La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RELAZIONI INDUSTRIALI IL CONTRATTO COLLETTIVO CORSO 2014-2015 – 11 MARZO 2015.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RELAZIONI INDUSTRIALI IL CONTRATTO COLLETTIVO CORSO 2014-2015 – 11 MARZO 2015."— Transcript della presentazione:

1 RELAZIONI INDUSTRIALI IL CONTRATTO COLLETTIVO CORSO – 11 MARZO 2015

2 LA TIPOLOGIA CONTRATTUALE  Gli accordi interconfederali  Gli accordi trilaterali  L’accordo Scotti del 22/1/1983  Concertazione (1993)  Dialogo sociale  La contrattazione collettiva  i diversi livelli (rinvio)

3 COME RECUPERARE IL TESTO DI UN CCNL Il consiglio nazionale dell’economia e del lavoro (finché dura)

4 I SOGGETTI Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro ADDETTI ALL'INDUSTRIA METALMECCANICA PRIVATA E DI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI In Roma, addì 8 giugno 1999 fra - Federazione sindacale dell'industria metalmeccanica italiana (FEDERMECCANICA) - rappresentata dal Presidente Andrea Pininfarina e dai Vice Presidenti: Maurizio Bertuzzi, Isnardo Carta, Ugo Pitton, Fabio Storchi, dal Consiglio direttivo formato da: Gabriele Albertini, Amedeo Ancarani Restelli, Paolo Annibaldi, Giorgio Arona, Carlo Bava, Giampiero Beccaria, Giancarlo Besana, Giuseppe Binaschi, Giacomo Bolis, Pierluigi Ceccardi, Gino Cocchi, Antonio Costantini, Piero De Biasi, Luigi De Puppi, Carlo Dolcetta, Federico Falck, Paolo Falorni, Marco Goidanich, Salvatore Graniglia, Luciano Lenotti, Mario Maione, Mario Mairano, Adriano Mazzucconi, Sergio Mercuri, Nicola Palumbo, Marco Palvarini, Renata Pizzamiglio, Sandro Salmoiraghi, Rocco Santoro, Alberto Susta, Lucio Toninelli, assistiti dal Direttore generale Michele Figurati, dal Vice Direttore Roberto Santarelli, dal Coordinatore della linea rapporti sindacali Daniela Dario, dal Coordinatore della linea rapporti economici Angelo Megaro e da una Delegazione composta da Maurizio Castro, Oderisio De Grenet, Salvatore D'Erasmo, Giuseppe Gherzi, Angelo Favilli, Daniele Marrama, Vittorio Melissari, Elio Minicone, Giuseppe Molino, Luigi Porcelli, Elisio Prette, Paolo Rebaudengo, con la collaborazione tecnica di Antonio Pescosolido, del Comitato degli Esperti formato da: Pierangelo Albini, Gianni Anichini, Luigi Bagordo, Angelo Bellorini, Ferdinando Bertino, Mario Boccardi, Enrico Carminati, Piercarlo Cattadori, Lorenzo Cellini, Paolo Citterio, Alberto Comi, Mario D'Atene, Piero De Martini, Giuseppe Di Rosa, Vincenzo Fama, Angelo Landriani, Mario Levrini, Emilio Pascale, Impero Pianigiani, Marcello Polacchini, Marco Romussi, Carlo Stiatti, Italo Turdò e di Massimo Colombo, Sabrina De Santis, Vincenzo Gerardi, Pietro Montes, Francesca Polli;

