La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Cristina CavazzutiDaniela Damiano Biologia Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore 2015.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Cristina CavazzutiDaniela Damiano Biologia Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore 2015."— Transcript della presentazione:

1

2 Cristina CavazzutiDaniela Damiano Biologia Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore 2015

3 Capitolo 3 Riproduzione cellulare ed ereditarietà 1.Il ciclo cellulare e la mitosi 2.La meiosi e la riproduzione sessuata 3.La genetica e le leggi di Mendel 4.Alcune malattie umane sono ereditarie Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore 2015

4 Lezione 1 Il ciclo cellulare e la mitosi Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore 2015

5 1. Tutti gli esseri viventi sono capaci di generare nuove cellule La capacità di generare nuove cellule è alla base dei seguenti processi vitali la riproduzione, ossia la possibilità di perpetuare nel tempo la propria specie; la crescita di un organismo pluricellulare; la sostituzione delle cellule morte o danneggiate durante la vita dell’individuo.

6 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore Tutti gli esseri viventi sono capaci di generare nuove cellule In natura esistono due tipi di riproduzione sessuata: tipica di quasi tutti gli animali; asessuata: tipica degli organismi più semplici e meno evoluti. In questa riproduzione la prole è costituita da un clone dell’organismo di partenza.

7 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore Tutti gli esseri viventi sono capaci di generare nuove cellule Le fasi della scissione binaria, processo di divisione cellulare con cui si riproducono i procarioti.

8 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore Nei pluricellulari le cellule si dividono per far crescere l’individuo e sostituire le cellule morte Il ciclo cellulare è l’arco di vita di una cellula eucariotica e si divide in due fasi: interfase e fase mitotica.

9 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore La mitosi e la citodieresi producono due cellule identiche La fase mitotica, o fase M, è lo stadio del ciclo cellulare in cui la cellula si divide. La fase M comprende due fasi la mitosi ; la citodieresi. La mitosi distribuisce i cromosomi equamente nelle cellule figlie, che saranno così identiche tra loro e alla cellula di partenza.

10 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore 2015 La mitosi può essere suddivisa in quattro passaggi profase; metafase; anafase; telofase. Al termine della mitosi avviene la separazione delle cellule figlie, ciascuna col proprio nucleo; questa fase prende il nome di citodieresi. 3. La mitosi e la citodieresi producono due cellule identiche

11 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore La mitosi e la citodieresi producono due cellule identiche

12 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore La mitosi e la citodieresi producono due cellule identiche

13 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore La mitosi e la citodieresi producono due cellule identiche

14 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore La mitosi e la citodieresi producono due cellule identiche

15 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore La mitosi e la citodieresi producono due cellule identiche

16 Lezione 2 La meiosi e la riproduzione sessuata Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore 2015

17 4. La riproduzione sessuata implica la formazione dei gameti e la fecondazione Nella fecondazione, il gamete maschile si unisce al gamete femminile. Il risultato è lo zigote, la cellula da cui si svilupperà l’individuo. Gli spermatozoi sono i gameti maschili, mentre le cellule uovo sono i gameti femminili.

18 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore La riproduzione sessuata implica la formazione dei gameti e la fecondazione I cromosomi paterni e quelli materni si uniscono a formare il cariotipo dell’organismo figlio. L’insieme dei 46 cromosomi costituisce il cariotipo o corredo cromosomico. Ogni cellula del corpo umano contiene 23 coppie di cromosomi omologhi e, perciò, si dice diploide.

19 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore La riproduzione sessuata implica la formazione dei gameti e la fecondazione La ventitreesima copia di cromosomi, chiamati cromosomi sessuali, per differenziarli dagli altri, detti autosomi, determina il sesso dell’individuo. I cromosomi sessuali si presentano in due forme, indicate con X e Y. Le femmine sono indicate con XX, mentre i maschi con XY.

