La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Percorsi di vita di Michael Finazzi La mia esperienza presso l’Istituto Lorenzo Lotto e le associazioni territoriali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Percorsi di vita di Michael Finazzi La mia esperienza presso l’Istituto Lorenzo Lotto e le associazioni territoriali."— Transcript della presentazione:

1 Percorsi di vita di Michael Finazzi La mia esperienza presso l’Istituto Lorenzo Lotto e le associazioni territoriali

2 INTRODUZIONE Sono trascorsi 5 anni dal mio ingresso presso l’Istituto Lorenzo Lotto. Attraverso questo lavoro vorrei ripercorrere le fasi principali e più intense di questo percorso di crescita. In questo tempo sono cresciuto imparando nuove cose e ho conosciuto tante persone. A fianco dell’attività a scuola mi sono inserito in associazioni e realtà del mio territorio. Ora mostrerò le parti più importanti e significative di questa mia esperienza di vita. INTRODUZIONE Sono trascorsi 5 anni dal mio ingresso presso l’Istituto Lorenzo Lotto. Attraverso questo lavoro vorrei ripercorrere le fasi principali e più intense di questo percorso di crescita. In questo tempo sono cresciuto imparando nuove cose e ho conosciuto tante persone. A fianco dell’attività a scuola mi sono inserito in associazioni e realtà del mio territorio. Ora mostrerò le parti più importanti e significative di questa mia esperienza di vita. La mia rete sociale

3 - Era l’anno scolastico 2010/2011 ed io, dalla scuola media di Chiuduno iniziai a frequentare l’Istituto Lorenzo Lotto di Trescore. Fui inserito nella classe 1°b ITC. CLASSE 1^B ITC

4 -Insieme ai docenti delle varie materie venni affiancato sin dall’inizio del mio percorso dal docente di sostegno Guido Vallati.

5 e dalla assistente educatrice Emanuela Zappella.

6 -Mi sono inserito in questa scuola molto bene sin da subito. Ho partecipato alle varie attività scolastiche didattiche e sportive conseguendo buoni risultati. -Il rapporto con tutte le persone e i ragazzi del Lotto è stato sempre positivo. -Mi sono inserito in questa scuola molto bene sin da subito. Ho partecipato alle varie attività scolastiche didattiche e sportive conseguendo buoni risultati. -Il rapporto con tutte le persone e i ragazzi del Lotto è stato sempre positivo.

7 Ecco alcuni momenti di mia attività al pc.

8 Frequentando la classe 2^b ho concluso il biennio. CLASSE 2^B ITC

9 - Arrivato in terza, ho scelto l’indirizzo Informatico e così alcuni miei compagni sono andati in altre classi e alcuni nuovi ragazzi hanno iniziato il triennio con me.

10 Dalla terza classe, grazie al lavoro di rete tra scuola (gruppo lavoro disabili – Cuoccio, Roby e Guido),

11 -territorio e ente comunale, ho iniziato dei percorsi di stage formativi al lavoro presso la mensa scolastica di Chiuduno e presso il supermercato Conad di Ravelli e C. a Chiuduno. Assistente sociale: Anna Maria Mazzenga Responsabile cooperativa: Stefania Belussi

12 Con i bambini e i ragazzi bisogna essere ordinati e precisi… Siamo stati un’ottima squadra di lavoro! Ecco alcuni momenti di lavoro in mensa scolastica…

13 Altre immagini dell’attività presso la mensa scolastica di Chiuduno L’ ordine e la pulizia sono fondamentali. La fase di preparazione tavoli spettava a me.

14 Ecco ora, alcuni momenti di lavoro presso il supermercato Conad di Ravelli Ilario e C. che si trova a Chiuduno.

15

16 -Dalla quarta classe l’assistente educatrice Emanuela è andata a lavorare presso un’altra scuola e al mio fianco è arrivata una nuova assistente di nome Roberta.

17 Con Roberta, sono subito entrato in sintonia e da allora lavoro con lei sia a scuola che negli stage con piacere ed entusiasmo.

18 -A fianco di queste attività grazie alle reti che si sono create mi sono inserito in un gruppo di volontari che fanno parte di una associazione che si occupa di far fare attività ricreative a ragazzi disabili. Questa associazione si chiama ndolagira.

19 Ecco alcune informazioni sulla cooperativa L’Impronta e sul gruppo di volontariato ‘ndolagira La Cooperativa L’ IMPRONTA si ispira ai principi che sono alla base del movimento cooperativo mondiale. Questi principi sono: la mutualità, la solidarietà, la democraticità, l'impegno, l'equilibrio delle responsabilità rispetto ai ruoli, lo spirito comunitario, il legame con il territorio, un equilibrato rapporto con lo Stato e le istituzioni pubbliche. La Cooperativa, per poter curare nel miglior modo gli interessi dei soci e lo sviluppo socio economico e culturale delle comunità, collabora con altri enti cooperativi, altri organismi ed imprese sociali e attori del Terzo Settore. La Cooperativa realizza i propri scopi sociali anche mediante il coinvolgimento delle risorse della comunità, dei volontari, dei fruitori dei servizi ed enti con finalità di solidarietà sociale.