5 -Associazione nazionale costruttori di impianti (ASSISTAL) rappresentata dal Presidente Renzo Greco e dai Vice Presidenti Piero Antonini e Franco Zuin, assistiti dal Direttore generale Nicola Cianitt, con la partecipazione del Consiglio direttivo formato da: Marco Antoniazzi, Riccardo Bachrach, Giuseppe Gargaro, Luigi Gozzo, Dino Grossi, Ivano Padovani, Guelfo Tagliavini, Luciano Trebbi, Davide Truffo; con la collaborazione tecnica della Commissione sindacale formata da: Francesco Candussi, Maristella Curioni, Massimo Goffredo, Barbara Mariani, Maria Teresa Morabito, Luigi Morandi, Maria Stella Motta, Eura Orlandini, Felice Paciello, Riccardo Pedrali, Antonio Pozzoli, Giancarlo Ricciardi, Roberto Risso, Antonio Savio, Mario Savoia, Bruno Scuotto, Giancarlo Testa; con l'assistenza della Confederazione generale dell'industria italiana (CONFINDUSTRIA) nella persona del Responsabile Servizio relazioni Industriali Giorgio Usai; e - Federazione Italiana Metalmeccanici (FIM) rappresentata dal Segretario generale Giorgio Caprioli, e dai Segretari nazionali Franco Aloia, Salvatore Biondo, Ambrogio Brenna, Giuseppina Cazzaniga, Giuseppe Farina, Cosmano Spagnolo, Antonio Zorzi, e da una delegazione composta da: Nicola Alberta, Antonio Aldrighetti, Gianni Alioti, Maurizio Benetti, Marco Bentivogli, Gabriele Brancaccio, Mario Brunazzo, Liliana Cacciapuoti, Marco Castrezzati, Ezio Cicaloni, Flavio Confaloni, Luigi Coppiello, Angiolino Faccoli, Luciano Falchi, Antonio Ferigo, Antonello Giuntini, Lino Gottardello, Salvatore Guzzo, Antonio Iacovino, Giuseppe Lazzaro, Bruno Liverani, Emilio Lonati, Aquilino Mancini, Angelo Mangino, Fausto Mantovi, Fabio Marcatili, Antonio Marchina, Paola Martinelli, Vittorio Massanelli, Roberto Menegaldo, Sergio Migliorini, Giuseppe Nanula, Tino Perego, Tiziano Ronconi, Rossella Rossini, Renato Santini, Danilo Sanvito, Giulivo Scibinetti, Giorgio Sciutto, Antonio Spinelli, Giuseppe Terracciano, Anna Trovò, Filippo Turi, Donato Vece, Bruno Vitali, Gianni Vizio; assistita dalla Segreteria della Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori (CISL);

