La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIDATTICA INCLUSIVA Tra competenze e flipped classroom… CAMPOBASSO 9 OTTOBRE 2014.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIDATTICA INCLUSIVA Tra competenze e flipped classroom… CAMPOBASSO 9 OTTOBRE 2014."— Transcript della presentazione:

1 DIDATTICA INCLUSIVA Tra competenze e flipped classroom… CAMPOBASSO 9 OTTOBRE 2014

2 PROPOSTA PREMESSA COMPETENZE EMPATIA Perché le competenze La natura inclusiva delle competenze I metodi progettare per competenze valutazione

3 1. Una proposta iniziale

4 Per incominciare… «Il rischio di partire dalle architetture generali e dalla costruzione di ponderosi documenti curricolari è grande nella scuola italiana, abituata da sempre a privilegiare le dotte riflessioni sul «dover essere» rispetto a un’umile rivisitazione dell’«essere» insegnanti» Fonte: Castoldi 2011, p. 236

5 Un piccolo catalogo di azioni inclusive Osservare Ascoltare Accogliere Motivare Fornire feedback ……

6 Tre domande Quali sono aspetti che ritengo più inclusivi nelle mie pratiche didattiche? Mi ritengo soddisfatta/o dei risultati raggiunti? Su quali aspetti ritengo ci siano margini di miglioramento?

7

8 Fonte: Castoldi 2011, pp

9 2. Una premessa

10 didattica inclusiva individualizzazionepersonalizzazione didattica speciale accessibilità e-inclusion didattica interculturale

11 11 Dall’integrazione all’inclusione: il carattere difettologico «non essendo tutte uguali le culture, il prefisso inter non potesse che indicare la generosa ed interessata disponibilità della cultura dominante, e prevalente, ad occuparsi delle altre inevitabilmente minoritarie e penalizzate» Fonte: Demetrio

12 12 Dall’integrazione all’inclusione: una definizione datata «l’educazione interculturale è aiutare i diversi – per cultura d’origine, lingua, appartenenza religiosa – ad integrarsi nel modo migliore e il più rapidamente possibile nel nostro e nei nostri mondi»

13 13 Dall’integrazione all’inclusione: compensare e assimilare «didattica facilitatrice o compensatrice» che veicola «i nostri valori, le nostre idee, le nostre credenze col pretesto che all’alunno straniero va insegnato nel migliore dei modi, a parlare italiano»

14 14 Dall’integrazione all’inclusione: i tre livelli della didattica interculturale Compensativo o assimilativo Integrativo (cultura del paese di accoglienza + cultura del paese d’origine) Interculturale (scoperta e valorizzazione della propria e dell’altrui cultura) Fonte: Chang & Cecchin

15 15 Assunzione di responsabilità non riducibili alla sola dimensione adattiva ed integrativa «la conoscenza di chi non conosciamo ancora bene è sempre un’occasione per conoscere di più noi stessi» Dall’integrazione all’inclusione: la differenza come risorsa Fonte: Demetrio

16 Inclusione e complessità Paradigma della complessità e paradigma della razionalità tecnica (assoluto/relativo, lineare/circolare) Gestire la complessità (Berthoz, Maeda)

17 3. Le competenze

18 3.1 perché le competenze?

19

20

21 Fonte: Castoldi 2011, p. 20

22 3.2 La natura inclusiva delle competenze

23 Competenza e conoscenze/abilità 1 La coppia conoscenze/abilità riguarda “il saper e il saper fare ed essendo qualcosa di concettuale, astrae per definizione dai casi concreti personali e si propone come un universale intersoggettivo indipendente da soggetti” Fonte: Bertagna

24 Competenza e conoscenze/abilità 2 La coppia capacità/competenze “si riferisce alla persona, e coinvolge il suo essere, il suo vivere unico e irripetibile nei rapporti particolari che instaura, nei luoghi che frequenta, nei problemi che affronta e risolve” Fonte: Bertagna

25 Competenza: tre versioni Oggettivistica a matrice job-skill Matrice innatistico-soggettivistica Centralità del contesto

26 Competenza a matrice job- skill 1 “centrata sull’analisi del lavoro del lavoro oggetto a cui il soggetto è chiamato ad adeguarsi” Unità formative capitalizzabili

