La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

E THC AL EXCF PS Tb STILE DI VITA (LEGENDA: E: eroinaC: cocainaTHC: Hashish AL: alcol Ex: estasi Ps: psicofarmaci Tb: Tabacco Cf: caffè) Settore degli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "E THC AL EXCF PS Tb STILE DI VITA (LEGENDA: E: eroinaC: cocainaTHC: Hashish AL: alcol Ex: estasi Ps: psicofarmaci Tb: Tabacco Cf: caffè) Settore degli."— Transcript della presentazione:

1

2

3

4 E THC AL EXCF PS Tb STILE DI VITA (LEGENDA: E: eroinaC: cocainaTHC: Hashish AL: alcol Ex: estasi Ps: psicofarmaci Tb: Tabacco Cf: caffè) Settore degli interventi diretti Collaborazione con realtà specifiche Settore di cui è necessario aumentare la consapevolezza perché in continuità con quello emerso. -Prevenzione -Sensibilizzazione territoriale -Sensibilizzazione operatori sanitari -Ricerca di nuovi modelli di confronto adatti a questa fase, più accessibile e accettabili a basso costo -Collaborazione e confronto con una più ampia rete territoriale -Ricerca -Necessità di fornire stimoli per una riflessione più ampia sulla promozione e protezione della salute nella nostra comunità -Creare momenti di confronto e discussione ad ampio raggio nel territorio Tb AL cf Ps EXTHC E C C Linea di consapevolezza del pericolo individuale, famigliare, sociale

5

6

7 Tale approccio è raccomandato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, in particolare per le politiche di prevenzione. Esso enuncia che una adeguata politica di prevenzione dei problemi correlati alluso di sostanze psicoattive deve mirare alla riduzione dei consumi di queste nella popolazione generale e non solo su target specifici (questa attenzione comprende anche quella delluso di psicofarmaci). Esso enuncia che una adeguata politica di prevenzione dei problemi correlati alluso di sostanze psicoattive deve mirare alla riduzione dei consumi di queste nella popolazione generale e non solo su target specifici (questa attenzione comprende anche quella delluso di psicofarmaci). Questo è ottenibile se tutte le forze in campo sviluppano azioni di sensibilizzazione sui rischi correlati all'uso di tutte le sostanze psicoattive siano esse legali o illegali.

8 LA CONOSCENZA, IL SOSTEGNO, LO SVILUPPO E LA COLLABORAZIONE CON LE ASSOCIAZIONI DI AUTOTUTELA E PROMOZIONE DELLA SALUTE COSTITUITE DAI CITTADINI E DALLE LORO FAMIGLIE: queste Associazioni hanno dimostrato in questi anni, ( es: Alcolisti Anonimi, Club degli Alcolisti in Trattamento) su un livello internazionale, di rappresentare la risposta più efficace, più territorializzata e più accettabile come costi per il trattamento a medio- lungo termine dei problemi alcol-correlati e rappresentano modelli di riferimento consolidati per lo sviluppodi realtà specifiche nei diversi settori. LA CONOSCENZA, IL SOSTEGNO, LO SVILUPPO E LA COLLABORAZIONE CON LE ASSOCIAZIONI DI AUTOTUTELA E PROMOZIONE DELLA SALUTE COSTITUITE DAI CITTADINI E DALLE LORO FAMIGLIE: queste Associazioni hanno dimostrato in questi anni, ( es: Alcolisti Anonimi, Club degli Alcolisti in Trattamento) su un livello internazionale, di rappresentare la risposta più efficace, più territorializzata e più accettabile come costi per il trattamento a medio- lungo termine dei problemi alcol-correlati e rappresentano modelli di riferimento consolidati per lo sviluppo di realtà specifiche nei diversi settori.

9 E MEGLIO AVERE UNA …SQUADRA !!

10 Questi tre punti rivestano un ruolo cardine fondamentale nello sviluppo di un linguaggio comune e di modalità operative e di ricerca che, pur nelle differenze, consentano una miglior cooperazione, una ottimizzazione delle risorse e una maggiore efficacia e chiarezza negli interventi.