6 - Federazione Impiegati Operai Metallurgici (FIOM) rappresentata dal Segretario generale Claudio Sabattini, dai Segretari nazionali: Giampiero Castano, Cesare Damiano, Francesco Ferrara, Luigi Mazzone, Francesca Re David, e da una delegazione composta da: Bruno Albertinelli Antonella Arabia, Vincenzo Argentato, Gerico Baldi, Paolino Barbiero, Giancarlo Battistelli, Mario Bertolo, Alessandro Bianchi, Raffaele Busiello, Luigi Camposano, Ezio Casagranda, Andrea Castagna, Paolo Castellucci, Libera Cerchia, Giuseppe Cillis, Roberto Contardi, Giorgio Cremaschi, Ernesto D'Ambrosio, Cesare D'Antonio, Domenico De Santis, Antonio Di Stella, Walter Fabiocchi, Giovanni Ferrante, Francesco Fiusco, Marcello Gibellini, Anacleto Giuliani, Alessio Gramolati, Marica Guiducci, Francesco Lacava, Maurizio Landini, Fernando Liuzzi, Renato Losio, Celestino Magni, Enzo Masini, Alessandra Mecozzi, Francesco Meliadò, Roberto Mercuri, Primo Minelli, Giorgio Molin, Gianguido Naldi, Carlo Palmieri, Sandra Pareschi, Sergio Parola, Luigi Petricciuolo, Peter Pezzei, Marilde Provera, Antonio Puliga, Lello Raffo, Rosario Rappa, Mauro Ricci, Ugo Rigoni, Ermes Riva, Nicola Riva, Emesto Rocchi, Giuseppe Maurizio Silveri, Laura Spezia, Osvaldo Squassina, Claudio Stacchini, Elena Stagni, Enrico Stagni, Oronzo Stoppa, Antonella Susana, Gianfranco Tosi, Flavio Vallan, Oscar Zanasi, e dagli Esperti: Roberto Bennati, Cesare Cosi, Piero Pessa, Giuseppe Fontana, Bruno Cossu; assistita dalla Segreteria della Confederazione Generale Italiana del Lavoro (CGIL); - Unione Italiana Lavoratori Metalmeccanici (UILM) rappresentata dal Segretario generale Luigi Angeletti, dai Segretari nazionali Giovanni Contento, Roberto Di Maulo, Antonino Regazzi, Giorgio G. Rossetto, Piero Serra, Deanna Vigna, e da una delegazione composta da: Francesco Argenziano, Antonio Apa, Gianni Baiocco, Franco Busto, Roberto Campo, Attilio Capuano, Luca M. Colonna, Matteo Ferrazzano, Alfonso Galiano, Franco Ghini, Giuliano Gritti, Michele Latorraca, Piero Laurenza, Leonardo Manganello, Angela Marano, Piero Massa, Antonio Messia, Umberto Miniussi, Mario Napolitano, Maurizio Nicolia, Eros Panicali, Antonio Passaro, Patrizia Pitronaci, Giovanni Battista Quaglia, Anna Rea, Ivan Scottà, Giovanni Sgambati, Walter Sperotto, Dario Turri, Carmine Vaccaro, Bruno Zanghi e con la collaborazione tecnica di Filippo M. Giorgi; assistita dalla Segreteria della Unione Italiana del Lavoro (UIL); è stato stipulato il presente CCNL per le aziende metalmeccaniche private e di installazione impianti e i lavoratori dalle stesse dipendenti.

7 CAMPO DI APPLICAZIONE DEL CONTRATTO Il presente contratto si applica: A) Agli stabilimenti appartenenti al settore metalmeccanico nei quali la lavorazione del metallo abbia una presenza esclusiva, prevalente o quantitativamente rilevante. B) Agli stabilimenti, alle unità produttive e di servizio tradizionalmente considerati affini ai metalmeccanici. C) Alle unità produttive e di servizio che abbiano con il settore metalmeccanico interconnessioni di significativa rilevanza. A titolo indicativo ed esemplificativo rientrano fra gli stabilimenti metalmeccanici regolati dal presente contratto, qualora abbiano i requisiti previsti nelle definizioni di cui sopra e non siano regolati da contratti di altre categorie, i seguenti stabilimenti, imprese e cantieri per: - la produzione di metalli non ferrosi (alluminio, magnesio, rame, piombo, zinco, argento e altri); - la trasformazione plastica dell'alluminio, magnesio, rame, piombo, zinco, argento e loro leghe sotto forma di laminati, estrusi, trafilati, imbutiti, stampati, fucinati e tranciati; - la fusione di rame, alluminio, magnesio, nichel, piombo, zinco e altri metalli non ferrosi e loro leghe (bronzo, ottone, ecc.); - la fusione di ghisa in getti; - la fusione di acciaio in getti sempreché lo stabilimento non proceda alla produzione dell'acciaio relativo; - la forgiatura e stampaggio a freddo e a caldo del ferro e dell'acciaio; - la laminazione e trafilatura a freddo del ferro e dell'acciaio; - la costruzione, montaggio, riparazione e manutenzione di: · navi da carico, da passeggeri e da guerra, galleggianti, pontoni e chiatte; · materiale mobile e fisso per ferrovie, filovie, tramvie, teleferiche e funivie; · automobili, autobus, autocarri, rimorchi, carrozzerie e loro parti staccate; · motocicli, motofurgoncini, carrozzerie relative, biciclette e loro parti ed affini; · aeromobili, veicoli spaziali e loro parti;