20 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore I gameti sono cellule che contengono la metà del normale numero di cromosomi Quasi tutte le cellule del nostro corpo sono diploidi (2n=46), cioè contengono due copie ciascuno dei 23 cromosomi. L’unica eccezione sono i gameti, che derivano dal processo di divisione meiotica e sono detti aploidi (n). Quando avviene la fecondazione, il nucleo aploide del gamete maschile (n) e il nucleo aploide della cellula uovo (n) si fondono a dare uno zigote. L’alternanza tra meiosi e fecondazione mantiene costante il numero di cromosomi tipico di una specie.

21 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore I gameti sono cellule che contengono la metà del normale numero di cromosomi

22 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore La meiosi si realizza attraverso due divisioni cellulari successive I gameti derivano da cellule chiamate cellule germinali che subiscono uno speciale processo detto meiosi. Tale processo si realizza in due divisioni cellulari successive, la meiosi I e la meiosi II precedute da una duplicazione del DNA. Ciascuna fase si divide in profase, metafase, anafase e telofase. Nella prima fase avviene il crossing-over, che favorisce la variabilità genetica.

23 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore La meiosi si realizza attraverso due divisioni cellulari successive Il processo di meiosi I

24 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore La meiosi si realizza attraverso due divisioni cellulari successive Il processo di meiosi II

25 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore Il cariotipo umano e la sindrome di Down La trisomia 21, o sindrome di Down, è dovuta a una non disgiunzione, cioè alla mancata separazione dei cromosomi 21 che si verifica in una delle divisioni meiotiche. Lo zigote avrà pertanto 47 cromosomi anziché 46, con un cromosoma 21 soprannumerario.

26 Lezione 3 La genetica e le leggi di Mendel Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore 2015

27 8. La genetica studia la trasmissione dei caratteri ereditari La genetica studia le modalità di trasmissione dei caratteri ereditari e il modo in cui questi si manifestano. Ogni genitore trasmette ai figli caratteristiche comuni alla specie di appartenenza e caratteri individuali che rendono ciascun individuo diverso dai propri simili. La trasmissione dei caratteri garantisce variabilità genetica.

28 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore I caratteri ereditari sono determinati dai geni I cromosomi omologhi presentano la stessa forma e contengono gli stessi geni posizionati nel medesimo luogo, il locus genico. Dunque, in ogni organismo diploide ciascun carattere si presenta due volte. Per ogni gene inoltre esistono differenti versioni chiamate alleli e non è detto che le copie di cromosomi omologhi non contengano alleli differenti. La combinazione di alleli determina il genotipo di un individuo per quel carattere. La manifestazione del genotipo è il fenotipo.

29 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore Gregor Mendel è considerato il padre della genetica Secondo la teoria della mescolanza, gli elementi ereditari contenuti nelle cellule uovo e negli spermatozoi, una volta fusi, non si sarebbero più potuti separare. Mendel dimostrò che la trasmissione dei caratteri si basa sull’esistenza di elementi unitari distinti tra loro (i geni) che si trovano in coppia nell’individuo.

30 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore La prima legge di Mendel: la dominanza un carattere è una caratteristica fisica osservabile, come il colore del fiore; un tratto è una forma particolare assunta da un carattere, come il viola o il bianco; un tratto ereditario è quello che si trasmette da genitore a figlio. Per i suoi esperimenti Mendel scelse il pisello odoroso, una pianta che presenta diverse varietà con forme molto differenti nell’aspetto.

31 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore La prima legge di Mendel: la dominanza

32 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore 2015 Mendel provò ad incrociare, cioè a far riprodurre sessualmente in condizioni controllate due varietà di piante di pisello. 11. La prima legge di Mendel: la dominanza

33 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore La prima legge di Mendel: la dominanza Chiamò queste piante generazione parentale. Nella prima generazione filiale di ibridi F 1, il carattere verde sembrava scomparso. Prima legge di Mendel o legge della dominanza: gli individui ibridi della generazione F 1 manifestano solo dei tratti presenti nella generazione parentale.