11 AREA SOCIALE Servizi Sociali, Centri di ascolto, Noac, servizi per senza dimora, Forze dellOrdine, T.M., Tribunale della Famiglia AREA SANITARIA TERRITORIALE Medicina generale, Pediatri, 118, patenti, Ser.T., CSM,medicina scolastica,diagnostica di laboratorio AREA SANITARIA OSPEDALIERA Gastroenterologia e trapianti, neurologia, psichiatria,ortopedia e traumatologia, oncologia, pronto soccorso TARGET di riferimento comuni: APPROCCIO FAMIGLIARE APPROCCIO di POPOLAZIONE ASSOCIAZIONI di AUTOTUTELA e PROMOZIONE della SALUTE *impegno a sviluppare iniziative di miglioramento su questi 3 punti DISAGI Disagi famiglie e coppia, violenze domestiche, incidenti stradali, difficoltà lavorative, problemi comportamentali dei giovani

12 Come direbbe la tradizione zen questi sono gli spiriti guida per un vero sognatore-combattente: Lo spirito del rispetto (rei no kokoro) (rispetto per chi ci ha preceduto e insegnato, per chi condivide la strada insieme a noi, per chi verrà dopo di noi!) Il non profitto (mushotoku) (essere veramente in quello che si fa, qui ed ora, senza preoccuparsi del risultato! …è la via limportante…non il punto darrivo) Insieme per progredire (jita kyo ei) (chi è che dà ? chi è che riceve?) Pensare al di là del pensiero (hishiryo) (lintuizione e lazione devono sgorgare nel medesimo istante! Imparare/Facendo. Al di là della tecnica …il cuore !) Mantenere la mente (spirito) del principiante (shoshin) (nella mente del principiante ci sono molte possibilità, in quella dellesperto …poche!)

13 Nel lavoro quotidiano, pratico, concreto…… cosa significa affrontare i problemi secondo questo approccio?

14

15

16 Coinvolgere subito la famiglia e la rete amicale anche già dalla telefonata. (il problema cosi come le risorse non sono solo tuoi) Verificate le condizioni sanitarie e la presenza di altre problematiche (dipende in che servizio sei) si lavora perché tutti (persona e famigliari) prendano contatti (se possibile contattiamo insieme…fa la differenza) il più rapidamente possibile con un Gruppo Territoriale (AA o Club) (realtà di confronto esperienziale gratuite) (è il nostro antibiotico) (punta non solo allastensione dalluso di alcol ma al cambiamento di stile di vita) Si mantiene il contatto con tutti per verificare linserimento, la comprensione del percorso e approfondire la conoscenza delle problematiche, così come delle risorse. Gradualmente si allenta il rapporto con il servizio quando il percorso è consolidato e si eseguono colloqui di verifica La partecipazione ai gruppi continua … per…sempre infatti un aspetto importante di questo lavoro è il valore della gratuità. Questa gratuità nasce, infatti, dal riconoscimento e dalla consapevolezza che non cè chi dà e chi prende, ma uno scambio interattivo continuo, una cooperazione, una condivisione, una occasione di crescita e maturazione utile a tutti (quando finiremo di crescere e imparare ???).

17 Si lavora sul loro coinvolgimento e sul loro cambiamento senza aspettare. Il cambiamento, a volte, passa anche da vie…indirette. Tutto è intercomunicante. (Come fa uno ad essere alcolista se non cè qualcuno che lo sostiene??) Si fa informazione e sensibilizzazione a tutti senza aspettare Si avviano ai gruppi se necessario (il nostro antibiotico) Si verifica landamento rimanendo disponibili ad ulteriori sviluppi

18 Iniziative di formazione e sensibilizzazione nella popolazione generale (concetto di rischio collegato già al semplice uso- puntare a ridurre i consumi), Alcol e lavoro. Alcol e guida. Concorso per Bio- cocktail……… Iniziative di formazione e sensibilizzazione con i professionisti ( operatori socio-sanitari e medici del lavoro, educatori, sindacati) (Comè il loro atteggiamento rispetto al bere alcolici?) (quanto conoscono i problemi alcol-correlati?) Iniziative in cooperazione con la scuola e i mezzi di informazione Sviluppo capacità critica: Conoscere-Capire-Scegliere-Fare (Chi fa la vera informazione? Chi paga le campagne pubblicitarie?) (…..non berti…. proprio tutto!!)