27 Competenza a matrice job- skill 2 C. di base (padronanza di determinati contenuti culturali) C. trasversali (processi necessari ad acquisire contenuti culturali) C. tecnico-professionali (relative allo svolgimento di specifiche professioni)

28 Competenza a matrice innatistico-soggettivistica Dall’oggetto al soggetto: “insieme predeterminato di proprietà interne al soggetto, che egli mostra di possedere indipendentemente dalla natura del compito specifico che è chiamato ad affrontare e dalle caratteristiche della situazione concreta in cui viene a trovarsi”

29 Competenza e contesto “inesauribile conversazione riflessiva con la situazione e continuo lavoro di riscrittura dei fattori in gioco in ogni peculiare esperienza che si vive” Fonte: Bertagna

30 Competenze come strategie contestualizzate Insieme strutturato di competenze e abilità Finalizzazione per il raggiungimento di uno scopo Contesto di applicazione

31 Competenze: gli aspetti Cognitivo Relazionale Progettuale Autovalutativo

32 La competenza non è… Una sommativa di conoscenze e abilità Una semplice risposta oggettiva

33 La competenza invisibile La competenza “per sua natura è invisibile, ma può essere individuata attraverso una famiglia di prestazioni che permettono di inferirla presente nel soggetto” Fonte: Pellerey

34 Competenze e didattica Ambiente di apprendimento ricco di proposte e di risorse Elevato coinvolgimento dello studente Costante attività di riflessione sul lavoro svolto

35 Quali competenze? Isfol: di base, tecnico-professionali, trasversali (comunicative, …) Nicoli: saperi di base, competenze professionali (area specifica e comune) Irre Lombardia: esistenziali, trasversali, disciplinari Vertecchi: competenze generali e concorrenti

36 Quali competenze? Ocse: competenze chiave (pensiero critico, approccio olistico e riflessivo) Progettare e operare in un contesto complesso Manipolare strumenti culturali Interagire, cooperare e gestire conflitti

37 In sintesi… Competenze testuali e ipertestuali Competenze progettuali Competenze comunicative

38 Competenze come insieme “le competenze non esistono di per sé, né possono essere separate le une dalle altre se non con un artificio retorico” Fonte: Bertagna

39 Competenza ed etica “nessuno può valutare una competenza se non è a sua volta competente” Fonte: Bertagna

40 Competenza ed estetica “per capire davvero una competenza occorre trattarla alla stregua di un’opera d’arte” Fonte: Bertagna

41 3.3 I metodi

42 Un repertorio Approccio induttivo Apprendimento cooperativo Gioco di ruolo Apprendistato cognitivo Approccio metacognitivo Soluzione di problemi reali Studio di caso Approcci dialogici Approcci autobiografici Brainstorming Flipped classroom e lezione

43 Approccio induttivo Le carte Esistente, inesistente, attivo, retrattivo, inattivo, marcia, retromarcia, incauto, cauto, sapore, insapore, retrosapore Quarta elementare

44 Apprendimento cooperativo

45 Gioco di ruolo

46 Apprendistato cognitivo Lettura di un testo L’insegnante esprime ad voce alta i pensieri e le operazioni cognitive necessarie per arrivare ad una cognizione profonda Altra lettura Si invita un allievo a fare come l’insegnanta Quinta elementare

47 Approccio metacognitivo Organizzatori anticipati che delineano gli obiettivi e i risultati attesi a cui segue l’autovalutazione Scuola media

48 Soluzioni di problemi reali Progettare e realizzare un nuovo assetto dell’aula Seconda media

49 Studi di caso Lo smaltimento dei rifiuti Seconda media

50 Approcci dialogici Confronto tra dipinti di artisti celebri Quarta elementare Che cosa è bello, che cos’è un’opera d’arte, cosa sono gli stili artistici?

