La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prestiti e calchi di Andreina Petrucci DURATA: DURATA: 10 – 20 ORE (riducibili e modularizzabili) DESTINATARI: DESTINATARI: docenti area linguistica della.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prestiti e calchi di Andreina Petrucci DURATA: DURATA: 10 – 20 ORE (riducibili e modularizzabili) DESTINATARI: DESTINATARI: docenti area linguistica della."— Transcript della presentazione:

1 Prestiti e calchi di Andreina Petrucci DURATA: DURATA: 10 – 20 ORE (riducibili e modularizzabili) DESTINATARI: DESTINATARI: docenti area linguistica della scuola secondaria di primo e secondo grado. OBIETTIVO : OBIETTIVO : - Strutturare attività condivise circa i seguenti ambiti : - presenza di vocaboli italiani (anche attraverso il latino) nelle lingue comunitarie studiate - studio delle aree semantiche in cui questi si collocano - presenza di vocaboli delle lingue comunitarie nella lingua italiana - analisi delle aree semantiche in cui questi si collocano. - Costruire una didattica comune di sviluppo della competenza semantico-lessicale METODO : METODO : brainstorming, cooperative learning, presentazione ppt.

2 Le slides con sfondo grigio riguardano la gestione delle attività di formazione, quelle con sfondo chiaro sono da mostrare ai corsisti e contengono precisazioni concettuali e terminologiche; infine le slides con sfondo azzurro riportano attività da far svolgere ai corsisti e agli studenti. Nota introduttiva:

3 1 step Obiettivi: - Conoscere come avviene larricchimento del vocabolario italiano; - Conoscere i processi morfologici di derivazione e composizione delle parole; - Conoscere il significato e la tipologia dei calchi e dei prestiti linguistici

4 Il continuo arricchimento del vocabolario dellitaliano si realizza soprattutto secondo tre modalità: 1) composizione di una parola dallunione di due o più parole; 2) derivazione da una parola base già esistente in italiano; 3) prestito da altre lingue.

5 Il formatore chiede ai corsisti di scrivere il significato delle parole prestito e calco. I corsisti condivideranno a coppie, poi a gruppi di quattro il significato dei due termini. Si prosegue con precisazioni da parte del formatore. ATTIVITA 1

6 COMPOSIZIONE Nella composizione, tra le varie possibilità, è previsto lincontro di due o più parole (appendiabiti, portaombrelli). In alcuni casi le due forme, come negli esempi appena fatti, si usano in italiano anche da sole (e si dicono forme libere), ma spesso una delle due parti, perlopiù di origine greca o latina, non è usata da sola (forme non libere): si parlerà allora di prefissoide e suffissoide o di primo elemento e secondo elemento (in altre teorie grammaticali si parla, invece, di semiparole, cfr. Scalise 1983: 186 sgg.). Si possono associare un prefissoide e un suffissoide tra loro (democrazia) o con una forma libera (televisione, paninoteca).

7 DERIVAZIONE Nella derivazione, alla parola base si accosta un prefisso (extraterrestre, circumnavigare, ultraterreno), un suffisso (bancario, albeggiare, impiegatizio, ecc.) o entrambi (derattizzazione).

8 Morfema flessivo serve a flettere un nome o un verbo e aggiunge informazioni relative a genere, numero, caso, tempo, modo, diatesi, persona allo stesso lemma Ad es. bell-o bell-i Morfema derivativo. Determina varianti di una radice e genera differenti lemmi (e lessemi) o sottolemmi. Ad es. lavorata lavorat-ina, lavor-etto, ecc. Lavorare lavor-abile Con cambio di classe di appartenenza della radice da verbo ad avverbio. (Insegnare e apprendere il lessico in italiano L1-L2, Materiali Poseidon, S1-P1, di Paola Leone)

9 Un aspetto importante nella formazione delle parole è la produttività Affissi produttivi -ista; -ismo; -izzare; -ale; -zione;- mento; -aggio e –tore. Affissi scarsamente produttivi -io; itudine; -aceo (Insegnare e apprendere il lessico in italiano L1-L2, di Paola Leone)

10 E un fenomeno complesso che fondamentalmente nasce dal contatto tra culture e lingue differenti; limportanza di tale incontro è chiaramente evidenziata dallo scambio e dallarricchimento che i popoli ne traggono. Si tratta di un argomento molto dibattuto tra gli studiosi presso i quali non trova una definizione omogenea e univoca, poichè il prestito non designa un concetto unitario, bensì una tipologia di fenomeni linguistici. PRESTITO

11 PRESTITI E CALCHI IN ITALIANO Il prestito è un elemento di una lingua straniera che viene accolto nella propria. Si possono distinguere tipi diversi di prestito: -in base all'esigenza, prestito di necessità e prestito di lusso -in base all'adattamento, prestito integrato e prestito non integrato (adattato e non adattato)

12 PRESTITI DI NECESSITA I prestiti si definiscono di necessità, quando la parola viene introdotta (in forma più o meno imitativa delloriginale) contestualmente al nuovo referente: come nel caso di molte parole arrivate con la scoperta dellAmerica, quali patata, dallhaitiano, per il tramite dello spagnolo, o canoa; o, caffè dal turco e zero dallarabo; o, più di recente, juke-box e tutta la terminologia informatica (computer, mouse, display, hardware, software, driver, e anche un aggettivo che si riferisce alla comunicazione utente-pc come friendly) dallangloamericano.

