La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

TRT TRASPORTI E TERRITORIO SRL TRT TRASPORTI E TERRITORIO srl M ILANO : V IA R UTILIA 10/8 - 20141 - T EL. +39 02 57410380 F AX +39 02 55212845 B RUXELLES.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "TRT TRASPORTI E TERRITORIO SRL TRT TRASPORTI E TERRITORIO srl M ILANO : V IA R UTILIA 10/8 - 20141 - T EL. +39 02 57410380 F AX +39 02 55212845 B RUXELLES."— Transcript della presentazione:

1 TRT TRASPORTI E TERRITORIO SRL TRT TRASPORTI E TERRITORIO srl M ILANO : V IA R UTILIA 10/ T EL F AX B RUXELLES : R UE V ILAIN XIIII, 5 - B T EL / FAX : LECCE : V IA G. C ANDIDO, 6 – T EL./F AX TRT. IT | PEC : PEC. IT WWW. TRT. IT | WWW. RICERCHETRASPORTI. IT *Limitatamente alla sede di Milano Prato, 24/09/2015 Comune di Prato Commissione Consiliare Permanente n. 3 AVVIO NUOVO PROGETTO DI MOBILITA’ Piano esecutivo delle attività

2 1.PUMS Qualche riferimento 2.PUMS cambio di paradigma 3.Che cos’è un PUMS e come si articola 4.Sviluppo delle attività 2 Indice

3 Le politiche per la mobilità sostenibile a scala urbana e la pianificazione dei trasporti hanno via via visto aumentare l’interesse da parte dell’Unione (basti citare i due documenti di policy)  Action Plan sulla Mobilità Urbana (2007)  Libro Bianco Trasporti (2011)  Urban Agenda 2015 in corso di definizione  Esaminare la possibilità di diffondere l’aplicazione dei SUMP per le città al di sopra di una certa soglia dimensionale, in accordo con il livello nazionale e sulla base di linee guida EU  Legare l’uso dei Fondi di Coesione EU per le città e le regioni che hanno predisposto un SUMP PUMS: Qualche riferimento

4  Le città come ambiti privilegiati delle politiche di mobilità (concentrazione della popolazione/spostamenti/impatti)  Dialogo con la comunità locale per costruire una visione condivisa  Orientare in modo selettivo l’uso di risorse (scarse) da destinare a politiche/azioni di sostenibili (per l’ambiente, l’inclusione sociale…..)  Innovare gli strumenti di conoscenza (valutazione ex ante) e di gestione  Dialogo tra i diversi livelli di governo da quello locale a quello sovranazionale  Maggiore è la possibilità di successo e quindi l’efficacia dell’azione pubblica Il perché di questo interesse PUMS: Qualche riferimento

5 PUMS: Cambio di paradigma Piano dei Trasporti Tradizionale (TTP)  Piani Urbani della Mobilità Sostenibile (PUMS) Focus sul traffico veicolare  Focus sulle persone/cittadini/attività Obiettivo principale: ridurre la congestione/aumentare la velocità veicolare  Obiettivo principale Accessibilità, vivibilità e qualità dello spazio pubblico Mandato politico e ruolo della componente tecnica  Importanza del processo di partecipazione (ruolo degli stakeholder e della collettività) Priorità agli aspetti tecnici e di ingegneria del traffico  Percorso integrato di pianificazione: territorio-trasporti-ambiente Tema dominante: infrastrutture  Combinazione di politiche e misure di gestione della domanda di mobilità coerenti con gli obiettivi Focus su progetti che richiedono ingenti risorse  Introduzione del concetto di limite nell’uso delle risorse (suolo, energetiche, economiche, fisiche, ecc.) Valutazioni limitate ad aspetti di tipo tecnico  Valutazione estensiva di efficacia/sostenibilità: tecnica-ambientale-economica-sociale 5