51 Approcci autobiografici Testo libero “quella volta che ho imparato…” Scuola media

52 52 Autobiografia 1 Il mio autoritratto Vi racconto come sono in dieci parole

53 53 Io, com’ero da piccolo Io, come sono oggi Io, come sarò a … anni Autobiografia 2

54 54 Autobiografia 3 Il mio ricordo più antico

55 Braistorming

56 56 Brainstorming 1 finalità Tecnica che permette di produrre idee originali, trovare soluzioni a un problema, esprimere le proprie opinioni e i propri stati d’animo. Essa è particolarmente utile per favorire la creatività e l’espressività di ogni allievo Isfol

57 57 Brainstorming 2 conduzione 1 Predisporre gli spazi Presentazione di un tema o di un problema al gruppo Richiesta ai partecipanti di formulare idee sul tema/problema proposto e di scriverle su un foglio I singoli fogli vanno attaccati su un apposito spazio in modo che siano visibili a tutti Durata tra i 30 e i 50 minuti

58 58 Brainstorming 3 il conduttore Presenta il problema senza dare spiegazioni (non deve influenzare i partecipanti) Spiega le regole per partecipare facendole rispettare Invita ad intervenire i partecipanti più timidi Evita commenti o critiche alle idee prodotte

59 59 Brainstorming 4 conduzione 2 Lettura di tutti i fogli con le idee prodotte Mettere vicini i fogli con idee simili Assegnare un titolo ai gruppi di foglietti con idee simili Realizzazione di una sintesi utilizzando anche mappe, disegni, frecce

60 60 Brainstorming 5 vantaggi È motivante Favorisce la spontaneità e la creatività È efficace e produttivo Permette di individuare la soluzione di problemi Facilita il lavoro e la coesione del gruppo

61 Schema di Laneve 1. Accertamento delle conoscenze precedenti Richiamo dei punti salienti Invito a fare domande Sollecitazione a partecipare

62 Flipped classroom Messa in atto per la prima volta da due americani, Jon Bergmann e Aaron Sams, alla Woodland Park High School, in Colorado. Hanno deciso di Da spiegazione, compiti a casa, chiarimenti, verifica sommativa voto a…. Materiali: del docente, mediali (libri…), rete Ruolo del docente: da “saggio sul palcoscenico” a “guida al lato” Tra istruzione diretta e apprendimento costruttivista

63 Risorse Maurizio Maglioni e Fabio Biscaro, La classe capovolta, Erickson Una sperimentazione in Molise: om/ om/ atti/Cecchinato/c2LCg_frame_dir.htm atti/Cecchinato/c2LCg_frame_dir.htm classroom classroom

64 Una persona tende a ricordare il 90 % di quello che FA 50 % di quello che SENTE e VEDE 70 % di quello che DICE O SCRIVE 10 % di quello che LEGGE 30 % di quello che VEDE Copyright Nick Van Dam

65 Lezione

66 Schema di Laneve 2. Individuazione dei punti tematici invito a prendere appunti Indicazioni bibliografiche e settori di ricerca

67 Schema di Laneve 3. Preparazione all’apprendimento Warm-up Introduzione con presentazione dei concetti generali Indicazioni bloccanti

68 Schema di Laneve 4. Interazione-complementarietà dei processi Top down Bottom up 5. Analisi di ciascun punto tematico 6. Invito ad operare il feedback

69 Schema di Laneve 7. Distribuzione degli organizzatori Percettivi Logici Sistematici 8. Schema riassuntivo 9. Discussione collettiva

70 Schema di Laneve 10. Fissazione-verifica dei punti acquisiti 11. Conclusione

71 Feedback “risposta che un insegnante fornisce all’allievo e che agisce da segnale orientativo permettendo a questi di comprendere se sta procedendo nella via giusta”

72 3.4 progettare per competenze

73 Alcune osservazioni Progettare: una definizione Approccio lineare e approccio ricorsivo Modalità di programmazione: per obiettivi, per concetti, per sfondo integratore Competenze, discipline e rubriche

74 3.5 valutare le competenze

75 Dimensioni e strumenti Autovalutazione Eterovalutazione Le evidenze empiriche Scarto tra conoscenze/abilità e competenze

76

77

78 L’EMPATIA

79 Fascino e rischi dell’empatia «nella letteratura psicologia e pedagogica» […] viene spesso «ricondotto esclusivamente a una concezione complessivamente positiva e ottimistica» (Pinotti p. 65) Consiste in un esercizio di approssimazione Diversità di usi (usi distorti, combat capability) 79

80 I tratti dell’empatia L’approccio spaziale di Berthoz Oltre i circuiti neurali: il terzo elemento del rapporto empatico 80

81 81

82 82


Scaricare ppt "DIDATTICA INCLUSIVA Tra competenze e flipped classroom… CAMPOBASSO 9 OTTOBRE 2014."

Presentazioni simili


Annunci Google