13 PRESTITI DI LUSSO I prestiti che si definiscono di lusso a rigore sono superflui, perché la lingua già ha in sé le risorse lessicali alternative al termine esotico, ma assumono una connotazione stilistica – comè il caso di parole brevi e fonoespressive particolarmente accettate dal linguaggio giornalistico, come show, boom, click rispetto a traduzioni come spettacolo, sviluppo (economico), schiacciare il puntatore, che poi sarebbe il mouse (divenuto ormai prestito di necessità) del pc - o di (supposta) promozione sociale: è il caso della preferenza per anglismi quali baby-sitter, manager, week-end rispetto a bambinaia, dirigente, fine settimana.

14 PRESTITI NON INTEGRATI E INTEGRATI Il prestito può essere non integrato (integrale, non adattato, a seconda della terminologia adottata), se il vocabolo esotico viene accolto nella forma originaria (e quindi con sequenza di fonemi e morfemi estranei allitaliano), del tipo bar, computer, équipe, lager, tram, o integrato (adattato) nel nostro sistema fono-morfologico, al punto tale da renderlo indistinguibile dalle parole del repertorio lessicale autoctono, se non con una competenza etimologica, come ad esempio bistecca dallinglese beefsteak, ingaggiare dal francese engager.

15 CALCHI Un tipo particolare di prestito è rappresentato dal calco, dove vengono usati elementi lessicali già presenti nella propria lingua ma modellati sulle strutture di un'altra lingua. Si possono distinguere tipi diversi di calco: calco semantico (di tipo omonimico o sinonimico) calco lessicale, chiamato anche calco (di) traduzione e calco morfologico

16 Step 2 - Conoscere i prestiti dallitaliano alle altre lingue

17 ATTIVITA 2 Il formatore chiede ai corsisti di elencare il maggior numero di prestiti dallitaliano alle altre lingue. Si riflette e si discute sulla tipologia e sulla provenienza dei prestiti individuati. Si riflette anche su un fenomeno interessante e forse meno evidente, cioè su come lintroduzione di prestiti dallinglese stia modificando la grammatica della lingua italiana (e di tutte altre lingue romanze) introducendo composti come estratto conto (sost + sost) o espressioni come ragazza palestrata. ( Lo sviluppo della competenza semantico- lessicale nella classe plurilingue, Materiali Poseidon, percorso S1-P4, di Cariani, Ducati, Leone) Si raccolgono su di un cartellone le parole individuate e si procede con la presentazione.

18 PRESTITI ITALIANI Litaliano ha veicolato i propri prestiti e oggi ne veicola di nuovi in molti campi. Nel passato numerose colonie di Italiani si stabilirono a Bisanzio (Amalfitani, Pisani, Genovesi, ma soprattutto Veneziani) e favorirono lespansione degli italianismi verso oriente, soprattutto attraverso il neo-greco. Tramite il francese, sono giunti nellEuropa del Nord non pochi termini marinareschi dorigine italiana. Dallitaliano, per esempio, giunge in francese tramontana, e il termine ha il valore generico di vento del Nord in inglese e in molte altre lingue dellEuropa settentrionale; ma anche in croato, perchè le lingue dellEuropa balcanica hanno risentito, soprattutto lungo le coste, della dominazione veneziana.

19 PRESTITI ITALIANI Unaltra curiosità riguarda la parola fiorino, unità monetaria di molti paesi (Ungheria, Austria, Olanda). Il termine deriva dal fiorino doro, coniato a Firenze nel 1252, e divenuto moneta di riferimento nellintera Europa. E se in Belgio, Inghilterra e Francia, banchiere si dice lombard (a Londra nella City ce la Lombard Street) è perchè dallItalia settentrionale (non solo Lombardia, anche perchè come sapete questa parola deriva dalle popolazioni longobarde) arrivavano i migliori affaristi e maneggiatori di denaro del Rinascimento.

20 PRESTITI ITALIANI Italia paese di navigatori (e banchieri) ma anche di poeti e artisti: sonetto per la poesia e fresco (con il valore di affresco) hanno fatto il giro del mondo. E Italia come paese di corti, cortigiani (in tutte le accezioni) e guerrieri (soldato, caporale, colonnello, casamatta ecc.). Il Rinascimento italiano ha infatti regalato al mondo culturale il concetto di cortigiano, accolto in spagnolo, francese e tedesco anche nella forma femminile cortigiana, destinata ben presto ad assumere il senso dispregiativo odierno. Italia terra di cuochi (i maccheroni girano lEuropa ben prima dellodierno boom della pasta, così come mortadella in francese e vermicelli in francese e inglese; risale alla fine del Settecento-primo Ottocento la fortuna di confetti, che in certe lingue vanno a designare altre prelibatezze, i konfety russi sono cioccolatini ripieni) di esteti (è italiano il profumo) e di giornalisti… Arriva fino in Russia la parola gazzetta per quotidiano, anche se la parola deriva da una moneta veneziana di bassa lega…

21 PRESTITI ITALIANI Ma la maggioranza degli italianismi nelle altre lingue riguarda la musica: un centinaio penetrano perfino in giapponese. I musicisti italiani, a partire dalla seconda metà del XVI secolo, compongono e suonano in tutta Europa. Il famigerato Antonio Salieri a Vienna ebbe allievi del livello di Beethoven, Schubert e Liszt. Un contributo decisivo alla diffusione dellitaliano come lingua della musica viene poi dalla grande fortuna dellopera lirica, che dalla Francia arrivò nei principali teatri e corti europee: gli autori dei libretti erano italiani, spesso celebri poeti come Metastasio o Da Ponte, un ebreo convertito e giramondo, famoso come librettista di Mozart.

