La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Referto in Medicina di Laboratorio Serenella Valaperta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Referto in Medicina di Laboratorio Serenella Valaperta."— Transcript della presentazione:

1 Il Referto in Medicina di Laboratorio Serenella Valaperta

2 Il termine “referto” in Medicina di Laboratorio (ML) ha un significato preciso. Si può adottare anche il termine “risposta o risultato” come termine per esprimere il concetto contenuto nella definizione di “referto” in ML. Qualunque sia il termine utilizzato deve essere chiaro e certo il contenuto della definizione, perché in esso sta l’essenza della Medicina di Laboratorio Concetto di referto Prodotto di un complesso processo di significazione a più passaggi che trasforma il reperto di un esperimento scientifico in una informazione clinica utile alla cura del paziente. In questo processo interpretativo esistono almeno due livelli di validazione, quello tecnico: sample oriented e quello clinico: patient oriented. Questi due livelli hanno sistemi di verifica diversi e richiedono competenze professionali diverse.

3 Il referto interpretativo e la consulenza, cioè il lavoro all’interfaccia laboratorio-clinica, appaiono il centro sempre più importante dell’attività di ML, con ricadute positive ed efficaci: per ridurre gli errori medici migliorare la qualità delle cure contenere i costi. Contributi alla definizione e costruzione del referto in ML  Scuola italiana  Scuola tedesca  Scuola inglese  Scuola americana

4 Scuola italiana Angelo Burlina “Introduzione alla Medicina di Laboratorio” 1982 Il referto è la relazione clinica, la risposta del medico. E’ un atto scritto, ufficiale e definitivo con cui vengono comunicati i risultati. Referto latino medievale referre : riferire Reperto latino reperire : trovare Il reperto diventa referto in seguito all’interpretazione del medico che lo carica di significato informativo. Scopo del referto è di affiancare e guidare il clinico : nello studio e nella definizione della patologia nel trattamento della malattia, sia in fase diagnostica che di follow up, attraverso criteri razionali e basati sulla medicina delle evidenze. A tal fine, questo “atto” medico deve risultare corretto nella forma e nei contenuti tecnici fornire informazioni non ambigue, utili sul piano clinico e facilmente interpretabili.

5 In particolare è stata posta attenzione al referto ematologico; si è sottolineato l’importanza della standardizzazione; ( forma e contenuti); della comunicazione ai clinici (significato delle informazioni fornite); del percorso diagnostico di laboratorio attuato per ottenerle. Si rende necessario uniformare il linguaggio, garantire risposte mirate alle necessità cliniche espresse.

6 Scuola tedesca Anni ‘90 Johannes Büttner, chimico clinico, cattedratico in Hannover, pone le basi teoretiche della formazione e della valutazione del “Laboratory finding” partendo dalla constatazione che in “medicina, di solito, vi è solo una vaga idea circa la struttura, la formazione ed il processo mentale del risultato di laboratorio” chiamando a sostegno del suo discorso la filosofia della scienza, analitica e semeiotica e la filosofia kantiana. esamina la sintattica (struttura e la mutua relazione fra i segni) la semantica (relazione fra segno ed il suo significato o il denotato) la prammatica (l’uso del segni) dei risultati di laboratorio.

7 *I risultati di laboratorio sono sintatticamente delle affermazioni osservazionali ben formate, che descrivono una proprietà di un oggetto, espresse con un linguaggio scientifico formalizzato e metrizzato (in scala nominale, ordinale o numerale), non indipendenti nel tempo (stadiazione). *Sotto il profilo semantico, il risultato del laboratorio ottiene il suo “ significato” attraverso un processo di significazione a più passaggi, attraverso il quale i segni ed i sintomi, vengono correlati al concetto di malattia che rappresentano e quindi riferiti alla malattia nel singolo individuo.

8 Processo di significazione avviene in tre stadi -Livello tecnico è quello tipico della valutazione di ogni esperimento per la produzione di un risultato analitico (analitical result) scevro da errori analitici. -Livello biologico attraverso l’immersione biologica trasversale (valori popolazione) e longitudinali (valori precedenti) del dato, il risultato analitico si trasforma in referto (finding). -Livello nosologico il referto applicato all’obbiettivo clinico diagnostico, prognostico o di monitoraggio della terapia nel singolo paziente diviene referto interpretativo (interpreted finding).