8 - l'alaggio, l'allestimento, il recupero, la riparazione e demolizione di navi e loro parti; - l'esercizio di bacini di carenaggio; - la produzione di carpenteria, infissi, serrande, mobili, casseforti e simili ed arredi metallici; - attività di lavorazione, confezione, fornitura del ferro tondo per cemento armato e della sua posa in opera; - vasellame, stoviglie, posate, coltelleria ed affini, utensili e apparecchi da cucina; - articoli vari, ferramenta e minuterie metalliche; - bullonerie, viterie, chiodi, broccame, molle; - reti e tele metalliche, tubi flessibili, fili, corde, funi e trecce metalliche, catene; - strumenti musicali metallici; - oggetti in ferro battuto; - scatolame e imballaggi metallici; - la produzione, costruzione, montaggio e riparazione di: · motrici idrauliche a vapore e a combustione interna, loro parti staccate e accessori caratteristici; · organi di trasmissione e cuscinetti a sfere; · impianti e apparecchi di sollevamento e trasporto; · macchine e apparecchi per la generazione, trasformazione, misura e utilizzazione dell'energia; · apparecchi e complessi per telegrafia, elettroacustica, radiotelefonia, radiotelegrafia, registrazione e amplificazione sonora e televisione;

9 · produzione di apparecchi e complessi per telefonia e per telecomunicazioni, gestione di reti e di servizi di telefonia; · apparecchi per la generazione ed utilizzazione dell'energia termica per uso industriale, domestico e medicale; · apparecchi per illuminazione e segnalazioni luminose con energia elettrica o di altra natura; · apparecchi, utensili e strumenti per la medicina, chirurgia, ortopedia o odontoiatria; · macchine ed apparecchi per scavi, perforazione, trivellazione di terreni, rocce, ecc.; per il trattamento meccanico di minerali e pietre; per la lavorazione di marmi e pietre e per la fabbricazione di laterizi, conglomerati, ceramiche, grès ed affini; · macchine ed apparecchi per cantieri edili e stradali; · macchine operatrici e relativi accessori per la lavorazione dei metalli, del legno, del sughero e di materie sintetiche (resine); · macchine, apparecchi ed accessori per fabbricare carta, cartoni, per cartotecnica, legatoria, stampa; · macchine, apparecchi ed accessori per l'industria tessile dell'abbigliamento; · macchine ed apparecchi per l'agricoltura e per le industrie agricole, alimentari, olearie, enologiche e del freddo; macchine ed apparecchi per industrie chimiche e della gomma; · utensili per macchine operatrici; strumenti di officina; · utensili ed attrezzi per arti e mestieri, ferri da taglio e armi bianche; · pompe, compressori, macchine pneumatiche, ventilatori, aspiratori, macchine e apparecchi affini, organi di chiusura e di regolazione per condotte di vapore e di fluidi in genere; · apparecchi e attrezzature per impianti igienico- sanitari e di riscaldamento; · macchine e apparecchi per disinfezione, condizionamento di aria, lavanderia e stireria;

10 · macchine e impianti per posta pneumatica e distributori utomatici; · armi e materiale per uso bellico e da caccia e sportivo; · macchine e apparecchi per lavorazioni e produzioni di meccanica varia e di meccanica affine, come: macchine e apparecchi per la prova, misura e controllo; apparecchi geofisici e topografici; macchine fotografiche, cinematografiche e di riproduzione, macchine da scrivere, calcolatrici, contabili, affrancatrici e simili; lavorazioni ottiche in genere; · orologi in genere; · modelli meccanici per fonderia; - l'industria dell'installazione, manutenzione e gestione di impianti industriali, di impianti e di complessi meccanici, idraulici, termici, elettrici, telefonici, di reti telefoniche ed elettriche, di sollevamento ed ecologici, ivi compresa l'installazione di impianti e di apparecchiature di segnalamento e di segnaletica stradale; - la deposizione galvanica, ossidazione anodica, piombatura, stagnatura, zincatura, smaltatura e simili; - la produzione, l'implementazione e la manutenzione di hardware e software informatici; - la produzione di componentistica microelettronica, nonché di parti staccate che utilizzano tale componentistica; - la fornitura di servizi generali, logistici e tecnologici alle imprese; - l'esecuzione presso terzi delle attività regolate dal presente contratto; - ecc., ecc.