22 PRESTITI ITALIANI Non solo i musicisti contribuiscono alla diffusione dei prestiti ma anche gli artigiani degli strumenti, in primo luogo i liutai: ocarina, violoncello, violino, pianoforte (che è stato inventato alla fine del Seicento da un italiano); sugli spartiti anche oggi si trovano parole italiane (barcarola, cantata, capriccio, fantasia, fuga, madrigale, sinfonia, sonata, aria da suonare adagio, allegro, brio, largo presto, legato, staccato, da riempire di trilli … da cantare con lausilio di soprani e tenori).

23 CIAO! Finiamo la presentazione dei prestiti dallitaliano con un saluto: ciao, di origine veneziana, dalla pronuncia dialettale di slavo, e quindi schiavo, che da Napoli si è diffusa rapidamente prima in Italia e poi allestero.slavo

24 Step 3 -Saper individuare allinterno di testi italiani i prestiti dalle altre lingue; -Costruire campi semantici -Usare il dizionario (anche etimologico)

25 ATTIVITA 3 Il formatore sottopone ai corsisti alcuni testi nei quali individuare i prestiti che dovranno poi essere raggruppati per campi semantici. La competenza lessicale, infatti si basa anche su operazioni mentali che emergono quando il parlante riesce a collegare un vocabolo con il referente (quella è una sedia), a darne una definizione (una sedia è …) o a metterlo in relazione con altri termini all'interno della rete semantica (sedia, poltrona, panca ecc.). (Insegnare e apprendere il lessico in italiano, Materiali Poseidon, S1-P1, di Paola Leone) Si può anche prevedere di svolgere lattività a gruppi per lingue diverse per mettere poi a confronto il lavoro dei vari gruppi. Si potranno utilizzare dizionari cartacei e/o elettronici, anche per cercare letimologia. Si chiederà se i docenti ritengono interessante un esercizio di questo genere per i loro studenti.

26 CAMPO SEMANTICO Per campo semantico (o di significato) si intende, in linguistica, un gruppo di parole di una stessa lingua che si riferiscono alla stessa area di significati. Ad esempio, il campo semantico di una parola come fiume comprenderà parole in stretta relazione di significato come ruscello, fonte, sorgente, affluente, foce, delta, estuario e simili: queste parole, tutte della stessa classe, devono avere in comune almeno una minima parte di significato per appartenere allo stesso campo semantico.

27 ESEMPIO DI CAMPO SEMANTICO

28 Nelle seguenti poesie, sottolinea tutti i nomi comuni che ti sembrano stranieri, poi cercane il significato e lorigine sul vocabolario Savie coccinelle all'ora dei tè guardano tristi il piatto di bignè. (Andrea Molesini, da Tarme d'estate, Mondadori) Un pollo su un pullman in viaggio per Baden avvolto in un loden si sente nell'Eden; sua moglie, col rimmel, gli fuma le Camel. (Toti Scialoja) Due oche di Ostenda in guanti e mutande pedalano in tandem all'ombra dei dolmen e in meno di un amen imboccano un tunnel. (Toti Scialoja, da Una vespa! Che spavento, Einaudi)

29 PIU CHIC MENO CHOC Suggestioni più che diktat. A Parigi la settimana del prét-à-porter autunno-inverno non ha imposto un codice unico, ma un pot-pourri di tendenze. Gli stilisti (con l'eccezione di Alexander McQueen che ha organizzato uno show a base di effetti speciali, kimono antichi e principesse tibetane in corsetto) sono stufi di stupire, preferiscono far venir voglia di comprare. Nella sfilata di Jean Paul Gaultier le mannequins erano state trasformate in adorabili mini dolls: pagliaccetto di rigore e,per andare alle merende chic, vestitone a balze e le maniche a palloncino. Un altro défilé aveva il sapore di un gioco di prestigio: si tira su uno spago e le gonne si trasformano in air-bags. Gli abiti di chiffon della collezione Ungaro cascavano lungo la silhouette come fossero impalpabili. Non si portano a pelle ma con un paio di panta-collants. La griffe che maggiormente rispetta la tradizione parigina di eleganza rimane Hermes. Martin Margiela, da anni designer della Maison, ha puntato sulle cappe di cammello, le bluse nere con la schiena nuda, i pantaloni morbidi per una donna impeccabile che non ha nessun bisogno di stupire. LEspresso, 27/3/2003, adattamento

