star bene al Giolitti, educazione alla cittadinanza, proposte teatrali, scambi culturali. A) Manca un sistema di valutazione delle competenze di cittadinanza degli studenti. C) Non sono stati individuati indicatori ed elaborate griglie di valutazione delle competenze chiave di iniziativa e capacità di orientarsi. D) Il livello delle competenze chiave non è pienamente acquisito nel biennio, si registra un consistente numero di provvedimenti disciplinari che prevedono sanzioni anche gravi (15 giorni di sospensione).

18 STUDENTI DIPLOMATI CHE SI SONO IMMATRICOLATI ALL'UNIVERSITÁ

19 SUCCESSO NEGLI STUDI UNIVERSITARI 2.4.b.1 Diplomati nell'a.s. 2010/2011 entrati nel sistema universitario nell'a.a. 2011/2012, per macro area e per classi di Credito Formativo Universitario acquisito nel Primo Anno - Valori percentuali ScientificaSocialeUmanistica Macro Area più della metà dei CFU (%) meno della metà dei CFU (%) Nessun CFU (%) più della metà dei CFU (%) meno della metà dei CFU (%) Nessun CFU (%) più della metà dei CFU (%) meno della metà dei CFU (%) Nessun CFU (%) TOIS04200N10,00,090,025,075,00,037,50,062,5 - Benchmark* TORINO37,229,833,154,827,317,946,027,926,1 PIEMONTE39,429,930,755,426,118,449,026,724,3 Italia35,732,831,546,927,625,453,324,322,4

20 INSERIMENTI NEL MONDO DEL LAVORO

21 RISULTATI ESITI: PUNTI DI FORZA STUDENTI PROMOSSI ALLA CLASSE SUCCESSIVA SUPERIORI ALLA MEDIA PROVINCIALE E REGIONALE SONO STATI INDIVIDUATI CRITERI DI VALUTAZIONE RISULTATI PROVE STANDARIZZATE MIGLIORI NEL TECNICO LA SCUOLA SVOLGE ATTIVITÁ PER IL RAGGIUNGIMENTO COMPETENZE DI CITTADINANZA BUONO L’INSERIMENTO DEL MONDO DEL LAVORO PUNTI DI DEBOLEZZA LA PERCENTUALE DEI SOSPESI IN GIUDIZIO È ELEVATA, IN PARTICOLARE NEGLI ULTIMI DUE ANNI DI CORSO GRIGLIE DI VALUTAZIONE NON PIENAMENTE CONDIVISE PER AUTONOME SCELTE DEI SINGOLI DOCENTI. NEL PROFESSIONALE RISULTATI IN QUASI TUTTE LE CLASSI INFERIORI A TUTTE LE MEDIE DI RIFERIMENTO. ALTA VARIABILITA TRA LE CLASSI. NON SONO STATI INDIVIDUATI INDICATORI ED ELABORATE GRIGLIE DI VAUTAZIONE DELLE COMPETENZE CHIAVE. IL LIVELLO DI ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE E’ BASSO (ALTO NUMERO DI PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI) SCARSO NUMERO DI IMMATRICOLAZIONI ALL’UNIVERSITA E DI ACQUISIZIONE DEI CREDITI

22 ma anche i processi di organizzazione: la predisposizione e la progettazione didattica la predisposizione degli ambienti di apprendimento l'integrazione con il territorio

23 Spunti di riflessione 1 il curricolo proposto è coerente con le esigenze del contesto? 2) le attività progettate sono coerenti con il curricolo? 3) la valutazione degli studenti utilizza criteri e strumenti condivisi? Curricolo, progettazione e valutazione Ambiente di apprendimento La scuola: 4) offre un ambiente di apprendimento innovativo? 5) cura gli aspetti organizzativi del lavoro d'aula? 6) quelli metodologici? 7) e quelli relazionali?

24 PROCESSI - PRATICHE EDUCATIVE E DIDATTICHE CURRICOLO, PROGETTAZIONE E VALUTAZIONE La scuola ha definito alcuni aspetti del proprio curricolo La definizione dei profili di competenza per le varie discipline e anni di corso è da sviluppare in modo più approfondito La definizione degli obiettivi e delle abilità/competenze da raggiungere deve essere migliorata. I docenti fanno riferimento a criteri di valutazione comuni definiti a livello di scuola, anche se solo in alcuni casi utilizzano prove standardizzate comuni per la valutazione.