11 D) Agli stabilimenti siderurgici che, agli effetti del presente contratto, sono quelli per la produzione di: a) ghisa di 1a fusione; b) acciaio anche se colato in getti; c) ferroleghe; d) semiprodotti (blumi, billette, bidoni, grossi e medi fucinati); e) laminati e trafilati con processo iniziale a caldo; f) tubi laminati e trafilati con processo iniziale a caldo; g) latta. La produzione dei grossi e medi fucinati è considerata siderurgica quandoil processo produttivo ha inizio dal lingotto e dal blumo per cui i fucinati costituiscono semiprodotto per ulteriori lavorazioni. La produzione di laminati, trafilati e tubi è considerata siderurgica quando il processo produttivo si inizia a caldo e prosegue anche a freddo senza soluzione di continuità. Alle produzioni di cui alle voci a), b), c), d), e), f) e g) s'intendono connessi i procedimenti preliminari e complementari delle stesse e cioè cokeria, agglomerazione, trattamento termico. Dichiarazione a verbale. Le parti concordano che con la definizione di fucinatura siderurgicagrossa e media che inizia dal lingotto o dal blumo, di cui alla voce d),comma D), non hanno inteso ampliare il concetto tradizionale di attivitàsiderurgica, né hanno inteso restringerlo con la dizione di ghisa di 1a fusione di cui alla voce a) stesso comma.

12 Parte obbligatoria Parte normativa Intese tra i soggetti stipulanti Regolamentazione del rapporto di lavoro e dei rapporti economici

13 EFFICACIA NEL TEMPO Prima dell’accordo del 23 luglio anni L’accordo interconfederale del 1993: -L’abrogazione della scala mobile -Il rinnovo della parte economica biennale -Il rinnovo complessivo quadriennale -L’indennità di vacanza contrattuale (dal 30% al 50% del tasso d’inflazione programmata)

14 IL PROTOCOLLO DEL 1993 Contratto quadriennale per la parte normativa Rinnovo biennale per la parte economica Rinvio alla contrattazione decentrata (vd. Oltre)

15 EFFETTI DELLA SCADENZA  “Rinnovo tacito”  Disdetta  clausola di ultrattività

16 I LIVELLI DELLA CONTRATTAZIONE  livello nazionale (CCNL)  Livello territoriale  Livello aziendale

17 Rapporti tra contratti collettivi di diverso livello Il problema prima del 1993 La soluzione dell’accordo del 1993

18 L’ACCORDO QUADRO DEL 22 GENNAIO 2009 NON firmato da CGIL Riporta a 3 anni la vigenza del CCNL nella sua interezza Il CCNL ha il compito di coprire l’inflazione. Ma viene utilizzato la quota di salario base contrattuale per stabilire la perdita di potere e non le retribuzioni di fatto.

19 Retribuzioni contrattuali: retribuzioni medie decise nel contratto nazionale (ISTAT) Retribuzioni di fatto: retribuzioni percepite dal lavoratore medio. Contengono straordinari, contratti integrativi, superminimi aziendali. Le retribuzioni contrattuali (INPS) si pongono a ca. 85% delle retribuzioni di fatto.

20 La quota di salario coperta sarà oggetto di “specifiche intese”. Incentivazione della contrattazione di secondo livello con incentivi fiscali permanenti


Scaricare ppt "RELAZIONI INDUSTRIALI IL CONTRATTO COLLETTIVO CORSO 2014-2015 – 11 MARZO 2015."

Presentazioni simili


Annunci Google