30 Leggi il seguente testo, poi riscrivilo sul quaderno, sostituendo le parole straniere con le corrispondenti parole italiane che trovi, in disordine, al fondo Week End Cominciava un week-end speciale per me e la band: dovevamo infatti fare una performance in un pub, durante una jam-session, per la prima volta il training era stato abbastanza lungo. Il nostro look? Io vestivo in jeans e t-shirt, molto casual, il bassista aveva invece un'aria parti­colarmente snob, con la camicia comprata nella boutique più in della città, il papillon e il pul­lover beige; il chitarrista in stile un po' naif, sembrava un teen-ager; il batterista e il tastieri­sta, stavano chiacchierando con il barman in attesa del whisky. Il bassista e io rimanemmo soli e, avvertendo una certa fame, o meglio" voglia di qualcosa di buono", facemmo l'autostop e ci caricò una spider che ci lasciò davanti al Romagna center, il più grosso discount della zona. Ci inoltrammo nel supermarket e trovammo hamburger. hot, dog, popcorn, chips con ketchup, chewing-gum. champagne, roastbeef, dessert di tutti i tipi. crème caramel ecc. maglietta gruppo musicale gomma da masticare esibizione arrosto ingenuo e istintivo abbigliamento pantaloni di tela blu birreria disinvolto e sportivo farfallino spumante raffinato negozio alla moda budino maglione polpette barista salsicce acquavite auto scoperta salsa di pomodoro mercato centro commerciale fine settimana supermercato mais ragazzo patatine nocciola chiaro lavoro preparatorio dolci richiesta di un passaggio in auto improvvisazione di musica jazz (da Povero Pinocchio, Comici)

31 Step 4 - riflettere sul processo di apprendimento, valutare e autovalutarsi

32 ATTIVITA 4 A questo punto il formatore potrà sottoporre ai corsisti (allo stesso modo il docente farà con gli alunni) un questionario di riflessione sullacquisizione di nuove parole. E infatti importante monitorare tutto il processo di apprendimento. Un questionario potrà essere predisposto su alcune parole (evidenziate nei testi precedenti) in base alla distinzione che Wesche e Paribakht formulano sui livelli di conoscenza di una parola

33 QUESTIONARIO DI RIFLESSIONE SULLACQUISIZIONE DI NUOVE PAROLE Non ricordo di aver visto prima questa parola; (Non presente in memoria) Ho visto questa parola ma non so cosa significa; (Memoria ortografica) Ho già visto questa parola e penso che significhi (Conoscenza esplicita ancora incerta) Conosco questa parola. Significa (Conoscenza esplicita) Sono in grado di usare questa parola in una frase: (Competenza duso) da Insegnare e apprendere il lessico in italiano L1/L2, di Paola Leone

34 Step 5 - conoscere i cambiamenti della lingua italiana attraverso la storia politica, artistica e culturale.

35 ATTIVITA 5 I CAMBIAMENTI NELLA LINGUA ITALIANA attraverso la storia Le prossime diapositive riportano una sintesi della storia della letteratura italiana con unattenzione particolare ai cambiamenti nella lingua. Le prime due diapositive introducono largomento. Per ogni secolo si sintetizzano i fatti storici, quelli artistici e culturali, i fatti linguistici e gli autori principali. Dopo aver letto tale sintesi, i corsisti lavoreranno a gruppi su testi di autore, opportunamente selezionati, sottolineando arcaismi, prestiti e quanto ritengono utile per una successiva discussione sullevoluzione dellitaliano.

36 Lanalisi di testi letterari crea consapevolezza del lessico come sistema aperto, gli studenti devono avere fin dalla scuola media la consapevolezza di una lingua che sia diacronicamente che sincronicamente ha avuto una sua vita. E proprio attraverso lanalisi lessicale che molti concetti possono essere esplicitati agli studenti e destare la loro curiosità, promuovendo una comprensione dei testi meno superficiale.

37 I prestiti linguistici, e cioè lassimilazione di elementi, di solito lessicali, da unaltra comunità, sono un fenomeno che accompagna lo sviluppo della società umana nella storia. Idee nuove e cose nuove esigono parole nuove; ed è naturale che una comunità che porta idee e cose nuove le trasmetta ai popoli con cui viene in contatto, insieme alle parole a esse collegate. La storia è ricca di esempi. Basterà ricordare la quantità di parole greche assimilate dal latino; la formazione composita dellinglese; il numero dei vocaboli germanici disseminati da un capo allaltro dellEuropa allepoca delle grandi migrazioni; i termini arabi – e non solo quelli legati direttamente alla religione islamica – diffusi in tutto il mondo musulmano.

38 E poi, la penetrazione, un po in tutte le lingue europee, di voci italiane durante il Rinascimento, spagnole nei Seicento, francesi nel Settecento. Il fenomeno si accentua ancora nellOttocento con lavvento della rivoluzione industriale e la parallela diffusione di termini inglesi legati soprattutto allindustria e al commercio, per divenire massiccio nel Novecento, specialmente dopo la seconda guerra mondiale, quando non più soltanto lInghilterra ma ancor più il Nord America diffondono in tutto il resto del mondo, con parole inglesi, le grandi novità della scienza, della tecnica, della vita associativa. La facilità dei contatti, la radio, la televisione, le canzoni, lo sport, i più intensi scambi culturali, non fanno che accrescere questa ondata di parole straniere, soprattutto inglesi, che si abbatte, in misura senza precedenti sulle altre lingue.