9 Il processo di significazione è denso di incertezze ai diversi livelli: errori preanalitici, interferenze a livello analitico, variabilità biologica; incertezza nosologica, l’ ambiguità dei segni e la loro diversa intensità. Un punto fondamentale (secondo punto) della riflessione di Büttner riguarda la “validità”della risposta di laboratorio, termine che deriva dal tardo latino con il significato di “forza”. Il Referto “valido” è un referto che evita gli errori e che descrive correttamente le proprietà misurate, le assegna correttamente al livello biologico appropriatamente alla malattia, cioè un risultato che risponde correttamente alla richiesta del clinico. La “validazione” è il processo di verifica della “ validità” del risultato prodotto in riferimento all’obbiettivo clinico, esplicito o implicito.

10 Validazione a livello tecnico (technical authorization): verifica del dato ottenuto con i metodi del controllo di qualità, delle performances analitiche e delle interferenze analitiche conosciute (accuratezza e precisione, sensibilità e specificità del metodo). Validazione a livello biologico valutazione del dato alla luce della variabilità intra ed inter individuale e delle interferenze biologiche, in valutazioni trasversali contro intervalli di riferimento o limiti decisionali che definiscono il “patologico” e il “non patologico” e longitudinali per la scoperta di “ differenze critiche” e con un controllo di plausibilità tra i risultati di esami diversi. Validazione a livello nosologico la validazione consiste nell’assegnare il referto ad una malattia, tenendo conto dell’incertezza della nosologia, della intensità e variabilità nel tempo dei segni, della diagnosi differenziale e dell’interpretazione fisiopatologica. Indici di validità Sensibilità, specificità esame ( a priori e a posteriori) Indici derivati (accuratezza diagnostica, Youden index) Indici ottimizzazione ( ROC curve) Quoziente di probabilità di Fagan, positivo e negativo Prevalenza, il valore predittivo negativo e positivo.

11 Il terzo punto importante del lavoro Büttner è relativo alle “condizioni” ed alle “forme di risposta” del laboratorio. Dall’interpretazione nasce il colloquio con il clinico. L’interfaccia laboratorio-clinica è il luogo dove avviene lo scambio di informazioni, cioè la richiesta del clinico e la risposta del laboratorio. L’interfaccia laboratorio-clinica può essere illustrata da uno schema che demolisce la classica sequenza lineare dell’analisi di laboratorio nelle tre fasi pre-analitica, analitica e post-analitica per sostituirlo con una forma ad U dove la fase analitica resta prettamente del laboratorio, mentre nelle fasi pre-analitica e post-analitica si esprime la relazione fra clinica e laboratorio. Regole di Buona Pratica di un Laboratorio Scientifico e Regole Buona Pratica di un Laboratorio Medico Laboratory Medicine “branch of medicine providing the health care system with laboratory results and related information and advice pertainingto the clinical state and treatment of health care recipients”

12 Perchè refertare Il punto connette teoria e pratica del referto Sotto il profilo teoretico è universalmente accettato il “ruolo” del referto come indicatore, facilitatore e guida di appropriatezza ed efficacia clinica. Sotto il profilo pratico le ragioni per un’interpretazione guidata stanno nella necessità di by-passare il sovraccarico informativo a cui è esposto il medico curante, per focalizzare l’attenzione sull’informazioni che rispondono concretamente al suo specifico quesito diagnostico. L’immersione del dato di laboratorio nel contesto clinico è il cardine per la buona diagnostica di laboratorio; ma anche il punto dolente…. il ridisegno della richiesta “patient oriented “ con possibilità di reflex test o a cascata, DIVENTA un passaggio importante nella gestione della richiesta e validazione del referto.