19 Proposte sostenibili con le attuali risorse in riferimento al sistema per lintervento e la disintossicazione da Alcol – (con possibili agganci a Coca – Gioco)

20 Interventi residenziale breve (28 gg) Interventi ospedalieri brevi Cultura Associazioni Territoriali di Autotutela e Promozione della Salute Interventi ambulatoriali - day-hospital Intervento residenziale comunitario Il vero CUORE di un sistema che punta ad un reale cambiamento complessivo sono le ASSOCIAZIONI

21 Anche se molti passi sono stati fatti in questi anni manca ancora una Territoriale/Ambulatoriale/Ospedaliera/ e Residenziale con una regia metodologica condivisa La disintossicazione non è certo solo fisica (però partiamo da qui, dal concreto) ma da un modo di affrontare i problemi della vita = stile di vita (quasi sempre modalità deleganti o autocentrate)

22 Associazioni Territoriali di Autotutela e Promozione della Salute sia in campo Nazionale che Internazionale tutte le organizzazioni più moderne e aggiornate spingono a stimolare la formazione e la crescita della rete territoriale delle formate dai cittadini stessi e dalle loro famiglie. Queste realtà vengono segnalate (e sostenute) dallOMS come quelle che forniscono i risultati migliori nei trattamenti di medio-lungo periodo e che permette a tutti di ottimizzare le risorse disponibili pur garantendo sia la territorializzazione che la sostenibilità nel tempo. Inoltre la loro presenza viva e attiva nelle nostre comunità può favorire un vero e proprio cambiamento culturale (più assunzione di responsabilità e meno delega da parte di tutti compresa la società civile).

23 E per questo che i professionisti e le diverse organizzazioni dovrebbero porsi al servizio dello sviluppo di tale rete utilizzando linguaggi, concetti e modalità operative coerenti con queste. Questa rete territoriale dovrebbe essere il naturale punto di convergenza di tutti gli interventi siano essi ambulatoriali, ospedalieri, residenziali brevi, comunitari.

24 TERRITORIO Abbiamo bisogno di uno forte ed omogeneo sviluppo della rete delle autonome Associazioni di Autotutela e Promozione della Salute. (Club degli Alcolisti in Trattamento, A.A. e sistema dei 12 passi) Necessità per tutti i Servizi di conoscere in modo approfondito e saper collaborare con le Associazioni (Formazione del personale)

25 Interventi ambulatoriali - day-hospital Pur nelle diverse impostazioni è fondamentale un coinvolgimento attivo sia dellutente che della sua famiglia fin da subito con avvio il prima possibile alle Associazioni Territoriali di Autotutela e Promozione della Salute

26 Interventi ospedalieri brevi E necessario riservare, nel sistema genovese, 4/6 posti letto specifici ai problemi alcol-correlati che richiedono assistenza ed inquadramento sanitario. Possono essere utilizzate realtà sanitarie già esistenti !!!

27 Va prevista una struttura apposita per unesperienza residenziale della durata media di 21/28 gg.. Sarebbe auspicabile una sede tranquilla, specifica, non troppo decentrata e sufficientemente vicina sia ad un presidio sanitario che ad un Ser.T. Interventi residenziali brevi (28 gg) Deve avere una impostazione che valorizzi in modo significativo la collaborazione con le Associazioni territoriali, il volontariato e le famiglie (addirittura può essere previsto durante il trattamento la partecipazioni ai gruppi territoriali)

28 Intervento residenziale comunitario Secondo noi tutte le realtà Comunitarie devono prevedere nel loro percorso anche un intervento approfondito sui problemi alcol- correlati anche verso lutenza tradizionale che nel tempo sappiamo rischia la ricaduta proprio nellalcol. (Importanza di lavorare su tale tema anche con le famiglie). Problemi emergenti: alcol-giovani, alcol-disturbo di personalità, alcol-coca-gioco, alcol-senza dimora.

29 Non sono cose impossibili ma richiedono scelte metodologiche chiare, coerenti ed un impegno di verifica e confronto costante.