39 DALLE ORIGINI ALLANNO 1000 Fra il III e il V secolo d. C., sotto la pressione delle invasioni barbariche, il latino parlato (detto anche volgare, cioè popolare), venendo in contatto con le lingue dei nuovi invasori, inizia rapidamente a trasformarsi, assumendo intonazioni e sfumature diverse da territorio a territorio. Il latino scritto, invece molto più stabile perché legato a modelli e a regole ben precise, continuerà ancora per molto tempo a essere la lingua delle persone di cultura. In latino si continuano a scrivere i manuali dei diversi insegnamenti universitari, le leggi e i documenti ufficiali.

40 IL DUECENTO Tutti i livelli della lingua, attraverso passaggi graduali, subiscono trasformazioni: la forma delle parole, il significato, le strutture linguistiche. Per esempio c'è la tendenza a lasciar cadere le consonanti finali della parola latina (noctem-nocte-notte); cadono anche vocali e consonanti all'interno della parola (mensem-mesem-mese; oculus- oclus-occhio); si diffonde l'uso di vocaboli diversi da quelli tradizionalmente usati nelle scritture (busca-bocca, al posto di os, caballus, cavallo, al posto di equus). Continuando nella sua evoluzione, il volgare si arricchisce di nuovi termini e si differenzia sempre di più dal latino fino a diventare una lingua distinta. Non tutte le parole italiane derivano dal latino. Le parole italiane non derivate dal latino provengono da popoli che conquistarono l'Italia e la governarono, cioè dai popoli di lingua germanica e dagli arabi, il popolo culturalmente più avanzato dell'Alto Medioevo, che nel IX secolo occupò vaste zone dellItalia meridionale. Sulla nostra letteratura in volgare esercitarono una certa influenza anche due lingue neolatine sorte in Francia già nell'XI sec. quella d'oc o provenzale (Francia meridionale), attraverso i poeti provenzali stanziati in Italia, e, in misura minore, quella d'oil (Francia settentrionale).

41 I FATTI STORICI -Continuano i contrasti tra Papato e Impero. -NellItalia centro-settentrionale si affermano i Comuni e le repubbliche marinare. -NellItalia meridionale si consolida la monarchia, prima con Federico II, poi con gli Angioini.

42 I FATTI ARTISTICI E CULTURALI -In architettura si assiste al passaggio dallo stile romanico al gotico. -In pittura spiccano le figure di Cimabue e Giotto. -Si sviluppano le università. -Nascono gli ordini mendicanti dei Francescani e dei Domenicani. -Tommaso dAquino è il teologo del papa.

43 I FATTI LINGUISTICI -Il volgare italiano diventa lingua letteraria. -Nasce la letteratura italiana. -Continua la letteratura in lingua latina.

44 GLI AUTORI PRINCIPALI -Letteratura religiosa: S. Francesco dAssisi e Jacopone da Todi. -Letteratura profana -Poesia: Cecco Angiolieri; Scuola siciliana di Federico II: Cielo DAlcamo, Jacopo da Lentini, e Pier delle Vigne; Dolce Stil Novo: Guido Guinizelli, Guido Cavalcanti, Dante Alighieri. -Prosa: Romanzi e racconti cavallereschi; Novelle: Il Novellino; Marco Polo: Il Milione.

45 IL TRECENTO Dal latino entrano nella lingua molti termini che sostituiscono parole già in uso, ad esempio orazione sostituisce diceria. Nuove parole arrivano anche dallo spagnolo (maiolica), dallarabo (tazza), dal tedesco (piffero). Si impongono poi, in tutta Italia, forme tipicamente fiorentine come: nuovo per novo, piede per pede, amiamo, vediamo per amamo, vedemo.

46 I FATTI STORICI -Una grave epidemia di peste colpisce lEuropa. -Papato e impero entrano in crisi. -NellItalia settentrionale e in parte in quella centrale, si passa dalla forma del Comune a quella delle Signorie. -Italia meridionale: il governo degli Angioini si avvia alla decadenza.

47 I FATTI ARTISTICI E CULTURALI Pittura: -Giotto da Bondone considerato il più grande pittore italiano. -Scuola senese: Simone Martini, Duccio di Boninsegna, Pietro Lorenzetti, Ambrogio Lorenzetti. -Nuove scienze come la fisica e la medicina ricevono un forte impulso.

48 I FATTI LINGUISTICI - Il volgare si sviluppa e trionfa grazie a Dante, Petrarca e Boccaccio; su tutti i dialetti italiani si impone quello di Firenze. - Continua copiosa la letteratura latina.

49 GLI AUTORI PRINCIPALI -I grandi della letteratura: Dante, Petrarca e Boccaccio. -Letteratura religiosa: anonimo toscano autore dei Fioretti di San Francesco - Santa Caterina da Siena (Lettere). -Storiografia: Dino Compagni, Giovanni Villani. -Novellistica: Franco Sacchetti (Trecento novelle).