34 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore La seconda legge di Mendel: la segregazione La primavera successiva Mendel coltivò la generazione F 1. La forma del carattere che non si era presentata nella generazione F 1 ricompariva nella generazione F 2. Seconda legge di Mendel o legge della segregazione: quando un individuo produce gameti, le due copie di un gene (cioè gli alleli) si separano, cosicché ciascun gamete riceve soltanto una copia. Se i due alleli del genotipo sono uguali, l’individuo è omozigote. Se i due alleli del genotipo sono diversi, l’individuo è eterozigote.

35 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore La terza legge di Mendel: l’indipendenza dei caratteri Mendel si occupò anche della trasmissione contemporanea di due caratteri diversi, e incrociò pertanto una pianta con semi gialli e lisci con un’altra pianta con semi verdi e rugosi.

36 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore 2015 Mendel ottenne quattro varietà di piante, che presentavano tutti e quattro i fenotipi possibili, quelli dei nonni e due nuovi fenotipi detti ricombinanti. 13. La terza legge di Mendel: l’indipendenza dei caratteri La terza legge di Mendel: durante la formazione dei gameti, geni diversi si distribuiscono l’uno indipendentemente dall’altro.

37 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore Determinazione del sesso della prole nella specie umana Nell’essere umano è la ventitreesima coppia di cromosomi a determinare il sesso dell’individuo. Nella donna i cromosomi sessuali sono XX; nell’uomo XY. Tutti i gameti femminili hanno genotipo X. Nell’uomo, invece, quando gli spermatociti si dividono per dare origine agli spermatozoi, metà di questi riceverà il cromosoma X, l’altra metà il cromosoma Y. Pertanto, se lo spermatozoo che feconda la cellula uovo ha il cromosoma Y, il nascituro sarà maschio; se lo spermatozoo ha cromosoma X, il discendente sarà femmina.

38 Lezione 4 Alcune malattie umane sono ereditarie Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore 2015

39 15. Alleli difettosi possono determinare malattie genetiche Una mutazione nonostante sia un evento raro e casuale, può dare origine ad un nuovo allele. L’allele difettoso può portare ad una malattia genetica. Se la mutazione riguarda anche i gameti, la malattia sarà ereditaria. Se l’allele mutante è recessivo, la malattia si manifesta solo se l’individuo è omozigote (malattia recessiva). Gli eterozigoti sono portatori sani.

40 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore Alleli difettosi possono determinare malattie genetiche

41 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore Le malattie dominanti si manifestano in tutti gli individui portatori Nel caso in cui l’allele mutante sia dominante, la malattia si manifesta in tutti gli individui che presentano tale allele nel loro genotipo (malattia dominante). Non esistono portatori sani e non è possibile che la malattia salti una generazione. Se l’allele dominante della malattia non viene ereditato, scomparirà del tutto e nessuna nuova generazione avrà la malattia.

42 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore Le malattie legate ai cromosomi sessuali si manifestano più facilmente nei maschi L’allele difettoso è localizzato sulla coppia di cromosomi sessuali; la malattia è eterocromosomica, o legata al sesso perché essa si manifesta con una frequenza diversa nei due sessi. Ne sono un esempio il daltonismo e l’emofilia.

43 Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore Altri esempi di malattie genetiche recessive e dominanti Una malattia recessiva può essere ereditata da un figlio con genitori sani (con una probabilità del 25%) solo quando entrambi i genitori sono eterozigoti, portatori sani dell’allele mutante. L’anemia mediterranea o talassemia è una malattia recessiva caratterizzata da un difetto nel cromosoma 11 che provoca un errore nella sintesi di emoglobina. Altra malattia recessiva è la fibrosi cistica, dovuta a un’alterazione nella produzione della proteina CTFR, mentre la còrea di Huntington è una malattia dominante che colpisce il sistema nervoso.


Scaricare ppt "Cristina CavazzutiDaniela Damiano Biologia Cavazzuti, Damiano, Biologia © Zanichelli editore 2015."

Presentazioni simili


Annunci Google