13 Problemi pratici del “referto” La riscoperta del referto e della consulenza approda alla formalizzazione degli Organismi Mondiali della Standardizzazione pone problemi pratici non compiutamente risolti relativi a: Perché Dove Cosa Quando Da parte di chi refertare

14 Standard ISO 15189:2003 ( punto 6.3 recita che il laboratorio, oltre alla responsabilità di accurate risposte, deve assicurarsi il più possibile che esse siano interpretate ed applicate nel miglior interesse del paziente. Fanno parte del servizio di Laboratorio azioni specialistiche nella selezione e interpretazioni degli esami) Standard CPA (Clinical Pathology Accreditation): Lo Standard CPA G1 reporting result G2 the report G5 clinical advice and interpretation and consultation ( precisa che fornire commenti interpretativi sul referto è un ruolo essenziale Laboratorio) Standard EC4 (Essential Criteria) (punto 9.1 “Reporting procedures” e punto 9.5 “Interpretation and consultation”)

15 Dove è appropriato il commento? Le linee guida inglesi descrivono: le condizioni per commentare ( presenza di notizie cliniche; impatto clinico dei risultati; familiarità del clinico con l’esame) l’appropriatezza del commento (risultato che implica un intervento clinico; risultato inatteso; risultato che non risponde con certezza al quesito clinico esplicitamente posto) Marshall WJ Provision of interpretative comments on biochemical report forms. Ann Clin Biochem 2000; 37: Aller et all. sostiene che il referto interpretativo è considerato più efficace quando l’esame sia nuovo o raro, siano presenti notizie cliniche e lo scopo sia la diagnosi, in pazienti ambulatoriali o in caso di clinici di altra specialità rispetto al problema fisiopatologico. Aller RD Interpretative reporting. Clin Lab Med 1983;3: Laposata et all. indica i campi specifici per i commenti narrativi: la coagulazione; l’ematologia; le malattie autoimmuni; lo studio delle proteine sieriche; medicina trasfusionale e l’infettivologia. Laposata M Patient- specific narrative interpretation of a complex clinical laboratory evalutations:who is competent to provide them? Clin Chem 2004;50:471-2

16 Cosa refertare Secondo Aller et all. il “referto interpretativo” deve essere organizzato in 3 parti: Produzione di parametri calcolati, la segnalazione dei valori di riferimento biologici, dei livelli decisionali, la sottolineatura dei dati patologici ed altamente patologici, degli andamenti temporali e delle differenze critiche. Il raggruppamento dei dati per organo o problema fisiopatologico. Commenti esplicativi, suggerimenti diagnostici e di approfondimenti. Aller RD Interpretative reporting. Clin Lab Med 1983;3: CPA indica che il “referto interpretativo” deve rispondere alle esigenze della richiesta clinica e che i commenti interpretativi devono essere chiari, succinti e non ambigui.

17 Cosa refertare Codificare la terminologia Variabilità quantitativa “ presenti” “rari a molti” Le Linee Guida per il Referto ematologico della SIMeL recita: The ideal report should be user-friendly, employing terms that are readly understand and comunicate clinically relevant informations.

18 Conclusioni La comunità scientifica internazionale sostiene che “il referto è l’essenza” della Medicina di Laboratorio ed “è lo scopo” per cui esiste la Medicina di Laboratorio 1.L’interpretazione e la consulenza devono essere esperte, create in un confronto dialettico con la clinica, espressive, specifiche e non preconfezionate, disponibili ogni qual volta il clinico ne ha bisogno. 2.Le caratteristiche e le condizioni di queste attività devono essere concordate con i clinici. 3.Gli effetti dell’attività devono essere costantemente valutati da feedback informali e da audit formali. 4.Il personale addetto deve avere una preparazione generale e specifica adeguata e costantemente monitorata. 5. La consultazione di successo dipende dalla credibilità, la visibilità, la disponibilità e l’aiuto reale che essa offre. Desmond Burke “As a result, promotion of such services must depend primarly on the efforts of credible, interested and enthusiastic laboratory faculty”. Il referto non è solo il prodotto finale del lavoro svolto in laboratorio ma una parte integrante dell’approccio globale alla gestione della malattia


Scaricare ppt "Il Referto in Medicina di Laboratorio Serenella Valaperta."

Presentazioni simili


Annunci Google