50 IL QUATTROCENTO E IL CINQUECENTO Vengono introdotti dal latino moltissimi termini: arbusto, pagina, marittimo, ecc. e nuove parole arrivano da altre lingue. Cominciano ad affermarsi fenomeni che poi diventeranno stabili: luso dei pronomi lui e lei come soggetti, la sostituzione sempre più frequente della posizione proclitica (si dice di parola priva di accento che per la pronuncia si appoggia alla parola seguente) delle particelle atone: Vi priego invece di priegovi. Anche nel Cinquecento entrano nella lingua termini latini ma meno numerosi che nel Quattrocento. In questo secolo il lessico risente fortemente dellinfluenza della Spagna, della Francia e del contatto con civiltà non europee a seguito delle scoperte geografiche. Molti termini, infatti, arrivano dal francese (massacro, batteria, petardo), moltissimi dallo spagnolo (sfarzo, flotta, azienda) e dalle lingue americane (patata, mais, cacao)

51 I FATTI STORICI -Nascono conflitti tra le maggiori città italiane. -Per lItalia e lEuropa si apre unepoca di grande rinnovamento culturale: il Rinascimento. -Iniziano i grandi viaggi di esplorazione e si scopre lAmerica (1492). -LItalia, debole e divisa, diventa preda delle più potenti nazioni europee.

52 I FATTI ARTISTICI E CULTURALI -Pittura: Leonardo, Raffaello e Tiziano diventano un modello per tutta lEuropa. -Michelangelo Buonarroti è insieme pittore, scultore e architetto. -Grandi architetti come Brunelleschi, Bramante rinnovano il volto delle città. -Linvenzione della stampa a caratteri mobili a opera di Gutemberg rappresenta una vera e propria rivoluzione culturale.

53 I FATTI LINGUISTICI -Permane luso del latino per la composizione di opere dotte e scientifiche. -Nasce la questione della lingua. -Compaiono numerose grammatiche e i primi vocabolari.

54 GLI AUTORI PRINCIPALI -Letteratura del Quattrocento: Poliziano (Le stanze per la giostra); Lorenzo de Medici (I canti carnascialeschi); Boiardo (Orlando innamorato). -Letteratura del Cinquecento: Ludovico Ariosto (Orlando Furioso); Torquato Tasso (Gerusalemme liberata); Niccolò Macchiavelli (Il Principe).

55 IL SEICENTO Fenomeni tipici del Seicento sono la creazione di nuove parole per mezzo di suffissi e prefissi di origine greca o latina (onnivoro, semipubblico) e la comparsa dei composti formati da due aggettivi, il primo dei quali rimane invariabile. Entrano nella lingua molti termini derivati dal latino (sintassi, scheletro, cellula, società, iniezione), dallo spagnolo, soprattutto nella prima metà del secolo (pastiglia, recluta, lazzarone, nostromo, cioccolato) e dal francese (moda, parrucca, dettaglio, tazza, reggimento).

56 I FATTI STORICI LItalia attraversa un periodo di progressiva decadenza sociale, politica ed economica. Politicamente è soggetta allegemonia spagnola che fa sentire la sua influenza sullintera penisola. Unepidemia di peste colpisce lItalia settentrionale e meridionale e la guerra dei Trentanni infuria in Lombardia.

57 I FATTI ARTISTICI E CULTURALI Sul piano culturale si sviluppa il barocco che impone linteresse per la ricerca di forme stravaganti e per il gusto della magnificenza. In architettura, il gusto barocco si manifesta con la monumentalità delle costruzioni. Grazie a Galileo Galilei si hanno la creazione del metodo sperimentale e la nascita della scienza moderna.

58 I FATTI LINGUISTICI In poesia il gusto barocco è definito Marinismo. Entrano nella lingua molti spagnolismi e francesismi. Nasce il primo organico vocabolario della lingua italiano, quello dellAccademia della Crusca.

59 GLI AUTORI PRINCIPALI Poesia barocca: Gian Battista Marino Adone Prosa scientifica Galileo Galilei Il Saggiatore Il Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo. Altri autori importanti: Tassoni La secchia rapita Gian Battista Basile Lo cunto de li cunti

60 IL SETTECENTO Nel rinnovamento della lingua, sviluppatosi straordinariamente nel Settecento, risulta prevalente linfluenza del francese. Lelenco dei prestiti da questa lingua è lunghissimo e abbraccia diversi settori del vivere quotidiano, della moda, della cucina e della vita commerciale: ghette, cerniera, flacone, coccarda, cotoletta, alcune per la prima volta non italianizzate: toilette, bleu, dessert. La presenza del francese in Italia è testimoniata dal fatto che molti termini di quella lingua vengono accolti anche nei vari dialetti, entrano cioè nelluso del parlato di intere popolazioni e non solo di una parte privilegiata della società.

61 I FATTI STORICI -In Europa si verifica una profonda trasformazione della società e delleconomia. -In Inghilterra nasce la Rivoluzione industriale. -In Francia, nel 1789 scoppia la Rivoluzione francese. -In Italia al dominio spagnolo si sostituisce quello austriaco.

62 I FATTI ARTISTICI E CULTURALI -Nasce un movimento culturale-filosofico detto Illuminismo. -In pittura i veneziani Tiepolo, Canaletto e Guardi, creano quadri di alto valore. -Gli architetti Jovara e Vanvitelli costituiscono eleganti e sontuosi palazzi. -In ambito musicale Vivaldi, Pergolesi, Cherubini, Cimarosa e Paisiello rendono popolare il melodramma.

63 I FATTI LINGUISTICI -Entrano nella lingua italiana parole e costrutti di imitazione francese. -Nasce lAccademia dellArcadia.