20 Il gruppo ‘ndolagira… N’dolagira è un gruppo di volontari della cooperativa l’Impronta e di persone con disabilità che condividono il tempo libero attraverso il divertimento, con l’intento di raggiungere la parità e l’inclusione di tutti i soggetti coinvolti. Il progetto è sostenuto dalla Cooperativa sociale L’Impronta.

21 A titolo di esempio ecco un nostro progetto che ha avuto enorme successo: Con questo progetto abbiamo realizzato opere d’arte!!!! Dopo aver condiviso la vendemmia, ogni ragazzo con disabilità con la collaborazione dei volontari ha pensato e realizzato un disegno sul tema «Dall’uva, al vino, all’allegria». 18 disegni che sono divenuti 18 etichette personalizzate ed uniche! Siamo orgogliosi di questa esperienza, per la quale ringrazio di cuore Angelo Bertoli dell’azienda agricola «Angelo Bertoli» per la disponibilità e attenzione dimostrate. A titolo di esempio ecco un nostro progetto che ha avuto enorme successo: Con questo progetto abbiamo realizzato opere d’arte!!!! Dopo aver condiviso la vendemmia, ogni ragazzo con disabilità con la collaborazione dei volontari ha pensato e realizzato un disegno sul tema «Dall’uva, al vino, all’allegria». 18 disegni che sono divenuti 18 etichette personalizzate ed uniche! Siamo orgogliosi di questa esperienza, per la quale ringrazio di cuore Angelo Bertoli dell’azienda agricola «Angelo Bertoli» per la disponibilità e attenzione dimostrate.

22 Dopo aver realizzato questi lavori, queste etichette sono servite per etichettare delle bottiglie di vino prodotto dalla azienda agricola «Angelo Bertoli» di Grumello del Monte.

23 -Sempre grazie a questo lavoro di rete e di relazioni, dal terzo anno scolastico sono socio di una onlus «diversamente bergamo» che si occupa di far svolgere attività sportiva (karate) e ricreativa-associativa a ragazzi disabili insieme ad altre associazioni e realtà.

24 Ecco ora alcune informazioni sulle onlus e in particolare sulla onlus «diversamente bergamo». Cosa significa "onlus"? E l’acronimo di "Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale" ed è un termine indicato dal D.lgs 460/97; indica le organizzazioni no-profit (cioè senza fini di lucro) che devono rispettare determinati criteri stabiliti nel decreto. Il D.lgs 460/97 parla di "Riordino della disciplina tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale“. Questo decreto legislativo dice che le onlus devono utilizzare il loro denaro solo per le attività sociali. Il denaro che eventualmente raccolgono devono usarlo per organizzare lavori, iniziative, incontri dove si lavora, si fa sport e si sta insieme. Nessun socio può tenere personalmente il denaro. L'Associazione "Diversamente Bergamo - Onlus" opera nell'ambito della Provincia di Bergamo e della Regione Lombardia, al servizio di tutte le persone con disabilità, sia motorie, che sensoriali, per promuovere mobilità ed integrazione sociale, attraverso attività ludiche, sportive a livello dilettantistico e culturali.. Il nostro progetto è quello di fare rete (stare insieme e creare relazioni) con tutte le associazioni del nostro territorio, nel raggiungimento comune di un unico obiettivo: il benessere dei soci.

25 Alcuni momenti delle nostre attività

26 Tutti possono fare sport e stare con gli altri

27 Esibizione presso il centro commerciale «Le due torri» di Stezzano; marzo Io con a fianco i maestri, che eseguo un kata con l’uso del bastone «Bo».

28

29 Ecco qualche amico dell’ associazione

30 I momenti di festa non mancano…..

31 -Nel frattempo il mio percorso didattico è proseguito, sono arrivato alla classe 5°b, con la quale a novembre ho vissuto anche la bella esperienza del viaggio di istruzione a Monaco.

32 I miei cari compagni…. Il mitico Allianz Arena!

33 Abbiamo conosciuto la squadra del F.C. Bayern Munchen!!!

34 Abbiamo camminato molto e i momenti di stanchezza non sono mancati… Assistiti dalle mitiche professoresse Maria Elena Belotti e Piazzalunga Cristina

35 - Dopo questo percorso di vita al Lotto, spero di mettere a frutto quello che ho imparato a scuola e allo stage riuscendo magari a trovare un lavoro dove potrò realizzarmi. Ora presenterò un video da me realizzato insieme ai ragazzi e ai volontari dell’ associazione n’Dolagira che mostra le nostre attività e la tanta voglia che abbiamo di stare insieme… Ciao da Michael!


Scaricare ppt "Percorsi di vita di Michael Finazzi La mia esperienza presso l’Istituto Lorenzo Lotto e le associazioni territoriali."

Presentazioni simili


Annunci Google