25 PROCESSI - AMBIENTE DI APPRENDIMENTO L'organizzazione di spazi e tempi non risponde alle esigenze di apprendimento degli studenti. Gli spazi laboratoriali sono usati compatibilmente con la loro reale disponibilità. La scuola non incentiva l'uso di modalità didattiche innovative, oppure queste vengono adottate in un numero esiguo di classi. Le regole di comportamento sono definite, ma sono condivise in modo disomogeneo nelle classi. I conflitti sono gestiti, anche se non sempre le modalita' adottate sono efficaci.

26 Spunti di riflessione 2 La scuola: 8) cura l'inclusione degli studenti con BES? 9) valorizza le differenze culturali? 10) adegua l'insegnamento ai bisogni formativi di ciascun allievo attraverso il recupero e il potenziamento? Inclusione e differenziazione Continuità e orientamento La scuola: 11) garantisce la continuità dei percorsi scolastici? 12) cura l'orientamento personale degli studenti? 13) e quello scolastico?

27 PROCESSI – INCLUSIONE E DIFFERENZIAZIONE Le attività realizzate dalla scuola per gli studenti che necessitano di inclusione sono efficaci. La scuola promuove il rispetto delle differenze e della diversità culturale. La differenziazione dei percorsi didattici in funzione dei bisogni educativi degli studenti è piuttosto strutturata a livello di scuola. Gli interventi realizzati sono efficaci per un buon numero di studenti destinatari delle azioni di differenziazione..

28 PROCESSI – CONTIMUITA’ E ORIENTAMENTO Le attività di continuità presentano un livello di strutturazione sufficiente anche se sono prevalentemente orientate alla formazione delle classi. Le attività di orientamento coinvolgono almeno tutte le classi finali. La qualità delle attività proposte agli studenti è in genere accettabile, anche se per lo più limitate a presentare i diversi istituti scolastici/indirizzi di scuola superiore/corsi di studio universitari. La scuola non monitora i risultati delle proprie azioni di orientamento..

29 Spunti di riflessione 3 La scuola: 14) individua le priorità da raggiungere? 15) le persegue controllando e monitorando? 16) individua ruoli e responsabilità tra il personale? 17) convoglia le risorse economiche sulle azioni ritenute prioritarie? Orientamento strategico Risorse umane e territorio La scuola: 18) promuove percorsi formativi di qualità? 19) incentiva la collaborazione tra i docenti? 20) coinvolge le famiglie nella definizione del POF?

30 PROCESSI – ORIENTAMENTO STRATEGICO E ORGANIZZAZIONE DELLA SCUOLA La scuola ha definito la missione e le priorità, che sono condivise dalla comunità scolastica e col territorio che contribuisce in parte all'attuazione dei progetti; bisogna aumentare il coinvolgimento delle famiglie. Il controllo e il monitoraggio delle azioni sono attuati in modo non strutturato. Responsabilità e compiti delle diverse componenti scolastiche sono individuati chiaramente, anche se non tutti i compiti sono chiari e funzionali all'organizzazione delle attività. Le risorse economiche e materiali sono convogliate solo parzialmente nel perseguimento degli obiettivi prioritari dell'istituto. La scuola è impegnata a raccogliere finanziamenti aggiuntivi oltre quelli provenienti dal MIUR.

31 PROCESSI – SVILUPPO E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La scuola promuove iniziative formative per i docenti. Le proposte formative sono di qualità sufficiente, anche se incontrano solo in parte i bisogni formativi dei docenti. Nella scuola sono presenti gruppi di lavoro composti da insegnanti, anche se la qualità dei materiali o degli esiti che producono è disomogenea/da migliorare. Non sono presenti spazi per la condivisione di materiali didattici. La qualità e l'entità dei materiali sono da incrementare. Lo scambio e il confronto professionale tra docenti è presente ma non diffuso (es. riguarda solo alcune sezioni, solo alcuni dipartimenti, ecc.).

32 PROCESSI – INTEGRAZIONE CON IL TERRITORIO E RAPPORTI CON LE FAMIGLIE La scuola partecipa a reti e ha collaborazioni con soggetti esterni. Le collaborazioni attivate sono integrate in modo adeguato con l'offerta formativa. La scuola è coinvolta in momenti di confronto con i soggetti presenti nel territorio per la promozione delle politiche formative. La scuola (secondo ciclo) propone stage e inserimenti lavorativi per gli studenti. La scuola non coinvolge in modo pienamente soddisfacente i genitori a partecipare alle sue iniziative.


Scaricare ppt "1 2 Lezione n° 1 COLLEGIO DOCENTI DEL 15/09/2015 PRESENTAZIONE RAV."

Presentazioni simili


Annunci Google