64 GLI AUTORI PRINCIPALI -Melodramma: Pietro Metastasio. -Opere filosofiche e politiche: Giambattista Vico e Ludovico Muratori. -Poesia: Giuseppe Parini (Il Giorno). -Tragedia: Vittorio Alfieri (Antigone, Saul, Oreste). -Teatro: Carlo Goldoni (Commedie)

65 LOTTOCENTO (PRIMA META) Nell'Ottocento si sente l'esigenza di una lingua comune a tutta l'Italia e aperta a nuove soluzioni; per esempio si preferisce la forma sciolta al posto del legame enclitico (si cercava al posto di cercavasi) o l'accoppiamento di due sostantivi senza preposizione (scalo merci invece di scalo delle merci). I nuovi termini che entrano a far parte della lingua in questo secolo provengono dal latino (sciopero, bacillo, analfabeta, acquario, anestesia), dal francese (pattinare, decollare, furgone, griglia, bullone) e sempre più spesso si aggiungono in forma non italianizzata termini sia francesi (menu, réclame, boxe), sia inglesi (leader, goal, film).

66 I FATTI STORICI -Le trasformazioni prodotte dalle grandi rivoluzioni cambiano lassetto economico, politico e sociale dellEuropa. -Il Congresso di Vienna con la Restaurazione ricostruisce il potere dei vecchi regimi. -In Italia si rafforza la coscienza nazionale e inizia la prima fase del Risorgimento.

67 I FATTI ARTISTICI E CULTURALI -Nascono due movimenti culturali: Neoclassicismo e Romanticismo. -Nella pittura si impone Hayez con la sua opera più celebre: Il bacio. -Musica: Giuseppe Verdi è grande autore di melodrammi; altri musicisti rilevanti sono Gioacchino Rossini, Gaetano Donizetti, Vincenzo Bellini.

68 I FATTI LINGUISTICI -Classicisti e romantici disputano sulla lingua da adottare. -Manzoni propone come modello linguistico il fiorentino parlato.

69 GLI AUTORI PRINCIPALI -Neoclassicismo: Vincenzo Monti -Romanticismo: Ugo Foscolo, Giacomo Leopardi, Alessandro Manzoni (I Promessi sposi). -Scrittori minori: Silvio Pellico (Le mie prigioni), Massimo DAzeglio (I miei ricordi), Luigi Settembrini (Ricordanze della mia vita), Ippolito Nievo (Le confessioni di un italiano). -Poesia dialettale: Carlo Porta, Giuseppe Gioacchino Belli.

70 LOTTOCENTO (SECONDA META) Nella seconda metà dell'Ottocento, grazie all'intensificarsi dei rapporti tra litaliano i dialetti e le lingue straniere, il lessico si arricchisce di termini nuovi. Molti di questi riguardano i campi della scienza e della tecnica allora in pieno sviluppo, come ad esempio: evoluzione, psicanalisi, microbo, accumulatore, cinematografo. Dai dialetti entrano nellitaliano bocciare, ramazza dal piemontese; risotto e panettone dal lombardo; mozzarella e camorra dal napoletano; mafia dal siciliano. Tra le lingue straniere è ancora forte l'influenza dei prestiti dal francese, nella forma non italianizzata: coupon, élite, pied-a-terre. Dall'inglese entrano nell'uso della nostra lingua termini come: comfort, humour, film, flirt, snob. Un'importante novità nella lingua italiana riguarda la modifica della sintassi; a questo proposito la stampa, e in particolare i quotidiani, svolgono un ruolo fondamentale. Lo stile agile e telegrafico dei giornali diventa, infatti, un modello di semplificazione del periodo; la struttura classica della frase, fino ad allora eccessivamente ricercata, viene sostituita con una più agile e moderna.

71 I FATTI STORICI -La crisi negli ideali risorgimentali fa nascere lesigenza di una nuova politica realistica. -Il compito di condurre lItalia allunificazione viene affidato a Cavour. -I Savoia, sostenuti dai moderati, frenano le tendenze democratiche più radicali.

72 I FATTI ARTISTICI E CULTURALI -In campo scientifico Darwin elabora la teoria evoluzionistica. -Nasce il movimento del Realismo, che investe vari settori della cultura: filosofia (Positivismo); letteratura francese (Naturalismo); letteratura italiana (Verismo).

73 I FATTI LINGUISTICI -Litaliano si arricchisce di termini nuovi. -Tra le lingue straniere è ancora forte linfluenza del francese. -Lo stile agile e telegrafico dei quotidiani diventa un modello di semplificazione della sintassi.

74 GLI AUTORI PRINCIPALI -Realismo: Giosuè Carducci -Verismo: Giovanni Verga, Luigi Capuana, Federico De Roberto, Matilde Serao, Grazia Deledda, Renato Fucini, Carlo Collodi, Edmondo De Amicis. -Letteratura dialettale: Salvatore Di Giacomo, Cesare Pascarella.