6 6  Un approccio partecipativo che coinvolga i cittadini e gli stakeholder dall'inizio e per tutto il processo di pianificazione  Un impegno concreto per la sostenibilità del settore in termini: economici, di equità sociale e qualità ambientale  Un approccio integrato di pianificazione che tiene conto delle politiche di settori diversi e dei livelli interistituzionali  Una visione chiara = obiettivi misurabili  Una chiara rappresentazione dei costi del trasporto e dei suoi benefici, tenendo conto dei più ampi costi e benefici sociali PUMS: Cambio di paradigma Principali caratteristiche del PUMS

7 7 Cos’è il PUMS e come si sviluppa

8 8  Il SUMP include 4 fasi principali I Attività propedeutiche al processo di Piano IIDefinizione obiettivi razionali e trasparenti IIIElaborazione del Piano IV Implementazione del Piano  Per ogni fase le linee guida individuano:  i punti di partenza  le attività  i risultati

9 9 L’interesse della Città nei confronti di un nuovo approccio alla pianificazione strategica della mobilità si è reso manifesto con: L’adesione e la partecipazione del proprio personale tecnico al Progetto EU-BUMP, focalizzato sull’innovazione degli strumenti di pianificazione e sulla formazione dei tecnici degli EELL L’avvio in questo mese di settembre del percorso per la redazione del PUMS (Piano Urbano della Mobilità Sostenibile) Sviluppo delle attività L’impegno della Città

10 10 Sviluppo delle attività Cronoprogramma

11 Quadro aggiornato delle conoscenze (territorio, mobilità, impatti piani e programmi della Pubblica Amministrazione) Un percorso per individuare/selezionare gli obiettivi del Piano: l’ascolto dei cittadini e della comunità dei decisori Quale visione per la mobilità a Prato 2025, le strategie del PUMS 11 Il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile è lo strumento attraverso il quale i cittadini e i decisori pubblici definiscono le strategie e la visione della mobilità per la città di domani. Sviluppo delle attività

12 Il sistema degli Obiettivi del PUMS si articola quindi in 4 macrocategorie che si richiamano alle 4 dimensioni consolidate del concetto di Sostenibilità (Sviluppo, Ambiente, Società, Economia) Le 4 macrocategorie sono riportate nella tabella seguente Mobilità sostenibile Equità, sicurezza e inclusione sociale Qualità ambientale Innovazione ed efficienza economica 12 Sviluppo delle attività Obiettivi di sostenibilità

13 13 Obiettivi di sostenibilità Ambientale Sociale Economica (Fattibillità tecnica) Indicatori (quanti-quali) Consistenza e capacità delle reti e dei servizi Domanda di mobilità Livello di servizio e qualità del sistema Accessibilità territoriale Componenti di rischio sanitario Costi esercizio e di investimento Target nel decennio Ambientali (qualità dell’aria / impatto acustico/consumo di suolo/consumo di risorse energetiche non rinnovabili, ecc.) Sociali (sicurezza stradale) Vincoli economico- finanziari Sviluppo delle attività Percorso di definizione degli obiettivi e sistema di valutazione

14 14 Condividere le strategie con la comunità locale Definizione degli scenari di Piano (politiche e misure) breve-medio-lungo periodo Valutazione degli scenari di Piano sulla base del conseguimento degli obiettivi di sostenibilità (definiti da indicatori/target) Ducumento di Piano e iter di approvazione e adozione PUMS Sviluppo delle attività Prossimi passaggi

15 Grazie per l’attenzione Patrizia Malgieri Ivan Uccelli TRT TRASPORTI E TERRITORIO srl M ILANO : V IA R UTILIA 10/ T EL F AX B RUXELLES : R UE V ILAIN XIIII, 5 - B T EL / FAX : LECCE : V IA G. C ANDIDO, 6 – T EL./F AX TRT. IT | PEC : PEC. IT WWW. TRT. IT | WWW. RICERCHETRASPORTI. IT


Scaricare ppt "TRT TRASPORTI E TERRITORIO SRL TRT TRASPORTI E TERRITORIO srl M ILANO : V IA R UTILIA 10/8 - 20141 - T EL. +39 02 57410380 F AX +39 02 55212845 B RUXELLES."

Presentazioni simili


Annunci Google