La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gli stili di apprendimento Didattica e Pedagogia speciale Nicoletta Rosati.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gli stili di apprendimento Didattica e Pedagogia speciale Nicoletta Rosati."— Transcript della presentazione:

1 Gli stili di apprendimento Didattica e Pedagogia speciale Nicoletta Rosati

2 Educare osservando e insegnare ad osservare Comportamenti Comportamenti affettivi affettivi  La conoscenza dell’alunno Comportamenti Comportamenti cognitivi cognitivi

3 Educare osservando e insegnare ad osservare atteggiamenti ed atteggiamenti ed aspettative aspettative Comportamenti relazionalità Affettivi partecipazione partecipazione

4 Educare osservando e insegnare ad osservare esperienze : scolastiche esperienze : scolastiche extrascolastiche extrascolastiche Comportamenti conoscenze: dichiarative Cognitivi procedurali concetti concetti abilità abilità modalità di modalità di apprendimento: stili cognitivi apprendimento: stili cognitivi formae mentis formae mentis

5 Educare osservando e insegnare ad osservare  Ogni alunno è portatore di un fascio di energie (potenzialità) sue proprie che, se gradatamente realizzate, contribuiscono al suo completo sviluppo come persona

6 Educare osservando e insegnare ad osservare  Il compito di ciascun docente, ma anche di ciascun educatore, è proprio quello di scoprire e far scoprire all’educando ciò che lo distingue e lo differenzia dagli altri perché unico ed irripetibile.

7 Educare osservando e insegnare ad osservare  La scoperta della propria unicità passa attraverso la conoscenza del proprio modo di vedere, conoscere e comprendere il mondo che ci circonda

8 Educare osservando e insegnare ad osservare  Anche il docente ha il suo patrimonio di potenzialità; molte di queste hanno già trovato espressione e influenzano il proprio modo di essere, di agire, di riflettere di insegnare.

9 Educare osservando e insegnare ad osservare  Nella conoscenza delle proprie peculiarità come di quelle di ciascun alunno rientrano  gli stili cognitivi  gli stili di apprendimento  gli stili di insegnamento

10 Educare osservando e insegnare ad osservare  La costruzione condivisa delle conoscenze permette agli alunni di prendere coscienza delle proprie modalità cognitive e di apprendimento e ai docenti di valorizzare queste “diversità” per adattare il proprio stile di insegnamento.

11 Educare osservando e insegnare ad osservare  Ogni allievo dovrebbe poter sperimentare stimoli adatti ai diversi stili di apprendimento

12 Educare osservando e insegnare ad osservare  Lo stile di apprendimento è un comportamento cognitivo, affettivo e fisiologico che indica, nel suo insieme, come l’allievo percepisce l’ambiente di apprendimento, interagisce reagendo ad esso.

13 Educare osservando e insegnare ad osservare  Osservando un bambino/ragazzo impegnato a scoprire il funzionamento, per es. di un tellurio, si potrà constatare come egli, di fatto, impegni modalità sensoriali, tratti di personalità ( le disposizioni della mente) e modalità cognitive.

14 Educare osservando e insegnare ad osservare  I canali sensoriali “puri” sono:  visivo  uditivo  cinestesico  olfattivo  tattile

15 Educare osservando e insegnare ad osservare  Di fatto le informazioni che arrivano ( input) utilizzano un  canale visivo-verbale A B C  canale visivo-non verbale  canale uditivo  canale cinestesico

16 Educare osservando e insegnare ad osservare  Il canale visivo verbale richiama le strategie di apprendimento basate su:  prendere appunti  rivedere quanto appuntato  riassumere quanto letto  fare elenchi di cose da ricordare  porre didascalie a grafici, immagini, diagrammi  seguire istruzioni per iscritto

17 Educare osservando e insegnare ad osservare  Il canale visivo non verbale richiama le strategie di apprendimento basate sull’uso di:  immagini,foto, disegni, mappe concettuali o multimediali;  sottolineature di parole- chiave usando colori diversi;  costruzione di immagini mentali di ciò che viene ascoltato o letto;  predisposizione di scalette e di indici

18 Educare osservando e insegnare ad osservare  Il canale uditivo privilegia l’ascolto e si basa sulle strategie didattiche di:  Ascoltare attivamente colui che parla;  ascoltare con attenzione le spiegazioni del docente;  registrare le lezioni del docente o la propria ripetizione della lezione;  chiedere spiegazioni orali;  utilizzare gli audiolibri;  usare la sintesi vocale per la lettura ( in presenza di DSA);  ascoltare le spiegazioni di un compagno

19 Educare osservando e insegnare ad osservare  Il canale cinestesico utilizza tutte le modalità concrete di fare esperienza diretta di ciò che si apprende.  Si basa sulle strategie di disegnare, ritagliare, incollare, appaiare, giustapporre immagini, schemi, diagrammi.  Esprimere con il corpo ciò che si sta apprendendo  Accompagnare lo studio con il movimento del corpo

20 Educare osservando e insegnare ad osservare

21  Una volta individuato lo stile di apprendimento prevalente in ciascun alunno, il docente predispone la sua lezione scegliendo le attività didattiche variegate così da richiedere l’uso dei vari canali sensoriali e rispettare i vari stili di apprendimento.