75 IL NOVECENTO Entrano a far parte della lingua molti termini legati al progresso scientifico e tecnico, spesso creati grazie a prefissoidi e suffissoidi: radiologia, astronauta, teleobiettivo. Altre parole vengono dal mondo anglosassone nella forma originale: weekend, nylon. La lingua inglese ormai sta prendendo il sopravvento sul francese a cui si deve ancora qualche voce come: wagon-lit, moquette, dépliant. Le altre lingue sono molto meno presenti; dalla Germania provengono il termine antiquariato e altre parole composte come: tardo-gotico, tardo-romano. Si assestano molti fenomeni della lingua; è il caso dei plurali femminili in -cia e -gia, che fanno -cie e -gie se preceduti da vocale e -ce e -ge se preceduti da consonante (ciliegie/valigie e rocce/logge). Si fissano anche certi accenti: si dice rubrica e non rúbrica, mentre qualche incertezza persiste per salùbre che spesso viene pronunciato salubre. La prima persona dell'imperfetto in -a («io andava») cade definitivamente ed è sostituita con la forma in -o («io andavo»). Nel periodo fascista viene creata con successo una terminologia italiana per il gioco del calcio: calcio di rigore, rete, fuorigioco, terzino.

76 I FATTI STORICI -I primi anni del Novecento sono caratterizzati da profonde trasformazioni economiche, sociali e politiche. -Tra il 1914 e il 1918 in Europa si combatte la Prima guerra mondiale. -In Russia la rivoluzione pone fine al potere degli zar e porta alla nascita del primo stato socialista. -La crisi del dopoguerra favorisce la nascita del fascismo (Italia) e del nazismo (Germania). -Dal 1939 al 1945 si combatte la Seconda guerra mondiale. -Il 2 giugno 1946 lItalia diventa una repubblica. -Ha inizio la guerra fredda tra Unione Sovietica e Stati Uniti. Negli anni successivi alla guerra, lItalia settentrionale è investita dal boom economico.

77 I FATTI ARTISTICI E CULTURALI -In Europa si afferma la corrente artistico-letteraria del Decadentismo. -Altre correnti letterarie si sviluppano in Italia nella prima metà del Novecento (Crepuscolarismo, Ermetismo, Futurismo). -Il filosofo tedesco Friedrich Nietzsche elabora il mito del superuomo e il medico austriaco Sigmund Freud la teoria relativa allinconscio. -Nellarte domina lo stile Liberty, uno stile decorativo, che trova espressione in unampia gamma di forme artistiche. -Nel secondo dopoguerra si sviluppa in Italia il movimento artistico e letterario del Neorealismo

78 I FATTI LINGUISTICI -La lingua italiana della prima metà del Novecento si amplia notevolmente. -Nel primo decennio del secolo più della metà della popolazione nelle occasioni formali e ufficiali si esprime nella lingua italiana. -Nel dopoguerra lItaliano si arricchisce di molti termini, introdotti dal cinema, dalle riviste e dallinglese. La lingua diventa più disinvolta e lo scritto tende ad avvicinarsi al parlato.

79 GLI AUTORI PRINCIPALI -Decadentismo: poesia (Pascoli, DAnnunzio); narrativa (Pirandello, Svevo). -Crepuscolarismo (Gozzano, Corazzini). -Futurismo (Marinetti, Palazzeschi, Soffici, Folgore). -Poeti nuovi (Saba, Cardarelli) -Neorealismo (Moravia, Vittorini, Pratolini, Levi, Calvino, Fenoglio, Pavese).

80 CONCLUSIONE Il formatore consegna un questionario che permetterà ai corsisti di riflettere sullimportanza di proporre ai docenti e nelle classi un percorso di questo tipo. Una valutazione degli apprendimenti deve essere effettuata attraverso la raccolta di più indicatori e richiede lutilizzo di una gamma di strumenti diversi, scritti e orali, strutturati e non strutturati. Il questionario che segue è pertanto solo una delle tante possibilità.

81 RIFLESSIONI FINALI -Ritieni utile unattività di questo tipo per migliorare le competenze: -Conoscitive? -Ho aumentato le mie conoscenzesi no -Ho imparato parole nuovesi no -Le so usare si no -Linguistico-comunicative? -Ho migliorato la mia capacità di utilizzare una pluralità di forme di comunicazione per comprenderesi no -Per interpretaresi no -Metodologico-operative? -Ho migliorato la capacità di valutare situazionisi no -Formulare ipotesi e previsionisi no -Sperimentare scelte, soluzioni e procedimenti si no -Relazionali? -Ho migliorato la capacità di relazionarmi con me stesso/asi no -E con gli altrisi no -Mi sono confrontato, collaborando e cooperando allinterno -del grupposi no

82 BIBLIOGRAFIA E SITOGRAFIA -Materiali Poseidon: Lo sviluppo della competenza lessicale Rosanna Ducati, LEND Lo sviluppo della competenza semantico-lessicale nella classe plurilingue Stefano Cariani, Rosanna Ducati, Paola Leone, LEND Insegnare e apprendere il lessico in italiano L1/L2 Paola Leone, LEND -Oltrepagina, Emilia Asnaghi, Lattes -Bibliotecatre, Rosanna Bissaca, Maria Paolella, Lattes -Oggi ieri oggi, Giuseppe Pittano, Bruno Mondadori -Italiano ieri e oggi, G. Liotta, Petrini -Litaliano di tutti, Marcello Sensini, A. Mondadori -http://it.wikipedia.org/wiki/Prestito_linguisticohttp://it.wikipedia.org/wiki/Prestito_linguistico


Scaricare ppt "Prestiti e calchi di Andreina Petrucci DURATA: DURATA: 10 – 20 ORE (riducibili e modularizzabili) DESTINATARI: DESTINATARI: docenti area linguistica della."

Presentazioni simili


Annunci Google