30 Gratuità-Continuità-Costanza-Territorializzazione Club Alcolisti in Trattamento (1968) Italia 2200 (Veneto 500, Friuli 180, Trentino 180, …..). Presenti in 36 paesi nel mondo Liguria 60 Genova 40 AA e sistema dei 12 Passi(1935) (al-anon, narcotici anonimi, famigliari anonimi, giocatori anonimi, ….) gruppi in tutto il mondo Italia 1000 Genova 25 Genitoriinsieme (1999) 10 gruppi a Genova Queste sono tutte vere risorse aggiunte al nostro sistema salute !!!

31 I Club degli Alcolisti in Trattamento Sono Comunità Multifamigliari Autonome che fanno parte della Comunità locale e con questa comunicano. "Lavorano" partendo dal principio del qui ed ora (si parla di oggi e delle situazioni concrete), per il cambiamento di "stile di vita" di tutti i componenti delle famiglie che li compongono. Le Regole del Club sono: puntualità e costanza. non si fuma durante la riunione di Club. con l'ingresso della tredicesima famiglia il Club si moltiplica. i membri mantengono la necessaria riservatezza su quanto ascoltato al Club.

32 1Il Club si riunisce una volta alla settimana per un ora e trenta. E' bene che la riunione inizi e termini con puntualità. Esiste un servitore-insegnante (volontario) ma tutti i membri di Club assumono a rotazione i compiti di servizio necessari al suo buon funzionamento. 2Le medicine del Club sono: ascolto, condivisione, solidarietà, amicizia e... amore! 3 Negli incontri del Club è bene accettare le difficoltà, non esprimere giudizi, parlare tramite i propri vissuti e la propria esperienza personale. Durante la settimana continua il lavoro con le visite ed i contatti amicali in base alle necessità e alle possibilità di ciascuno. 4 Non esistono quote di iscrizione o adesione

33 5Il Club in quanto tale è apolitico, aconfessionale, aperto a tutte le famiglie con problemi alcol-correlati e complessi ed appartiene solo alle famiglie che lo compongono. 6Il Club può cooperare con realtà pubbliche e private mantenendo in ogni caso la specificità dei propri compiti e la propria autonomia. 7E' importante che i Club mantengano un "impegno" formativo e di confronto continui coinvolgendo tutte le famiglie, la comunità locale e le realtà sociali del territorio. Si sottolinea l'importanza degli interClub, delle scuole alcologiche di primo, secondo e terzo modulo; del corso di sensibilizzazione, degli aggiornamenti nazionali, dei congressi

34 8Il Club nello svolgimento del suo lavoro promuove la consapevolezza che l'interdipendenza è una condizione dell'Uomo (tutti sono responsabili di tutti) e va intesa come un valore assoluto che se compreso appieno spinge verso il rispetto di se e degli altri, verso la cura sia della realtà sociale che dell'ambiente, verso la comprensione e la pace tra i popoli. 9 II Club promuove in tutti la riflessione sulla Spiritualità Antropologica e sull'Etica intese come una fiducia nelle "risorse positive" presenti negli Individui, nelle Famiglie, nelle nostre Comunità. Queste risorse, ascoltate, ci faranno da guida...sempre!! 10 Consapevoli che rispetto al cammino verso la sobrietà ognuno di noi è costantemente in trattamento ci impegniamo a : rimanere semplici, accessibili e comprensibili praticare la coerenza e la comprensione condividere quanto appreso nei nostri percorsi di crescita e maturazione.

35 ALCOLISTI ANONIMI I Dodici Passi sono un fondamento per il recupero personale. Passo 1 Abbiamo ammeso di essere impotenti di fronte all'alcool e di non poter più controllare la nostra vita. Passo 2 Siamo giunti a credere che un potere più grande di noi avrebbe potuto riportarci alla ragione. Passo 3 Abbiamo deciso di sottomettere la nostra volontà e di affidare la nostra vita a Dio, così come noi possiamo concepirlo.

36 Passo 4 Abbiamo proceduto ad un inventario profondo e coraggioso di noi stessi. Passo 5 Abbiamo ammesso davanti a Dio, e di fronte ad un'altra persona la natura esatta dei nostri torti. Passo 6 Siamo giunti ad accettare, senza riserve, che Dio eliminasse tutti questi difetti del nostro carattere. Passo 7 Gli abbiamo umilmente chiesto di porre rimedio alle nostre insufficienze.