22 Educare osservando e insegnare ad osservare  Quando l’informazione è stata “colta” deve essere elaborata per trasformarsi in conoscenza.  Questo avviene secondo il personale stile cognitivo

23 Educare osservando e insegnare ad osservare  Lo stile cognitivo è “la modalità prevalente con cui la persona elabora l’informazione che permane nel tempo e si generalizza a compiti diversi. P.Boscolo “Intelligenze e differenze individuali” 1981 P.Boscolo “Intelligenze e differenze individuali” 1981

24 Educare osservando e insegnare ad osservare  La scuola dovrebbe stimolare l’applicazione di diversi stili cognitivi permettendo in questo modo un apprendimento plurifunzionale.

25 Educare osservando e insegnare ad osservare  Gli stili cognitivi maggiormente riconosciuti sono:  stile globale≠analitico  stile sistematico ≠intuitivo  stile verbale ≠visuale  stile impulsivo ≠riflessivo  stile convergente ≠divergente  stile dipendente dal campo ≠indipendente dal campo

26 Educare osservando e insegnare ad osservare  Gli stili di apprendimento indicano una predisposizione e una propensione naturale di ciascun allievo nell’uso delle abilità proprie.  Ognuno utilizza, in modalità diverse, in tempi diversi e in percentuali differenti, tutti gli stili

27 Educare osservando e insegnare ad osservare  Gli alunni con DSA, per esempio, prediligono stili di apprendimento  visivo- non verbale  auditivo  cinestesico

28 Educare osservando e insegnare ad osservare  Le informazioni che provengono dal canale auditivo sono, in genere, processate bene nei bambini della scuola dell’infanzia, nelle persone con DSA.  Le informazioni che sono veicolate dal canale auditivo necessitano un rinforzo ( educare all’ascolto attivo). ( educare all’ascolto attivo).  Le informazioni che sono “conquistate” dal canale cinestesico permangono più a lungo ( apprendimenti con il corpo, appunti, grafici)

29 Educare osservando e insegnare ad osservare  Occorre sempre ricordare che ciascun alunno, però, ha il suo canale privilegiato e che, anche se presenta disabilità, ha un modo tutto personale di processare le informazioni

30 Educare osservando e insegnare ad osservare  Gli alunni con DSA o gli alunni dell’età della seconda infanzia, per esempio, utilizzano:  stili di apprendimento visuali; (pensano in modo visivo piuttosto che verbale)  stili cognitivi globali ( Krupska, Klein, Morgan, Stella) ( Krupska, Klein, Morgan, Stella)

31 Educare osservando e insegnare ad osservare  Sembra che le persone con difficoltà di apprendimento sviluppino un pensiero divergente piuttosto che convergente, quindi sono più creative nel trovare soluzione ai problemi. (Grenci, Amodio, Bandello) (Grenci, Amodio, Bandello)

32 Educare osservando e insegnare ad osservare  Prestare attenzione al proprio stile di insegnamento che, in genere, a livello spontaneo, ricalca il nostro stile di apprendimento

33 Educare osservando e insegnare ad osservare  Stile verbale  Stile visuale  Stile globale  Stile analitico  Stile sistematico  Stile intuitivo

34 Educare osservando e insegnare ad osservare  Per facilitare al massimo gli alunni con DSA ( ma, in realtà, tutti gli alunni) si dovrebbero programmare le attività di apprendimento come “prestazione della comprensione” piuttosto che “prestazioni di comprensione”

35 Educare osservando e insegnare ad osservare  Un possibile schema…  Obiettivi cognitivi  Obiettivi metacognitivi  Obiettivi “sociali”  Disposizioni della mente

36 Educare osservando e insegnare ad osservare  Un elemento che può favorire la motivazione all’apprendimento anche in condizioni di gravi difficoltà è dato dal poter “vedere” l’applicabilità di quanto scoperto, studiato, appreso e il fatto che quanto appreso richieda una prestazione adeguata alle proprie capacità ( non aspettative troppo alte).

37 La prestazione autentica  La prestazione autentica è una metodologia che risponde pienamente ai bisogni di interesse e motivazione allo studio.  Si fonda proprio sull’applicabilità concreta ed immediata di quanto appreso nella realtà quotidiana.

38 La prestazione autentica  Si tratta di utilizzare le stesse attività didattiche conosciute, ma con un’ottica diversa: quella di situare la conoscenza nella realtà conosciuta dall’allievo.

39 La prestazione autentica  La prestazione autentica si ottiene trasformando una prestazione di apprendimento ( per la comprensione o della comprensione) ed organizzandola secondo certi indicatori:  Situazione ( reale o verosimile)  Destinatari del lavoro svolto dagli allievi  Ruolo dei singoli allievi nello svolgimento della prestazione  Prodotto chiaramente descritto dall’insegnante in termini di: “Questo è ciò che mi aspetto da voi: correttezza ortografica, frasi correttamente costruite, idee innovative o originali, ecc.)

40 La prestazione autentica  Un modo di lavorare che non soltanto mette al centro del lavoro stesso ogni singolo alunno, ma lo rende co- responsabile e co-autore con il docente stesso del proprio percorso di apprendimento rende la classe un luogo altamente inclusivo dove ciascuno è accolto e valorizzato per quello che è, spronato a dare il meglio di sé, incoraggiato dal percepire che la classe è veramente l’incontro di tanti IO-Tu per costituire il NOI.

41 Una buona classe non è un reggimento che marcia al passo, è un’orchestra che prova la stessa sinfonia D.Pennac, Diario di scuola


Scaricare ppt "Gli stili di apprendimento Didattica e Pedagogia speciale Nicoletta Rosati."

Presentazioni simili


Annunci Google