37 Passo 8 Abbiamo fatto una lista di tutte le persone a cui abbiamo fatto del male, e abbiamo deciso di fare ammenda verso queste persone. Passo 9 Abbiamo fatto direttamente ammenda verso queste persone quando possibile,salvo nei casi in cui questo avrebbe potuto recar danno a loro o ad altri. Passo 10 Abbiamo continuato a fare il nostro inventario personale e quando ci siamo trovati in torto lo abbiamo ammesso senza esitare.

38 Passo 11 Abbiamo cercato, con la preghiera e la meditazione, di migliorare il nostro contatto cosciente con Dio, così come noi possiamo concepirlo, chiedendogli solo di farci conoscere la Sua volontà e darci la forza per eseguirla. Passo 12 Avendo ottenuto, per mezzo di questi Passi, un risveglio spirituale, abbiamo cercato di trasmettere questo messaggio ad altri e di mettere in pratica questi principi in tutti i campi della nostra vita.

39 LAssociazione lavora secondo i seguenti principi: 1LAssociazione è apolitica, non confessionale, non ha fini di lucro ed ha come unico fine il benessere della famiglia. LAssociazione porta il proprio messaggio tramite limpegno e il cambiamento personale dei propri aderenti; 2E scopo specifico dellAssociazione favorire il confronto di esperienze tra i genitori e consentire di adottare strategie più efficaci nei confronti dei comportamenti dei figli. Ciò porta ad un cambiamento di tutti e ad un miglioramento delle relazioni personali, familiari e sociali; 3Nel gruppo ogni partecipante è bene che trovi il necessario spazio di ascolto, rispetto e riservatezza; 4Nella comunicazione reciproca ognuno, parla di sé, dei suoi sentimenti, e tramite la propria esperienza personale; è bene non esprimere giudizi ma dare condivisione ed ascolto; 5Nel gruppo non cè nessuno che dirige, ognuno da il suo contributo al buon funzionamento del gruppo stesso assumendo a rotazione i compiti di servizio necessari.

40 6 LAssociazione è autonoma, basata sui principi dellautotutela e promozione della salute raccomandati dall O.M.S. Collabora con tutte le realtà pubbliche e private che possono concorrere al raggiungimento degli scopi prefissi pur rimanendo da queste distinte; 7 Non esistono quote di iscrizione anche se è possibile organizzare una piccola cassa comune per le minime necessità di ogni gruppo; 8 Ricordiamo che per qualsiasi cambiamento è necessario essere consapevoli che è indispensabile: *costanza nellapertura e nel confronto *porsi obbiettivi raggiungibili e valorizzarli (un piccolo passo alla volta) *riconoscere che il vero cambiamento comincia da noi, riguarda tutta la famiglia e richiede tempo *accettare che il vero cambiamento, a volte, non sempre è quello che avevamo immaginato allinizio del nostro percorso; 9 E inoltre indispensabile sapere che nellimpegnativo percorso di crescita e maturazione è importante per tutti non essere soli, avere il coraggio di accettare le difficoltà e mantenere la fiducia nelle risorse positive che in ogni caso ognuno di noi ha, che sono patrimonio delle nostre famiglie, delle nostre comunità e che in qualche modo ci faranno da guida….. sempre; 10 Fa parte del percorso di crescita e maturazione dei genitori limpegno a promuovere i principi dellAssociazione secondo le diverse possibilità, nelle proprie realtà locali e territoriali.

41 Gratuità-Continuità-Costanza-Territorializzazione Club Alcolisti in Trattamento Italia 2200 (Veneto 500, Friuli 180, Trentino 180, …..). Presenti in 36 paesi nel mondo Liguria 60 Genova 40 AA e sistema dei 12 Passi (al-anon, narcotici anonimi, famigliari anonimi, giocatori anonimi, ….) gruppi in tutto il mondo Italia 1000 Genova 25 Genitoriinsieme 10 gruppi a Genova Queste sono tutte vere risorse aggiunte al nostro sistema salute !!!


Scaricare ppt "E THC AL EXCF PS Tb STILE DI VITA (LEGENDA: E: eroinaC: cocainaTHC: Hashish AL: alcol Ex: estasi Ps: psicofarmaci Tb: Tabacco Cf: caffè) Settore degli."

Presentazioni simili


Annunci Google